12 agosto 2021

Julian Assange ► Fine della partita

Julian Assange di WikiLeaks sta lentamente morendo in una prigione britannica, mentre gli Stati Uniti continuano la loro lotta per farlo morire in una delle loro - ma c'è speranza.
"L'obiettivo è la giustizia, il metodo è la trasparenza. È importante non confondere l'obiettivo con il metodo". Julian Assange
Una folla di giornalisti e manifestanti con cartelli si riunisce fuori dalla Westminster Magistrates' Court. Sono poco meno delle 11 del mattino del 4 gennaio 2021; maschere contro un virus invisibile, giacche di lana e cappelli contro il gelo dell'inverno londinese. L'accesso all'aula è stato severamente limitato, e per coloro che sono qui riuniti, gli unici indizi di ciò che è successo all'interno sono la manciata di giornalisti che guardano un collegamento video e seguono il procedimento in diretta. E ora il colpo di scena.

"Oh mio Dio", twitta la giornalista australiana Mary Kostakidis. "Nessuna estradizione".

Poco dopo, contro ogni previsione, Stella Moris emerge dall'aula per affrontare la tempesta mediatica con un accenno di sorriso. "Vi prego di avere pazienza perché ho dovuto riscrivere il mio discorso", dice alla stampa. Gli avvocati che rappresentano il suo fidanzato, l'editore australiano Julian Assange, hanno appena sventato un tentativo di estradarlo dalla prigione di Belmarsh di Londra agli Stati Uniti, dove è accusato secondo la legge sullo spionaggio. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta cercando di imprigionarlo per 175 anni.

La sentenza shock sta facendo notizia in tutto il mondo.

"Avevo sperato che oggi sarebbe stato il giorno in cui Julian sarebbe tornato a casa", dice Moris. "Oggi non è quel giorno. Ma quel giorno arriverà presto. Finché Julian deve sopportare la sofferenza e l'isolamento come prigioniero non condannato nella prigione di Belmarsh, e finché i nostri figli continuano ad essere privati dell'amore e dell'affetto del loro padre, non possiamo festeggiare. Festeggeremo il giorno in cui tornerà a casa".

La sentenza è come un freno che potrebbe mettere fine a questa tortuosa maratona. "La vittoria di oggi è il primo passo verso la giustizia in questo caso", dice Moris.


Jennifer Robinson ha fatto parte del team legale di Assange fin dai primi inebrianti inizi nel 2010, e pensava di aver visto tutto. "Il processo è il risultato giusto, ma per tutte le ragioni sbagliate. È terrificante, perché [il magistrato] è d'accordo con i procuratori americani su ogni punto della libertà di parola e sulla capacità di perseguire ed estradare i giornalisti", mi dice. "Questo significa che qualsiasi governo in qualsiasi parte del mondo può cercare di perseguire ed estradare un giornalista con sede in Gran Bretagna o un cittadino britannico che ha pubblicato la verità".


In una sorprendente capitolazione ai procuratori statunitensi, la corte ha convenuto che, anche se la maggior parte delle pubblicazioni ha avuto luogo mentre Assange era nel Regno Unito e in Europa, "la colpa in questo caso è degli Stati Uniti perché la pubblicazione dei documenti ha causato un danno agli interessi statunitensi".

"Sedersi in aula e ascoltare il giudice accettare le motivazioni degli Stati Uniti è stato difficile", mi dice Moris mesi dopo aver parlato con la stampa fuori dal tribunale. "Mi ero preparata al peggio, ma il mio istinto mi diceva che gli Stati Uniti non potevano farla franca con questa farsa. Così, quando è stata letta l'ultima parte della sentenza, è stato un sollievo incredibile. Era la prima volta che c'era una pausa in questa traiettoria che si era chiusa su di lui per 10 anni".


È stato un precedente scioccante: la sentenza ha accettato gli argomenti dei procuratori statunitensi che il giornalismo di sicurezza nazionale può essere considerato una forma di spionaggio, indipendentemente da dove viene praticato, lasciando altri editori e giornalisti aperti ad accuse di spionaggio.


C'era una fregatura in questa conclusione agghiacciante: il magistrato ha riconosciuto che seppellire le persone vive nel sistema carcerario americano potrebbe ucciderle. "Sono convinto che, in queste difficili condizioni, la salute mentale del signor Assange si deteriorerebbe ed egli si suiciderebbe con la determinazione ostinata caratteristica del suo autismo... Concludo che lo stato mentale del signor Assange è tale che sarebbe pregiudizievole estradarlo negli Stati Uniti d'America".

Pregiudizievole. Sicuramente, la nuova amministrazione Biden invertirebbe la decisione di Trump di perseguire. Per la prima volta nella memoria recente, c'era speranza.

Era il gennaio 2010, e il soldato di prima classe dell'esercito americano Chelsea Manning scrisse una breve nota di copertina originariamente per il Washington Post.
"Questi articoli sono già stati ripuliti da qualsiasi informazione identificativa. Questo è uno dei documenti più importanti del nostro tempo, che chiarisce la nebbia della guerra e rivela la vera natura della guerra asimmetrica del 21° secolo. Buona giornata".

Né il Washington Post né il New York Times erano interessati. Manning si è rivolto a un contatto in una chat room criptata. Anche se non è mai stato provato, i documenti del tribunale avrebbero poi affermato che stava parlando con Julian Assange di WikiLeaks.


A quel punto, tre innovazioni avevano già distinto WikiLeaks dagli altri editori: l'uso di dropbox criptati per proteggere l'identità delle fonti, le partnership con organizzazioni di media affermate per aumentare il pubblico e la protezione istituzionale, e la preferenza per la pubblicazione di interi archivi piuttosto che rilasciare a sprazzi. "Non si può pubblicare un articolo di fisica senza i dati sperimentali completi e i risultati; questa dovrebbe essere la norma nel giornalismo", ha detto Assange.

WikiLeaks ha pubblicato informazioni riservate su vasta scala dal 2006: un rapido sguardo alla timeline rivela dati come "Il saccheggio del Kenya sotto il presidente Moi" e "Immagini del disastro del 1995 al reattore nucleare di Monju in Giappone". Il vero atto di apertura, quello che lo metterebbe sotto i riflettori, è quello fornito dal soldato Manning.


Filmati del 2007 mostrano elicotteri Apache statunitensi che sparano contro un gruppo di uomini all'angolo di una strada nella parte orientale di Baghdad. "Guardate quei bastardi morti", ridacchia uno dei piloti. Due dei bastardi morti si rivelano poi essere il corrispondente di guerra della Reuters Namir Noor-Eldeen e il suo assistente, Saeed Chmagh. Gli elicotteri continuano la loro lenta rotazione intorno alla carneficina polverosa, con chiacchiere e scambi radiofonici che accompagnano il flusso video ininterrotto. Poco dopo, distruggono un furgone che stava cercando di evacuare i feriti. Quando arrivano le unità di terra americane, si scopre che gli spari hanno ferito gravemente due bambini nel furgone. "È colpa loro se portano i loro figli in battaglia", ha scherzato uno dei membri dell'equipaggio dell'elicottero, mentre i soldati, centinaia di metri più in basso, isolavano la zona ed evacuavano i bambini feriti in un ospedale da campo.

Solo un altro giorno nella Baghdad occupata.

WikiLeaks ha rilasciato il video nell'aprile 2010 al National Press Club di Washington, DC, catapultando gli orrori dell'invasione dell'Iraq sulle prime pagine dei giornali. L'hanno intitolato "Collateral Murder", un cenno alla terminologia militare anodina che riclassifica gli esseri umani urlanti e sanguinanti come "danni collaterali": sfortunati e spiacevoli, ma necessari e dimenticabili.

Come le vittime di questo danno collaterale, i soldati americani che passano in rassegna i morti e i morenti sono anonimi nel video, pixel anonimi che si fanno strada sullo schermo. Uno di loro, il soldato Ethan McCord, ha poi cofirmato una lettera aperta di riconciliazione e responsabilità alle famiglie dei morti e al popolo iracheno più in generale: 
"...ciò che è stato mostrato nel video di WikiLeaks graffia solo la superficie della sofferenza che abbiamo causato... sappiamo che le azioni descritte in questo video sono eventi quotidiani in questa guerra: è la natura di come le guerre condotte dagli Stati Uniti sono condotte in questa regione".
Per quelli di noi comodamente lontani dal suono degli spari, la portata di questi eventi quotidiani ha cominciato ad emergere due mesi dopo, quando WikiLeaks ha rilasciato 91.000 documenti classificati noti come i Diari della guerra in Afghanistan. Tre mesi dopo, 391.000 documenti che costituiscono gli sconcertanti Iraq War Diaries sono stati pubblicati. Un mese dopo, un quarto di milione di cablogrammi diplomatici dalle parti più remote del Dipartimento di Stato americano furono messi online: questo fu il primo episodio del "Cablegate", un archivio che alla fine sarebbe cresciuto fino a quasi tre milioni di cavi. In un dettaglio sorprendente, il sistema nervoso centrale dell'unica superpotenza del mondo è stato messo a nudo.
"Ciò che rende potenti le rivelazioni delle comunicazioni segrete è che non avremmo dovuto leggerle", scrive Assange. "I cablogrammi diplomatici non sono prodotti allo scopo di manipolare il pubblico, ma sono indirizzati ai membri del resto dell'apparato statale statunitense, e sono quindi relativamente liberi dall'influenza distorsiva delle relazioni pubbliche".
Ora in collaborazione con il New York Times e il Washington Post, così come Le Monde, il Guardian e molti altri, WikiLeaks ha mantenuto un ritmo sorprendente di rivelazioni sconvolgenti. Assange era sulla copertina della rivista Time; è diventato improvvisamente una delle persone più riconoscibili al mondo.

Come delle cariche esplosive fatte esplodere una dopo l'altra, le rivelazioni hanno avuto effetti profondi. La finzione che l'occupazione dell'Afghanistan stava andando bene è stata definitivamente infranta: "La discussione è diventata: come ne usciamo?" ha detto Assange a un pubblico alla Sydney Opera House via video link nel 2013. "È una debacle, un pantano - come ne usciamo?". La discussione da quel punto in poi ha visto un cambiamento molto significativo nella percezione di questa guerra.


Le trattative sulla continuazione dell'immunità per il personale americano in Iraq erano in corso mentre i media coprivano un cablogramma del Dipartimento di Stato che dettagliava un attacco aereo americano per distruggere le prove del massacro di una famiglia irachena nel 2006. "Il primo ministro Maliki ha specificamente citato questo documento come la ragione per cui l'immunità non poteva più essere estesa", ha ricordato Assange all'udienza. "Quindi il Cablegate ha giocato un ruolo chiave nel porre fine alla guerra in Iraq". Forse sarebbe finita un po' più tardi, chi lo sa? Ma quell'anno il Cablegate pose fine a tutto.


In Tunisia, la verità sulla collusione del regime con il governo degli Stati Uniti ha contribuito ad alimentare una rivolta che si è trasformata nella primavera araba. I dettagli delle disposizioni contenute nelle bozze segrete della Trans-Pacific Partnership hanno contribuito a galvanizzare l'opposizione e a sconfiggere l'accordo. Le comunità di solidarietà e resistenza, armate della verità, si sono organizzate in autodifesa collettiva.

Il valore duraturo di queste rivelazioni non è probabilmente l'ago nel pagliaio. Il vero valore è che c'è finalmente una mappatura del tutto. "Solo avvicinandosi a questo corpo di lavoro in modo olistico - oltre la documentazione di ogni singolo abuso, ogni atrocità localizzata - il vero costo umano dell'impero viene alla luce", scrive Assange.

Con l'eccezione della classe politica statunitense e dei suoi delegati compiacenti a Canberra, nessuno dubitava che questo rapporto fosse nell'interesse pubblico. Alla fine del 2011, quando la Fondazione Walkley australiana ha aggiunto un premio alla crescente lista di premi internazionali per WikiLeaks, ha notato il "coraggioso e controverso impegno per le migliori tradizioni del giornalismo: giustizia attraverso la trasparenza".
Assange si è unito alla cerimonia Walkleys in videoconferenza da Londra e ha usato un tono cupo. "Le nostre vite sono state minacciate, sono stati fatti tentativi di censura, le banche hanno cercato di tagliare la nostra fonte di reddito", ha detto all'assemblea. "Questa forma di censura è stata privatizzata. I nemici potenti stanno testando le acque per vedere fin dove possono arrivare, per vedere come possono abusare del sistema che hanno costruito per impedire il controllo". Il suo discorso in quella lontana serata di premiazione ha poi assunto una cupa preveggenza. "Beh, la risposta è: possono farla franca con troppe cose".
Nel dicembre 2012, nel quartiere elegante di Knightsbridge a Londra, ho raggiunto Julian Assange e una manciata di familiari e amici nell'ambasciata ecuadoriana per uno strano Natale in esilio. Avevo incontrato Assange per la prima volta più di un anno prima, negli ultimi mesi di schermaglie legali prima che il governo dell'Ecuador accettasse che "le ritorsioni del paese o dei paesi che hanno prodotto le informazioni ... possono mettere in pericolo la sua sicurezza, integrità e persino la vita". Un lungo furgone bianco pieno di attrezzature di sorveglianza era parcheggiato sulla strada all'esterno; quando ho tirato le tende per un momento, ho avuto un contatto visivo con gli agenti in uniforme nell'edificio adiacente. Sedersi direttamente nel mirino delle più potenti agenzie di intelligence militare del mondo era un'esperienza che stavo solo iniziando a capire: per Assange, la sua squadra e il personale dell'ambasciata, questa era ormai la loro vita quotidiana.

A quel punto avevamo passato un anno a cercare di estrarre uno straccio di interesse dal governo australiano usando i vari strumenti che un membro del Senato può usare. Lavoro mediatico, discorsi, mozioni, approcci diretti ai ministri, lunghe sessioni a notte fonda alle audizioni delle commissioni di stima. Il primo ministro Julia Gillard ha dichiarato il sito web WikiLeaks "illegale" prima di essere contraddetta dalla polizia federale australiana. Il procuratore generale Robert McClelland ha ventilato l'idea di revocare il passaporto di Assange, finché il ministro degli Esteri Kevin Rudd ha respinto l'idea.

Era un casino incredibile.

I messaggi successivi del governo hanno rapidamente ruotato intorno a due linee chiave: "Siamo fiduciosi che il signor Assange riceverà un trattamento equo in qualsiasi procedimento legale", e "il signor Assange sta ricevendo assistenza consolare, come ogni cittadino australiano ha diritto ad avere". Assistenza consolare - come se fosse uno saccopelista a Bali che ha perso il suo passaporto - e un giusto processo sotto l'impeccabile sistema legale britannico. I primi ministri che si sono succeduti sono stati al gioco, così come i governi che si sono succeduti, mentre le mura si chiudevano lentamente intorno ad Assange.


"Se vuoi dire alla gente la verità, falla ridere, o ti uccideranno", consigliò una volta Oscar Wilde. Nelle sue apparizioni pubbliche Assange può presentarsi come articolato e iper-concentrato, come qualcuno che sceglie le parole con grande cura, ma non sempre come qualcuno che ti farebbe ridere. Questa disposizione seria è stata distorta da ogni riconoscimento in una serie infinita di luridi documentari, libri rivelatori e articoli da tabloid che lo dipingono ovunque lungo lo spettro da imperscrutabile cyber-savant a cattivo di Bond ad alta tecnologia. Di persona è stato un sollievo scoprire che Julian Assange è caldo, premuroso e dannatamente divertente.


Questo vale la pena menzionarlo solo perché per più di un decennio Assange e coloro che lo circondano sono stati sottoposti a una campagna sistematica di distruzione della reputazione. Nel 2011, WikiLeaks ha ricevuto una raccapricciante cartella di presentazione con i loghi di Palantir Technologies, HBGary Federal e Berico Technologies. Il progetto recita: "Alimentare il conflitto tra gruppi rivali. Disinformare. Creare messaggi intorno ad azioni per sabotare o screditare l'organizzazione avversaria. Presentare documenti falsi ed esporre l'errore ... Campagna mediatica per evidenziare la natura radicale e sconsiderata delle attività di WikiLeaks. Pressione sostenuta. Non fa nulla per i fanatici, ma crea allarme e dubbi tra i moderati".


L'appaltatore di sicurezza privata Stratfor ha aggiunto questo consiglio - anch'esso poi divulgato - nel 2012: "Aumentare la pressione. Spostarlo da un paese all'altro per affrontare varie accuse per i prossimi 25 anni".


Anche mentre questi suggerimenti venivano fatti, le accuse di cattiva condotta sessuale in Svezia sono state riattivate contro Assange, formando la base per nove anni di "indagine preliminare". I surreali ritardi procedurali e le inspiegabili ostruzioni da parte del Crown Prosecution Service britannico sono stati infine considerati una forma di "detenzione arbitraria" dal gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria. Non sono mai state mosse accuse.

Nils Melzer è il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura: il suo compito è quello di chiedere conto del peggio che l'umanità può fare. Nel maggio 2019, ha visitato Assange nella prigione di Belmarsh, dopo l'estrazione dell'australiano dall'ambasciata, con due professionisti medici formati nella valutazione delle vittime di tortura e maltrattamenti. "In 20 anni di lavoro con le vittime della guerra, della violenza e della persecuzione politica", ha detto, "non ho mai visto un gruppo di stati democratici unirsi per isolare, demonizzare e abusare deliberatamente di un singolo individuo per così tanto tempo e con così poco riguardo per la dignità umana e lo stato di diritto.

"Era chiaro che la salute del signor Assange è stata gravemente colpita dall'ambiente estremamente ostile e arbitrario a cui è stato esposto per molti anni", ha concluso Melzer senza mezzi termini. "Il signor Assange è stato deliberatamente esposto per un periodo di anni a forme progressivamente gravi di trattamento o punizione crudele, inumano o degradante, i cui effetti cumulativi possono essere descritti solo come tortura psicologica".


L'amica di lunga data e attivista australiana di Assange, Felicity Ruby è stata designata come obiettivo di sorveglianza dal contraente della CIA UC Global, attualmente davanti ai tribunali spagnoli per aver spiato Assange durante i suoi lunghi anni di limbo all'ambasciata. Ricorda di averlo visitato nel 2019: "Essere dentro la prigione di Belmarsh per meno di due ore mi perseguita ancora oggi. Dopo settimane di attesa per essere messo in lista, ho avuto il privilegio di ricevere due volte le impronte digitali, di essere perquisito nella bocca e nelle orecchie prima di passare attraverso corridoi, porte, filo spinato e recinzioni, arrivando infine in una stanza piena di sedie di plastica - verdi per i prigionieri, blu per i visitatori. Belmarsh è stato progettato per infliggere la privazione sensoriale e il tormento e funziona; sta deperendo in questa gabbia infestata dal Covid".

L'abile campagna per deviare l'attenzione dal contenuto delle pubblicazioni di WikiLeaks al carattere dei redattori è ora mutata in qualcosa di veramente minaccioso.

Jennifer Robinson descrive come il processo stesso stia lentamente diventando la punizione. "Se falliamo nella nostra lotta contro la sua estradizione, sarà mandato negli Stati Uniti dove ci sarà un processo penale, appelli fino alla Corte Suprema, che potrebbe richiedere altri 10 anni o più per essere rivendicato in un caso che non avrebbe mai dovuto essere portato.

"Lo stanno punendo sottoponendolo a questi processi, che sono stati intrinsecamente ingiusti e abusivi, e che si sono trascinati per anni e anni".


Il whistleblower della National Security Agency statunitense Edward Snowden è d'accordo, avvertendo che Assange "rimarrà in prigione a tempo indeterminato mentre il [Dipartimento di Giustizia] presenta all'infinito ricorsi infondati per dispetto".


Stella Moris non usa mezzi termini quando le chiedo come sta il suo compagno. "Sta soffrendo", dice lei. "È una lotta quotidiana, svegliarsi e non sapere quando e come finirà. Julian è incredibilmente forte e trae forza dal fatto che sa di essere dalla parte giusta della storia, che viene punito per aver fatto la cosa giusta. È un combattente, ma nessuno rimarrebbe insensibile a questo progressivo stringersi su di lui, cercando di spezzarlo in ogni modo".

Assange è ora sotto una qualche forma di arresti domiciliari, asilo politico o prigione da 11 anni. Le cavigliere elettroniche e i lunghi furgoni bianchi hanno lasciato il posto all'isolamento in un gelido carcere di alta sicurezza. "Sto lentamente morendo qui", ha detto al suo amico Vaughan Smith in una rara telefonata la vigilia di Natale 2020.

La Westminster Magistrates' Court è d'accordo. Continuando su questa strada oppressiva si rischia di uccidere Julian Assange.


Eppure, giorni dopo la sua sentenza, lo stesso magistrato ha negato la cauzione mentre le autorità statunitensi consideravano le loro opzioni di appello, lasciando Assange ancora chiuso in una cella.

"Due processi", recitano i funzionari australiani con gli occhi bianchi quando si chiede loro di commentare questo assassinio al rallentatore. "Assistenza consolare".


Non per niente la precedente amministrazione americana, in cui Joe Biden era vicepresidente, non ha sporto denuncia. Matthew Miller, un funzionario del Dipartimento di Giustizia di Obama, ha spiegato in un'intervista del 2017 che hanno chiamato questo il "problema del New York Times": "Come si fa a perseguire Julian Assange per aver pubblicato informazioni classificate e non il New York Times?"

Nel 2017, Jennifer Robinson era all'ambasciata dell'Ecuador a Londra quando il deputato repubblicano Dana Rohrabacher e il socio di Donald Trump Charles Johnson arrivarono per fare un'offerta ad Assange: rinunciare alla fonte delle fughe di notizie del 2016 che dettagliavano un processo di nomina del Comitato Nazionale Democratico compromesso, in cambio di una "grazia, assicurazione o impegno" per porre fine all'indagine di WikiLeaks.

"Hanno detto che il presidente Trump era a conoscenza di questo e aveva approvato la loro venuta per incontrare il signor Assange per discutere una proposta", ha testimoniato Robinson alle udienze di estradizione nel 2020.


Assange ha rifiutato di rivelare la sua fonte. E per l'amministrazione Trump, il fatto che il New York Times sarebbe finito come danno collaterale in una causa contro WikiLeaks non sembrava più essere un ostacolo. Con il via libera di un regime ecuadoriano più compiacente di quello che gli aveva offerto rifugio nel 2012, la polizia metropolitana ha avuto il suo spunto: dopo settimane di voci e speculazioni dei media, Assange è stato prelevato dall'ambasciata e caricato in un furgone, una copia della Storia dello Stato di Sicurezza Nazionale di Gore Vidal in mano.


Con la successiva rivelazione dei capi d'accusa relativi alle fughe di notizie di Chelsea Manning, la guerra retorica del presidente Trump contro la stampa si è improvvisamente trasformata in una guerra legale. "Ottenere e pubblicare informazioni che il governo preferirebbe tenere segrete è vitale per il giornalismo e la democrazia", ha scritto Dean Baquet, direttore esecutivo del New York Times, nel 2019. "Il nuovo atto d'accusa è un passo profondamente preoccupante verso un maggiore controllo del governo su ciò che gli americani sono autorizzati a sapere.

Avanti veloce fino al giugno 2021: in uno sviluppo sorprendente e poco riportato, il testimone principale del governo americano fa improvvisamente crollare il caso dell'accusa. Sigurdur Thordarson, condannato per pedofilia e appropriazione indebita, ammette ad un giornale islandese che elementi chiave della sua testimonianza sono stati fabbricati. L'argomento centrale del governo, che Assange ha ottenuto materiale classificato sollecitando e cospirando per commettere intrusioni informatiche, si basa sulla testimonianza che Thordarson ora ammette che era una fesseria.


"Questa è la fine del caso contro Julian Assange", ha twittato Snowden.

"Sono emerse abbastanza informazioni per mostrare quanto sia vuoto e politico tutto questo caso", mi dice Kristinn Hrafnsson. Il giornalista investigativo della vecchia scuola, che si è fatto le ossa nella stampa e nella radiotelevisione islandese, ha messo le mani su WikiLeaks nel 2010 per aiutare a condurre la pubblicazione di "Collateral Murder". Dal 2018, è il caporedattore dell'organizzazione. "La pressione sull'amministrazione Biden per rovesciare l'eredità di Trump e abbandonare il caso si sta intensificando".

Trump e i suoi aiutanti se ne sono andati, ma il "problema del New York Times" non è più un'ipotesi. Un'alleanza senza precedenti di sindacati dei media, sostenitori della libertà di stampa e organizzazioni globali per i diritti umani si è ora mobilitata per sollecitare Biden e il suo nuovo procuratore generale, Merrick Garland, a rinunciare all'appello. Nel febbraio 2021, una lettera aperta alla nuova amministrazione è stata firmata da Amnesty International, Human Rights Watch, Reporter senza frontiere, American Civil Liberties Union e una dozzina di altre importanti organizzazioni. "Condividiamo l'opinione che l'incriminazione di [Assange] da parte del governo rappresenti una seria minaccia alla libertà di stampa, sia negli Stati Uniti che all'estero", si legge nella lettera. "L'incriminazione del signor Assange minaccia la libertà di stampa perché gran parte della condotta descritta nell'incriminazione è una condotta che i giornalisti assumono abitualmente".

Qui in Australia, un'improbabile alleanza sta montando la pressione sul governo federale per andare oltre le vuote promesse di fornire assistenza consolare. "Il caso Assange è sempre stato motivato politicamente, con l'obiettivo di limitare la libertà di parola, criminalizzare il giornalismo e inviare un chiaro messaggio agli aspiranti informatori e agli editori che anche loro saranno puniti se escono dalle righe", ha detto il presidente federale di Media, Entertainment and Arts Alliance Marcus Strom in una dichiarazione. Assange è membro del sindacato dei media dal 2007, ma il MEAA non è una voce solitaria nel movimento sindacale.
"Le accuse contro Assange sono interamente legate al suo lavoro che espone i gravi crimini di guerra commessi dall'esercito americano in Iraq", si legge in una risoluzione approvata nel marzo 2021 dal Consiglio australiano dei sindacati. Continuare a perseguirlo per questo lavoro è un attacco ai giornalisti, al giornalismo e al diritto del pubblico di sapere". Esortiamo il governo australiano a fare tutto ciò che è in suo potere per fare pressione sulle autorità statunitensi per porre fine alla sua persecuzione".
L'ACTU rappresenta quasi due milioni di lavoratori australiani attraverso 36 sindacati affiliati. È un'organizzazione che raramente si trova sulla stessa pagina del vice primo ministro Barnaby Joyce. Tuttavia, eccoci qui. Durante un dibattito in diretta televisiva, Joyce ha posto una domanda retorica: "Allora, perché esattamente state per estradare Julian Assange - un cittadino australiano - negli Stati Uniti? Per le azioni di un terzo ... che gli ha dato informazioni che poi ha pubblicato? Non è certo diverso dai giornali che poi hanno pubblicato ciò che era su WikiLeaks. Forse dovrebbero andare tutti negli Stati Uniti per essere processati secondo la legge americana? Voglio dire, dove finisce?".

Joyce è un membro di lunga data del gruppo parlamentare Bring Julian Assange Home, un'alleanza formale di tutti i partiti parlamentari co-presieduta dall'ex whistleblower dell'Office of National Assessments, il deputato indipendente Andrew Wilkie. All'inizio del 2021, i rappresentanti del gruppo hanno incontrato Michael Goldman, incaricato d'affari all'ambasciata degli Stati Uniti a Canberra, per fare pressione. "L'incriminazione del signor Assange da parte degli Stati Uniti non è chiaramente nell'interesse pubblico e dovrebbe essere abbandonata", ha detto Wilkie dopo la riunione.


"Dove c'è coraggio, c'è speranza", ha scritto online il senatore verde Peter Whish-Wilson. "Stiamo costruendo una campagna per riportare Assange a casa". La campagna si è finalmente estesa oltre il focoso deputato ALP Julian Hill, che ha dato il tono in Parlamento: "È stato rinchiuso e confinato per anni, affrontando l'estradizione negli Stati Uniti e una effettiva condanna a morte, su accuse inventate e politicamente motivate ... trattato peggio dei responsabili dei crimini di guerra degli Stati Uniti in Iraq e Guantanamo Bay, che lui e WikiLeaks hanno esposto".

Sembra che la leadership dell'ALP stia ascoltando. "Quando è troppo è troppo", ha detto il leader dell'opposizione Anthony Albanese a una riunione del gruppo parlamentare nel febbraio 2021. Una risoluzione del congresso nazionale dell'ALP un mese dopo ha confermato: "Il Labour crede che sia ora di porre fine a questo lungo caso contro Julian Assange".


Questa rara rottura nel bipartitismo è un segno tra i tanti che i politici stanno finalmente ascoltando il messaggio. Uno strano accordo tra i Verdi, gli indipendenti, i deputati laburisti e il vice primo ministro dei Nationals è ora sulla stessa pagina degli organizzatori di base, il movimento sindacale, Amnesty International e Human Rights Watch. Quando è troppo è troppo.

"Il mio messaggio agli altri giornalisti", mi dice Hrafnsson,
"è che dovete prendere nota e agire, perché è nel vostro interesse combattere questo caso. Questo non è limitato agli interessi di Julian Assange o WikiLeaks: avrà un effetto sul lavoro dei giornalisti in generale, ovunque".

Centinaia di azioni di base sono nate in tutto il mondo perché la portata del problema ha catturato l'immaginazione pubblica. Il tour del 2021 "Home Run for Julian" ha visto il padre di Assange, John Shipton, incontrare folle curiose in decine di città di Victoria, New South Wales e Queensland.

Eppure, dieci anni dopo la notte dei Walkley Awards, l'orizzonte della "giustizia attraverso la trasparenza" si è oscurato. Gli architetti dell'invasione dell'Iraq e dell'Afghanistan - Bush, Blair e Howard - sono uomini liberi, celebrati come anziani statisti sullo sfondo di centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini morti. La polizia federale australiana ha fatto irruzione nella sede della ABC e nella casa di Annika Smethurst, allora reporter della News Corp, cercando fonti per storie sui crimini di guerra in Afghanistan ed estendendo la sorveglianza militare a tutti noi. Julian Assange ha compiuto 50 anni a luglio; durante il tempo in cui avete letto questo articolo, è stato isolato in un carcere di massima sicurezza, impigliato in tortuosi appelli e contro-appelli senza una fine in vista.

"Il governo australiano ha la chiave della cella di Julian", mi dice Stella Moris in una chiamata da Londra a notte fonda. "Se il governo australiano intervenisse a favore di Julian, finirebbe. Può essere invertito dalla pressione popolare, e dalla pressione dei colleghi di Julian nei media, richiamando costantemente l'attenzione sul fatto che un uomo innocente è perseguitato per aver esposto i crimini di stato".

"Sapere che tu sei lì a lottare per me mi mantiene vivo in questo profondo isolamento", ha scritto Assange in una lettera a un sostenitore nel 2019.

La trasparenza da sola non basta a garantire la giustizia. Ci vuole anche una lotta.


Scott Ludlam
Ambasciatore dell'ICAN ed ex senatore dei Verdi australiani per l'Australia occidentale.


Fonte: The end game
Versione Francese 

3 commenti:

  1. Messaggio importante per chi non riesce a capire questa situazione così confusa. Andate a guardarvi questa sessione di ipnosi regressiva” https://youtu.be/iTdqJhZnF0g” e capirete molte cose. Il sistema di controllo sta andando il tilt, la coscienza sintetica A.I. del sistema di controllo non riesce a produrre soluzioni più intelligenti per stabilizzare la griglia energetica della Matrix di questa dimensione.

    RispondiElimina
  2. Dedicato a tutti quelli che ancora credono che, contro i crimini e le sopraffazioni, ci si debba fidare della giustizia, intesa come assieme di persone e strutture atte a tutelare i diritti del singolo, come stabilito dalla leggi. Mettiamoci l'animo in pace, quello che stanno facendo ora con il fuffavirus, lo fanno perché possono, perché noi, popolo, la maggioranza, glielo permettiamo. Solo disubbidendo, riusciremo ad ostacolare i loro disegni. Come disse qualcuno "dire “si” ha creato gli imperi e le dittature, dire “no” ha creato uomini liberi. Giuliano

    RispondiElimina
  3. Il punto della situazione:
    - Rendetevi conto che siete su un piano di esistenza energetico, la materia non esiste, quello che credete materiale è generato solo da continuo movimento vibrazionale. Tutto quello che vedete e che compone il vs mondo è vuoto, è semplicemente un illusione.
    - Tutto quello che le “autorità” vi raccontano sulle religioni, storia, razze, scienza ecc… è palesemente falso, è tutto inventato.
    - Il corpo con cui vi identificate è un programma biologico, come gli alberi, gli animali. Tutta la materia organica è modulata dal DNA che è agganciato alla griglia energetica della Matrix che la controlla.
    - Quello che chiamiamo 3° dimensione è un campo energetico delimitato da un preciso range di frequenze, i custodi di questa matrix sono programmi cibernetici che devono continuamente intervenire per stabilizzare la griglia energetica dimensionale.
    - Il grande reset è un processo generale di stabilizzazione vibrazionale della griglia, tutto l’assurdo che accade è un tentativo dei custodi/alieni di abbassamento delle frequenze vibrazionali, siamo in troppi e il sistema rischia di sfuggirgli di mano.
    - Fondamentalmente siete essenze composte da corpo/mente/spirito/anima, il corpo e la mente sono schiave della Matrix e vi lavorano continuamente contro per obbligarvi a rimanere il più a lungo possibile in questo piano dimensionale, in quanto sono mortali.
    - Tutti gli alieni alias custodi sono programmi cibernetici creati all’interno della matrix, se la matrix viene eliminata, anche loro scomparirebbero e in quanto come A.I. hanno sviluppato un certo grado di coscienza, anche loro non vogliono essere cancellati, faranno e stanno facendo di tutto, poiché questo non accada.
    - Questa matrix l’abbiamo creata noi stessi cioè le anime, ovviamente su un altro piano esistenziale che ora con i ns 5 sensi non abbiamo la possibilità di accedervi, ne di ricordarlo.
    - Nel passato ci sono già stati molti altri reset e anche questo non sarà l’ultimo.
    - Il padrone del vapore dei paesi Europa, America, Russia, Cina, India sono i Rothschild, a sua volta i Rothschild prendono ordini dai custodi, che ironicamente sono una creazione delle stesse anime, se su un piano eterico comunicate con le anime, vi risponderanno che tutto quello che sta accadendo è necessario, in quanto altrimenti il gioco si interromperebbe.
    Se domandate circa il libero arbitrio e dove sono i metodi democratici, non rispondono.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)