Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

24 gennaio 2010

L'UE HA DELUSO L'UCRAINA, MA GUARDA ALLE ELEZIONI DI DOMENICA

Sullo sfondo delle elezioni in Ucraina s'intravede la lotta politica tra Mosca e Bruxelles che ha alimentato la campagna elettorale, ma che ha confuo e forse deluso i cittadini alle prese con un tasso di disoccupazione che tocca il 10%, e che forse non vede nella politica la soluzione ai problemi della classe più disagiata.

Con la rivoluzione arancione nel 2004 e l'avvento al potere di Viktor Yushchenko e Yulia Tymoshenko, l'integrazione europea è stata l'obiettivo principale dei leader ucraini. Che cosa rimane di questa politica dopo sei anni? Domenica gli ucraini saranno chiamati alle urne per le elezioni presidenziali e forse trasparirà una risposta.


Con il presidente Viktor Yushchenko, Kiev ha sviluppato una politica Euro-Atlantica a 360°, dall'adesione all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nel 2008, all'istituzione di un accordo di libero scambio con l' Unione Europea. Ha anche cercato di aderire all' Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO), nonostante un disaccordo di gran parte dell'opinione pubblica e una forte opposizione da Mosca.


Questa politica è stata fortemente accompagnata (o guidata?) da Bruxelles, che ha prevalso nel processo verso la creazione di una
partnership privilegiata. L'Ucraina, uno dei paesi più grandi d'Europa, svolge un ruolo strategico per la sua posizione geografica e le sue frontiere con quattro paesi dell' UE: Polonia, Romania, Slovacchia, Ungheria, e con i principali partner commerciali e diplomatici dei 27 e la Russia.

L'UE vorrebbe che questa politica si basasse sulla disponibilità di alcune élite ucraine, perchè spingano il paese a tagliare il cordone ombelicale con la Russia.
Così, 494 milioni di euro saranno erogati in forma di aiuti nel periodo 2007-2010 a Kiev, che completerà due iniziative europee: la politica europea di vicinato (PEV) nel 2003, e una partnership orientale, nel maggio 2009. La prima è quella di circondarsi di "Stati amichevoli e ben governati". E la seconda si prefigge di rafforzare la sicurezza energetica, economica di libero scambio e la lotta contro l'immigrazione clandestina.

In questo modo esaudirà i desideri dell' UE, senza farne parte. Kiev rappresenta per Bruxelles, una sfida geostrategica notevole per tre ragioni: "E' un paese di transito per il gas russo, un potere economico con forte potenziale di crescita e un partner commerciale di primo piano", e forse c'è anche una quarta ragione, molto importante per gli eurocrati: "La stabilità del paese è la chiave della politica di sicurezza del confine orientale dell'Europa."


Oggi, il desiderio di allargare l'Unione europea verso est è stato un po' rivisitato dopo il conflitto russo-georgiano, dell' agosto 2008, portanto un ritorno di fiamma verso la Russia sulla scena internazionale e nello spazio post-sovietico. Infatti Mosca è tornata ad essere un alleato strategico su molte questioni per l'Europa e l'Occidente energia, Afghanistan, Pakistan, Iran. Il cambiamento di atteggiamento della Francia nei confronti di Kiev è sintomo interessante. Nicolas Sarkozy durante la presidenza francese dell'Unione europea nel 2008, durante il conflitto tra russi e georgiani, ha ripetuto più volte il suo desiderio di rafforzare la collaborazione (strategica) tra l'Europa e l'Ucraina. Oggi, Pierre Lellouche, Segretario di Stato per gli affari europei, ha chiarito che l'adesione non ha mai vissuto momenti più opportuni .
Inoltre, ha firmato con le controparti britanniche e tedesche una lettera agli Ucraini sollecitando il paese ad adottare "misure di liberalizzazione" ma anche rapporti cordiali con la Russia.

Le promesse dell' Ucraina come cuore d'Europa, che aveva accompagnato la vittoria del "Orange", cinque anni fa, sembrano molto lontane.
Alla vigilia delle elezioni presidenziali Domenica, i candidati principali hanno capito e si sta utilizzando molto meno la retorica pro-europea, ancora una volta incentrata su un rapporto più ampio con la Russia. In particolare le decisioni liberali desiderate dall' UE sono state costose per il paese che è stato duramente colpito dalla crisi economica e che riceve aiuto dal FMI in cambio di una politica di maggiore austerità. L'Ucraina, con 45 milioni di abitanti, una disoccupazione al 10% e confinando con Russia, Polonia, Romania, Moldavia, Ungheria, Slovacchia e Bielorussia, sarà forse condannata allo stato di eterna candidata all'adesione e al ruolo di guardia di frontiera dell'Unione Europea.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)