Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

7 ottobre 2009

SVIZZERA: REFERENDUM PER VIETARE L'ESPORTAZIONE DI ARMI

Le esportazioni svizzere di materiale bellico 1998-2008

Gruppo per una Svizzera senza esercito
Insumissia

L' iniziativa Legislativa Popolare è uno strumento di democrazia diretta in Svizzera. Se 100.000 persone aventi diritto di voto firmano una petizione politica, le autorità sono tenute a tenere un referendum il cui risultato è vincolante per il governo.

Nel 2007, GSoA (Gruppo per una Svizzera senza esercito) ha raccolto oltre 100.000 firme di cittadini chiedendo un divieto di esportazione di materiale bellico e di transito attraverso la Svizzera. Il referendum è previsto per il 29 novembre 2009. Sarà la terza volta che la popolazione svizzera vota su questo tema. Nel 1972, il 49,7% ha votato per il divieto, ma nel 1997 il sostegno sceso al 22,5%. Se la maggioranza vota a favore del divieto, sarà vincolante per il governo. Il GSoA è stato fondato nel 1982 con l'obiettivo primario di "civilizzare" la società svizzera mediante l' abolizione del suo esercito. Nel 1989, oltre un terzo della popolazione svizzera ha approvato questa proposta in un referendum federale, scuotendo profondamente le convinzioni militariste del paese. Da allora, GSoA ha lanciato numerose "iniziative popolari" (che hanno portato a referendum nazionali), al fine di ridurre le dimensioni delle forze armate e il loro bilancio proponendo alternative civili. Il gruppo ha attualmente circa 20.000 soci e sostenitori.

Il governo si oppone al divieto, dicendo che le esportazioni sono vitali per l' industria degli armamenti svizzera, che a sua volta gioca un ruolo essenziale nella difesa del paese, dice. Se è vero che senza l'accesso al mercato internazionale degli armamenti, la produzione militare in Svizzera sarebbe più difficile, bisogna ammettere che la tendenza di integrazione e di fusioni nel settore sta già costringendo molte aziende produttrici svizzere a delocalizzare la produzione all'estero, e i principali produttori di armi sono controllati da imprese straniere.
L'argomento di difesa nazionale non è realistico, poiché l'industria militare in passato ha dimostrato che anche in tempo di guerra vende i propri prodotti a tutti i clienti che possono pagare.

Argomenti contro il commercio di armi
Anche se le armi svizzere rappresentano una piccola percentuale di materiale presente nel mondo, vengono ancora utilizzate per uccidere la gente, compresi i civili. Per esempio, la Svizzera è il secondo esportatore mondiale di munizioni per armi di piccolo calibro. Anche se un produttore non è direttamente responsabile del modo in cui usano i loro prodotti, è altamente ipocrita vendere prodotti pericolosi, e contemporaneamente accusare coloro che li usano male.

La politica estera svizzera mira a prevenire la violenza armata, la risoluzione dei conflitti e la costruzione della pace. Investire in sviluppo e cooperazione per rafforzare la pace e la sicurezza in Svizzera e in tutto il mondo. Tuttavia, l'impatto negativo del commercio delle armi (che provocano la distruzione dell'uomo e dell'ambiente, e le deviazioni di risorse per i bisogni umani, in particolare nei paesi del sud), ostacola seriamente tali sforzi. Esportare armi è incompatibile con la promozione della sicurezza umana e di una comunità stabile a livello mondiale.

Il materiale bellico rappresenta solo lo 0,4% del valore totale delle esportazioni svizzere. Se si accetta il divieto, il governososterrà finanziariamente la riconversione civile dell'industria degli armamenti. Questa conversione è già in atto con l'evoluzione dei mercati, sarebbe intelligente investire in settori quali l'energia e le tecnologie pulite, che forniranno presumibilmente più posti di lavoro sostenibili.
Infine, le esportazioni di armi non sono molto redditizie per il paese in quanto esse sono fortemente sovvenzionate (il governo copre i rischi di esportazione, che sono abbastanza costosi al momento della vendita di armi a paesi poveri, l'acquisto di attrezzature militari per altri paesi è spesso legata agli appalti per le industrie nazionali, il che implica che la loro sopravvivenza economica si basa sulle grandi spese del Ministero della Difesa).

Aiutateci a vincere il referendum!
Attualmente stiamo lavorando duramente sulla campagna, fiduciosi di poter vincere il referendum. L'industria delle armi può avere i soldi, ma noi abbiamo gli argomenti migliori. Naturalmente, siamo lieti di ricevere qualsiasi aiuto. In particolare, gradiremmo qualsiasi informazione sulla vendita e sull'uso di armi svizzere in qualsiasi parte del mondo.

http://www.gssa.ch
http://wwww.materieldeguerre.ch/

Fonte: http://www.antimilitaristas.org/spip.php?article4298

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)