Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

31 ottobre 2009

ALIMENTANDO LA POLVERIERA SOCIALE

Aziende e banche si “salvano” mentre mantengono la disoccupazione negli USA.

La tendenza sembra essere confermata: Nonostante l’annunciata “riattivazione” della prima economia imperiale, le banche e le aziende, maggiormente, non riassumono personale e, al contrario, cercano di migliorare i loro margini di guadagno mantenendo lo stesso gruppo di mano d’ opera, nonostante che, apparentemente, le condizioni di produzione e di commercializzazione siano migliorate.

In uno scenario, caratterizzato da una dubbiosa “ripresa economica” (della quale tutti dubitano) e con un aumento del deficit e della disoccupazione negli USA, la borsa, le macro aziende e banche quotate a Wall Street, continuano a raccogliere guadagni multimilionari che si contraddicono con i numeri ufficiali dell’economia reale. La cosiddetta “riattivazione” ha chiaramente due letture parallele: Da una parte, la piovra finanziaria di Wall Street e le borse mondiali, riciclano una nuova “bolla” di profitto, non più con denaro speculativo proveniente dal settore privato ma da fondi pubblici (delle tasse pagate da tutta la società), messi compulsivamente al servizio di un nuovo ciclo di guadagno capitalista attraverso la crisi. Attualmente, le grandi banche di Wall Street (responsabili della crisi finanziaria) stanno guadagnando nuovamente delle cifre milionarie, ma non attraverso prestiti ai consumatori e aziende produttive, ma dalla comra-vendita speculativa di azioni e dell’acquisto di istituzioni fallite che dopo ricapitalizzano in borsa.

Tuttavia, i settori non finanziari non godono dello stesso recupero, come segnala il Wall Street Journal.

Nonostante gli annunci di un recupero dell’economia, aziende e banche stanno ancora licenziando ed ottenendo guadagni attraverso la riduzione dei costi (inclusa la riduzione degli stipendi) al posto di potenziare l’aumento della produzione e delle vendite attraverso la ri-occupazione lavorativa. Come giornalmente registra la stampa economica, le aziende in tutti i settori dell’economia statunitense, mantengono congelati i contratti, anche nei momenti in cui le prospettive di guadagno migliorano. La storia si ripete in tutti i settori dell’economia statunitense, in fabbriche, hotel e banche. La settimana media di lavoro adesso è scesa a 33 ore, la cifra più bassa da quando si è iniziato con il registro di statistiche durante il 1960. La produttività, o la produzione per ore di lavoro, è aumentato ad un tasso annuale del 6,6 % nel secondo trimestre, man mano che i datori di lavoro licenziavano più velocemente di quanto non ritagliassero la produzione.

I contratti di lavoro restano sempre relegati durante i periodi di recupero economico, ma questa volta le prospettive sono peggiori, affermano gli economisti citati dal Wall Street Journal. “A Wall Street, si sente parlare di ritorno alla redditività, di fine della recessione e della necessità di una 'strategia di uscita", ha detto Lawrence Summers di recente, consigliere economico della Casa Bianca. “Posso assicurarvi che per la gente comune, per la quale la disoccupazione è in aumento, la situazione è molto diversa” Eppure, a molti statunitensi, sembra che Wall Street sia stata riscattata ma non loro, per Summers. “Così come in una guerra, ci sono vittime non intenzionali, così anche nei riscatti economici ci sono beneficiari non intenzionali”, ha aggiunto. La maggioranza degli analisti si aspettano un prolungato periodo di elevata disoccupazione, e molte aziende hanno dubbi persistenti su quanto durevole sarà il momento positivo e attribuiscono l’aumento della domanda in gran parte alla decisione di molti clienti di ricomporre i loro inventari e ai piani di stimolo del governo, più che a una forza di fondo nel mercato.

Le aziende affrontano incertezze sui costi potenziali di misure di regolamentazione – come un ampliamento della copertura medica e leggi sul cambiamento climatico- che potrebbero aumentare i costi lavorativi. Inoltre, dice il Journal, molti datori di lavoro hanno imparato come produrre di più con meno persone rispetto a quanto credevano fosse possibile. “Considerate le prospettive di incertezza nell’economia e le condizioni per ottenere un credito, le imprese sono riluttanti ad assumere i lavoratori”, afferma l’economista Mark Gertler dell’ Università di New York. “Questo è un mercato del lavoro molto difficile. Sembra che sarà un lento processo”.

Nel breve termine, esigere più personale esistente significa meno contratti. Inoltre, c’ è un altro fattore che contribuisce alla mancanza di opportunità lavorative: le aziende che hanno eliminato le ore extra e hanno ritagliato le giornate di lavoro durante la recessione possono aumentare la loro produzione semplicemente aumentando le ore di lavoro della sua squadra. Il capitalismo industriale o commerciale statunitense, con l’argomento della “catastrofe economica” riduce il “costo del lavoro” licenziando, riducendo stipendi e sopprimendo i benefici sociali e “sfruttamento”delle forze che restano impiegate. Rimpiccioliscono altre spese (e investimenti) della produzione per guadagnare lo stesso producendo e vendendo di meno, il che acutizza la recessione e genera una riduzione del consumo e licenziamenti.

Dalla parte sua, lo Stato nordamericano abbassa il “costo sociale” attraverso la riduzione della spesa pubblica (salute, abitazioni, educazione, ecc) per compensare la perdita dei guadagni durante la crisi. In questo modo, il sistema capitalista USA (Stato e aziende private) scaricano il costo del collasso recessivo economico (la crisi) sul settore stipendiato (forza lavorativa in massa) e la massa meno protetta e maggioritaria della società (popolazione povera con limitate risorse di sopravvivenza). Attraverso i licenziamenti e la riduzione della spesa sociale che aumentano i livelli di deprivazione economica e sociale di mercato, dalla precarietà economica all’esclusione in massa dal mercato del lavoro, le banche e le aziende mantengono i loro tassi di guadagno al costo di disoccupazione e depressione dell'economia reale.

Per il Journal, gli Stati Uniti hanno eliminato 7, 2 milioni di posti di lavoro da quando è cominciata la recessione a dicembre del 2007, la maggior concentrazione dal periodo della Grande Depressione. Anche -afferma- se il mercato del lavoro cominciasse a creare lavoro con la velocità che si è registrata durante l’auge degli anni 90, quando si sono aggiunti 2,15 milioni di posti di lavoro nel settore privato annualmente, gli Stati Uniti non recupererebbero un tasso di disoccupazione del 5% fino alla fine del 2017. In questo processo, di “sfruttamento capitalista” (che retrocede le conquiste sociali e sindacali a fasi inferiori) si spiega il mantenimento del guadagno aziendale (guadagni capitalisti) mentre l’economia reale continua a frantumarsi a causa della disoccupazione e della non riattivazione del consumo.

Fonte: http://www.iarnoticias.com/2009/secciones/norteamerica/0106_alimentando_polvorin_social_26oct09.html

Tradotto per Voci Dalla Strada da
Vanesa

1 commento:

  1. Bellissimo blog, pieno di cose che condivido totalmente, ti propongo uno scambio di link, il mio blog è http://ilgridolibero.blogspot.com/ ciao a presto

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)