Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

2 febbraio 2014

MESSICO: La Discriminazione Condanna gli Indigenii alla Povertà e all'Esclusione Sociale

Essere indigeno in Messico può diventare sinonimo di emarginazione. Il territorio di Oaxaca, con un alto tasso di aborigeni, è il luogo dove si sente maggiormente il peso di questa discriminazione economica e morale.
La discriminazione nei confronti dei popoli indigeni del Messico è uno dei grandi problemi del paese e anche uno dei suoi tabù più profondi. Lo stile di vita e la cultura di questi popoli sono minacciati dalla mancanza di un quadro di tutela e di riconoscimento che li aiuti a sopravvivere. Questo fatto è più evidente nello stato di Oaxaca, dove il 58% della popolazione è indigena e dove l'esclusione è all'ordine del giorno. 

RT.com ha parlato con il segretario degli affari indigeni dello stato di Oaxaca, Adelfo Regino Montes. "Molte delle nostre comunità e molti dei comuni di Oaxaca sono caratterizzati da un'alta emarginazione, e i tassi di povertà e di esclusione sono estremamente elevati rispetto allo standard medio nazionale", ha detto il funzionario.



Inoltre, il 34% della popolazione parla una qualsiasi delle 15 lingue indigene dello stato di Oaxaca , una ricchezza culturale che diventa un altro motivo di discriminazione.
"Spesso una persona viene discriminata a causa del suo colore, il suo aspetto fisico, per il fatto che non parla castigliano o non lo parla correttamente. Cioè c'è una discriminazione molto diffusa per l'identità etnica e culturale, e questa discriminazione, purtroppo, la viviamo molto spesso", aggiunge.

Le scarse opportunità che i popoli indigeni trovano nelle loro città e comunità li porta a migrare verso le grandi città del paese in cerca di un futuro migliore. Una di queste persone è stata Veronica Lorenzo, un'artigiana e imprenditrice indigena che ha lasciato il suo piccolo paese di Jamiltepec per tentare la fortuna a Oaxaca come commerciante di artigianato indigeno. Poi le barriere si fecero evidenti.

"Il più grande ostacolo è che non parlano spagnolo", insiste il leader indigeno. "Quando sono arrivato in città molte porte non si sarebbero aperte per me. Ho imparato lo spagnolo come seconda lingua per necessità e anche per il desiderio di andare avanti. E' difficile. Beh, come le persone ci vedono così ci trattano. Se non puoi parlare spagnolo qui in città, le persone se ne approfittano".

Molti anni sono passati da quando dall'arrivo di Veronica in città ed ora la sua missione è quella di facilitare l'adattamento dei giovani indigeni di lasciano il villaggio. La sua casa divennne un rifugio per i giovani che vengono a tentare la fortuna in città. Offre loro un tetto e cibo affinché l'adattamento non sia così difficile. I ragazzi sfruttare appieno questo strumento approfittando dei loro studi e sforzi e reinvestendo le proprie conoscenze nella comunità.

"Ho ricevuto molto aiuto da esso. Quando sono arrivato per studiare era la prima volta che venivo nella città di Oaxaca e non sapevo nulla", dice Ronaldo, studente di medicina. "La cosa più importante per me era avere dove dormire e anche avere un pezzo di città qui. Poi il transito verso la comunità cittadina fu più digeribile", aggiunge.

"Nel caso degli avvocati, [indigeni] hanno bisogno di traduttori, e io posso intervenire in questo senso, come traduttore per sostenere e vedere che non si violino i diritti umani del mio popolo", dice Cirillo, un giovane avvocato indigeno. "Ci sono molti indigeni che sono in carcere solo perché non potevano difendersi", dice.

Più profonde sono le barriere, più grandi sono gli  abusi, più gli indigeni si aiutano a vicenda. Essi sanno che la chiave è nel prepararsie e difendere il loro stile di vita. Inoltre, gli indigeni che fanno parte dell'Amministrazione lottano ogni giorno per realizzare quadri giuridici per l'integrazione e lo sviluppo del loro popolo. L'obiettivo è quello di porre fine alla discriminazione e gettare le basi di un futuro dignitoso per le nuove generazioni di indigeni in Messico.

I popoli indigeni in Messico sono sempre stati sottomessi e mai considerati come popoli indipendenti. Andrés Díaz Fernández, coordinatore dell'Area di Difesa del Centro dei Diritti Umani Miguel Agustín Pro Juárez.
"Viviamo in una società che ha sempre avuto questi livelli di discriminazione non solo per l'origine indigena delle persone, ma anche per motivi economici, per motivi di razza, pelle, questioni di classe sociale".
"Quando gli indigeni sono stati in momenti storici di lotta, come durante l'indipendenza e la rivoluzione, sono stati dominati e utilizzati dalla borghesia che ha guidato questi movimenti sociali nazionali e mai è stato permesso loro di continuare il proprio sviluppo" spiega.

"Si pensava che l'indigeno dovrebbe integrarsi nella società messicana, vale a dire, il nativo deve venire con il meticcio, perché il meticcio rappresenta il progetto di nazione unica", insiste, aggiungendo che gli indigeni non sono mai stati considerati come "popoli indipendenti , popoli indigeni, che hanno altri processi e altri modi di essere".

"Lo stato vuole semore gestire l' indigeno e l'indigeno non è mai coinvolto nella gestione dello Stato" termina, assicurando che in tutta l'America Latina si possono vedere casi simili a quello messicano.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)