19 agosto 2019

Epstein viveva in un mondo in cui non si applicano le normali regole. Quanti altri Epstein ci sono là fuori?

Dimenticate come è morto: il vero mistero è come viveva Jeffrey Epstein, commettendo atti che avrebbero portato in prigione una persona comune, il tutto mentre era accanto agli uomini più in vista al mondo. Come ha potuto creare una campana di vetro intorno a lui?

Prendete, ad esempio, la carriera finanziaria di Epstein, che è alla base di molte altre sue attività criminali.
Mentre i dubbi sui suoi metodi di arricchimento circolavano a Wall Street per anni, in tutto quel periodo era stato descritto, al valore nominale, come un finanziere e un miliardario.

16 agosto 2019

Non si può capire il marxismo senza l’opera di Engels

Il 5 agosto 1895 a Londra, Inghilterra, l’umanità perse uno dei suoi più illustri pensatori, Friedrich Emgels (1820-1895). Quest’uomo geniale e umile, dall’anima inquieta, fu un rivoluzionario inflessibile, profondo conoscitore della miseria generata dal capitalismo, uno studioso della società dell’epoca.
In Inghilterra, dove rimase per lunghi anni, poté vedere da vicino le condizioni subumane degli operai e la sua speciale sensibilità gli fece capire ogni sofferenza di quegli uomini, di quelle donne e bambini che lavoravano lunghe ore per un salario da fame.
In quel periodo della sua vita in Inghilterra ebbe numerosi contatti con gli operai di fabbriche, il che influì sulla formazione delle sue idee politiche, sociali e filosofiche.

Engels scrisse per il giornale tedesco La Gazzetta Renana e, per la rivista Annali Franco-Tedeschi, pubblicò, all’inizio del 1843, la “Bozza di una critica dell’economia politica”, in cui criticava il modo di produzione capitalista e l’economia politica borghese.

14 agosto 2019

Ex Relatore Onu sul Venezuela: «Il vero obiettivo degli Usa è il caos e la guerra civile a Caracas»

Il Venezuela è assediato dagli Stati Uniti che vogliono rovesciare Maduro e distruggere la Rivoluzione Bolivariana per appropriarsi dei proventi delle immense risorse naturali che possiede il paese sudamericano.
«Il grande partito del saccheggio venezuelano» è al lavoro per questo, come ci ha spiegato in questa intervista esclusiva Alfred de Zayas, professore di diritto internazionale a Ginevra dal 2007 e unico relatore delle Nazioni Unite in Venezuela negli anni della Rivoluzione Bolivariana. 

Un'opposizione seria e credibile può sostenere un embargo volto a distruggere l'economia del paese?

12 agosto 2019

La crisi politica in un paese a sovranità limitata

L’analisi delle vicende politiche è analisi della rete e dell’interazione dei rapporti tra forze e interessi internazionali e intranazionali, non di gusti morali dei soggetti decisori. La politica è l’arte del possibile e l’elaborazione delle scelte politiche si basa sulla stima del fattibile alla luce di informazioni incomplete e con molte variabili. Al popolo però si dirà: “I have a dream, Yes we can, I care, Change!“

L’Italia è un paese militarmente occupato dal 1945 ad opera degli USA con 134 basi; il Pentagono ha vasti mezzi (slush fund) per tenere a libro paga i vertici militari dei paesi sottomessi onde assicurarsi la loro compliance (i militari di professione combattono per chi li paga). Inoltre l’Italia non controlla la propria moneta legale e riceve gran parte della sua legislazione e delle regole per il bilancio da organismi esterni europei, esponenziali di interessi franco-tedeschi. E’ una sorta di protettorato, di fatto e di diritto. Credere che possa fare una politica interna sovrana è come credere che i bambini siano portati dalla cicogna.

Politica e pedofilia: un mix demoniaco

Il rinvio a giudizio del facoltoso investitore Jeffrey Epstein da parte del procuratore americano per il Distretto Sud di New York (SDNY) con l’accusa di sfruttamento internazionale della prostituzione e cospirazione al fine perpetrare tale attività ha causato ondate di shock in tutti i settori politici, economici e sociali degli Stati Uniti e di altri paesi.

La flotta di aerei privati di Epstein e le sue numerose residenze avevano indotto gli investigatori delle forze di polizia ad indagare a fondo su varie attività, in un arco di diversi decenni, attinenti al passato recente e remoto di Epstein. Inoltre, secondo i rapporti degli inquirenti, i documenti giudiziari e le dichiarazioni dei testimoni, la cerchia degli amici di Epstein comprendeva alcune delle persone politicamente più importanti al mondo, tra cui il presidente Donald Trump, l’ex presidente Bill Clinton, il principe inglese Andrea, il duca di York e l’ex Primo Ministro israeliano Ehud Barak. Tutti questi VIP, così come altri, avevano socializzato con Epstein e Trump, in particolare, era ben consapevole della predilezione di Epstein per  ragazze “veramente molto giovani.”

11 agosto 2019

Il Pentagono testa palloni di sorveglianza di massa in sei stati

L'esercito americano sta conducendo test di sorveglianza di massa in sei stati del Midwest utilizzando palloncini sperimentali ad alta quota, secondo i documenti depositati presso la Federal Communications Commission (FCC).
Il Grande Fratello ti sta guardando! Sei stati americani nel Midwest sono sotto "sorveglianza militare" da metà luglio, riferisce The Guardian. Un totale di 25 palloni autonomi ad energia solare sorvolano il South Dakota, il Minnesota, lo Iowa, il Wisconsin, il Missouri e l'Illinois. Viaggiano nella stratosfera a quasi 20 km di altitudine e, dotati di un sistema radar all'avanguardia, possono localizzare simultaneamente più veicoli, indipendentemente dal tempo o dalle condizioni meteorologiche.

Di tedeschi, nazisti, ebrei e sionisti...

Perché i tedeschi hanno dovuto spiegare la loro posizione e relazione rispetto al nazismo?
Indubbiamente, perché il Terzo Reich ha perso la Seconda Guerra Mondiale. Di conseguenza, la sua popolazione ha persino dovuto sopportare il diffuso sospetto di collusione con il regime nazista, che all'epoca era indubbiamente popolare. Sono stati esposti anche a teorie come quelle di Daniel Goldhagen sull'impronta etnica sul comportamento umano (tedeschi come "carnefici volontari" del nazismo).

Con il passare del tempo e gli alti e bassi, specialmente quelli subiti dai palestinesi (ma non solo), ci si chiede perché gli ebrei non siano tenuti a definire la loro posizione rispetto a Israele. Perché Israele, nato come colpo di mano in stile pirata, anche se molto coperto da atti di amparo (ad esempio, dalle "Grandi potenze" dell'epoca), sta entrando in un vortice di brutalità e violenza ancora peggiore dei momenti fondanti. E sempre più impuniti.

10 agosto 2019

In Israele, l’unica destra è l’estrema destra

Non esiste una destra non estremista in Israele. È impossibile che esista una destra non estremista in Israele. Quando l’occupazione è ciò che definisce i contorni – moralità, legge, giustizia, democrazia, uguaglianza – così come l’immagine internazionale di Israele, non ci può essere una destra moderata. C’è solo una destra estremista o una sinistra genuina. Non c’è via di mezzo. C’è bianco o nero, non c’è grigio.

Chiunque sostenga la perpetuazione dell’occupazione è all’estrema destra. Nessuno è più a destra; cosa c’è di più estremo che sostenere una crudele dittatura militare che per decenni ha brutalizzato i membri di una nazione diversa e li ha privati ​​dei loro diritti? Cosa c’è di più razzista che sostenere sistemi separati di diritti e valori per due popoli? E cosa c’è di più ultranazionalista della convinzione che uno di questi popoli sia superiore all’altro?

Jeffrey Epstein, un suicidio annunciato...e atteso!

Come avevamo previsto nell'articolo Pedophile Island: l'isola del demonio (Jeffrey Epstein) del 2 agosto, oggi 10 agosto arriva la notizia della morte di Jeffrey Epstein, ovviamente "sembra" un suicidio e sarà archiviato come tale, ma le domande su come sia stato possibile restano. Anche se fosse vero il suicidio, di fatto è comunque un omicidio, perché in quel carcere di massima sicurezza c'erano guardie e telecamere che lo sorvegliavano 24 ore su 24; addirittura dopo l’incidente del 23 luglio in cui era stato trovato privo di sensi nella sua cella, con segni sul collo che, apparentemente, sembravano autoinflitti, era stato messo sotto sorveglianza speciale anti-suicidio (sic!).
Di seguito l'articolo sulla sua morte di 
Zara Muradyan su 
sputniknews.

7 agosto 2019

Bill Gates finanzia lo sviluppo di micro impianti per somministrare automaticamente vaccini ai neonati

Una nuova scoperta potrebbe rivoluzionare il modo in cui vengono somministrati i vaccini per l'infanzia, poiché gli ingegneri del MIT hanno inventato un modo per somministrare dosi multiple di un vaccino o di un farmaco per un lungo periodo di tempo con una sola iniezione.

Il processo prevede l'invenzione di un "nuovo metodo di fabbricazione 3-D in grado di generare un nuovo tipo di particella che trasporta farmaci che potrebbe consentire di somministrare dosi multiple di un farmaco o di un vaccino per un lungo periodo di tempo", secondo il MIT News.

Questa nuova tecnica di fabbricazione, denominata SEAL (Stamped Assembly of Polymer Layers), crea microparticelle tridimensionali che assomigliano a minuscole tazze di caffè che possono essere riempite con vaccini o farmaci, che sono sigillatE con un coperchio. Le "tazze", realizzate con un polimero biocompatibile approvato dalla FDA, possono essere progettate per degradarSI in momenti specifici, rovesciando il contenuto.

5 agosto 2019

La Catastrofe della "buona scuola"

L’eliminazione della tradizionale traccia di storia dalla prima prova dell’esame di Stato ha sollecitato alcuni intellettuali a pubblicare un appello preoccupato per la decadenza della cultura storica in Italia. Ne è seguita un’audizione alla Commissione Istruzione Pubblica – Beni Culturali del Senato, nella quale il prof. Settis ha pronunciato un’appassionata apologia degli studi storici come pilastri della sovranità della nazione e della libertà del cittadino, e il prof. Serianni, responsabile dell’ultima versione della prima prova dell’esame di Stato, ha smentito che la nuova formula dell’esame emarginasse la storia, sostenendo, al contrario, che “la storia è […] ‘privilegiata’”.

L’opinione del prof. Settis si nutre della fiducia che la Costituzione sia restata un in questi anni la Costituzione non ha potuto difendere la scuola italiana quando la riforma l’ha trasformata in scuola europea, quando cioè essa è stata sganciata dallo Stato e agganciata agli organismi internazionali in un processo che ha preso il falso nome di . Proprio dall’autonomia deriva la stessa regionalizzazione del sistema scolastico che il prof. Settis paventa e accusa di anticostituzionalità.

4 agosto 2019

Sulle origini fasciste dell'U€

Oggi, in seguito alla nomina di Boris Johnson a nuovo primo ministro britannico, molti stanno riprendendo una sua celebre intervista del 2016 in cui affermò che l'Unione europea sta perseguendo un obiettivo simile a quello di Hitler nella creazione di un sovrastato europeo.
Detta così, può sembrare un'assurdità.
In verità, come spiego in Sovranità o barbarie, l'affermazione di Johnson non è così lontana dalla realtà.
È opinione comune che il moderno pensiero federalista nasca dalle ceneri della seconda guerra mondiale. Ma le teorie federaliste risalgono a ben prima del conflitto mondiale e persino lo stesso federalismo “antifascista” di Spinelli presenta inquietanti elementi di contiguità con le teorie che ispirarono quel conflitto e in antitesi alle quali, secondo la vulgata, si sarebbe sviluppato il pensiero federalista.

3 agosto 2019

Come i banchieri fecero crollare l'impero Romano

IL PARADISO PERDUTO: LE REALIZZAZIONI MONETARIE DEI ROMANI
Tratto da: Money, the unauthorised biography, di Felix Martin, Random House, 2013, pag.74


Con ogni anno che passa, ci rendiamo conto che i risultati tecnologici del mondo romano sono più grandi di quanto pensassimo. Cinquant'anni fa, tendevamo a ritenere che Virgilio si diffondesse in un famoso passaggio dell'Eneide: che i romani potrebbero non essere stati molto bravi nella scienza, nella tecnologia o nelle arti, ma che avrebbero compensato eccellendo nel loro vocazione a costruire imperi e governare il mondo. 1 Ora sappiamo che i loro generali possiedono computer e che i loro imprenditori costruiscono fabbriche meccanizzate. 2 Ma se i risultati tecnologici di Roma erano impressionanti, non sarebbero stati nulla rispetto alla sua raffinatezza finanziaria. Nel giro di pochi secoli dalla sua nascita nell'Egeo, il denaro era ovunque a Roma. 


L'infrastruttura finanziaria era vasta e complessa.

2 agosto 2019

Israeliani, ascoltate Mandela!

Poniamo che chiunque critichi l’occupazione israeliana sia un antisemita, come sostiene l’efficiente macchina propagandistica israeliana. E che tutti i sostenitori del movimento boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (bds) desiderino la distruzione d’Israele. Infine poniamo che Israele non sia uno stato d’apartheid, e che perfino la sua brutale occupazione dei territori palestinesi in realtà non sia tale. Cosa direbbero i propagandisti sionisti in risposta alle dichiarazioni di Zwelivelile Mandela, nipote di Nelson Mandela e continuatore della sua eredità? Lo accuseranno di antisemitismo? Sosterranno che è mosso da interessi malvagi? Che forse prende soldi dal gruppo Stato islamico (Is)? Che è al servizio del Qatar? Che è un neonazista come Jeremy Corbyn?

Si può dire di tutto. Si può anche continuare a crogiolarsi nella dottrina morale di Donald Trump, adottare il punto di vista del presidente delle Filippine, considerare quello ungherese un vero amico e considerare quello brasiliano un faro di giustizia. Si può approvare una legge in cui si chiede a ogni comune di seguire l’esempio illuminato di Petah Tikva, dedicando una piazza a Trump. 

Pedophile Island: l'isola del demonio (Jeffrey Epstein)

Jeffrey Epstein era un nome poco conosciuto in Europa, prima del recente scandalo e arresto. I media europei stanno trattando il caso, a modo loro, come vedremo.
Nel frattempo, negli Stati Uniti, la miccia del più grande scandalo di pedofilia della storia è acceso. L'imminente esplosione lascerà qualche vittima sul campo...
Jeffrey Epstein ha 66 anni, prima di fondare una propria società di gestione ha avuto una carriera nella banca privata Bear Stearns. La sua discrezione con i clienti, e una rubrica molto ben fornita che lo porta a incontrare le personalità più ricche e famose del mondo - politici, uomini d'affari, star del cinema. Acquisisce preziosi mandati di gestione che lo rendono molto ricco.

La sua attrazione per donne molto giovani, o piuttosto troppo giovani, non è un segreto per nessuno.

31 luglio 2019

Brasile: Viviamo in una democrazia o sotto un Ordine nuovo in costruzione?

Con le elezioni del 2018, il Brasile ha superato il colpo di stato del 2016 o è entrato in una sorta di dittatura "costituzionale"?  
Questa non è una domanda retorica, intesa semplicemente a suscitare riflessioni sulla situazione del Paese. È necessaria una risposta corretta per definire le possibili vie d'uscita dalla terribile realtà che stiamo vivendo. Per fare ciò, bisogna prima chiarire i concetti, ovvero che cos'è un "colpo di stato" e che cos'è una "dittatura" - o "regime autoritario".
Un "colpo di stato politico" è una frattura improvvisa all'interno di un processo istituzionale, di solito da forze impopolari, che quindi non hanno il diritto di intervenire nell'ordine sociale. Il "colpo di stato", che può essere "civile", è generalmente sostenuto da forze militari. Ma il più delle volte si tratta di un colpo di stato militare, espressione di settori del capitale nazionale o internazionale. 

29 luglio 2019

Il nuovo Plan Condor tra fascismi, stupri, torture, massonerie e…

Marie Anne Erize
Le sue colpe? Essere intelligente, sensibile, politicizzata, bellissima e credere in un mondo migliore nel posto e nel momento sbagliato. Marie Anne Erize aveva 24 anni in quel maledetto 1976 segnato dal sanguinoso golpe fascista in Argentina che aveva insediato ai vertici del paese la Junta del generale Jorge Rafael Videla ed un manipolo di militari con tanto di tessera della loggia massonica P2 del venerabile Licio Gelli. Adolescente aveva intrapreso con successo a Buenos Aires la professione di modella. Poi si era iscritta alla facoltà di antropologia e come tante sue coetanee di allora, chitarra in spalla, aveva percorso l’Europa in autostop e conosciuto e frequentato artisti, intellettuali, musicisti.

Demolizioni di case palestinesi a Gerusalemme Est:
Cronaca di un'epurazione pianificata

Le strade che portano alla zona Wadi al-Hummus di Sur Baher sono strette, accidentate, piene di buche e così ripide che la frequenza cardiaca aumenta e la mano scala la prima marcia. Queste strette arterie passano attraverso un conglomerato molto denso, incoerente nello stile e nella qualità. 

Qua e là, spiccano alcuni vecchi edifici in pietra, la loro bellezza rimane intatta nonostante le aggiunte affrettate di un pavimento o di alcune stanze. In assenza di marciapiedi, la gente cammina tra le auto parcheggiate e le auto in strada. Il mix architettonico di Sur Baher è lo sfondo visivo necessario per comprendere le demolizioni che hanno avuto luogo questa settimana al margine sud-est del quartiere.
Sur Baher; il nome potrebbe significare un magnifico muro o un magnifico segreto, quest'ultimo riferito ad un incontro in cui, secondo la tradizione, il califfo Omar Ibn Al-Khattab pianificò la sua penetrazione a Gerusalemme nell'anno 637. 

24 luglio 2019

5G: Legame tra emissioni di onde millimetriche e nuovi e rari tumori...


Mentre la tecnologia procede spedita verso nuove frontiere, la scienza mette in luce alcuni rischi connessi all'esposizione alle radiofrequenze.

23 luglio 2019

Traditori che hanno ingannato il Popolo

Tutto è chiaro, infine, anche per chi si ostina a chiudere gli occhi e trovare giustificazioni.
I capi, governanti, eletti del M5S non hanno un'analisi scientifica (teoria) dello "stato di cose presente" (analisi necessariamente critica, perché "non va" in nessun senso), cioè del capitalismo, del suo Stato, della sua tecnologia, dell'ideologia operativa a essi più acconcia che è il liberalismo, quindi non hanno un progetto di trasformazione e dunque non hanno strategia e tattica conseguenti. 


Aderiscono a "ciò che c'è" pensando che il "cambiamento" consista nel "fare le cose" con onestà e correttezza, e con "pezze" messe qui e là, credendo che ... poi andrà bene. 

22 luglio 2019

Andrew Wakefield: "Adesso parlo io!"


Intervista su Byoblu Andrew Wakefield, medico chirurgo e gastroenterologo radiato dal Medical Register per lo studio sui vaccini collegati all'autismo, ritenuto contraffatto. Per la prima volta, Wakefield racconta a Byoblu la sua verità. Molto diversa - c'era da scommetterci - da quella raccontata sui media mainstream.

Il lato oscuro di FaceApp e DeepFake

Oggi vero e falso sono la stessa cosa,
talmente identici da non essere più distinguibili,
e anzi hanno finito per farsi intercambiabili.
Siamo abituati ad ogni estate avere il classico tormentone, ma quest'anno non è una canzone di Mahamood, ma bensì un’applicazione per il cellulare.
L’app che sta facendo letteralmente impazzire il cyberspazio, vip compresi, si chiama «FaceApp».
Una applicazione prodotta nel 2017 dalla società «Wireless Lab OOO» con sede a San Pietroburgo, fondata da un certo Yaroslav Goncharov.
Nel mondo sempre più persone la stanno usando e i numeri parlano da soli: «oltre 80 milioni di utenti attivi», così almeno è quanto scritto nel sito ufficiale.

21 luglio 2019

Vita quotidiana in Cisgiordania: Un cecchino israeliano ha sparato in testa ad un bambino di 9 anni

Abd el-Rahman Shatawi
Da 100 metri di distanza, un soldato delle FDI ha sparato alla testa di un ragazzo palestinese nel villaggio di Kafr Qaddum in Cisgiordania. Il proiettile è esploso in decine di frammenti nel cervello del bambino che ora si trova in coma indotto. Nel congelatore della loro casa di Kafr Qaddum, in Cisgiordania, la famiglia sta conservando gli ultimi ricordi che hanno del loro figlio più piccolo: un ghiacciolo di banana al cioccolato e un pezzo di cocomero su uno stuzzicadenti. Abd el-Rahman Shatawi li aveva comprati circa mezz'ora prima che un cecchino delle forze di difesa israeliane si inginocchiasse  sul pendio della collina rocciosa che sovrasta il villaggio e ,da una distanza di 100 metri, ha sparato  un colpo alla testa di un bambino di 9 anni. Il proiettile è esploso  in dozzine di frammenti di schegge nel suo cervello.

Medico di Teramo: radiato perché contro il vaccino HPV

Petrella scrive sull’auto: "Radiato perché curo e non vaccino!"
TERAMO. Continuano le iniziative di Roberto Petrella, il ginecologo radiato dall’Ordine dei medici il 9 luglio scorso per le sue posizioni contrarie ai vaccini.
Adesso il medico ha scritto sulla fiancata della propria auto una frase significativa: Sono un medico in pensione, radiato dall'Ordine dei Medici di Teramo, perchè curo e non vaccino (papilloma virus) perchè aiuto la sofferenza umana».

20 luglio 2019

Sovranismo o Europeismo?

Bisogna fare chiarezza sul fatto che la contraddizione è tra il capitale e il lavoro salariato. Il primo utilizza la Ue e l'euro come strumento privilegiato contro il secondo in questa fase storica. La contrapposizione tra sovranismo e europeismo è creata a bella posta per fare confusione proprio dai media e dagli intellettuali legati alle élites capitalistiche europee.

Isaka Varsham: Piove sabbia a Rayalaseema, in India

Il cambiamento del modello di colture, il restringimento della copertura forestale, l'esplosione del numero di pozzi di irrigazione, la morte di un fiume tra gli altri - hanno prodotto effetti drammatici su terra, aria, acqua, foreste e clima nel distretto di Anantapur, Stato dell'Andhra Pradesh in India.

E' una classica ambientazione del cinema indiano. Sullo sfondo di dune e depressioni con una piccola spolverata di vegetazione a macchia, l'eroe si alza dalle sabbie ardenti di una botte per ridurre i cattivi in ​​poltiglia. Aggiungendo un sacco di calore e polvere a quello che offre generosamente la natura, porta il film a una conclusione felice (tranne che per i cattivi). Innumerevoli film indiani hanno messo in scena quelle scene in una desolata regione selvaggia del Rajasthan. O anche nelle gole della Chambal Valley nel Madhya Pradesh.

19 luglio 2019

Il “disturbo da ricchezza eccessiva”

Paul Krugman, premio Nobel per l’Economia nel 2008, mostra sul New York Times quanto e attraverso quali sistemi l’agenda politica degli straricchi – volta, molto banalmente, a tutelare i loro interessi di classe, per esempio a ottenere tasse più basse tagliando sui servizi sociali – venga imposta all’opinione pubblica e spacciata per l’unica strategia “responsabile”. I desideri dei più ricchi vengono trasformati in “quello che è giusto fare”, anche quando in realtà danneggiano non solo le persone meno abbienti, ma anche l’economia di un Paese nel suo insieme. Ecco perché ridurre l’eccesso di ricchezza è anche un modo per ottenere un sistema politico più sano.-VdE

Come non ripetere gli errori del 2011.
Tra un paio di giorni parteciperò a una conferenza all’Istituto di politica economica sul “disturbo da ricchezza eccessiva” – ovvero i problemi e i pericoli che nascono dall’estrema concentrazione di reddito e ricchezza ai vertici della società.

17 luglio 2019

Angeli e Demoni:Come funziona il business dei bambini?


Le strutture ricevono da 70 a 400 euro per bambino al giorno e molte di queste strutture vengono gestite dagli stessi giudici onorari.

#Bibbiano Vs Italia: L'affari miliardario degli affidamenti illegali di minori era denunciato da anni!

Un video testimonia che un giudice già nel 2013 denunciava su canale 5 l’affidamento dei minori con sottrazione immotivata ai legittimi genitori. Il magistrato esponeva chiaramente i drammatici percorsi che iniziano con la sottrazione alle famiglie e finiscono con quello che lui definisce l’«internamento» (spesso per anni) negli istituti e nelle comunità governati dai servizi sociali.

Nel corso di una trasmissione di canale 5 il giudice Francesco Morcavallo denunciò “la facilità con cui troppo spesso i servizi sociali, su richiesta dei Tribunali dei Minori, strappano i figli ai propri genitori per mandarli in case famiglie (cit. Il Giornalema inusitatamente le sue clamorose denunce pubbliche non ebbero seguito: si sono dovuti aspettare i fatti di  Bibbiano, prima che si muovesse qualcosa, ma –  data la gravita dei fatti – le reazioni politiche e penali sono ancora insufficienti. Infatti non si tratta di singoli reati ma di un sistema, con implicazioni e convivenze enormi.

14 luglio 2019

Il piano per distruggere la scuola e creare generazioni di schiavi per le multinazionali

Cos’è l’Associazione Treellle? Come influisce sull’istruzione pubblica? Perché, secondo Pietro Ratto, creerebbe le condizioni per mettere gli studenti “a 90°“? Pietro Ratto torna su Byoblu per raccontare la sua visione della scuola, i nemici che a suo parere la starebbero mettendo in crisi e le sue ricette per invertire la rotta.

13 luglio 2019

« È ora di fare una rivoluzione nel nostro paese »


Una rivoluzione sia culturale che politica, perchè l’una senza l’altra sarebbe inefficace. 
La rivoluzione culturale è iniziata con questo video, dove insieme all’amico Francesco Carraro abbiamo provato ad allargare il campo della consapevolezza, cercando di trovare anche in altri ambiti della conoscenza umana, le motivazioni per cambiare l’attuale società.

12 luglio 2019

Perché Israele non ha il "diritto di esistere"

Gli apologeti dei crimini di Israele contro i palestinesi sostengono che questo Stato ha il "diritto di esistere" nel tentativo di legittimare la pulizia etnica della Palestina.

I sionisti che si sforzano di difendere i crimini di Israele contro il popolo palestinese fanno spesso l'accusa che i critici dell'autoproclamato "Stato ebraico" cercano di "delegittimarlo". Israele, sostengono, ha il "diritto di esistere". Ma si sbagliano.
Non si tratta di fare un'eccezione per Israele. Non esiste un "diritto di esistere" per gli Stati, punto. Nessun "diritto di esistere" è riconosciuto agli Stati dal diritto internazionale. Un tale diritto sarebbe del tutto folle. Il concetto stesso è assurdo. Sono gli individui, non entità politiche astratte, ad avere dei diritti.

10 luglio 2019

La teologia dei Mercati


Oggi sottostiamo alla teologia dei mercati (se ce lo chiedono i mercati, o l’Europa, ce lo chiede Dio). Goebbels lo sapeva benissimo: “ripeti una cosa dieci, cento, mille volte, finché non diventa vera”. Oggi abbiamo un potenziale tecnologico che è in grado di trasformare direttamente gli archetipi del nostro inconscio. Il neoliberismo ha come scopo fondamentale la distruzione della psiche umana. Se prima c’era un conflitto tra la parte di noi che voleva studiare e quella che voleva divertirsi, o tra quella che voleva una famiglia e quella che perseguiva l’individualismo, adesso il potere di quel conflitto è amplificato cento volte. 

La Teoria Gender è servita...


Cos'è la Teoria Gender, che spesso si sente nominare in giro? Esiste davvero? Oggi lo chiediamo alla giurista e studiosa Elisabetta Frezza, che sulla Teoria Gender ha una sua... teoria, che attraversa soprattutto l'universo della scuola, dell'educazione, la genitorialità, la famiglia, l'omosessualismo (che è differente dall'omosessualità), chiaramente l'identità di genere e molto, molto altro.

9 luglio 2019

Il fallimento della complementarietà: dal multiculturalismo al culto del diavolo

Nelle scorse settimane c’è stato un picco di rinnovato interesse per un saggio che avevo scritto un anno fa, I barbari si scatenano nel Cimitero Europa, in cui avevo descritto come il costante degrado dei paesi occidentali venga accelerato dall’arrivo di migranti appartenenti a gruppi etnici incompatibili. Ciò che ha provocato questo rinnovato interesse è stato un post di Paul Craig Roberts, dove l’autore parlava del mio saggio come del “necrologio dell’Europa e dell’America.”
Ovviamente confermo tutto quello che avevo scritto (indipendentemente da quanti possano averlo interpretato nel modo sbagliato) ma, nell’anno appena trascorso, ho fatto alcune ricerche che mi hanno aiutato a capire le motivazioni del fallimento del progetto occidentale e, a quanto pare, sembra che io abbia qualcos’altro da dire sull’argomento.

8 luglio 2019

Lagarde e Von Der Leyen, prevalenza dei governi e dell'asse Franco-Tedesco

Il Consiglio europeo ha deciso di nominare alla presidenza della Commissione europea la tedesca Ursula von der Leyen e alla presidenza della Bce la francese Christine Lagarde.

La nomina delle due donne politiche evidenzia quattro importanti dati di fatto:
La ulteriore dimostrazione che la Ue è un organismo intergovernativo e per nulla democratico, neanche in modo formale. Infatti, nella formazione delle decisioni della Ue prevalgono i governi nazionali: la nomina di von der Leyen e Lagarde è stata decisa dal Consiglio europeo, composto dai capi di governo e di Stato dei Paesi Ue. Il Consiglio europeo è l’organismo di gran lunga più importante della Ue, avendo compiti legislativi, di indirizzo politico complessivo, e di nomina dei membri della Commissione e della Bce. Le due nomine, fra l’altro, sono state fatte prima che il Parlamento europeo eleggesse il suo presidente e ormai il Parlamento può intervenire solo per ratificarle.

7 luglio 2019

Nel Lager Arcobaleno

La testimonianza qui raccolta da Il Giornale è rivelatrice.  Ascoltatela.  Il signor  “Michele”, accusato di maltrattamento dall’ex moglie (accusa archiviata) si vede portar via i figli piccoli dalle due assistenti  lesbiche della Val d’Enza, Federica Anghinolfi e Beatrice Benati.
“Lei non vedrà più i bambini. Li potrà vedere solo in forma protetta, una volta ogni 21 giorni. Perché è omofobo. Deve abituarsi ad accettare le relazioni di genere, perché la legislazione sta andando in questa direzione e lei se ne deve fare una ragione”.
Si vorrebbe credere che tutto si riduca a due malate psichiche chiuse nel loro mondo aberrante, in una lotta  allucinata ma personale contro “l’omofobia”. Invece, diventa sempre più chiaro che  le due persecutrici sono  parte  di una organizzazione che si dà come  missione preparare il  mondo “ad accettare le relazioni di genere”  secondo “la direzione che la legislazione sta prendendo”.

6 luglio 2019

Il vaccinazismo che avanza...

È successo che, nel 1971 Marco di sei anni e nel 1980 Andrea di quattro anni, figli del geometra Giorgio Tremante, siano stati uccisi dal vaccino obbligatorio antipolio. Entrambi a causa della somministrazione del vaccino muoiono, e un terzo figlio, Alberto, resta danneggiato gravemente, e vive ancora oggi a 40 anni attaccato a un respiratore automatico. 

Ovviamente le “autorità scientifiche” mica lo ammettono subito, ci vogliono 25 anni perché alla fine, dopo averle tentate tutte per evitarlo, la Commissione Medica ospedaliera riconosca la correlazione tra il vaccino e la morte dei bambini. Succede anche che, nel 2011, a Verona, su iniziativa dell’autorità comunale, venga intitolato un parco pubblico a questi bambini uccisi dal vaccino, con una targa che commemora la loro morte. Non restituisce i due figli uccisi, né la vita distrutta al terzo, ma almeno è un simbolo. Ma i simboli sono pericolosi.

Nulla Nova, Mala Nova

Sull’Huffingtonpost del 3 luglio 2019 una certa F. Bustreo scrive un articolo dall’immaginifico titolo Uomini che odiano le donne e donne che vincono l’odio; tralasciando il riferimento ad uno scadente romanzetto svedese, (che però può illuminarci sul retroterra culturale dell’autrice) secondo la blogger ci sarebbero state, in questa settimana, due buone notizie a cui dedicare una riflessione: la prima è che due donne siano state elette ai vertici di due istituzioni europee, U. Van Der Leyen alla guida della Commissione europea e C. Lagarde a capo della BCE, la seconda è la liberazione della Rakete.

Io non riesco, con tutta la buona volontà e questo potrebbe essere un mio limite intellettuale, davvero a capire due cose: primo perché, a parere di tale eminente giornalista, queste dovrebbero essere due buone notizie, secondo perché, od in quale modo, le donne sopra citate vincerebbero l’odio degli uomini. 

4 luglio 2019

L'esercito USA tra i più grandi inquinatori al mondo

In un periodo in cui è alta l'attenzione mediatica intorno al tema dell'ambiente - con annesse campagne etiche rivolte al consumo individuale senza intaccare il modello produttivo capitalistico che devasta l'ambiente - balza agli occhi una recente inchiesta pubblicata da una delle più importanti riviste internazionali di ricerca geografica, Transactions della Royal Geographical Society, in cui viene calcolata l'incidenza delle forze armate statunitense sui cambiamenti climatici. E il dato che viene fuori è tanto emblematico, quanto sconcertante il silenzio che lo accompagna.

3 luglio 2019

LA CARTA DI CREDITO "SIRE"

Esistono solo due tipi di moneta possibili:
* una moneta positiva, che viene creata e poi spesa nel sistema economico, senza generare debito nè pagamento di interessi, e questo può farlo solo lo Stato, perchè è in grado di dare valore alla moneta, dichiarando di accettarla per la riduzione/pagamento delle tasse;
* una moneta a debito, che viene creata e poi prestata al sistema economico, ma genera debito e pagamento di interessi, e questo può farlo solo una banca o un altro organismo, anche lo Stato, purchè sia in grado di dare valore alla moneta, impegnandosi a cambiarla in una moneta a corso legale.

1 luglio 2019

Le multinazionali del petrolio investono miliardi per far finta di vestirsi di verde

Quando ci si trova di fronte ad un problema insormontabile, le uniche alternative sono quelle di arrendersi all’evidenza o tentare di cavalcarlo trasformandolo in un’opportunità.

Le multinazionali del petrolio, per nulla intenzionate a estinguersi in un futuro dove l’inquinamento e i cambiamenti climatici promettono di farla da padrone e i combustibili fossili siedono in prima fila al banco degli imputati, hanno senza dubbio realizzato come l’unica scelta fattibile fosse la seconda e occorresse attivarsi in fretta per perseguirla. 

Così, accanto agli sforzi ciclopici profusi nell’intento d’influenzare l’agenda politica mondiale...affinché ogni progetto che potesse ledere i loro interessi restasse impaludato nelle sabbie mobili della burocrazia e le controversie all’interno del mondo scientifico venissero esacerbate, producendo un immobilismo che potesse giocare a loro favore, hanno pensato bene di proporsi in prima persona come improbabili attori di una “rivoluzione verde” che per forza di cose non potrà mai essere nelle loro corde.

Palestina, ONU: "L'accordo del secolo" degli Stati Uniti è destinato al fallimento

Un esperto delle Nazioni Unite afferma che il cosiddetto "accordo del secolo", promosso dagli Stati Uniti, è destinato al fallimento, in quanto contrario al diritto internazionale.
"Qualsiasi piano di pace che viola il diritto internazionale, incluso quello proposto dagli Stati Uniti, è destinato a fallire"ha dichiarato, ieri, il relatore speciale delle Nazioni Unite (ONU) sui diritti umani in Palestina, Michael Lynk.

Qualsiasi accordo per risolvere il conflitto israelo-palestinese dovrebbe essere basato sui diritti umani e sulla legge internazionale, ha affermato l'esperto, insistendo sul fatto che la pace sarà possibile solo se il regime israeliano smetterà di occupare le terre palestinesi.

30 giugno 2019

Il sogno del giovane ciclista gazawi, amputato


Alaa ad-Dali era il campione di ciclismo di Gaza. Ha vinto la Tokyo Race due volte di seguito. La gara di Tokyo si tiene a Gaza. Nessun ciclista  di Gaza è mai riuscito ad arrivare alla Tokyo Race di Tokyo. Nella sua casa di Rafah, dove le pareti sono prive di intonaco, sfoggia medaglie e trofei. Stanno  nell'angolo della sua stanza. 
Ad Alaa non è mai stato possibile lasciare la gabbia di Gaza o competere in nessuna altra gara tranne che per la Tokyo Race di Gaza.
Si allenava duramente, 150 chilometri al giorno. La  striscia di Gaza è lunga 41 chilometri e li ha percorsi  avanti e indietro. Alaa ha vissuto  e respirato  il ciclismo. Desiderava poter partecipare alla competizione ciclistica di Giacarta nell'estate 2018 ed alzare la bandiera palestinese sul podio del vincitore.

28 giugno 2019

La Romeo-Santapaola Holding S.p.A. di Messina, tra farmaci, voti e slot machine

Un padre-padrino e, per diversificare gli investimenti e moltiplicare gli utili, i figli dediti ognuno ad un’attività economico-lavorativa differente: il primo amministratore di beni e capitali, un secondo gestore di locali commerciali, un terzo a capo delle cyber-ludoscommesse, un altro ancora costruttore e immobiliarista. E finanche due nipoti-cugini a capo di un’affermata società principe nella distribuzione di materiale sanitario e farmaci in Calabria e mezza Sicilia. Viene descritta dagli inquirenti come una vera e propria S.p.A. finanziaria e fornitrice di multiservizi la famiglia Romeo-Santapaola, costola messinese della potente cosca criminale-mafiosa che ha come uomo di vertice don Benedetto “Nitto” Santapaola.

27 giugno 2019

Breve guida sul lobbismo nelle arene dell'Unione Europea

Per lungo ignorata, la pratica del lobbismo è criticata per la sua opacità. Tuttavia, i metodi utilizzati a Bruxelles per influenzare le leggi sono noti e mal disciplinati

Non hanno fatto molto parlare di sé durante la campagna appena conclusa delle elezioni europee, ma i gruppi di pressione attirano sempre più critiche nella misura in cui è documentata la loro influenza nella fabbrica del diritto europeo.
Il registro comune presso la Commissione e il Parlamento conta attualmente circa 11.800 organizzazioni dichiarate come portatrici di interessi presso i decisori e i funzionari dell'Unione europea (UE). Il numero di equivalenti a tempo pieno dichiarati da loro stesse è 24.894. L'organizzazione non governativa Transparency International stima da parte sua in circa 26.500 il numero di lobbisti presenti regolarmente a Bruxelles, e circa 37.300 il numero di persone coinvolte in attività di lobbismo nella capitale belga.

26 giugno 2019

Sergente dell'esercito brasiliano arrestato per traffico di 39 chili di cocaina sull'aereo presidenziale.
Non era Maduro il narcotrafficante?

Chi di narcotraffico ferisce, di narcotraffico perisce, La legge del contrappasso di dantesca memoria colpisce il presidente brasilano Jair Bolsonaro che appena lo scorso maggio aveva accusato il presidente venezuelano Maduro di essere praticamente un burattino tenuto in piedi dai narcotrafficanti. 

Quest’oggi, infatti, le forze di sicurezza spagnole hanno arrestato un membro dell'entourage militare del presidente Jair Bolsonaro all'aeroporto di Siviglia per possesso di 39 chili di cocaina nella sua valigia.

"Oggi al mattino il ministro della Difesa mi ha informato dell'arresto di un ufficiale aeronautico che trasportava narcotici e ho ordinato al ministro della Difesa di collaborare immediatamente per un primo chiarimento dei fatti", ha twittato il presidente Bolsonaro.

21 giugno 2019

Nino Galloni: “I minibot possono salvare l’euro”

La Camera dei Deputati ha approvato all’unanimità una mozione che dà via libera all’introduzione dei minibot, titoli di Stato di piccolo taglio da utilizzare per pagare i debiti della pubblica amministrazione. Dalla Banca Centrale europea è arrivato un brusco stop, con il presidente Mario Draghi che li ha bollati come “valuta illegale” e “nuovo debito”. Nel governo il Premier Conte e il Ministro dell’economia Tria hanno già stoppato l’idea, tanto cara invece alla Lega, ed in particolare al Presidente della Commissione Bilancio di Montecitorio Claudio Borghi che è uno degli ideatori. Lo Speciale ha chiesto un commento in merito all’economista Antonino Galloni, già direttore generale del Ministero del Lavoro, della Cooperazione, dell’Osservatorio sul Mercato del Lavoro, Politiche per l’Occupazione Giovanile e Cassa Integrazione straordinaria nelle grandi imprese. Ha ricoperto anche l’incarico di sindaco all’INPDAP, all’INPS, all’INAIL in rappresentanza del Ministero del lavoro e all’OCSE. È presidente del Centro Studi Monetari, un’associazione per lo studio dei mercati finanziari e delle forme di moneta emettibili senza creare debito pubblico. La persona quindi più accreditata a parlare di minibot e di incidenza sul debito pubblico.

20 giugno 2019

ONU: L'Arabia Saudita colpevole dell'omicidio del giornalista Kashoggi

Il principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman dovrebbe essere indagato per l'omicidio del giornalista, secondo il rapporto dell'ONU.

Come ha riferito dal quotidiano britannico, The Guardian, il principe ereditario dell'Arabia Saudita dovrebbe essere indagato per l'omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi perché ci sono "prove credibili" che lui e altri alti funzionari sono responsabili per l'omicidio, secondo un rapporto ONU.

In un'accorata analisi di 100 pagine su quanto accaduto a Khashoggi lo scorso ottobre, Agnes Callamard, la relatrice speciale delle Nazioni Unite, ha dichiarato che la morte del giornalista è "un crimine internazionale".

Libra Sì Minibot No?

Pierangelo Soldavini su IL SOLE 24 ORE di ieri, ci spiega le fantasmagoriche potenzialità di LIBRA, "la nuova moneta globale che facebook metterà in circolazione nel 2020". 
«Facebook vuole creare un nuovo sistema finanziario globale che sfrutti la blockchain per creare un sistema che sia economico, efficiente, accessibile a tutti e proprio per questo inclusivo, per cercare di includere quella fetta di popolazione mondiale che è esclusa dai servizi bancari e dai servizi finanziari».
Avete capito bene: LIBRA, la moneta di facebook è un'opera caritatevole, con cui si va in soccorso dei poveri del pianeta. Niente di nuovo sotto il sole: ogni porcata capitalistica, affinché sia accettata, dev'essere cosmeticamente e ideologicamente mascherata come un'opera pia.

Relazione tra intestino, epilessia, autismo e fibromialgia - Dott. Paolo Mainardi



Pubblichiamo un importante contributo alla diatriba sui vaccini, che sposta i termini del problema rispetto alla solita contrapposizione tra favorevoli e contrari basata da un lato sulla messa in discussione della loro utilità, e dall’altro sulla valutazione dei fattori di rischio. La voce questa volta è italiana, ed è quella del dott. Paolo Mainardi, secondo il quale, a prescindere dalla effettiva utilità dei vaccini (e a questo proposito, possiamo aggiungere, la cosa veramente sicura è che sono un bancomat per le multinazionali), occorre comprendere bene la loro pericolosità, che va valutata non tanto guardando a quello che può contenere il vaccino, come metalli, nanoparticelle o altri inquinanti dei vaccini dagli effetti controversi e non dimostrati, quanto all’azione infiammatoria del vaccino in sé, che un organismo ancora vulnerabile come quello dei bambini piccoli o comunque debole per varie cause, può non riuscire a gestire, aprendo la strada a gravi patologie come ad esempio l’autismo.

19 giugno 2019

Vaccini: chi sono i veri untori?

Quando una rivoluzione giunge a compimento, a che cosa servono poi i rivoluzionari? Ecco perché nessuna rivoluzione è mai davvero stata completata. Man mano che si rendono conto che cesserebbero di aver motivo di esistere, i rivoluzionari finiscono sempre col fare rivoluzioni al cui termine occorre proseguire, indefinitamente, la rivoluzione.

Per lo stesso motivo si prescrivono terapie che non guariscano, si annunciano eradicazioni che non eradichino. Perché se davvero eradichiamo una malattia, poi a che servono i farmaci o i trattamenti sanitari che sono stati brevettati e prodotti per combatterla?
È per questo che si è deciso con grande fanfara di debellare il morbillo. Il morbillo ha un tasso di infettività, quel che tecnicamente viene chiamato r0, o tasso di riproduzione, altissimo. E il vaccino ha una efficacia complessiva limitata. Cosa significa questo? Significa che non potrà mai venire debellato. [1]

Google Maps: le città palestinesi sono villaggi fantasma tra gli insediamenti

In ‘1984’ di Orwell, Winston Smith si imbatte in un vecchio ritaglio di giornale che rivela che il Grande Fratello aveva incastrato tre uomini per crimini contro lo stato. Tutte le prove del passato in contraddizione con la “verità” mutevole del regime avrebbero dovuto essere distrutte, ma questo scampolo era stato trascurato. Winston completò il lavoro – anche se alla fine, anche distruggendo le prove non poteva cancellarne la conoscenza dalla sua mente.

Ciò che Orwell non avrebbe potuto prevedere era un mondo in cui il Grande Fratello non avrebbe avuto bisogno di distruggere le prove, un mondo in cui le prove non esistono in forma fisica e possono essere cambiate a volontà senza lasciare traccia. Tutte le ‘copie’ di un giornale virtuale si aggiorneranno istantaneamente su ogni nuova ‘verità’. I criminali del pensiero potrebbero, naturalmente, aver salvato una copia del precedente file virtuale, o persino uno screen-grab, ma tutti questi non saranno altro che numeri sui media. Quale prova di quale serie di cifre fosse quella vera, quando non c’è traccia fisica e legale?

Lettera Aperta ai Legislatori sul DNA Fetale nei Vaccini

Mi chiamo Dr. Theresa Deisher. Sono Fondatore e Lead Scientist del Sound Choice Pharmaceutical Institute, la cui missione è educare il pubblico sulla sicurezza dei vaccini, nonché a spingere i produttori a fornire vaccini migliori e più sicuri per il pubblico. Ho conseguito il dottorato presso la Stanford University in Molecular and Cellular Physiology nel 1990 e ho completato il mio lavoro di post-dottorato presso l'Università di Washington. La mia carriera è stata spesa nel settore delle biotecnologie commerciali, e ho svolto attività di ricerca biologica e farmacologica di base attraverso lo sviluppo clinico.
Sto scrivendo su fatti scientifici non contestati sui contaminanti del DNA fetale nel vaccino contro morbillo-parotite-rosolia, che devono essere resi noti ai legislatori e al pubblico.