Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

28 luglio 2014

UN NEONAZISTA ALLA "COMMISSIONE PER LE LIBERTA' CIVILI" DEL PARLAMENTO €UROPEO

"dare GAS!"
L'eurodeputato Udo Voigt, 62 anni, ex presidente dell'organizzazione neonazista tedesca Partito Nazionale Democratico (NPD), è stato eletto pochi giorni alla Commissione per le Libertà Civili del Parlamento di Bruxelles. Il 20 novembre 2010 Voigt è stato invitato dai fascisti ispanici a celebrare la commemorazione della morte di Franco, e ha anche avuto modo di fare un discorso in Plaza de Oriente a Madrid. Recentemente ha reso omaggio all'ex leader di Alternativa Spagnola sulla sua pagina personale in occasione della sua morte, definendolo un "amico dei nazionalisti tedeschi." Mantiene inoltre buoni rapporti con gli ungheresi di Jobbik e i greci di Alba Dorata.
Di Juan Manuel Olarieta
Opinion De Clase
Voigt è un militare di  professione che ha raggiunto il grado di capitano dopo 12 anni di servizio nella Luftwaffe, l'aviazione tedesca, da cui fu espulso nel 1984 per aver rifiutato di lasciare l'NPD. Anche suo padre era nazista e ha combattuto nelle SS durante la Seconda Guerra Mondiale, evento che gli è costò quattro anni di carcere in Unione Sovietica. Nel 1968, quando aveva solo 16 anni, il figlio è entrato nel NPD, che ha presieduto tra il 1996 e il 2011.
L'eurodeputato è stato accusatoato in 15 cause penali di "incitamento all'odio razziale e alla violenza", "negazione dell'Olocausto" e "ostentata propaganda di simboli nazisti". Nel 1998 i giudici tedeschi lo ha condannato a quattro mesi di prigione, per aver chiesto agli elettori durante un comizio di partecipare ad una "lotta armata".

Voigt mette in discussione il numero delle vittime dell'Olocausto. In un manifesto elettorale del 2011 si mostrava su una moto con lo slogan "geben gas!", Che può essere tradotto come "a tutto GAS!", un riferimento diretto ai campi di sterminio nazisti. Nel 2010 ha dovuto pagare una multa di 1.000 euro per apologia delle SS in un discorso durante la celebrazione del 65° anniversario della fine del Terzo Reich. L'anno scorso ha pubblicato un libro che apparve in un bar di Berlino famoso per essere il luogo di incontro dei nazisti nella capitale tedesca.
In Germania Voigt è noto per le sue dichiarazioni imperialiste, scioviniste e razziste. In una dichiarazione a "El Mundo", chiese l'annessione dei territori di confine polacchi che la Germania perse dopo la seconda guerra mondiale. Per lui, "L'Europa è il continente dei bianchi" e Hitler "un grande statista", che "ottenne qualcosa di fantastico, eliminò la disoccupazione in pochi anni."
 
L'NPD fu fondato nel 1964 per riunire i naonazisti tedeschi, che fino ad allora furono molto divisi. Tra loro c'era il Partito Socialista di Otto Ernst Remer Reich, erede del NSDAP che presieduto da Hitler. Il nuovo leader del NPD, Udo Pastörs, ha descritto la Germania come "repubblica degli ebrei." Voigt, Pastörs e l'NPD rappresentano fedelmente il tipico movimento nazista, chiarendo la vera natura del fascismo, che è inseparabile dallo stato borghese che serve e di cui si serve, quindi vale la pena prestare una certa attenzione alle questioni di questo tipo.
10 anni fa 16 Länder (stati federali, N.d.T) tedeschi, niente di meno, hanno presentato una class action davanti alla Corte Costituzionale Tedesca chiedendo la messa al bando del NPD. La sentenza pronunciata a favore dei nazisti in quanto i servizi segreti tedeschi (BND) erano così legati a loro che era impossibile differenziare le attività realizzate dalle spie da quelle del partito.
 
Attualmente vi è un secondo tentativo di invalidare l'NPD attraverso la Corte Costituzionale che è in attesa. A Monaco un tribunale tedesco giudica l'NSU (Clandestinità Nazionalsocialista), un gruppo di teppisti di cui faceva parte Ralf Wohlleben, un ex leader del NPD in Turingia. Tra il 2000 e il 2007 l'NSU ha ucciso 10 persone, di cui 8 di origine turca.
 
Ma ciò che è veramente importante è notare quanto segue: In aggiunta alla complicità dell'apparato repressivo dello Stato, ancora una volta si è dimostrato che l'NSU è stato associato allo spionaggio del governo della Turingia. I fascisti non sono nulla senza lo Stato dietro di loro. Per commettere i loro crimini i nazisti avevano documenti falsi, carte, case sicure, denaro, veicoli, armi e informazioni fornite dallo Stato. Come riconosciuto da alcuni parlamentari tedeschi, il movimento neo-nazista viene pagato dallo Stato.
 
L'immagine di forza elettorale dei neo-nazisti che stanno trasmettendo i media borghesi è sbagliata. Il loro sostegno elettorale è insignificante: l'1% dei voti. Affinché Voigt arrivasse al Parlamento di Strasburgo ha necessitato che la Corte Costituzionale tedesca abbassasse lo sbarramento minimo richiesto (3% dei voti) per ottenere la rappresentanza parlamentare. Proprio come Hitler a suo tempo, che salì al potere grazie ai centristi cattolici, i nazisti arrivano attraverso il sostegno che danno loro altre forze politiche.
I nazisti issano le vele ma sono altri che soffiano. Chi ha votato a Bruxelles a favore di Voigt affinché sia parte della Commissione Parlamentare per le Libertà Civili? Quando risponderemo a questa domanda sapremo chi sta promuovendo il fascismo in Europa lavandosi le mani come Pilato.

Traduzione di VociDallaStrada 

1 commento:

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)