Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

8 febbraio 2012

NEL 2045 GLI UMANI SARANNO IMMORTALI?

L’idea che gli esseri umani siano immortali e che l’intelligenza artificiale raggiunga quella del suo creatore potrebbe sembrare la sceneggiatura di un film di fantascienza, ma un gruppo di scienziati paventa questa possibilità tra qualche decennio, nel 2045. L’ingegnere Josè Cordero ha rilasciato un’intervista alla rivista Time su una ricerca dell’Università della Singolarità, che collabora anche con la NASA, circa l’immortalità della razza umana.
Su cosa si basa la teoria?
Tratta l’immortalità fisica o più precisamente il controllo dell’invecchiamento. C’è una grande quantità di tecnologia, biotecnologia e nanotecnologia che stanno aiutando a capire come evolve il processo biologico delle malattie. Interessante è che si stia studiando l’invecchiamento come una malattia curabile e questo è l’aspetto più trascendentale.
In che modo si collega con le scoperte tecnologiche?
Come si riesce a fermare l’invecchiamento?
In che modo l’umanità sarà immortale?
Nei prossimi anni, una persona di 90 anni potrà apparire come se ne avesse 30. Adesso si sta allungando l’aspettativa di vita, ma invecchiando,invece  l’idea è quella di non invecchiare. (1)

1 commento:

  1. Bè, che devo dire? Devo ammettere che fino a poco tempo
    fa tutto questo, tutte queste idee, non solo mi sarebbero
    sembrate assurde e irrealizzabili, ma anche immorali, innaturali
    e odiose. Ma oggi non la penso più così. E perchè? Perchè ho scoperto le teorie e il pensiero di Nikolaj Fedorovic Fedorov (1828-1903). Invito tutti ad informarsi su di lui, perchè io non ho il tempo di
    illustrare le sue teorie. Per un collettivista come me, a cui non è
    mai piaciuto l'individualismo, le idee di Fedorov, secondo cui l'individuo da solo non è nulla ma conta solo se si considera parte dell'umanità, ma anzi, del Cosmo, sono molto attraenti. "L'individuo non deve vivere nè per sè nè per gli altri, ma con tutti e per tutti"
    diceva Fedorov. E diceva che bisognava lottare per l'immortalità e far resuscitare gli antenati, nessuno escluso, dal contadino all' assassino. Una sola persona fuori dal Progetto ed il progetto fallisce: quindi bisogna far resuscitare anche Hitler. Questo perchè l'uomo immortale del futuro sarà diverso, senza violenza, quindi anche Hitler sarà un agnello. Assurdità? Pazzia? può darsi, eppure ho
    l'impressione che le idee di Fedorov riempino un vuoto che incosciamente ho sempre sentito e che ora, conoscendole, sia pure per sommi capi, sento meno. Erasmo da Rotterdam diceva: "Tutto si deve alla Pazzia".

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)