Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

3 marzo 2010

IL PARLAMENTO EUROPEO MULTA NIGEL FARAGE, PER AVER DETTO LA VERITA' SU HERMAN VAN ROMPUY!


Il presidente del Parlamento Europeo, Jerzy Buzek, ha sanzionato il deputato euroscettico britannico Nigel Farage con dieci giorni non retribuiti, equivalenti a 3.000 euro, per aveer insultato grossolanamente il presidente del Consiglio Europeo, Herman van Rompuy, nella sua prima apparizione il 24 febbraio.

Nella seduta parlamentare, Farage con notevole agitazione sbottò a Van Rompuy: "lei ha il carisma di uno straccio umido e l'aspetto di un impiegato di banca da quattro soldi"  e gli ha rinfacciato la sua provenienza belga "che è piuttosto una non-nazione".
Le parole di Farage hanno creato una profonda indignazione nell' europarlamento e alcuni deputati come il presidente del gruppo socialista Martin Shulz, ne ha chiesto le dimissioni. 
Gli insulti di Farage contro Rompuy hanno causato un particolare malessere fra i politici britannici, per il suo comportamento antidemocratico e per l’intento di screditare un politico, che nonostante il breve tempo in carica ha già raggiunto un elevato grado di riconoscimenti per la sua efficienza, discrezione e un sentito consenso.
Nella lettera con cui Buzek ha fatto sapere della pena a Farage, gli fa presente il suo rifiuto di scusarsi con Van Rompuy. Buzek afferma che da una grande importanza alla libertà di espressione “con la quale ho combattuto per decenni nel mio paese“, ma gli ricorda che non si può difenderla “senza rispettare la dignità degli altri”.

Fonte: El Pais

Video dell'intervento di Nigel Farage:
http://www.clipser.com/watch_video/1425335&messg=success

Tradotto e segnalato da Piero Rolla

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)