Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

11 novembre 2017

Uno sbadiglio: ecco come la maggior parte degli israeliani risponde al furto di terra

Cosa succederebbe se persone sconosciute in Iran, Francia o Venezuela attaccassero commercianti ebrei e li costringessero a chiudere i loro negozi? Quali scuse ed espressioni di sorpresa avremmo dovuto ascoltare dai nostri diplomatici dell'Unione Europea e delle Nazioni Unite e da chi sa chi altro? Con quanta gioia i vari investigatori avrebbero manipolato l'odio crescente nei media grafici, avrebbero parlato con grande dettaglio delle inquietanti caratteristiche antisemite e rifuggendo i ricordi dimenticati del furto del sostentamento e della distruzione delle proprietà ebraiche.

Ma per noi israeliani, questa questione retorica ha perso il suo potere di educare, imbarazzare e far vergognare. Il fatto che tanti israeliani siano coinvolti nel rapinare tanti palestinesi del loro sostentamento non si registra neppure nelle nostre basi demografiche che sono destinate a registrare solo furti agricoli, per esempio apparentemente perpetrati dai palestinesi. 
D'altro canto, tutte le azioni che svolgiamo in modo ordinario in modo che i palestinesi perdano le loro fonti di sostentamento stanno causando un grande sbadiglio. Qui già potete sentirlo.

Questa questione retorica non è rivolta agli israeliani, perché sono i potenziali beneficiari della rapina, se non quelli che già ne beneficiano. Un esempio piccolo e parziale di tempi recenti: secondo le relazioni complementari dell'Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari dell'ONU (OCHA) e le organizzazioni dei rabbini per i Diritti Umani e Yesh Din nelle ultime settimane, i vandali hanno saccheggiato più di 1.000 olivi in 11 villaggi della Cisgiordania: Azzamat, Awarta, Yanun, Burin, Krayot, Far'ata, Jit, Sinjil, al-Mughayr, al-Janiya, al-Khader. Inoltre, individui non identificati, che sembravano israeliti, hanno attaccato ed espulso i raccoglitori dai villaggi di Deir al-Khattab,, Burin, A-Sawiya e Kafr Qalil.

Tranne a Burin, dove l'esercito ha individuato alcuni degli ebrei saccheggiatori e restituito il raccolto al suo proprietario, hanno perso tempo, denaro e sforzo. Nella maggior parte dei villaggi, si tratta di aree in cui gli avamposti e le colonie hanno creato circoli di intimidazione e violenza attorno a loro, mentre l'esercito punisce i palestinesi e limita l'accesso alle loro terre. In questo modo, si prepara affinché entro pochi anni la zona sia libera per costruire un altro quartiere di lusso. Coloro che sono interessati sapranno che presto potranno acquistare una villa a basso prezzo con una magnifica vista. Ecco perché sbadigliano.

Ci sono furti da parte degli individui, per così dire, e c'è un furto di stato. Nel villaggio di Wallajeh, per esempio. È molto probabile che questo sia l'ultimo anno in cui ha avuto luogo la raccolta delle olive. Il prossimo anno i residenti della città saranno soggetti al sistema di autorizzazione per raggiungere la loro terra attraverso un cancello agricolo nel muro di separazione, che sarà aperto solo quando l'Amministrazione Civile dell'Amministrazione Agricola decide di aprirlo per due o tre mesi anno.

Venerdì scorso un residente del villaggio di Walaja e alcuni volontari israeliani di "Engaged Dharma", si sono uniti alla raccolta della loro terra, preferendo parlare di cose piacevoli durante il lavoro: la qualità dell'olio, le olive carnose che crescono sugli alberi accanto alla piscina, le olive più raggrinzite raccolte dalla terrazza inferiore, il buon gusto dei ravanelli e le cipolle verdi che crescono tra gli alberi. L'anno prossimo gli abitanti del villaggio si troveranno con condizioni rigorose per la l'ottenimento di un permesso, in contraddizione con le pratiche del collettivo palestinese di trasformazione, e molto probabilmente non avranno la possibilità di continuare a coltivare le verdure in quel luogo. Quelli che sbadigliano stanno già passeggiando attraverso le terre di Walaja, che sono state dichiarate parco nazionale per il riposo e relax, giostre e una sacra immersione per gli ebrei. E se Dio vuole, il prossimo anno, quando la costruzione del muro sarà completa, non si vedranno palestinesi, i legittimi proprietari.

La retorica qui spiega perché un boicottaggio europeo e sudamericano, per esempio, dei prodotti agricoli israeliani, è necessario e giustificato. Forse è l'unica cosa che potrebbe far mettere di sbadigliare gli Israeliani.

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)