Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

11 gennaio 2016

Una nuova moneta unica africana sarebbe la vera causa dell'intervento francese in Libia

Sulla base delle informazioni trovate nelle lettere di Hillary Clinton declassificate il ​​31 dicembre, la vera ragione dell'intervento in Libia è l'oro che avrebbe impedito i piani di Nicolas Sarkozy ha in programma di espandere la sua influenza nella regione.
La corrispondenza dell'ex Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha mostrato che nel 2011, Gheddafi aveva 143 tonnellate d'oro e 143 tonnellate di argento con cui avrebbe voluto creare una nuova moneta unica per l'Africa e fornire ai paesi francofoni africani un'alternativa al "franco CFA."
"L'oro era stato raccolto prima della rivolta in corso e doveva essere utilizzato per la creazione di una moneta panafricana di base sul dinaro libico", si legge nella mail dell'ex segretario di stato.
In totale, il valore di tali riserve era pari a circa 7 miliardi.

In Africa, le zone del franco sono aree monetarie ed economiche nel territorio di diversi Stati dell'ex impero coloniale francese, oltre a Camerun, Togo, Guinea Equatoriale e Guinea-Bissau. Dopo l'indipendenza, la maggior parte di questi nuovi stati sono rimasti in un'unione monetaria omogenea.

Secondo lo stesso documento, il governo di Nicolas Sarkozy temeva che questa nuova moneta permettesse al Nord Africa di ottenere un'indipendenza economica, che non avrebbe fatto gli interessi della Francia e di tutta l'Europa. Questi dati di intelligence sarebbero "uno dei fattori che hanno costretto il presidente Nicolas Sarkozy ad avviare l'intervento in Libia" e non per proteggere le vite dei civili, come descritto dalla dottrina della responsabilità di proteggere, secondo il consigliere informale di Hillary Clinton, Sidney Blumenthal.

L'intervento militare in Libia è iniziato nel 2011 sotto l'egida delle Nazioni Unite, ed è stato condotto tra il 19 marzo e il 31 ottobre 2011 per l'attuazione della risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il cui scopo era quello di "prendere tutte le misure necessarie, in deroga al paragrafo 9 della risoluzione 1970 (2011) per proteggere i civili e le aree popolate da civili sotto minaccia di attacco nella Giamahiria araba libica". La Francia, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada hanno partecipato nonostante le critiche provenienti da diversi paesi.

Fonte: RT.com

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)