Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

11 giugno 2010

BRITISH PETROLEUM: UNA CATASTROFE ACCIDENTALE?

Mentre la pioggia tossica causata dalla fuoriuscita della BP ha cominciato a distruggere coltivazioni nel Tenesse, aumentano i sospetti sull’intenzionalità dello stesso.

Un rapporto del Ministero delle Risorse Naturali della Federazione Russa avverte che la fuoriuscita di petrolio e gas della BP nel Golfo di Messico è sul punto di trasformarsi nella peggior catastrofe ambientale di tutta la storia.
Gli scienzialti russi stanno segnalando i primi danni per la “pioggia tossica” nello stato del Tennessee. Informazioni stampa di questa regione confermano queste voci in base a quanto si legge nel Servizio di Notizie WREG nell' articolo intitolato “Misteriosi danni alle coltivazioni minacciano centinaia di ettari”.
“Le troviamo ovunque, nelle erbe, nei fiori, nei ciliegi, nella gramigna”, ha detto l’agricoltore Toni Holt riferendosi alle misteriose macchie biancastre che stanno sterminando le sue coltivazioni”. Sembra che siano dappertutto.
Holt coltiva prodotti organici che vende nei mercati degli agricoltori della zona. Mentre lui ed altri contadini ispezionano la crescita di nuove macchie di questa piaga sconcertante, temono per tutto il loro raccolto, che potrebbero perdere”.
“Ci sono due uccelli morti appesi a due nidi differenti di uccelli, siamo preoccupati. Non so se c’è relazione ma è allarmante” ha detto Tolt. “Abbiamo galline.Vendiamo le nostre uova al mercato”.

La dispersione dell’agente Corexit 9500 sviluppato originariamente dalla Exxon e adesso prodotto dalla Holding Company Nalco di Naperille, Illinois, è quattro volte più tossico del petrolio (l’olio è tossico 11 ppm per milione),Corexit 9500 a solo 2,61 ppm). In un dossier scritto da Anita Georges-Ares e James r.Clarck da Exxon Scienze Biomediche,Inc, intitolato “Un’acuta tossicità acquatica di tre prodotti Corexit: una panoramica“ corexit 9500 è risultato essere uno dei propellenti più tossici mai sviluppati.

In combinazione con il riscaldamento delle acque del Golfo del Messico, le sue molecole saranno capaci di modificare il loro stato liquido a gassoso, che permette di essere assorbito dalle nuvole e la sua liberazione come “pioggia tossica” in tutto il Nord America.
Come se non bastasse, gli uragani e le recenti condizioni meteorologiche avverse stanno devastando la zona, mentre milioni di litri di Corexit 9500 sono sulla superficie del mare.

Le conseguenze di una “pioggia tossica” che potrebbe abbatersi sugli USA potrebbe “teoricamente” distruggere tutta la vita a qualsiasi profondità causando un "inimmaginabile catastrofe ambientale".
Documenti provenienti dagli USA puntano alla possibilità che il governo si stia preparando in segreto ad evacuare decine di milioni dei suoi cittadini dagli Stati del Golfo del Messico.

Dall’altra parte, e anche se potrebbe trattarsi di un’enorme coincidenza, la Goldman Sachs, più mafia che banca, ha beneficiato dalla crisi economica, e collocata nei posti più importanti del gabinetto degli USA, ha venduto il 43.7 delle sue azoni dell’azienda BP tre settimane prima della fuoriuscita del petrolio del Golfo del Messico, che ha significato più di 266 milioni di dollari. La Goldman Sachs ha venduto precisamente 21 giorni prima della Giornata della Terra, che come parte di un oscuro umorismo cosmico è risultato essere il giorno della fuoriuscita del petrolio.

Ora sappiamo che la Goldman Sachs usa softwares che si avvicinano all’intelligenza artificiale per predire il futuro del mercato, ma i risultati della BP, che aveva avuto un guadagno di oltre i 6 milioni di dollari nel primo trimestre dell’anno, non sembrava mostrare nessuna tendenza contraria.
Se la Goldman avesse venduto oggi avrebbe perso 96 milioni di dollari.
Questo non basta per convincerci che la fuoriuscita del greggio è stato pianificato con anticipo. Ma, esiste altra informazione.

Secondo la giornalista Andy Borowitz nel Huffinton Post il governo degli USA ha ricevuto mails di un impiegato della Goldman Fabrice “Faboluos Fab” Tourre nei quali parlava alla sua fidanzata, il giorno prima, della fuoriuscita che la sua compagnia prendeva come una “vendita corta” come posizione di fronte al Golfo. Basicamente scommetteva contro il petrolio nel Golfo del Messico.
“Una piattaforma petrolifera cade e ci rotoleremo nel denaro”, ha scritto Tourre in una mail. “Inghiottita da pesciolini e uccellini”.

Queste parole sembrano troppo inquietanti. Ma non è tutto.
Il direttore non-operativo della Goldman Sachs International (filiale inglese della banca statunitense) è Peter Sutherland, che è stato anche direttore non-operativo della BP e, che come dice nella sua prima pagina su wikipedia, è membro del potente gruppo Bilderberg e della Commissione Trilaterale.
Questo potrebbe essere causale ma l’infame protagonista di questo ecocidio, la BP, è una compagnia che si è fusa con Amoco Oil, prima Standard Oil, la compagnia petrolifera dell’impero Rockefeller. Come si sa David Rockefeller è un membro centrale della Commissione Trilaterale e parte molto importante dei Bilderberg, per alcuni l’uomo più potente del mondo.

Per aggiungere al cocktail di sospetto:
Lavoratori assunti dalla BP per provare la forza delle fondamenta di cemento nel pozzo sono stati inviati quasi 11 ore prima dell’esplosione del 20 aprile, superando l'esame che, secondo un dirigente di una società di cemento è l'unico test che possa veramente determinare il efficacia con cui il bene è sigillato". (Nota nel Huffington Post).

Un altro punto da considerare è la negligenza nel fermare la marea nera, al tempo stesso usando un disperdente, il corexit, che è altamente tossico per l’ambiente e non è tra i dieci primi più efficaci. Questo sufggerisce che si cerca di estendere la marea, forse per causare una crisi alimentare?

Il potere e la scarsa morale della Goldman Sachs è stata denunciata da Matt Taibbi che l’ha chiamata “un calamaro vampiro che soffoca l’umanità”-
La sua ingerenza nella politica mondiale è stata dimostrata in varie occasioni.


Tradotto e segnalato per Voci Dalla Strada da VANESA

4 commenti:

  1. E' tutto un complotto sempre un complotto? Obama è davvero un pirla abbronzato? Io penso che come nuovo 11 settembre questo sia decisamente una miccetta per bambini, non una bomba. Qui non c'è complotto, e le conseguenze non saranno gravi voglio prima vedere tutti i pesci a galla per credere alla catastrofe ambientale. Gli idrocarburi non sono veleni di rapida mortalità e comunque la loro concentrazione con le piogge acide sarà molto ridotta. ne servirebbero altre 10 come queste in tutto il mondo di maree nere per avere un vero effetto distruttivo, questa semmai demolisce Obama il nano politico abbronzato e ne predispone l'eliminazione legittima dalla scena politica anzitempo.
    David Icke è là eccitato che scrive al complotto, calma, questo è un prodromo ad un complotto, una banale esercitazione. E ripeto è troppo enfatizzato come evento. Si vuole che si sappia semmai, il che è diverso.
    L'obiettivo è eliminare Obama, dimostrandone le totale inadeguatezza.

    RispondiElimina
  2. Gentile anonimo,
    in questo articolo, Obama non è nominato nemmeno indirettamente.
    Il disastro ambientale è un fatto incontestabile, nell'articolo non si dice che questo ditruggerà il pianeta.
    Riguardo al complotto, mi sembra che nel mondo finanziario (ed è quello il fulcro dell'articolo), "complotti" e porcate per fare soldi sono all'ordine del giorno...
    Le strane coincidenze tra vendite di azioni e cambi di vertice nelle aziende citate, mi sembra un'ottimo indizio (o forse più di un indizio) per pensare male, non credi?

    "Gli idrocarburi non sono veleni di rapida mortalità"

    Grazie per questa precisazione, ma se proprio dobbiamo morire, non sarebbe meglio se potessimo almeno scegliere se farlo lentamente o rapidamente?
    :D

    RispondiElimina
  3. Mi sembra ci sia un errore di traduzione:

    "ha venduto il 43.7 delle sue azoni dell’azienda BP tre settimane dopo la fuoriuscita del petrolio"
    -->ha venduto il 43.7 delle sue azioni dell’azienda BP tre settimane PRIMA DELLA fuoriuscita del petrolio"

    RispondiElimina
  4. Gentile anonimo, ti ringrazio per la correzione (che era anche logica), la collaborazione dei lettori è sempre benvenuta...
    Alba

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)