Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

9 aprile 2015

U€: Un nuovo mais transgenico in attesa di approvazione minaccia la salute dei consumatori

In occasione della Giornata Mondiale della Salute sul tema "per la sicurezza alimentare", gli Amici della Terra denunciano l'intenzione dell'UE di adottare nuove colture transgeniche tolleranti del glufosinato, un erbicida classificato da tossicità acuta dall'UE. Oggi 7 aprile si celebra la Giornata mondiale della salute con lo slogan 'per la sicurezza alimentare', al fine di aumentare la consapevolezza circa gli effetti nocivi e malattie che causano il cibo attraverso i virus, parassiti, batteri o sostanze chimiche dannose. 

Gli Amici della Terra vogliono richiamare l'attenzione sul rischio che comporta il mais transgenico 1507 sulla salute dei consumatori, se approvato. Oggi, la Commissione europea sta valutando il rilascio di questo nuovo mais, dopo aver ricevuto forti pressioni da parte dell'industria biotech per anni, più specificamente, dalla multinazionale agrochimica Pioneer Hi-Bred. La società DuPont ha dal 2001, chiesto l'approvazione del mais 1507, per la coltivazione nell'Unione europea. 


L'associazione ecologica ha ripetutamente messo in guardia contro il pericolo di questa [1] coltura geneticamente modificata. Questo mais mais Pioneer GM conosciuto come 1507, ha due modifiche genetiche che permettono di produrre una tossina per combattere la piralide del mais e allo stesso tempo essere tolleranti al glufosinato, elemento elencato dall'UE con tossicità [2]. Questa sostanza chimica rappresenta una minaccia per i consumatori, gli agricoltori e gli insetti, e quindi per la salute umana e gli ecosistemi. Coltivato su scala commerciale, contribuirà ad un maggiore utilizzo di prodotti chimici di sintesi e dei problemi di salute associati. 

Inoltre, la valutazione e la gestione del controllo i rischi di mais 1507 presentano gravi lacune. Tuttavia ci si aspetta che l'Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) pubblichi un nuovo studio completo per analizzare l'impatto che implica tale autorizzazione. La stessa agenzia ha dimostrato la minaccia di farfalle e falene, ma mancano ancora i dati sull'impatto su altri impollinatori chiave, come le api. 


Non sembra casuale il fatto che sia stato modificata la normativa europea per l'erbicida glufosinato in aprile 2013, consentendone l'uso in strisce o modo localizzato mentre in precedenza il loro uso era più restrittivo. 


La Spagna è il paese con il più ettari coltivati ​​con l'unico mais transgenico approvato in Europa (MON 810), seguita da Portogallo, Repubblica Ceca, Romania e Slovacchia. La nuova legge approvata all'inizio di quest'anno sulla "rinazionalizzazione" delle decisioni di colture GM mette lo Stato spagnolo nel mirino delle aziende biotech, e la porta d'ingresso principale di questo nuovo mai GM di mais tollerante al glufosinato [3]. 

"Non possiamo mettere in pericolo la salute delle persone con pressioni e utili societari. Abbiamo dimostrato che la cittadinanza chiede alimenti più sani e locali [4] inoltre, sia in Spagna che nel resto d'Europa, la gente ha chiarito il suo rifiuto alle colture geneticamente modificate più volte", ha detto Sandra Espeja, responsabile del settore dell'agricoltura e dell'alimentazione per Amici della Terra. 


Non c'è dubbio sul il rischio per la salute che comporta l'autorizzazione del mais GM 1507. Amici della Terra richiede al governo puntare su un'agricoltura locale, biologica e libera da transgenici e tossici. Si tratta di una domanda sociale in aumento e l'occasione per rilanciare l'economia locale. 

Note: 
[1] Nuovo mais transgenico, tossico e scarsamente valutato: https://www.tierra.org/spip/IMG/pdf/FoEE_briefing_GM_maize_1507_October_2013.pdf

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)