Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

27 marzo 2014

Solo 9 Paesi hanno una Banca Centrale che non appartiene ai Rothchild!

Sono solamente 9 i Paesi che hanno la Banca Centrale che non appartiene ai Rothschild. Sono: Cina, Russia, Iran, Venezuela, Ungheria, Siria, Cuba, Islanda e Corea del Nord. Tre di questi Paesi, nell'ordine Russia, Iran e Venezuela, sono anche le tre più grandi riserve energetiche del mondo, considerando le riserve di petrolio, gas e carbone.
Direttamente o indirettamente tutte le altre banche centrali appartengono o sono controllate dai Rothschild. Ci sono addirittura quattro banche centrali che sono quotate in borsa: le banche centrali di Belgio, Grecia, Giappone e Svizzera. La Banca centrale di Grecia oltre che essere quotata alla Borsa di Atene è quotata anche alla Borsa Tedesca.
Da queste brevi considerazioni, penso sia comprensibile a tutti perchè i paesi che hanno una banca centrale indipendente siano costantemente attaccati mediaticamente dai media di tutto il mondo, tutti al servizio ovviamente delle grandi potenze imperialistiche dell'occidente.

Tutti questi paesi sono praticamente inseriti nell'asse del male, tutti i loro governi sono per i media occidentali delle "dittature" ed in tutti ci sono tentativi di destabilizzazione.
Si comprende anche perchè Russia, Iran e Venezuela siano costantemente "presi di mira" dai media internazionali. Oltre che avere la Banca Centrale indipendente dai Rothschild sono anche le tre più grandi riserve energetiche del mondo.

Quando una Banca Centrale disegna la politica economica e monetaria del proprio paese sta pensando ai benefici per il suo popolo o ai benefici per i propri azionisti? Scontata la risposta: pensano ai benefici per i propri azionisti. Si comprende perchè un Paese come il Belgio possa stare per mesi (esattamente 18) senza un governo, perchè in sostanza il ruolo del governo è relativo. Si comprende perchè un paese come Grecia è completamente in balia della Troika, ossia del Fondo Monetario Internazionale (FMI), della Banca Centrale Europea (BCE) e della Commissione Europea (CE).

E l'Italia? La maggior parte degli italiani pensa che la Banca d'Italia, ossia la Banca Centrale dell'Italia appartenga allo Stato! Invece, come tutte le banche centrali del mondo, escluse quelle dei 9 paesi citati sopra, la Banca d'Italia appartiene ai propri azionisti. L'elenco completo degli azionisti della Banca d'Italia è consultabile nel sito stesso della Banca d'Italia, all'URL: http://www.bancaditalia.it/bancaditalia/funzgov/gov/partecipanti/Partecipanti.pdf. Da tale documento, in linea, si evince che le due principali banche italiane, Intesa San paolo e Unicredit hanno il 52% delle quote; Inps e Inail, enti statali, hanno quote irrilevanti. Ovviamente nel capitale delle grandi banche italiane, che controllano la Banca d'Italia, rientra quello dei Rothschild. Povera Italia! Poveri italiani!  

Di Attilio Folliero

10 commenti:

  1. http://blogdifalco.blogspot.it/2014/01/sulla-banca-d-aggiornato_24.html

    RispondiElimina
  2. Gentile Luca,
    per capire se la Banca d'Italia è pubblica o privata, bisogna vedere "CHI" la possiede di fatto....non leggere lo statuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo Statuto (e la legge) regola il funzionamento della Banca d'Italia.

      Ma ovviamente c'è sempre qualcuno (o qualcosa) dietro....

      "Chi è malizioso, guarda tutto con malizia..."

      Elimina
    2. INFATTI:
      La Banca d'Italia è un istituto di diritto pubblico come stabilito dalla legge bancaria del 1936 e dallo stesso statuto all'articolo 1, 1 comma, e come ribadito anche da una sentenza della Corte Suprema di Cassazione.


      PERO':
      Le quote nominative di partecipazione al suo capitale sono state assegnate per il 94,33% di proprietà di banche e assicurazioni private, per il 5,66% di enti pubblici (INPS e INAIL)

      Bisogna proprio avere il prosciutto sugli occhi per non vedere questa realtà e parlare di "malizia" ingiustificata...

      COMUNQUE:
      ...gentile Luca, spero che presto ti troverai un altro hobby oltre a quello del troll.
      Non ho motivo di non pubblicare i tuoi intelligentissimi (?) commenti, però pubblicare un link come hai fatto nel tuo primo commento solo per sfruttare il mio blog e portare lettori al tuo è cosa poco gradita, quindi la prossima volta sei pregato di scrivere qualcosa oltre al link.

      Grazie per la tua collaborazione

      Elimina
    3. Ok. Ma:

      1) c'è il limite del 3% al possesso delle quote [comma 5 dell'art. 4 del decreto-legge 30 novembre 2013, n. 133] e per le quote in eccesso non spetta il diritto di voto ed i relativi dividendi vanno nelle riserve statutarie;

      2) possedere una quota del capitale NON vuol dire poter dirigere la banca stessa.
      NON è una SpA perchè gli organi non sono disciplinati dal codice civile.

      Si può metterla così:
      i privati hanno la proprietà ma la gestione è pubblica, secondo quanto stabilito dalla normativa (nazionale ed europea)

      Mi sembra semplice da capire. Ma poi che differenza fà? Non è che se la banca fosse pubblica cambia il modo di fare le cose! Sembra quasi che la banca pubblica sià la risoluzione di tutti i problemi dell'Italia.

      La realtà è quella che si vuole vedere. Io leggo la normativa (e lo statuto) in modo letterale (come si dovrebbe fare)

      Infine, voglio far notare che Giacinto Auriti non è un esperto in materia economica: è laureato in giurisprudenza.

      ---------------
      Poi:

      1) Non sono un troll! Perchè pensate sempre che chi non è d'accordo con voi è pagato o scemo?

      Io metto la faccia (http://blogdifalco.blogspot.it/2013/11/la-mia-faccia_9843.html), a differenza di te...

      2) Ok, scriverò qualcosa oltre ai link; comunque non sfrutto il tuo blog per avere lettori, mi basta usare facebook.

      Falcone

      Elimina
    4. 1- Riguardo lo statuto della banca d'Italia (che viene modificato spesso e volentieri) ti consiglio di informarti meglio:
      http://www.disinformazione.it/nuovo_statuto_bankitalia.htm

      2- Ciò che mi fa pensare che sei un troll, è il tuo modo di fare e di atteggiarti nei tuoi commenti, cioè da saccente con un'ironia terra terra che alla fine non dice niente, vedi i tuoi commenti all'altro post sul Venezuela dove sai solo scrivere "cattivi" con la K..."complottisti" ecc.... un'accozzaglia di termini solo per denigrare il lavoro di altri, ma senza portare nessun contributo reale alla discussione.

      3- Anche qui pensi di denigrare gli altri perchè tutti quelli che non pubblicano la propria carta dìidentità in rete non sono persone serie....ma per favore!

      Te l'ho già detto trovati qualcosa da fare durante il giorno...

      Elimina
    5. E' una fonte di dubbia moralità. Comunque riposta lo Statuto del 2006. La versione aggiornata al 2013 si trova qui: http://www.bancaditalia.it/bancaditalia/funzgov/gov/statuto/statuto.pdf

      "il lavoro di altri" ossia un'accozzaglia di complottismo, bufale e pacifismo d'accatto.

      E' inutile discutere con chi non ammette opinioni diverse dalle proprie.

      Elimina
    6. Grazie mille Luca, vedo che hai accolto la mia richiesta di trovarti un altro hobby, almeno su qualcosa siamo d'accordo per fortuna!
      Un caro saluto

      Elimina
  3. E il Banco Central de Argentina? forse a Attilio gli é sfuggito, oppure sono male informato?

    RispondiElimina
  4. Ciao Alba, per il momento la Cina può star tranquilla, solo perchè ha le bombe atomiche, obbiettivo che persegue l'Iran per poter mantenere la propria banca centrale e le continue pressioni che subisce dall'occidente di una futura possibile minaccia nucleare sono tutte una scusa, a loro interessa prendere il controllo dell'istituto finanziario per truffare come fanno nel resto del mondo...

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)