Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

6 giugno 2011

DIO BENEDICA L'AMERICA E LE BOMBE!

Di William Blum 
http://killinghope.org/
Quando hanno bombardato la Corea, il Vietnam, il Laos, la Cambogia, El Salvador e il Nicaragua, non ho detto niente, perché non ero un comunista.
Quando hanno bombardato la Cina, il Guatemala, l'Indonesia, Cuba e il Congo, non ho detto niente, perché non né sapevo nulla.
Quando hanno bombardato il Libano e Grenada, non ho detto niente, perché non riuscivo a capire.
Quando hanno bombardato il Panama, non ho detto niente, perché non ero un trafficante di droga.
Quando hanno bombardato l'Iraq, l'Afghanistan, il Pakistan, la Somalia e lo Yemen, non ho detto niente, perché non ero un terrorista.
Quando hanno bombardato la Jugoslavia e la Libia per ragioni "umanitarie" non ho detto nulla, perché mi sembrava così nobile.
Poi vennero a bombardare la mia casa, e non c'era più nessuno a difendermi. Ma non importa. Ero morto. (1)

Gli obiettivi
 
E' diventato un luogo comune accusare gli Stati Uniti di scegliere come bersagli di bombardamento solo le persone di colore, quelle del Terzo Mondo o i musulmani. Ma non dobbiamo dimenticare che una delle campagne più feroci di bombardamenti americani dei tempi moderni - 78 giorni consecutivi - è stata condotta contro gli abitanti dell’ex Jugoslavia: bianchi europei e cristiani. Gli Stati Uniti sono per le pari opportunità quando si tratta di bombardare. 
Gli unici requisiti per diventare un bersaglio sono: 
a) costituire un ostacolo - non importa quale - alla volontà dell'Impero Americano;
b) essere praticamente indifesi contro i bombardamenti aerei.
 
I sopravvissuti
«Non vediamo mai il fuoco e il fumo, non sentiamo mai l'odore del sangue, non vediamo mai il terrore negli occhi dei bambini, nei cui incubi ora ci sono missili urlanti sparati da terroristi invisibili, conosciuti con il nome di Americani» (2)
La NASA ha annunciato una nuova audace missione, il lancio di una navicella spaziale che viaggerà quattro anni per atterrare su un asteroide, dove raccoglierà un po' di polvere dalla superficie per poi riportare il suo prezioso carico sulla Terra, dove gli scienziati lo esamineranno per trovare degli indizi sulle origini della vita. Una vera storia di fantascienza. Tuttavia, io personalmente lo considero un risultato molto maggiore per l'umanità, la possibilità di mettere fine a tutti i bombardamenti statunitensi e a tutte le loro guerre, e d'insegnare po' di umiltà alla Santissima Trinità - gli Stati Uniti, l'Unione Europea e la NATO - che non riconosce alcun potere superiore e crede letteralmente di poter fare ciò che vuole nel mondo, a chi vuole, per tutto il tempo che vuole e a prescindere, definire la sua azione come "umanitaria".
La caduta dell'Impero Americano offre un nuovo inizio per il popolo americano e per il mondo che soffre da tanto tempo.
 
Perché gli Stati Uniti conducono una guerra perpetua contro il sistema sanitario cubano?
 
Nel mese di gennaio (2011), il governo degli Stati Uniti d'America ha ritenuto opportuno sequestrare 4,2 milioni dollari stanziati a Cuba da parte delle Nazioni Unite con il Fondo globale per la lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria, per il primo trimestre del 2011. Il fondo delle Nazioni Unite è un programma di 22 miliardi di dollari l'anno contro le tre pandemie mortali in 150 paesi. (3)
«Questa politica meschina», ha detto il governo cubano «cerca di minare la qualità dei servizi forniti al popolo cubano e a bloccare l'assistenza medica a più di 100 paesi, fornita da 40.000 lavoratori della sanità cubana». La maggior parte dei fondi vengono utilizzati per importare un costoso farmaco contro l'AIDS a Cuba, dove è previsto il trattamento antiretrovirale gratuitamente a circa 5.000 pazienti affetti da HIV. (4)
 
Gli Stati Uniti vedono il sistema sanitario cubano e la solidarietà proposti da L'Avana come un modo per Cuba di farsi degli amici e degli alleati nel Terzo Mondo, soprattutto in America Latina, una situazione in totale contraddizione con la politica di lunga data degli Stati Uniti di isolare Cuba. Negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno cercato di contrastare il successo internazionale del popolo cubano con l'invio nella regione, della nave statunitense «Comfort». Con le sue 12 sale operatorie e 1000 posti letto, la petroliera convertita ad ospedale, ha eseguito centinaia di migliaia d’interventi chirurgici gratuiti in paesi come Belize, Guatemala, Panama, El Salvador, Perù, Ecuador, Colombia, Nicaragua e Haiti.
 
Ma l'attracco della nave «Comfort» ha poche probabilità di rafforzare l'influenza dell'America sul continente. «E 'difficile per gli Stati Uniti competere con Cuba e il Venezuela in questo modo», ha dichiarato Peter Hakim, presidente dell' Inter-American Dialogue, un gruppo di ricerche politiche filo-americano a Washington. «Fa sembrare che stiamo cercando di imitarli. I medici cubani non sono ancorati nel porto per qualche giorno, ma sono presenti nel paese per anni». (5)
In una recente rivelazione di documenti di Wikileaks del Dipartimento di Stato USA, troviamo questo: un cavo è stato inviato da Michael Parmly dall'Interests Section USA a L'Avana nel luglio del 2006, durante i preparativi per la conferenza dei paesi del Movimento dei Non-Allineati. Egli ha sottolineato che è attivamente alla ricerca di «storie umane ed altre informazioni per frantumare il mito della prodezza della medicina cubana».
 
Michael Moore parla di un altro cavo di Wikileaks del Dipartimento di Stato: «il 31 gennaio 2008, un funzionario del Dipartimento di Stato con sede a L'Avana ha raccolto una storia inventata da zero e l'ha trasmessa a Washington. Ecco cosa ha detto: (l'ufficiale) ha dichiarato che le autorità cubane avevano vietato il documentario di Michael Moore, «Sicko», per motivi di sovversione. Sebbene lo scopo del film era criticare il sistema sanitario americano, sottolineando la qualità del sistema cubano, il funzionario ha detto che il regime sapeva che il film era un falso e non voleva correre il rischio di mostrare alla popolazione cubana che i dispositivi non sono chiaramente accessibili alla vasta maggioranza della popolazione». Moore ha ricordato l'agenzia di notizie di stampa Associated Press del 16 giugno 2007 (sette mesi prima del cavo), che titolava: "Il ministro della Salute di Cuba dichiara che il documentario 'Sicko' di Michael Moore mostra i 'valori umani' di un sistema comunista».

Moore ha aggiunto che i cubani hanno potuto vedere il suo film alla televisione nazionale il 25 aprile 2008. «I cubani hanno talmente apprezzato il film che è uno di quei rari film americani che hanno ricevuto una distribuzione nelle sale a Cuba. Mi sono personalmente assicurato di far pervenire una copia in 35 mm all'Istituto del Cinema a L'Avana. Le proiezioni di Sicko sono state organizzate in tutto il paese». (6)
Gli Stati Uniti hanno vietano anche la vendita a Cuba di farmaci ed attrezzature essenziali, come l'agente inalatore Sevoflurano che è diventato il farmaco per eccellenza per l'anestesia generale nei bambini, e il Dexmetomidine, particolarmente utile nei pazienti anziani che spesso devono essere sottoposti a procedure chirurgiche estese. Entrambi i prodotti sono fabbricati dalla società statunitense Abbott Laboratories.
 
I bambini cubani che soffrono di leucemia linfoblastica non possono utilizzare l' Erwinia L-asparaginasi, un farmaco commercializzato con il nome Elspar, poiché la società farmaceutica statunitense Merck & Co. si rifiuta di vendere il suo prodotto a Cuba. Washington ha anche vietato all'ONG statunitense Pastors for Peace di donare a Cuba, tre ambulanze Ford.
I cubani inoltre si vedono negare il visto per partecipare a conferenze sull'Anestesia e la Rianimazione che si svolgono negli Stati Uniti. Questo complica ulteriormente la vita degli anestesisti cubani che vogliono essere aggiornati degli sviluppi nel loro settore, di essere informati del trattamento di pazienti gravemente malati, e di essere informati dei progressi compiuti nel trattamento del dolore.
 
Alcune delle considerazioni che seguono non sono che un piccolo campione dell'incessante guerra americana contro il sistema sanitario cubano, presentati in un rapporto di Cuba all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 28 ottobre 2009. (Vedi qui, N.d.T.)
E, infine, non bisogna dimenticare il programma d'immigrazione chiamato Cuban Medical Professional Parole (CMPP), che incoraggia i medici cubani che esercitano all'estero per difetto, ad entrare subito negli Stati Uniti come rifugiati. Il Wall Street Journal ha riportato a gennaio di quest'anno che da dicembre 2010, i visti CMPP sono stati concessi dai consolati degli Stati Uniti in 65 paesi a 1.574 medici cubani la cui formazione è stata pagata dal governo Cubano nonostante i problemi finanziari. (7) Questo programma, abbastanza stranamente, è stato lanciato dall'Homeland Security USA. 
Un'altra vittoria contro il terrorismo? O il socialismo? O è la stessa cosa?
Aspettate che i conservatori statunitensi scoprono che Cuba è l'unico paese dell'America Latina dove l'aborto è gratuito su richiesta.
(2) Martin Kelly, editore di un sito web di non-violenza.
(3) Prensa Latina (Cuba), 12 marzo 2011
(4) The Militant (US, Socialist Workers Party), 4 Aprile 2011
(5) Bloomberg news agency, 19 Settembre 2007
(6) Huffington Post, 18 dicembre 2010
(7) Wall Street Journal, “Cuban Doctors Come In From the Cold " (video), 14 gennaio 2011 

4 commenti:

  1. Ciao Alba
    gran bell'articolo! Gli Stati Uniti sono per le pari opportunità quando si tratta di bombardare. Credo che questa frase e la premessa siano la sintesi reale della situazione.
    Spero che al più presto ci sia una totale inversione di rotta.
    Ciau

    RispondiElimina
  2. Io rappresento la vostra attenzione il film:
    La strategia di lunga durata di superamento dell'islam coranico dagli padroni del progetto Bibbia
    http://www.youtube.com/watch?v=hcYI9GtNLeE
    Sei principi della manipolazione globale
    http://www.youtube.com/watch?v=0fF3TQ0lJnU

    RispondiElimina
  3. Si, DAVVERO un bell' articolo.
    Le bugie e la disinformazione sono più tremende delle bombe stesse.
    Di recente infatti sono diventato
    dubbioso su tutto, specialmente da quando ho saputo che il governo della Bielorussia non è poi così dittatoriale come è stato detto.
    L' embargo sulle medicine è di sicuro un crimine tra i più odiosi.
    E il furto dei medici pure.

    RispondiElimina
  4. @Aliquis
    "L' embargo sulle medicine è di sicuro un crimine tra i più odiosi".

    CHE DIO BENEDICA IL COMANDANTE!
    ;)

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)