Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

15 maggio 2013

I SEMI DEL SUICIDIO DELLA MONSANTO

“La Monsanto è un’impresa agricola. 
Applichiamo innovazione e tecnologia per aiutare i coltivatori di tutto il mondo a produrre di più conservando di più.
Produrre di più – Conservare di più – Migliorare la vita dei coltivatori.”


Queste sono le promesse della Monsanto sul suo sito Web, assieme a fotografie di agricoltori prosperi e sorridenti dello stato del Maharashtra. Si tratta di un tentativo disperato della Monsanto e della sua macchina della propaganda di separare l’epidemia di suicidi di contadini in India dal crescente controllo della società sulle forniture delle sementi di cotone; il 95% dei semi di cotone in India è oggi controllato dalla Monsanto.
Il controllo sui semi è il primo anello della catena alimentare perché i semi sono la fonte della vita. Quando un’impresa controlla i semi, controlla la vita, specialmente la vita degli agricoltori.
Il controllo concentrato della Monsanto sul settore delle sementi in India, così come in tutto il mondo, è molto preoccupante. E’ ciò che collega i suicidi dei contadini indiani alla causa ‘Monsanto contro Percy Schmeiser’ in Canada, a quella ‘Monsanto contro Bowman’ negli Stati Uniti e agli agricoltori del Brasile che hanno citato la Monsanto per 2,2 miliardi di dollari per lo scorretto incasso di diritti.
Leggi tutto...

Leggi anche:
Obama protegge la Monsanto con una legge "su misura"
La Catastrofe Degli OGM Negli USA: Una Lezione Per Il Mondo
«IL GLISOFATO UCCIDE LA PACHAMAMA»
CONTROLLARE IL PRIMO ANELLO DELLA CATENA ALIMENTARE: LE SEMENTI

2 commenti:

  1. Quello che hanno fatto ai contadini indiani è orribile. Mi chiedo, ma non esistono presupposti giuridici per denunciare alle Nazioni Unite le multinazionali,come la Monsanto, per crimini contro l'umanità?
    Queste cose sono violazioni dei diritti umani.
    Dovrebbero esserlo anche giuridicamente.

    RispondiElimina
  2. il problema è che i giudici ed i tribunali sono asserviti al potere, quindi non si avrà mai giustizia.bisognerebbe modificare radicalmente il sistema per ottenerla.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)