Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

26 ottobre 2017

Similitudini e differenze tra Spagna e Venezuela


Lo sviluppo di eventi in Catalogna sta generando molte discussioni sulla leicità, legittimità o legalità di alcuni atti, sia da parte del governo catalano che da quello spagnolo. Si discute, ad esempio, se il governo agisce unilateralmente o lo fa con l'approvazione di giudici o tribunali, si discute anche se azioni giudicate illegali da parte dei giudici raggiungono la legittimità quando sono supportate da centinaia di migliaia di persone in strada. Tutto questo, ovviamente, è passato attraverso i media, che sono il filtro con il quale i cittadini vedono la realtà da molto tempo.

Questi elementi mi fanno percepire alcune somiglianze con il Venezuela che vale la pena analizzare, tra le altre cose, ed evidenziare i due pesi e due misure di molti. Tuttavia, ci sono alcuni elementi diversi che dobbiamo anche prendere in considerazione. Vediamoli.

Rivendicazioni e manifestazioni

Similitudini:
In Venezuela e in Catalogna, migliaia di dimostranti si sono recati in piazza con richieste che non erano in linea con la normativa vigente e che non disponevano di un sostegno legislativo sufficiente negli organi competenti. In Venezuela hanno chiesto le dimissioni del presidente e la sospensione dell'Assemblea Costituente (convocata da Maduro con l'avallo della Costituzione), nessuna di queste due rivendicazioni aveva un sostegno legale. In Catalogna, chiedono che il referendum del 1° ottobre sia vincolante, anche se non è conforme alla legge spagnola.
A seconda della latitudine questo individuo può essere considerato:
a) Un manifestante che protesta   
b) Un violento radicale anti-sistema
Molte delle voci che evidenziavano le migliaia di manifestanti di opposizione in Venezuela e la necessità che il governo di Maduro negoziasse o accettasse queste richieste, quando si tratta della Spagna, si limitano semplicemente a ricordare la legalità e chiedono ai dimostranti e ai politici indipendentisti di abbandonare l'illegalità ed accettare l'ordine costituzionale. Proprio questo era l'argomento avanzato dai difensori del chavismo: l'opposizione non aveva vinto le elezioni presidenziali, per cui dovevano accettare il presidente eletto e le decisioni che ha preso nell'ambito dei suoi poteri giuridici.

Differenze:
Mentre le dimostrazioni catalane erano sempre pacifiche, i venezuelani erano estremamente violenti. In Venezuela, gli oppositori hanno sparato a candidati sostenitorti dell governohanno bruciato vivi alcuni cittadini Chavisti e nello stesso giorno hanno ferito 21 agenti di polizia. Nonostante ciò, i governanti spagnoli e la maggior parte dei media hanno descritto il governo venezuelano come una dittatura violenta e hanno sostenuto l'opposizione. Tuttavia, quando si trattava della Catalogna, hanno difeso la legalità della Spagna, minimizzando la violenza vissuta nelle strade.

Referendum

Similitudini:
Sia in Venezuela che in Catalogna sono stati tenuti due referendum che non erano autorizzati dai governi del paese e giuridicamente non vincolanti. Quello venezuelano si è svolto il 16 luglio ed è stato convocato dall'opposizione per chiedere la sospensione delle elezioni per un'Assemblea Costituente annunciata dal presidente Nicolás Maduro. Quel referendum non godeva di nessuna approvazione nella legislazione venezuelana, né aveva garanzie democratiche o riconoscimenti internazionali. 
Nonostante questo, è stato descritto dalla maggioranza della stampa spagnola come una "votazione storica nella consultazione elettorale" che "ha dimostrato il muscolo dell'opposizione"
Lo stesso accade con il referendum della Catalogna il 1° ottobre, che non aveva alcun legame vincolante nella legislazione spagnola, né aveva garanzie democratiche o riconoscimenti internazionali. Ecco perché la maggior parte dei media ha sempre aggiunto il termine "illegale" quando ha parlato del referendum, cosa che non aveva fatto con quello del Venezuela, la cosa più critica che ha detto di esso è stato chiamarlo "non ufficiale". Naturalmente non hanno qualificato il referendum catalano come un voto storico o un muscolo dell'indipendenza, al contrario, hanno insistito sul fatto che il risultato non era né rigoroso né affidabile e non permetteva alla maggioranza del popolo catalano di arrogarsi.

Differenze:
Mentre il referendum catalano si è tenuto con cariche della poliziaarresti e centinaia di feriti, in Venezuela le autorità hanno permesso le votazioni e non c'è stata alcuna repressione della polizia contro gli elettori che hanno potuto partecipare senza alcun problema.

Detenzioni

Similitudini: 
Sia in Venezuela che in Catalogna, alcuni leader sono finiti in prigione. In entrambi i casi non sono stati incarcerati dal governo, ma dai giudici. Non è quindi ammissibile che la quasi unanimità mediatica affermi che Maduro imprigiona politici dell'opposizione e ignora che si trattava di una decisione giudiziaria, mentre ora insiste che i leader catalani di Omnium e ANC siano andati in prigione per un ordine giudiziario e non per decisione del governo. È inaccettabile che in Venezuela Leopoldo López e Antonio Ledezma siano "prigionieri politici" e in Spagna Jordi Cuixat e Jordi Sánchez sono "politici prigionieri".
Differenze:
Anche se tutti i prigionieri sono accusati di agire contro l'ordine giuridico (sedizione gli uni e istigazione pubblica gli altri), le mobilizzazioni che attuò e guidò Leopoldo Sánchez erano violente e provocarono la morte di 43 persone, centinaia di feriti e numerosi danni materiali ad infrastrutture pubbliche e private, senza che questo sia menzionato dalla stampa quando informa della sua carcerazione. Le dimostrazioni guidate da Jordi Cuixat e Jordi Sánchez non hanno causato né morti né feriti e i danni materiali sono stati limitati a tre auto della guardia civile.
Sistema giudiziario

Similitudini:
In entrambi i paesi, il procuratore generale e gli alti tribunali sono eletti con criteri politici. Nel caso del procuratore lo scelgono i governi, è evidente quindi, che sono cinghie di trasmissione del governo e la loro missione è perseguire, in nome dello Stato, ciò che è considerato un crimine. Quindi, se il governo ritiene che determinate azioni siano reati, è logico che il procuratore avvii procedimenti penali e chieda la pena, inclusa la detenzione. Per questo motivo il procuratore del Venezuela ha perseguito e chiesto la detenzione per gli oppositori che ritenevano aver commesso qualche crimine e gli spagnoli lo stesso contro i politici o i leader catalani.

Differenze:
Tuttavia, la maggior parte dei media spagnoli ha continuato a insistere sul fatto che la giustizia venezuelana non era indipendente e che il governo avesse assunto il controllo dell'azione penale, come se in Spagna fosse diverso. Vennero diffuse immagini del procuratore del caso di Leopoldo López che lasciava il Venezuela per stabilirsi negli Stati Uniti, accusando il governo di avergli fatto pressioni. Era ancora la versione e l'interpretazione di una singola persona senza ulteriori prove, inoltre era illogico aver accettato pressioni durante il processo, e solo dopo la sentenza lasciare il paese per denunciarlo, sarebbe stato sufficiente rinunciare alla sua carica e non accettare di essere parte della situazione. Invece, in Spagna, il procuratore generale dello Stato, è stato respinto dalla maggioranza dei deputati del parlamento spagnolo. PSOE, Unidos Podemos, Ciudadanos, PNV, ERC e parte del Gruppo Misto hanno sostenuto una mozione che chiede il licenziamento del procuratore per la sua parzialità e per "violazione grave e ripetuta delle sue funzioni".

Ritengo che sia necessario chiarire che non sto prendendo posizione sulla questione catalana, non è lo scopo di questa analisi, mi limito ad esporre due situazioni e verificare che, effettivamente, i confronti possono essere odiosi. E chiarificatori. 


Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)