Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

7 aprile 2014

"IL TRADITORE DELLA PATRIA E DELLA COSTITUZIONE"

Napolitano & Kissinger
Giorgio Napolitano ha calpestato la Patria e la  Costituzione Repubblicana. Va destituito e processato per alto tradimento. L'Italia non ha più alcuna sovranità. Il presente e il futuro che dall'estero - grazie a mister Napolitano - hanno imposto al nostro Paese è il declino e la subordinazione. Ecco l'intervista che il 13 dicembre 2007 Napolitano ha rilasciato al Council on Foreign Relations, una organizzazione terroristica che risponde al famigerato nome di Bilderberg Group, a cui risultano affiliati Romano Prodi, Mario Monti, Enrico Letta, e tanti altri. https://www.youtube.com/watch?v=DKAlQ-xShYY

La Nato ha trasformato l'Italia in una gigantesca camera a gas. Ogni giorno i velivoli militari irrorano i centri abitati, scaricando nell'aria sostanze tossiche come alluminio, bario, stronzio, manganese, e così via, determinando gravi conseguenze sulla salute dell'ignara popolazione italiana. Ma Napolitano che fa in qualità di capo delle forze armate tricolori per tutelare il popolo sovrano, in virtù dell'articolo 32 della Costituzione? Assolutamente niente. E' complice di questo crimine contro l'umanità. Inoltre, espone 60 milioni di persone nello Stivale al pericolo nucleare, consentendo al governo degli Stati Uniti d'America di detenere illegalmente e segretamente, violando il Trattato internazionale di non proliferazione nucleare (TNP), centinaia di bombe atomiche proprio sul suolo italiano. 
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/02/bombe-nucleari-united-states-of-america.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=bombe+nucleari 




Giuseppe Dossetti, un padre della patria ha detto:   

"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino".


Fonte: Gianni Lannes

1 commento:

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)