Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

11 gennaio 2010

GLI USA RECLUTANO IN TUTTO IL MONDO PER LA GUERRA IN AFGHANISTAN

di Rick Rozoff


I primi dei 33.000 soldati aggiuntivi degli USA sono arrivati in Afghanistan per un’ “ondata” natalizia e presto se ne aggiungeranno fino a 10.000 non statunitensi che serviranno la NATO nell’ISAF (Forza Internazionale di Assistenza per la Sicurezza). Washington avrà un personale in divisa composto da più di 100.000 soldati e decine di migliaia di nuovi contrattisti militari nella zona della guerra sud asiatica, e con più di 50.000 soldati della NATO e di partner della NATO, la somma delle forze supererà i 150.000.


Con l'eccezione di un piccolo numero di soldati assegnati alla Missione di Addestramento della NATO- Iraq, a Baghdad, è stato ordinato agli stati membri, soprattutto ai nuovi, della NATO, e agli Stati candidati, che trasferiscano le loro forze dall’Iraq all’Afghanistan circa un anno fa, e stanno inviando soldati alle missioni in Kosovo, Libano e Ciad verso la stessa destinazione. Il fronte di battaglia afgano, quindi, ha la maggior quantità di forze militari stazionate di qualsiasi altra zona del mondo. [1]


Soldati provenienti da paesi della NATO stazionati in Bosnia, Repubblica Centrafricana, Ciad, Libano e al largo delle coste della Somalia sono attualmente assegnati a missioni nell'Unione Europea (navi da guerra europee sono coinvolte anche in interdizione navale nell'Oceano Shield NATO nelle acque della Somalia e il Golfo di Aden) e il loro trasferimento verso il fronte Sud della guerra asiatica indica l'intercambiabilità virtuale di unità militari assegnate alla NATO e all'Unione Europea. [2]


Fin dall'inizio dell' escalation della guerra in Afghanistan quest'anno, e verso il vicino Pakistan, personalità pubbliche e mass media occidentali si sono occupati frequentemente e ampiamente del fatto che la guerra è un – o il- test per la NATO, apparentemente il maggior successo nella sua storia in 60 anni.


Quando il blocco, l’unica alleanza militare al mondo, ha invocato la clausola di aiuto reciproco dell’Articolo 5 a settembre del 2001 per sostenere il suo principale membro, gli USA, nella sua invasione ed occupazione dell’Afghanistan, l’Alleanza aveva appena vissuto la sua prima guerra: la campagna di 78 giorni di bombardamenti contro la Jugoslavia agli inizi del 1999, il primo attacco militare generalizzato contro una nazione europea dal periodo degli attacchi ed invasioni di Hitler e di Mussolini del 1939-1941.


Mediante l'attivazione dell'articolo 5,- “Le Parti accordano che un attacco armato contro uno o più di essi in Europa o NordAmerica sarà considerato un attacco contro tutte esse (e) aiuteranno alla Parte o le Parti attaccate”- la NATO si preparò per la sua prima guerra terrestre e la sua prima guerra in Asia.


Approfittò anche della sua situazione di guerra effettiva per lanciare la Operation Active Endeavor (Operazione Sforzo Attivo) all' inizio di ottobre del 2001, un programma esaustivo, ermetico, di controllo ed interdizione navale in tutto il Mar Mediterraneo che monitora tutta l’attività nel nuovo mare nostrum della NATO e domina tutti i punti di accesso al mare più importanti del mondo: Lo Stretto di Gibilterra, lo Stretto dei Dardanelli e il Canale di Suez, che collega il Mediterraneo con l'Oceano Atlantico, il Mar Nero, il Mar Rosso e quindi con l’Oceano Indiano, rispettivamente.


L’alleanza guidata dagli USA ha ottenuto il controllo di questa vasta gamma di vie navigabili attraverso l’adozione di pretesti statunitensi precedenti all’11 settembre del 2001 di combattere il terrorismo e le armi di distruzione di massa. Il primo è stato il pretesto per invadere l’Afghanistan, il secondo per invadere l’Iraq.


Tre anni dopo l’inaugurazione dello Sforzo Attivo, che continua con tutta la sua forza fino ad oggi, il summit della NATO in Turchia, ha sviluppato l’Iniziativa di Cooperazione di Strasburgo che ha aggiornato la cooperazione militare con i membri del Dialogo Mediterraneo del blocco- Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Mauritana, Marocco e Tunisia ed ha proposto ai sei membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo- Bahrein, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita e gli Emirati Arabi- di avere un rapporto simile, modellato secondo il programma di Cooperazione per la Pace che ha preparato a dodici nazioni europee orientali per il loro accesso alla qualifica di membro pieno della NATO durante l’ultimo decennio. [3]


In dieci anni il blocco militare si è esteso molto oltre i suoi limiti avuti durante la Guerra Fredda, Nord America, Europa Occidentale e Meridionale e a quasi tutto l’Europa Orientale, incluso gli Stati del vecchio patto di Varsavia e le repubbliche sovietiche e jugoslave. La divisione militare bipolare dell’Europa simbolizzata dal Muro di Berlino [4], che è caduto 20 anni fa, è stata sostituita da una espansione unilaterale dell’unico blocco militare del mondo verso le frontiere occidentali della Russia, del mar Baltico al Mar Nero e Adriatico. Da lì è arrivato, attraverso i suoi insediamenti e corporazioni verso il sud del Caucaso, Africa nord orientale e centrale, Asia centrale e del sud.


Se l’Afghanistan è una prova o il saggio della NATO nel suo 60° anniversario, non lo è per la NATO del 1949 ma per quella che importanti funzionari dell’Alleanza e altri difensori hanno chiamato negli ultimi anni: LA NATO del XXI Secolo, una NATO di spedizione, una NATO globale: Il primo intento nella storia di forgiare un’alleanza militare internazionale. Una rete armata internazionale che ha come suo fondamento e suo nucleo l' autoproclamata superpotenza esclusiva del mondo e il suo arsenale nucleare.


La guerra “asimmetrica” in Afghanistan, che è al suo nono anno, è un’impresa seminale per la NATO sotto diversi aspetti. Oltre a rappresentare la prima guerra terrestre del blocco e la sua prima escursione coloniale fuori dal mondo euro-atlantico, la prolungata, ed in base a tutti gli indizi indefinita campagna nel sud dell’Asia è un laboratorio e campo di addestramento, poligono di tiro e punto di convergenza per la consolidazione statunitense di una forza globale di attacco e di occupazione provata per la prima volta in Kosovo nel 1999 con 50.000 soldati sotto il comando della NATO, dopo in Iraq nel 2004 con decine di migliaia di soldati della NATO, nuove nazioni della NATO e candidate al blocco. [5]


Adesso Washington e Bruxelles hanno obbligato contingenti armati di cinquanta nazioni di cinque continenti perché siano sotto il comando del generale Stanley McChrystal, capo di tutte le forze degli USA e della NATO in Afghanistan.


I nuovi Stati che contribuiscono sono anche paesi geograficamente lontani e diversi in altri sensi, come la Colombia, la Bosnia, Georgia, Montenegro, Mongolia, Armenia e Corea del Sud.Tutti, ad eccezione della Mongolia, sono stati scenari di guerre o potrebbero esserlo in qualsiasi momento. Come hanno stabilito numerose dichiarazioni di dirigenti politici e militari di nazioni che forniscono soldati alla NATO per la guerra afgana, quel campo di battaglia è un luogo e un' opportunità ideale per ottenere esperienza reale di combattimento con il fine di applicarla in casa. La maggior parte dei paesi in questa categoria confinano con la Russia sui versanti nord occidentale e sud occidentale. [6]


Il ministro di Difesa austriaco, una delle poche nazioni europee che ancora non è completamente membro della NATO, recentemente si è lamentato che funzionari statunitensi stessero facendo pressione al suo paese perché fornisse più soldati per il loro attacco in Afghanistan, ed ha dovuto ricordare ai lettori di uno dei giornali del suo paese che il suo paese continua ad essere uno Stato sovrano. Come informa il Deutsche Welle, “L’Austria e gli USA, discutono per la quantità di soldati austriaci in Afghanistan. Il governo austriaco dice che sente una forte pressione da parte degli USA perché si inviino altri soldati alla missione della NATO”.


Il giornale sud coreano Dong- A Ilbo, il 21 dicembre scriveva che “La NATO ha invitato per la prima volta una delegazione militare coreana ad una riunione il prossimo anno dove ci saranno i paesi che inviano soldati in Afghanistan”.


“L’invio di esercito coreano, programmato per luglio, probabilmente accelererà un’amplia cooperazione militare tra la Corea e la NATO”. La fonte ha aggiunto che la valutazione della Corea da parte della NATO sta cambiando con l’avvento del nuovo governo di Lee Myung-bak a Seul, dato che la Corea partecipa attivamente alla cooperazione internazionale sulla sicurezza, inclusa la decisione di inviare l' esercito in Afghanistan e di unirsi pienamente all’ Iniziativa della Sicurezza della Proliferazione”. L’iniziativa della Sicurezza della Proliferazione (PSI) è un altro meccanismo vincolato al progetto dell’armata di migliaia di navi USA, così come l’Operazione di Active Endeavor NATO, per impegnare più e più nazioni di tutto il mondo in una rete militare internazionale diretta da Washington. [7]


La Corea è quella che dalla NATO viene identificato come Paese di Contatto partner, gli altri sono il Giappone, l’Australia e la Nuova Zelanda, come fondamento per una “NATO asiatica” in caso di emergenza anche Singapore e Mongolia- che hanno o avranno per la prima volta un esercito al servizio della NATO in Afghanistan- così come le Filippine, Tailandia, Brunei e future possibilità come l’India, Bangladesh e Cambogia e le cinque ex repubbliche sovietiche in Asia Centrale, così come l’Afghanistan e il Pakistan. [8]


Mentre si sposta verso est, il blocco del Nord Atlantico lo fa anche verso il Sud ed ha cominciato a penetrare formalmente l’Africa, con una missione di trasporto aereo verso la regione del Darfur nel Sudan nel 2005 ed insediamenti navali di fronte alla Somalia nel Corno dell’Africa dal 2007.


Il principale alleato militare di Washington in Sud America e in tutta l'America Latina, la Colombia, consegnando sette basi militari al Pentagono in un’azione che potrebbe provocare una guerra con i vicini Venezuela ed Ecuador, sta inviando una compagnia di soldati addestrati dagli Stati Uniti, alla missione dell’ISAF della NATO. Daranno la propria esperienza bellica alla nazione sud asiatica e ritorneranno a casa, come i loro equivalenti militari georgiani e sud coreani, allenati anche dagli USA, meglio preparati per conflitti armati contro gli Stati vicini.


A parte la Gran Bretagna, Francia e Paesi Bassi sono tenuti a fornire i propri possedimenti coloniali in America Latina e le loro coste al loro alleato statunitense della NATO da usare contro i paesi membri dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), Bolivia, Ecuador, Cuba, Nicaragua e Venezuela (Honduras post golpe si è ritirato) sono state adottate misure negli ultimi quindici anni per espandere i legami della NATO con altre nazioni latinoamericane. [9]


Nel 1995 il Cile e l’Argentina (sotto la presidenza Menem) hanno inviato truppe perché servissero la NATO in Bosnia, il primo attacco militare dell’Alleanza fuori dal territorio di uno Stato membro. Questa settimana il Cile ha accettato la continuazione dell’insediamento di esercito in questo paese- la missione è stata trasferita dalla NATO all’UE- ed un funzionario del governo ha dichiarato: “Abbiamo visto il Cile insieme alla NATO in un paese europeo, e l’interazione delle nostre forze armate con eserciti di prima categoria nel mondo”. [10]


La guerra e la storia militare dei candidati alla NATO e agli Stati partner della NATO durante gli ultimi 15 anni si sono estesi dalla Bosnia al Kosovo, alla Macedonia e all’Iraq, e finalmente all' Afghanistan. Le forze armate cilene, chiunque vinca il ballottaggio delle elezioni presidenziali, potrebbero essere inviate in Afghanistan.


Dal rafforzamento dei legami con il Cile, che è coinvolto nella controversia in corso multinazionale per i diritti nell’Antartide, e con il Sud Africa, dove hanno attraccato navi da guerra della NATO e realizzato esercitazioni navali durante gli ultimi due anni, oltre all’Australia che ha il più grande contingente di paesi non membri della NATO in servizio in Afghanistan, l’ Alleanza si posiziona per la corsa all’estremo sud del pianeta [11] come lo è attualmente per la parte superiore del mondo. [12]


Due mesi prima della demolizione del Muro di Berlino e la fine effettiva della Guerra Fredda, si è tenuto un summit triennale del Movimento dei Non-Allineati a Belgrado, Jugoslavia. Erano presenti i rappresentanti di 108 nazioni che sono stati definiti come non–allineati militarmente.


Venti anni più tardi, e con più di venti paesi supplementari nel mondo dopo la disintegrazione dell'Unione Sovietica, della Cecoslovacchia e Jugoslavia e l'indipendenza di Timor Est,di aderire agli accordi militari, associazioni, l'esercizio e la creazione di basi USA e della NATO è più intenso che durante la Guerra Fredda.


La recente attivazione del Comando Africa degli USA, conta solo 53 nazioni per associazioni individuali e collettive con il Pentagono. La guerra in Afghanistan oggi è un banco di prova più ampio a livello mondiale nella militarizzazione del mondo. Washington fa pressione su tutto il mondo perché contribuisca con eserciti, logistica e risorse finanziarie ed usa la guerra per stabilire legami bilaterali militari e l'interoperabilità di armi e tecnologia militare con le nazioni di tutto il mondo.


Il primo decennio del nuovo millennio è stata una guerra, che iniziò seriamente in Afghanistan, e l’espansione di basi e di eserciti statunitensi in Europa Orientale, Medio Oriente, Africa, Sud America e Asia Centrale e del sud. Aree che erano finora state risparmiate la presenza permanente del Pentagono.


Note

1) U.S., NATO Poised For Most Massive War In Afghanistan’s History, Stop NATO, September 24, 2009 http://rickrozoff.wordpress.com/2009/09/24/u-s-nato-poised-for-most-massive-war-in-afghanistans-history

2) UE, NATO, USA: L'alleanza del secolo per il dominio globale, Stop NATO, February 19, 2009
http://www.vocidallastrada.com/2009/03/ue-nato-usa-lalleanza-del-secolo-per-il.html
3) NATO In Persian Gulf: From Third World War To Istanbu, Stop NATO, February 6, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/08/26/nato-in-persian-gulf-from-third-world-war-to-istanbul
4) 1989-2009: Moving The Berlin Wall To Russia’s Borders, Stop NATO, November 7, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/11/07/1989-2009-berlin-wall-moves-to-russian-border
5) Afghan War: NATO Builds History’s First Global Army, Stop NATO, August 9, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/09/01/afghan-war-nato-builds-historys-first-global-army
6) Afghan War: NATO Trains Finland, Sweden For Conflict With Russia, Stop NATO, July 26, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/09/01/afghan-war-nato-trains-finland-sweden-for-conflict-with-russia
7) Proliferation Security Initiative And U.S. 1,000-Ship Navy: Control Of World’s Oceans, Prelude To War, Stop NATO, January 29, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/08/26/proliferation-security-initiative-and-us-1000-ship-navy-control-of-worlds-oceans-prelude-to-war
8) Global Military Bloc: NATO’s Drive Into Asia, Stop NATO, January 24, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/08/26/global-military-bloc-natos-drive-into-asia
U.S. Expands Asian NATO Against China, Russia, Stop NATO, October 16, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/10/16/u-s-expands-asian-nato-against-china-russia
9) Twenty Years After End Of The Cold War: Pentagon’s Buildup In Latin America, Stop NATO, November 4, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/11/04/stop-nato
10) Xinhua News Agency, December 22, 2009
11) NATO Of The South: Chile, South Africa, Australia, Antarctica, Stop NATO, May 30, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/08/31/nato-of-the-south-chile-south-africa-australia-antarctica
12) NATO’s, Pentagon’s New Strategic Battleground: The Arctic, Stop NATO, February 2, 2009
http://rickrozoff.wordpress.com/2009/08/26/natos-pentagons-new-strategic-battleground-the-arctic

Fonte: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=16653


Tradotto e segnalato per Voci Dalla Strada da
VANESA

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)