Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

25 agosto 2017

Che cosa intendeva Martin Luther King per amore?

Essendo una persona che insegna regolarmente la filosofia politica di Martin Luther King, Jr,. spesso trascorro del tempo a discutere con gli studenti i modi in cui le idee del Dottor King sono estratte da un contesto e trasformate in citazioni per sostenere le posizioni che lui stesso non avrebbe preso. L’esempio più ovvio è il modo in cui la sua riga più memorabile del discorso “Ho un sogno” sul non giudicare le persone basandosi sul colore della loro pelle ma sul contenuto del loro carattere, è usato per giustificare attacchi contro una discriminazione costruttiva – una politica che certamente sosteneva – oppure citava in modo da dichiarare che la strada migliore verso la giustizia razziale è di ignorare in qualche modo la razza e di diventare privo di pregiudizi razziali. La violenza dei suprematisti bianchi a  Charlottesville è la prova che ora non possiamo semplicemente cercare di ignorare i problemi del razzismo ora.
In tutto il paese le dimostrazioni e le veglie vengono programmate per onorare le vittime della violenza razzista e per opporsi all’aumento dei gruppi nazionalisti di bianchi negli Stati Uniti. La gente sta cercando un’indicazione sul modo di pensare alla rinascita pubblica e orgogliosa di questa forma di intolleranza. Inevitabilmente, vengono invocate le parole e le idee del Dotto King, e specialmente i suoi pensieri sul potere dell’amore in tempi di odio. Una delle sue citazioni è questa: “Il buio non può mandare via il buio; soltanto la luce può farlo. L’odio non può cacciare via l’odio; soltanto l’amore può farlo.”
La domanda difficile, però, è: che cosa significa amare e non odiare, all’indomani di Charlottesville? Significa che, in un certo modo, è sbagliato provare rabbia o sentirsi profanati riguardo alla persone che orgogliosamente ostentavano i simboli neo-nazisti sulle loro armi e i loro scudi? Significa che la risposta migliore è di perdonare coloro che diffondono la violenza, come il giovane che ha investito con la sua macchina  i  dimostranti, uccidendo Heather Heyer, a Charlottesville?
Nei discorsi in cui King parlava dell’amore, spesso impiegava del tempo a spiegare
che cosa intendeva dire; l’amore ha vari significati. Dicendo che i sostenitori della giustizia razziale non avevano amore nei loro cuori, non intendeva dire che dovevano essere costantemente positivi e ottimisti, o che dovevano avvicinarsi ai razzisti in amicizia. Questo è il tipo di amore che condividiamo con le persone intime o con gli amici. King ha detto che l’amore che dovremmo avere nella lotta per la giustizia è quello che riconosce tutte le persone come esseri umani, anche i suprematisti bianchi.
E gli esseri umani sono in grado di fare le loro proprie scelte morali e di essere ritenuti responsabili delle lor azioni. Non siamo invitati ad amare o a essere cordiali con coloro che sono razzisti. Significa che non dovremmo disumanizzarli o ucciderli, come parte della nostra lotta per la giustizia.
Di recente qualcuno mi ha domandato se, per amore  King non avrebbe chiesto di sedersi insieme a un suprematista bianco e di cercare di ascoltare le loro preoccupazioni e di comprendere da dove arrivavano, nella speranza di qualche tipo di riconciliazione e di dialogo. Ho pensato a questo e i sono reso conto che la risposta era probabilmente: no.  Per esempio, King non ha mai chiesto di incontrare Bull Connor, il capo ferocemente razzista della polizia di Birmingham, in Alabama, che mandava i cani della polizia ad attaccare i dimostranti. Non ha mai richiesto incontri pubblici con normali cittadini bianchi e di colore per farli dialogare. Invece ha chiesto dimostrazioni, boicottaggi e ha esortato la legislazione che avrebbe fermato gli affari come al solito in quella città, che avrebbe svuotato i portafogli dei proprietari segregazionisti di aziende, e avrebbe criminalizzato gli attacchi e l’intimidazione di tipo razzista. Nel 1963 scrisse: “ Forse è vero che la legge non può fare in modo che un uomo mi ami, ma può impedirgli di linciarmi, e penso che anche questo sia importante.”
Con questo non voglio dire che l’amicizia e il dialogo non siano importanti, specialmente quando gli amici si avvicinano l’uno all’altro per parlare delle loro paure, speranze e propensioni. Pensando, però, alle repliche verso la supremazia bianca nel paese oggi, dovremmo essere chiari che l’enfasi di King sull’amore non significava soltanto restare fedele agli sforzi individuali e cercare di cambiare il razzismo implicito dei nostri amici e parenti.
Verso la fine della sua vita, invitò a una rivoluzione di valori che avrebbero completamente trasformato gli Stati Uniti e il suo impegno nel materialismo, il razzismo e il militarismo a livelli istituzionali. La lotta contro la supremazia bianca deve essere collegata ai problemi della povertà, dei posti di lavoro, alla riduzione delle nostre forze armate e delle armi nucleari, a frenare  la brutalità della polizia e a fornire una sanità e un’istruzione decente per tutti. Questi erano tutti argomenti di preoccupazione  per King; questo era ciò che intendeva per amore.
Tradotto e pubblicato da ZNetItaly

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)