Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

12 agosto 2017

Musica, cori di bambini e cammelli nel deserto

Tre anni fa tra il 21 e il 28 luglio Israele uccise (assassinare è una parola vietata) 37 bambini palestinesi  sotto i 7 anni.
1. La mia amica B. vive a Kobar. Nel corso dei quattro anni di vita di suo figlio è riuscita a tenerlo lontano dai racconti non adatti ai bambini sull’esercito, la morte e l’occupazione, le sparatorie e i fucili. Insieme a suo marito ha costruito un’isola intono a lui, con libri per bambini e giochi, assicurandosi che la televisione con le sue terribili immagini non venisse accesa in sua presenza.

La settimana scorsa la realtà si è imposta a loro. Ogni giorno venivano i bulldozer dell’esercito per alzare ed estendere le barriere all’entrata del paese e per approfondire un buco nell’asfalto. Ogni giorno gli abitanti spazzavano via la terra sui bordi della barriera per permettere alle loro automobili di passare. E quando la mia amica volle passare con la sua macchina, con il figlio seduto vicino a lei, questo si meravigliò e chiese chi aveva accumulato questo grande mucchio di terra. Al Jaish, l’esercito, gli rispose. All’inizio lui pensava che lei avesse detto “al Jag” (la gallina) ed era molto perplesso. E poi gli ha dovuto spiegare che cos‘era l’esercito, di che esercito si trattava e perche sono contro tutti, grandi e piccoli.

Commento 1: Se B. fino ad ora era stata in grado di poter proteggere suo figlio dal glossario della violenza delle forze di difesa delle colonie, questo la dice lunga sulla relativa calma nel villaggio di Kobar (nonostante gli attacchi mirati per arrestare le persone). Ma quasi una settimana di attacchi notturni con dozzine di soldati che si muovevano tra le case e picchiavano gli abitanti, le granate stordenti, i gas lacrimogeni e i proiettili di metallo ricoperti  di spugna sparavano in giro e le ricordavano che la relativa calma non era che un’illusione.

Commento 2: I servizi di sicurezza di Shin Bet e le forze di difesa israeliane questa settimana sono stati oggetto di una lode del tutto esagerata. Il posizionamento dei cercametalli  all’entrata della Spianata delle Moschee infatti provava che avevano compreso il quadro generale. In altre parole: la campagna di vendetta collettiva condotta la scorsa settimana a Kobar non era causata dalla mancanza di comprensione o di informazione sul fatto che tormentare un intero villaggio e perseguitare tutti i suoi abitanti risveglierebbe ancora più ira anche tra coloro che erano contrari all’attacco contro la colonia cisgiordana di Halamish o nutrivano riserve in proposito. Questa vendetta collettiva non era un’azione impulsiva. Faceva parte del piano. Faceva parte della logica del controllo. Voi fate l’escalation, incitate, arrestate più giovani, ferite più bambini per avere più motivi per agire in modo preventivo e per reprimere e mantenere l’apparato come è.

2.: T., un ragazzo carino di 11 anni si unì a me nelle mie visite presso diverse famiglie di Kobar le cui case erano state assaltate dall’esercito. Durante una breve pausa tra le loro testimonianze disse: “Omar al-Abed ha provato di essere un uomo” (Omar è l’uomo che ha ucciso tre membri della famiglia Salomon a Halamish). Allora io chiesi da T.: “Vuoi dire che pensi che gli altri palestinesi per questo non siano uomini?” In un certo senso T. era confuso. “No, ovviamente no, non voglio mica dire questo”, rispose.

Soldati israeliani nei pressi di Halamish dopo l’attacco di Omar al-Abed, il 21 luglio  2017

Commento: Le parole che esprimono la comprensione per i moventi di Abed non devono comunque indurci a dimenticare due fatti: Se consideriamo l’intensità e la durata dell’ingiustizia in cui vivono sono pochi i palestinesi che hanno scelto o scelgono la via di al-Abed. D’altronde invece decine di migliaia di israeliani (correggetemi se sbaglio, forse sono centinaia di migliaia) furono o sono coinvolti direttamente nell’uccisione (la parola assassinare è vietata) di palestinesi, per non parlare di tutte le altre violazioni che commettiamo contro di loro.

3. Noor, Malak, Miar e Dareen cantano nel coro Amwaj. Hanno più o meno 12 anni. Li abbiamo incontrati in un luogo inaspettato: nel deserto. Una processione di cammelli correva verso il tramonto del sole. Gli archi dell’ottava sinfonia di Beethoven e i toni dell’ottavino  nel Bolero di Ravel sorvolavano la fila di sedie di plastica che erano state messe nella sabbia.

Il coro Amwaj (che in italiano significa “le onde”) di Betlemme e l’Orchestra di Ramallah, fondato dal conservatorio al-Kamandjati, offrono una serie di concerti pubblici, diretti da Diego Masson. Il concerto che si terrà venerdì nella casa dei bambini Dar al Tifl a Gerusalemme è stato disdetto a causa delle circostanze. Ramzi Abu  Radwan, il fondatore del conservatorio al-Kamandjati e abitante del centro profughi di al-Amari, ha subito telefonato a Abu Ismail.

Abu Ismail dirige l’Agenzia per l’ospitalità beduina e le escursioni nel deserto per coloro che desiderano fare una camminata nel deserto sul lato orientate del suo villaggio di Arab al-Rashayida, a sud di Betlemme. Disse subito: “Ovviamente, il concerto si terrà qui”. Il giorno dopo: I tecnici del tono e dell’illuminazione di Kamandjati hanno lavorato tutto il giorno per installare i sistemi e per garantire che funzionino. Bambini tra i 3 e i 12 anni provenienti dal villaggio beduino stavano seduti sulle sedie di plastica, immersi nel miracolo acustico e visivo, che si presentava davanti ai loro occhi. Domenica il concerto si tenne nel palazzo delle conferenze di Betlemme, come previsto. E lunedì si terrà presso il teatro cittadino di Ramallah.


Fotografia di Amira Hass

4.  Il coro Amwaj comprende 30 bambine e bambini di al Khalil/Hebron  e altri 30 provenienti dalla zona di Betlemme, inclusi i villaggi e i campi profughi. Fu fondato circa tre anni fa. Non ci sono audizioni. Si richiedono solo un impegno di otto ore di esercizio alla settimana e la partecipazione ai corsi estivi. Al momento nel coro ci sono 25 ragazzi e 35 ragazze. La cantante più giovane ha sei anni.

5. Tre anni fa – tra il 21 e 28 luglio  - abbiamo ucciso (usare il termine “assassinare” è vietato) 37 bambini palestinesi nella striscia di Gaza che avevano tra i pochi mesi e i 6 anni di età. Vicino al nome di ogni bambino ucciso (incluso nella lista di B’tselem dei 546 bambini uccisi nel 2014) stava scritto il commento arido “non aveva partecipato ai combattimenti.”
Commento: Non vogliamo più sporcarci le mani con il sangue. Siamo esperti nell’uccidere (dire assassinare è vietato) a distanza con gadget di alta tecnologia, con fucili e pistole. In questo modo uccidere mantiene sani di mente, è meno disgustoso e meno terrificante.


Per concessione di Tlaxcala
Fonte: http://www.haaretz.com/opinion/.premium-1.804201
Data dell'articolo originale: 01/08/2017
URL dell'articolo: http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=21195 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)