Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

6 gennaio 2017

Nord Dakota/USA: Le grandi banche finanziano il controverso oleodotto a Standing Rock

Un nuovo progetto di oleodotto in Nord Dakota, Stati Uniti, ha provocato un grande movimento di opposizione internazionale. L'oleodotto di 1770 km e con un costo di 3.700 milioni di dollari, prevede di trasportare più di 500.000 barili di petrolio al giorno, dividendo i territori sacri dei nativi americani, nonché le terre attribuite loro da un Trattato. Ma minaccia anche la qualità dell'aria e delle risorse idriche nella regione e presume una spinta importante per l'industria petrolifera nel pericoloso scenario che ci colloca nel cambiamento climatico.
Yago Martínez Álvarez
El Salmon Contracorriente

Il 30 novembre, più di 500 organizzazioni della società civile provenienti da 50 paesi hanno firmato una lettera aperta indirizzata a 17 banche, tra le quali ING, BNP Paribas, Citigroup e BBVA, chiedendo il ritiro del finanziamento al progetto del Dakota Acces Pipeline (DAPL).
Questo progetto prevede la costruzione di un oleodotto di 1770 km, con un costo di 3,7 miliardi di dollari, che prevede di trasportare più di 500.000 barili di greggio al giorno, dal North Dakota al centro-ovest e, infine, alla costa orientale e meridionale degli Stati Uniti. Il progetto di costruzione di questo oleodotto ha generato un notevole movimento di opposizione internazionale, guidato dalla tribù Sioux di Standing Rock, ma supportato da governi tribali di oltre 280 altre città e alleati in tutto il mondo. Questa crescente resistenza in tutto il mondo si oppone al Dakota Acces Pipeline (DAPL) perché il percorso dell'oleodotto divide i territori sacri dei nativi americani, nonché le terre a loro attribuite dal Trattato, e minaccia la qualità dell'aria e delle risorse idriche nella regione. Inoltre, questa infrastruttura è una minaccia a tutti gli effetti del clima, poiché ciò significherebbe un notevole impulso per l'industria petrolifera nella regione.

Il movimento di opposizione al progetto dell'oleodotto, che utilizza solo metodi di resistenza pacifica per esprimere il loro rifiuto al DAPL, è stata repressa nel sangue più volte dal suo lancio in aprile 2016 da parte della polizia in diversi stati e agenzie degli Stati Uniti, membri della Guardia nazionale degli Stati Uniti e le forze di sicurezza private armate che lavorano per i sostenitori del progetto. Le forze di sicurezza hanno utilizzato cani da attacco, proiettili di gomma, granate assordanti, pistole elettriche (Taser, NdT) pistole al pepe contro i manifestanti in modo indiscriminato, e ci sono stati numerosi arresti.
Le banche che compongono il consorzio che finanzia il DAPL sono firmatarie dei Principi dell'Ecuador, un quadro volontario di buone pratiche finalizzato a identificare e gestire i rischi sociali e ambientali connessi alle operazioni di finanziamento di progetti. Questi principi riflettono il rispetto dei diritti indigeni, e in particolare il diritto delle comunità indigene di rifiutare il consenso a progetti che interessano le loro terre ancestrali. E' quindi difficile spiegare come non sia stata identificata fin dall'inizio della forte opposizione al progetto da parte della tribù Sioux di Standing Rock, e ampiamente documentata di gravi violazioni dei titoli terre native, le minacce per le fonti d'acqua e profanazione di cimiteri come ragione per cui le banche che partecipano al consorzio non finanzino questo progetto.

Le organizzazioni firmatarie della lettera, tra i quali Ecologistas en Acción (Ecologisti in azione), sollecitano le banche coinvolte nel finanziamento dell'oleodotto Dakota Access Pipeline a paralizzare l'erogazione di nuovi prestiti e chiedere a Partners Energy Transfer, promotore del progetto, il blocco totale della costruzione fino a quando i problemi messi sul tavolo dalla tribù Sioux di Standing Rock, siano risolti in modo soddisfacente.
Delle 17 banche contattate, 8, tra cui il BBVA, non hanno risposto alla lettera. Quelle che hanno risposto si limitano a prendere nota o dichiarano che le politiche di riservatezza accettate nell'operazione impediscono loro di discutere gli aspetti di questo. Mere formalità per non assumersi le proprie responsabilità.

Le risposte (o silenzio amministrativo) delle banche a tale lettera indicano la mancanza di volontà di queste istituzioni finanziarie transnazionali di adempiere ai loro impegni presi con la firma dei Principi dell'Ecuador e l'inefficacia dei meccanismi basati sulla responsabilità sociale aziendale per proteggere i diritti umani dalle attività delle multinazionali. Questi meccanismi, che vengono utilizzati dalle aziende per migliorare la loro immagine pubblica, si caratterizzano per il loro aspetto volontario e per non essere giuridicamente vincolanti, e non servono a garantire il rispetto dei diritti delle comunità interessate da progetti come il Dakota Acces Pipeline.

Nei primi giorni di dicembre, il progetto dell'oleodotto Dakota Access Pipeline, ha subito una grave battuta d'arresto, dopo che il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti ha negato il permesso per perforare sotto il fiume Missouri in risposta ad una causa intentata dalla tribù Sioux di Standing Rock. Una vittoria importante del movimento di resistenza all'oleodotto, poiché significa l'arresto temporaneo delle attività in attesa di nuovi studi ambientali. Tuttavia, la battaglia non è finita. L'intenzione dello sviluppatore, Energy Transfer Partners, è ricorrere giuridicamente contro questa decisione e continuare la costruzione dell'oleodotto senza modificare il tracciato. Quindi, ottenere il ritiro definitivo del finanziamento da parte delle banche di cui sopra resta un obiettivo fondamentale nella lotta contro il DAPL.

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)