11 aprile 2022

L'Europa sta costruendo un enorme sistema internazionale di riconoscimento facciale

I legislatori avanzano proposte per permettere alle forze di polizia di tutta l'UE di collegare i loro database fotografici, che includono milioni di immagini dei volti delle persone.
Negli ultimi 15 anni, le forze di polizia che cercano criminali in Europa sono state in grado di condividere impronte digitali, dati sul DNA e dettagli sui proprietari di veicoli. Se i funzionari in Francia sospettano che qualcuno che stanno cercando sia in Spagna, possono chiedere alle autorità spagnole di controllare le impronte digitali nel loro database. Ora i legislatori europei sono pronti a includere milioni di foto dei volti delle persone in questo sistema e permettere che il riconoscimento facciale sia usato su una scala senza precedenti.

L'espansione del riconoscimento facciale in tutta Europa è inclusa in piani più ampi per "modernizzare" la polizia in tutto il continente, e viene sotto le proposte di condivisione dei dati Prüm II. I dettagli sono stati annunciati per la prima volta a dicembre, ma le critiche da parte dei regolatori di dati europei sono diventate più forti nelle ultime settimane, come il pieno impatto dei piani sono stati compresi.

"Quello che state creando è la più estesa infrastruttura di sorveglianza biometrica che penso che avremo mai visto nel mondo", dice Ella Jakubowska, un consigliere politico presso la ONG per i diritti civili European Digital Rights (EDRi). I documenti ottenuti da EDRi secondo le leggi sulla libertà d'informazione e condivisi con WIRED rivelano come le nazioni hanno spinto per il riconoscimento facciale da includere nell'accordo internazionale di polizia.

La prima iterazione di Prüm è stata firmata da sette paesi europei - Belgio, Germania, Spagna, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Austria - nel 2005 e permette alle nazioni di condividere i dati per affrontare il crimine internazionale. Da quando Prüm è stato introdotto, l'adozione da parte dei 27 paesi europei è stata mista.

Prüm II prevede di espandere significativamente la quantità di informazioni che possono essere condivise, potenzialmente includendo foto e informazioni dalle patenti di guida. Le proposte della Commissione europea dicono anche che la polizia avrà un maggiore accesso "automatizzato" alle informazioni condivise. I legislatori dicono che questo significa che la polizia di tutta Europa sarà in grado di cooperare strettamente, e l'agenzia europea di applicazione della legge Europol avrà un "ruolo più forte".

L'inclusione di immagini facciali e la capacità di eseguire algoritmi di riconoscimento facciale contro di esse sono tra i più grandi cambiamenti previsti in Prüm II. La tecnologia di riconoscimento facciale ha affrontato un significativo pushback negli ultimi anni quando le forze di polizia l'hanno adottata sempre di più, e ha identificato in modo errato le persone e fatto deragliare delle vite. Decine di città negli Stati Uniti sono arrivate a vietare alle forze di polizia di utilizzare la tecnologia. L'UE sta discutendo un divieto sull'uso da parte della polizia del riconoscimento facciale nei luoghi pubblici come parte del suo AI Act.

Tuttavia, Prüm II permette l'uso del riconoscimento facciale retrospettivo. Questo significa che le forze di polizia possono confrontare immagini fisse da telecamere a circuito chiuso, foto da social media, o quelle sul telefono di una vittima contro le foto segnaletiche conservate in un database della polizia. La tecnologia è diversa dai sistemi di riconoscimento facciale dal vivo, che sono spesso collegati a telecamere in spazi pubblici; questi hanno affrontato le maggiori critiche.

Le proposte europee permettono a una nazione di confrontare una foto con i database di altri paesi e scoprire se ci sono delle corrispondenze, creando così uno dei più grandi sistemi di riconoscimento facciale esistenti. Un documento ottenuto da EDRi dice che il numero di potenziali corrispondenze potrebbe variare da 10 a 100 volti, anche se questa cifra deve essere finalizzata dai politici. Un portavoce della Commissione europea dice che un umano esaminerà le potenziali corrispondenze e deciderà se qualcuna di esse è corretta, prima che venga intrapresa qualsiasi ulteriore azione. "In un numero significativo di casi, un'immagine facciale di un sospetto è disponibile", ha detto il ministro degli interni francese nei documenti. Ha affermato di aver risolto casi di furto con scasso e abusi sessuali su minori utilizzando il suo sistema di riconoscimento facciale.

I documenti di Prüm II, datati dall'aprile 2021, quando i piani sono stati discussi per la prima volta, mostrano l'enorme numero di foto di volti che i paesi detengono. L'Ungheria ha 30 milioni di foto, l'Italia 17 milioni, la Francia 6 milioni e la Germania 5,5 milioni, mostrano i documenti. Queste immagini possono includere sospetti, persone condannate per crimini, richiedenti asilo e "corpi morti non identificati", e provengono da più fonti in ogni paese.

Jakubowska dice che mentre le critiche ai sistemi di riconoscimento facciale si sono concentrate soprattutto sui sistemi in tempo reale, quelli che identificano le persone in un secondo momento sono ancora problematici. "Quando si applica il riconoscimento facciale a filmati o immagini retrospettivamente, a volte i danni possono essere ancora maggiori, a causa della capacità di guardare indietro, diciamo, una protesta di tre anni fa, o di vedere chi ho incontrato cinque anni fa, perché ora sono un avversario politico", dice. "Solo le immagini facciali di sospetti o criminali condannati possono essere scambiate", dice il portavoce della Commissione europea, citando una guida su come funzionerà il sistema. "Non ci sarà alcun abbinamento di immagini facciali con la popolazione generale".

Le immagini dei volti delle persone non dovrebbero essere combinate in un gigantesco database centrale, dice la proposta ufficiale, ma le forze di polizia saranno collegate insieme attraverso un "router centrale". Questo router non memorizzerà alcun dato, dice il portavoce della Commissione europea, aggiungendo che "agirà solo come un mediatore di messaggi" tra le nazioni. Questo approccio decentralizzato rende Prüm II più semplice: La polizia che vuole confrontare le impronte digitali con il sistema attuale deve connettersi ad altre forze di polizia individualmente. Con la nuova infrastruttura, i paesi hanno solo bisogno di una connessione al router centrale e sarà più facile "aggiungere ulteriori categorie di dati al sistema", dicono i documenti ottenuti da EDRi.

Il supervisore europeo per la protezione dei dati (GEPD), che supervisiona il modo in cui gli organismi dell'UE utilizzano i dati ai sensi del GDPR, ha criticato la prevista espansione di Prüm, che potrebbe richiedere diversi anni. "La ricerca automatizzata di immagini facciali non è limitata solo ai crimini gravi, ma potrebbe essere effettuata per la prevenzione, il rilevamento e l'indagine di qualsiasi reato, anche piccolo", ha detto Wojciech Wiewiórowski, il GEPD, all'inizio di marzo. Wiewiórowski ha detto che più salvaguardie dovrebbero essere scritte nelle proposte per assicurarsi che i diritti alla privacy delle persone siano protetti. Il portavoce della Commissione europea dice che l'organismo ha preso "buona nota" del parere del GEPD e i pensieri saranno presi in considerazione quando il Parlamento europeo e il Consiglio discuteranno la legislazione.

Durante lo sviluppo dei piani, la Slovenia è stato uno dei paesi chiave che ha spinto per l'espansione, compresa la richiesta di includere i dati della patente di guida delle persone. Domen Savič, l'amministratore delegato del gruppo sloveno per i diritti digitali Državljan D, dice che ci sono preoccupazioni significative circa le differenze tra i database della polizia e chi è incluso. "Non ho sentito abbastanza per essere convinto che tutti questi dati raccolti dalle singole forze di polizia siano disinfettati allo stesso modo", dice Savič.

I database della polizia sono spesso mal messi insieme. Nel luglio 2021, la polizia dei Paesi Bassi ha cancellato 218.000 foto che ha erroneamente incluso nel suo database di riconoscimento facciale. Nel Regno Unito, più di mille giovani neri sono stati rimossi da un "database delle bande" nel febbraio 2021. "Si potrebbero avere database che hanno sfondi completamente diversi in termini di come questi dati sono stati raccolti, dove sono stati reperiti, come sono stati scambiati, e chi ha approvato cosa", dice Savič. La Slovenia ha già affrontato problemi simili. "E questo potrebbe portare a un'identificazione errata".

Uno dei maggiori problemi per Jakubowska è come Prüm II potrebbe normalizzare l'uso del riconoscimento facciale da parte delle forze di polizia in tutta Europa. "Quello che ci preoccupa veramente è quanto questa proposta Prüm II potrebbe incentivare la creazione di database di immagini facciali e l'applicazione di algoritmi a questi database per eseguire il riconoscimento facciale", dice. L'UE pagherà il costo di connessione delle banche dati a Prüm II, dice la proposta, e questo include il costo della creazione di nuove banche dati nazionali di immagini facciali. Sessant'anni dopo essere stato inventato, il riconoscimento facciale è ancora agli inizi.


Seguici sul canale telegram https://t.me/VociDallaStrada

1 commento:

  1. sarà la volta che mi toccherà mettere la mascherina all'aperto

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)