Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

15 novembre 2011

LA TEMPESTA PERFETTA PER CENSURARE INTERNET

di James Corbett
http://www.corbettreport.com/
Nelle ultime settimane i governi di Gran Bretagna , Israele , la Stati Uniti , Giappone , India e Cina hanno segnalato presunti attacchi informatici da militari stranieri, hacker e software maligni come Duqu , un virus simile a quello di Stuxnet, cyber arma costruita da Israele e Stati Uniti e da utilizzare contro il programma nucleare iraniano. Sebbene la natura e l'origine degli attacchi o anche se ha avuto luogo non possono essere confermati, le presunte minacce vengono utilizzate per fermare una nuova legislazione volta a soffocare la libertà in internet ed accendere una nuova rivalità in quello che molti vedono come il campo di battaglia di 21° secolo: il cyberspazio.
 
Negli Stati Uniti, un rapporto al Congresso del National Counter intelligence Executive propaganda il cyber-spionaggio come una grave minaccia per l'economia americana.
In una sezione intitolata “Pervasive Threat from Adversaries and Partners” (Minaccia Pervasiva da avversari e partner), si legge: 
"Attori cinesi sono nel mondo gli autori più attivi e persistenti dello spionaggio economico" e "i servizi di intelligence russi stanno conducendo una serie di attività per raccogliere informazioni economiche e tecnologiche sugli obiettivi degli Stati Uniti."
Sulla scia del rapporto, la DARPA, Defense Advanced Research Projects Agency con il compito di mantenere il vantaggio tecnologico delle forze armate Usa, ha chiesto un aumento dei finanziamenti del 73% nell'anno fiscale 2012, da120 milioni a 208 milioni dollari. Nel frattempo, la Cina si è scagliata contro il rapporto, definendo queste accuse "irresponsabili".
 
Ora, i governi di tutto il mondo utilizzano i timori di attacchi informatici come pretesto per reprimere le libertà internet della propria popolazione.
 
Il mese scorso, la Cina ha promesso un giro di vite sui social media, siti web e microblogs come risposta a una maggiore audacia dei blogger cinesi nel criticare il governo. La scarsa risposta di Pechino sull'incidente ferroviario dell'alta velocità a Wenzhou all'inizio di quest'anno, ha portato ad una tale effusione di abusi su internet che la storia è stata ripresa da emittenti cinesi mainstream. Una dichiarazione presso lo State Internet Information Office ha assicurato che tali critiche non saranno tollerate comunque, l'agenzia Xinhua riporta che tre dei blogger incriminati sono stati puniti dalle autorità locali.
 
Pochi giorni dopo l'annuncio, il Department of Homeland Security Usa (DHS) ha annunciato che è da considerare l'uso dei social media per monitorare e sorvegliare la propria popolazione. Il sottosegretario del DHS, Caryn Wagner ha detto che il governo teme disordini sociali come quello visto in Tunisia lo scorso dicembre e vuole utilizzare servizi di social media come Twitter per monitorare la propria popolazione.  
Lo scorso gennaio, i senatori Lieberman e Collins rinnovano l'appello per dare al presidente un "kill switch" su Internet per proteggere il governo in tempi di emergenza, una telefonata dal senatore McCain ha fatto eco lo scorso luglio.
 
La scorsa settimana, il primo ministro britannico David Cameron ha parlato della necessità di trovare un equilibrio tra sicurezza informatica e la libertà di parola. Parlando ad una conferenza a londra sul cyberspazio, ha rinnovato l'appello britannico per un quadro internazionale di sicurezza informatica. L' esperto di sicurezza in internet, Eugene Kaspersky, parlando alla stessa conferenza, ha difeso la sua idea per i passaporti internet come requisito per l'accesso ad Internet e una forza di polizia in internet per un giro di vite sul comportamento indesiderato, aggiungendo che i paesi che non era d'accordo su tale quadro dovrebbero essere semplicemente tagliati fuori da Internet.
 
Kaspersky non è l'unico a sostenere un cosiddetto passaporto o patente per accedere a Internet. In passato, l'idea è stata proposta da Craig Mundie, capo funzionario di Microsoft, e la Casa Bianca ha elaborato una proposta all'inizio di quest'anno per incoraggiare il settore privato allo sviluppo di un documento d'identità su Internet.
I critici dicono che tale piano sarebbe la fine di Internet come la conosciamo, rendendo legittima la protesta politica e impossibile la critica al governo. In una critica pungente della proposta Kaspeserky, il tecnologo per la sicurezza Bruce Schneier si è scagliato contro i tentativi di porre fine all'anonimato su internet:
"L'identificazione universale è impossibile. Anche l'attribuzione - sapere chi è responsabile per particolari pacchetti internet - è impossibile. Tentare di costruire un tale sistema è inutile, da solo a criminali ed hacker nuovi modi per nascondersi", ha scritto. "I tentativi di bandire l'anonimato in internet non interesserà quelli abbastanza esperti per aggirarlo, avrebbe un costo di miliardi, ed avrebbe solo un effetto trascurabile sulla sicurezza".

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)