Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

17 novembre 2013

L'EUROPA VERSO IL FASCISMO

Le oligarchie finanziarie si baloccano con governi compiacenti o direttamente imposti da loro. Infatti la BCE ha ormai il potere di influenzare la composizione dei governi nazionali. Questi alchimisti dello spread evocano una nuova guerra santa contro i "populismi" rei di mettere in discussione un'architettura economica costruita sopra le teste dei cittadini, un atto profondamente anti democratico. La povertà e la disoccupazione dilagano ovunque in Europa insieme a un'emigrazione incontrollata dall'Africa e dall'Est dell'area Schenghen, a cui non aderisce la Gran Bretagna che sta studiando nuove limitazioni agli ingressi e sospesa in Danimarca, ennesimo fallimento della UE. 

La Grecia è stata lasciata morire dai "fratelli" europei, sacrificata sull'altare delle banche tedesche e francesi che volevano indietro la loro "libbra di carne". Questa Europa non è basata sulla solidarietà, chi sbaglia paga e paga fino in fondo. Fino alla spoliazione dei beni dello Stato, con la distruzione del tessuto sociale, dei servizi di prima necessità, come la sanità. E' quello che sta avvenendo ai greci abbandonati alla loro sorte come degli appestati. L'Europa sta diventando un lazzaretto. Chi si ammala è lasciato alla sua sorte. Che razza di Europa è questa? Assomiglia a quelle riunioni di mafiosi in cui chi sgarra viene assassinato. Solidarietà doveva essere la prima parola, il primo mattone dell'edificio europeo. Non è stato così. Non è così. I garanti dello status quo ormai insopportabili, in Italia la coppia al comando è Napolitano - Letta, continuano imperturbabili nelle loro convinzioni ignorando il mondo che gli sta crollando intorno. 

Indifferenti a un mostro che si sta svegliando e che sarà difficile, quasi impossibile, rinchiudere nelle gabbie del suo passato se diventerà più forte. Per questi finti democratici, tutori dei loro interessi personali, collegati con la finanza e non con il popolo che disprezzano sta suonando la campana a martello. Purtroppo, oltre che per loro, rischia di suonare per le democrazie. 

Il fascismo sta avanzando grazie a questi sciagurati in tutta Europa. Un sondaggio di ieri dà Alba Dorata primo partito in Grecia con il 26%, in Francia il Front National di Marine Le Pen è dato come primo partito dalla sua nascita con il 24%, in Norvegia ha vinto il Partito conservatore insieme all'affermazione del Partito del progresso, nel quale militò Anders Breivik, responsabile dell'uccisione di 77 persone. In Ungheria il governo di estrema destra ha stilato una lista nera di personalità che avrebbero fornito ai media stranieri informazioni contro l'immagine dell'Ungheria. Viktor Orban, il primo ministro, ha cambiato la Costituzione minando l'indipendenza della Banca centrale, l'autonomia della magistratura e dell'autorità garante della privacy e ha come obiettivo la Grande Ungheria nazionalista. Quali sono le cause della nascita dei nuovi fascismi? Chi sono i veri responsabili? Chi ha tradito la democrazia?

Fonte: Beppe Grillo

9 commenti:

  1. hai notato?
    -----Viktor Orban, il primo ministro, ha cambiato la Costituzione minando l'indipendenza della Banca centrale-----
    stabilire che la banca centrale non deve essere indipendente dalla volontà popolare è fascismo secondo Grillo?
    mentre un potere bancario totalmente al di sopra del popolo gli va bene?

    RispondiElimina
  2. La Troika si stà organizzando,loro sperano che l'inerzia,indecisione dei popoli europei gli lasci il tempo di preparare EUROGENDFOR MILITARMENTE
    poi quando saranno pronti imporranno il regime fascista europeo,basato sulla speculazione finanziaria che verrà protetto ad ogni costo dalla super polizia.
    Il popolo europeo sarà schiavizzato dal regime,senza più diritti,ma solo doveri.
    Sarà terribile,ma dobbiamo cominciare ad abituarci all'idea;se non facciamo qualcosa con urgenza.!!!

    RispondiElimina
  3. Analisi del tutto giusta. Ma l' alternativa?
    Non mi sembra che Beppe Grillo abbia agito
    in senso democratico; le larghe intese sono
    anche colpa sua. E Casaleggio è collegato
    anche lui alla finanza. La verità è che il
    capitalismo sta marcendo; ma soltanto un
    movimento popolare organizzato potrebbe
    sostituirlo con una vera democrazia. I poulismi di
    destra e i fascismi sono un' altro strumento del
    capitalismo per perpetuarsi; sono speculari alle
    oligarchie finanziarie globali ed europee.
    Aliquis.

    RispondiElimina
  4. Chia ha tradito la democrazia? Semplice. Tutti coloro che hanno governato questo paese dal 1948 in poi, nessuno escluso. Ecco perché torna il Fascismo. 8 Forse perché era meno peggio del controllo dei banchieri ).

    RispondiElimina
  5. E ancora non è nulla....Letta dice che nel parlamento europeo alla prossima mandata ci saranno molti partiti anti-europeisti... Ma vah? E chi ci vuole stare in questa Europa? In Grecia solo alba dorata fa gli interessi dei greci,l' Ungheria minacciata dalla Bce,per le sue scelte...(poi simili al Giappone). Il 2014 sarà un anno di disordini....Mi auguro di sbagliarmi.

    RispondiElimina
  6. se è l'unico modo per liberarsi degli usurai...l'han voluto loro....
    Se Letta e come ben esternato dai vari rockefeller rotschild draghi etc la democrazia conferisce tutto questo potere va da se che un modello che negasse loro la possibilità di stritolare i popoli con i debiti e' "brutto e cattivo"....
    Ma non per i popoli. Esempio banale: vedi le pensioni.....

    RispondiElimina
  7. Analisi farlocca e grillesca. Il vero Terzo Totalitarismo è la Ue e non i movimenti identitari che le si oppongono. Grillo vorrebbe l'esclusiva europea del Liberatore, ma la sua è solo fuffa. Glielo ha suggerito per caso lo zio George?

    RispondiElimina
  8. La Storia si ripete.
    Arriva al Governo nominato dal Quirinale, senza passare per le elezioni. É il piú giovane Presidente del Consiglio della storia d’Italia (ha solo 39 anni) É diretto fino ad essere sgradevole, tattico e volitivo allo stesso tempo.
    Dice che vuol fare una rivoluzione. É appoggiato e finanziato dai poteri forti, dalla finanza che conta e dagli editori dei giornali piú autorevoli.
    Odia le vecchie e superate strutture e categorie, come destra e sinistra.
    Vuole fare, in fretta, una norma elettorale maggioritaria che lo blindi in Parlamento. É Matteo Renzi? NEANCHE PER SOGNO!!.
    Siamo al 30 Ottobre 1922. Il 16 Novembre, Mussolini si presenta alla Camera, a dare il suo primo discorso come Presidente del Consiglio.
    Mussolini: 1922 e Renzi: 2014; la stessa storia, solo cambiano gli attori.
    Poi non si dica, NON sapevo, NON mi sono reso conto di ció che succedeva; ITALIOTI, SVEGLIA, QUESTO É FASCISMO, solo cambia il nome ma la sostanza é la stessa.

    RispondiElimina
  9. La Storia si ripete. Arriva al Governo nominato dal Quirinale, senza passare per le elezioni. É il piú giovane Presidente del Consiglio della storia d’Italia (ha solo 39 anni) É diretto fino ad essere sgradevole, tattico e volitivo allo stesso tempo. Dice che vuol fare una rivoluzione. É appoggiato e finanziato dai poteri forti, dalla finanza che conta e dagli editori dei giornali piú autorevoli. Odia le vecchie e superate strutture e categorie, come destra e sinistra. Vuole fare, in fretta, una norma elettorale maggioritaria che lo blindi in Parlamento. É Matteo Renzi? NEANCHE PER SOGNO!!. Siamo al 30 Ottobre 1922. Il 16 Novembre, Mussolini si presenta alla Camera, dare il suo primo discorso come Presidente del Consiglio. Mussolini: 1922 e Renzi: 2014; la stessa storia, solo cambiano gli attori. Poi non si dica, NON sapevo, NON mi sono reso conto di ció che succedeva; ITALIOTI, SVEGLIA, QUESTO É FASCISMO, solo cambia il nome ma sostanza é la stessa.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)