25 maggio 2019

La plastica negli oceani, diminuisce l'ossigeno sul pianeta

Uno studio pubblicato il 14 maggio sulla rivista scientifica Nature mostra gli effetti dell'inquinamento plastico su un batterio marino che produce fino al 10% dell'ossigeno che respiriamo.

Ogni minuto, 18 tonnellate di plastica vengono scaricate nei mari e negli oceani, mettendo in pericolo gli ecosistemi marini. Questa triste situazione è ulteriormente aggravata da un nuovo studio pubblicato su Nature il 14 maggio. Quest'ultimo conclude che l'inquinamento plastico negli oceani minaccerebbe il proclorococco, batteri che da soli producono il 10 per cento dell'ossigeno che respiriamo.

Il debito è la questione nascosta di queste elezioni europee

I cittadini dell'Unione europea sono chiamati a votare questa settimana per il Parlamento europeo. Questo non è un vero parlamento, e non ha alcuna possibilità di diventarlo, poiché tutte le decisioni importanti sono prese dai capi non eletti della Commissione Europea e della Banca Centrale Europea, alias "la banca centrale peggio gestita del mondo".

Tuttavia, queste elezioni riflettono un sentimento generale di frustrazione nei confronti delle politiche attuali. I partiti conservatori e di estrema destra progrediranno, riflettendo un diffuso scetticismo nei confronti dello sviluppo economico dell'UE e della mancanza di benefici per la gente comune. Purtroppo, la sinistra dominante trascura questi problemi e ne pagherà il prezzo.

23 maggio 2019

Giovanni Falcone, i misteri della strage di Capaci 27 anni dopo.
L’esplosivo, i mandanti, una donna nel commando

Nonostante le sentenze abbiano condannato più di venti mafiosi, sull'attentato del 23 maggio 1992 restano ancora molte ombre. Buchi neri, dettagli mai chiariti, piste mai battute. E poi fantasmi che compaiono e scompaiono sullo sfondo del cratere aperto dall'esplosivo sull'autostrada tra Palermo e Capaci. Già, l'esplosivo: che tipo di esplosivo? E perché Riina non fa uccidere il giudice a Roma, dove girava spesso senza scorta? E ancora: c'era davvero una donna sul luogo della strage?

Sulla carta è la”più ovvia“delle stragi. Il nemico numero uno di Cosa nostra ucciso da Cosa nostra. E invece di ovvio nella strage di Capaci c’è poco, molto poco. In 27 anni si sono celebrati quattro processi, con più di venti mafiosi condannati all’ergastolo. Un quarto di secolo d’indagini ha ricostruito passo passo la fase esecutiva dell’Attentatuni, il più grande attentato della storia di Cosa nostra. Eppure su quel botto spaventoso che uccise Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro Vito Schifani, restano ancora molte ombre. Buchi neri, dettagli mai chiariti, piste mai battute.

''Globalizzazione devastante: La tecnologia prende il comando su di noi''


"La Globalizzazione ha abbassato la potenza intellettuale dell'uomo con la tecnologia che ha preso il comando su di noi. Un semplice cellulare ha cambiato il nostro tempo e non l'ha aumentato ma ridotto, abbassando la nostra capacità di controllo".

Giulietto Chiesa: "Così andiamo verso una guerra di sterminio mondiale"


Dalla lettura dei documenti prodotti dal Pentagono già lo scorso novembre è sempre più evidente il rischio di uno scontro mondiale, anche con utilizzo di armi atomiche, che vede il contrapporsi degli Stati Uniti d'America contro Russia e Cina. È possibile fermare la deriva?

22 maggio 2019

Vaccini a 5 stelle: cronaca di un tradimento

Il documento che segue è un dossier di 70 pagine che documenta il trasformismo di Beppe Grillo e del Movimento 5 Stelle nell'arco del tempo, nei confronti delle politiche vaccinali nazionali. Iniziando come i più coraggiosi divulgatori dei problemi delle vaccinazioni, quando il Movimento 5 Stelle non si faceva problemi a dire la cosa giusta anche se scomoda, ha poi attraversato una fase di ipocrisia che è approdata, ora che sono al governo, nel dire la cosa comoda anche se è ingiusta. Anche su temi di primaria importanza, come la salute dei nostri figli e dei nostri nipoti.

20 maggio 2019

La McDonaldizzazione della Filosofia

Mentre le società si evolvevano oltre l’era pre-industriale, sono diventate sempre più dominate dalla burocrazia. In ogni caso, la forma finale della burocrazia è la McDonaldizzazione (Ritzer, 1996). Rappresenta un’ampia gamma di burocrazie dominate dai principi del settore del fast food, ovvero: efficienza, valutabilità, prevedibilità e controllo. Questi principi stanno piano piano arrivando a dominare sempre più settori della società, sia in America che all’estero. Sfortunatamente, la McDonaldizzazione adesso sta influenzando la stessa filosofia.

Come uomini e donne di pensiero, non dobbiamo trascurare questo pericolo. Non dobbiamo permettere che il campo della filosofia divenga permanentemente McDonaldizzato da potenti amministratori, burocrati ritualistici, imprenditori alla ricerca del profitto e politici dilettanti. È tempo di usare il potere delle idee per combattere questa usurpazione della saggezza.

Privacy: Dal Pre-Crimine di Minority Report alla società del controllo orwelliana, quando la realtà supera la fantasia

Non si può scappare, non ci si può nascondere: la tecnologia di riconoscimento facciale sta avanzando ad un ritmo sempre più veloce, sta diventando sempre più diffusa e precisa, e stiamo entrando nella fase del non ritorno.

Secondo i ricercatori di Georgetown le agenzie di Chicago e Detroit hanno acquistato sistemi di riconoscimento facciale. Nel frattempo, a San Francisco, un'attesa legge sulla privacy è stata approvata. Nel Regno Unito un uomo non identificato è stato arrestato per aver nascosto il suo volto dalla tecnologia di riconoscimento facciale ed è stato multato con ammenda di 90 sterline per comportamento insano e disordinato.

19 maggio 2019

€uro: una questione di classe

Nell'ambito del dibattito sull'Europa pubblichiamo un interessante intervento di Thomas Fazi

[Ringraziando Stefano Tancredi, Robin Piazzo e Domenico Cerabona Ferrari per il bell'incontro di ieri a Settimo Torinese, riporto il testo del mio intervento, in cui rispondevo alla seguente domanda: «Un singolo Stato può “reggere” dal punto di vista economico l’uscita dalla realtà economica neoliberista dell’UE? Se “no” perché? È più opportuno un processo di riforme economiche nel contesto europeo? Come rapportarsi ai vincoli economici imposti dall’UE? Se si può “reggere” questa uscita come? Quali strategie adottare? Si deve ritornare alla propria moneta? È possibile un’alleanza economica con altri Stati dalla struttura economica più simile alla nostra?»].

18 maggio 2019

Siria, Roger Waters dopo il rapporto su Douma pretende le scuse del Guardian

E ai governi Usa e Ue: "Che le immagini di queste vittime innocenti possano perseguitarvi"
La leggenda del rock Roger Waters si è riferito al recente studio presentato dal "Gruppo di Lavoro, Propaganda e Media" sulla Siria, omesso dall'OPCW che ha, di fatto, confermato che l'attacco con armi chimiche a Douma, in Siria, ad aprile 2018, è stata una messa in scena dei sedicenti "caschi Bianchi" per incolpare il governo siriano e scatenare una guerra contro Assad. Per Waters, adesso, i Governi di Francia Gran Bretagna e USA saranno perseguitati dalle immagini di innocenti morti per la farsa dei 'caschi bianchi', creduti dai governi occidentali.

11 maggio 2019

Venezuela: 37 crimini di odio per mano del fascismo nel 2019

Finora, quest'anno, una crescita accelerata dei crimini motivati dall'odio ha segnato la tabella di marcia dell'anti-chavismo degli operatori per il cambio di regime.

In ciascuno dei momenti più alti degli ultimi mesi (autoproclamazione di Guaidó, sabotaggio elettrico e colpo di stato fallito), gruppi estremisti emergono per assediare la popolazione Chavista. Ad oggi, almeno 37 di questi crimini sono stati eseguiti sotto la promozione diretta dell'alto comando politico degli Stati Uniti e della leadership locale del fascismo venezuelano. 

CHE COS'È UN CRIMINE D'ODIO E CHI LO COMMETTE?

I crimini motivati dall'odio sono quegli attacchi che mettono a rischio la vita di gruppi di persone perché hanno una ferma identità culturale, religiosa o politica.

10 maggio 2019

Più di 100 scienziati di 50 paesi prevedono una "sesta estinzione di massa" sulla Terra

Più di 100 scienziati di 50 paesi credono che la Terra sia all'inizio di una nuova "estinzione di massa" segnata dalla scomparsa di specie ad un ritmo allarmante, principalmente a causa dell'azione umana.

Ma non è la prima: negli ultimi 500 milioni di anni, il pianeta ha vissuto cinque episodi in cui almeno la metà di tutti gli esseri viventi è stata sradicata in un batter d'occhio, nella prospettiva della storia geologica. In totale, più del 90% degli organismi che hanno camminato, nuotato, volato o strisciato sono scomparsi.

3 maggio 2019

Notre Dame di Gaza

Mentre i 93 metri della guglia della cattedrale di Notre Dame de Paris precipitavano tragicamente in diretta televisiva, i miei pensieri si sono diretti al campo profughi di Nuseirat, il luogo della mia infanzia nella Striscia di Gaza.
Poi, pure in televisione, ho visto un piccolo bulldozer darsi da fare senza speranza attraverso le macerie della moschea del mio quartiere. Sono cresciuto accanto a quella moschea. Vi ho trascorso molte ore insieme con mio nonno, Mohammed, un profugo dalla Palestina storica. Prima che il nonno diventasse profugo era un giovane imam di una piccola moschea nel suo villaggio da lungo tempo distrutto di Beit Daras.

1 maggio 2019

Glifosato: Un nuovo studio dimostra che gli effetti sulla salute possono essere trasmessi ad altre generazioni

Un nuovo studio pubblicato su Nature (23 apr 2019) ha scoperto che i danni causati dal glifosato, l'erbicida più usato in agricoltura e giardinaggio in tutto il mondo, possono essere trasmessi ai ratti di seconda e terza generazione se esposti ad esso.
È il primo studio nel suo genere a documentare gli effetti transgenerazionali della sostanza chimica tossica

Questa analisi mostra come i discendenti dei discendenti dei discendenti esposti all'erbicida avessero maggiori probabilità di sviluppare malattie della prostata, dei reni e delle ovaie, obesità e anomalie alla nascita.
Secondo lo studio le valutazioni dei rischi dovrebbero tener conto della capacità delle sostanze chimiche di influenzare le generazioni future attraverso effetti transgenerazionali, piuttosto che limitarsi a considerare gli impatti sulla salute derivanti dall'esposizione diretta:

30 aprile 2019

Clima: Catastrofe ineluttabile

Gli interventi di Leonardo Mazzei sul cosiddetto "riscaldamento globale" — Clima 1 - E se fosse la lobby nucleare? (18 marzo 2019). Clima 2 - Quelli che non se la bevono(25 marzo 2019). Clima 3 - Nessuna catastrofe in vista (1 aprile 2019). Clima 4 - La bufala dell'aumento degli "eventi estremi" (11 aprile 2019). Clima 5 - Tutta colpa della CO2?(26 aprile) — hanno suscitato apprezzamenti e critiche.
Tra le critiche pubblichiamo quella appena giunta in redazione.

LA TEORIA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE CRITICA DEL NEGAZIONISMO
in risposta a LEONARDO MAZZEI
Prima di iniziare vorrei inviare un caldo ringraziamento all’amico Maurizio Fratta che mi ha accompagnato in questo studio con preziosi suggerimenti. Invito altresì il lettore a non perdere la lettura delle note dove ho trasferito lunghe citazioni che avrebbero appesantito il testo. 

29 aprile 2019

Antisemitismo: "Un trucco che funziona sempre"

Persino il grande New York Times ha dovuto chinare la testa di fronte al ricatto dell' "antisemitismo". Dopo aver pubblicato la vignetta che vedete a margine, nella quale il presidente Trump viene ritratto al guinzaglio di un Netanyahu che lo porta a spasso a piacimento, il giornale newyorkese ha dovuto fare ammenda, ritirando la vignetta in questione. 

In un annuncio dato sul loro account di Twitter, il New York Times ha scritto:

28 aprile 2019

USA: La polizia riceve droni per il controllo della folla e ricerca di sospetti

I dipartimenti di polizia degli Stati Uniti continuano a fare del loro meglio per acquisire droni per una serie di usi a tutto campo, grazie al fatto che il Department of Homeland Security sta finanziando il loro arrivo nelle comunità locali.

Portsmouth, New Hampshire, è l'ultima a ricevere fondi federali per un importo di 75.000 dollari, per "un grande drone, due droni medi e alcuni più piccoli", secondo un rapporto del Portsmouth Patch.

C'è stata una resistenza ai piani per l'uso di droni in molte delle città in cui sono apparsi, in particolare a Los Angeles, Sacramento e Chicago, dove alcuni dettagli sull'uso dei droni non sono stati completamente trasparenti.

27 aprile 2019

Wikileaks: "Le autorità statunitensi vogliono accusare Assange di spionaggio", ovvero pena di morte

L'11 aprile, l'Ecuador ha ritirato l'asilo diplomatico ed espulso Julian Assange dalla sua ambasciata a Londra, dopo di che è stato arrestato dalla polizia britannica e imprigionato nel carcere di Belmarsh.

"Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta cercando di costruire un'accusa contro Julian Assange basata sull'accusa di spionaggio, le condanne per spionaggio possono essere punite con la morte", ha denunciato oggi WikiLeaks attraverso il suo account Twitter.

26 aprile 2019

«NATO: dal welfare al warfare»

70 anni di Nato. Intervista a Michel Chossudovsky sui 70 anni della Nato: «Non è un'Alleanza, comandano gli Usa, vogliono più spesa militare in tutta Europa, pronti a nuovi conflitti armati, anche nucleari»

Al convegno internazionale «I 70 anni della Nato: quale bilancio storico? Uscire dal sistema di guerra, ora», svoltosi a Firenze la scorsa settimana - più di 600 i partecipanti dall'Italia e dall'Europa -, ha partecipato quale principale relatore Michel Chossudovsky, direttore di Global Research, il centro di ricerca sulla globalizzazione (Canada), copromotore del Convegno insieme al Comitato No Guerra No Nato e ad altre associazioni italiane. A Michel Chossudovsky - uno dei massimi esperti internazionali di economia e geopolitica, collaboratore dell'Enciclopedia Britannica, autore di 11 libri pubblicati in oltre 20 lingue - abbiamo rivolto alcune domande.

24 aprile 2019

Paolo Bellavite: è il morbillo la nuova peste?


Claudio Messora, su Byoblu, intervista Paolo Bellavite, medico chirurgo specializzato in ematologia clinica e di laboratorio, con un diploma di perfezionamento in Statistica Sanitaria ed Epidemiologia, collaboratore di un gruppo tecnico della Lega per contribuire al superamento del famigerato DDL Lorenzin sull'obbligatorietà dei vaccini. Bellavite ha contribuito attivamente a migliorare il DDL 770, che dovrebbe vedere la luce in Senato entro l'estate. In questa intervista vi parlerà del temibile morbillo, dell'efficacia dei vaccini, del problema degli immunodepressi, di case farmaceutiche e di molte altre cose interessanti.