Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

17 maggio 2010

IL RUOLO DELLA BCE NELLA CRISI GRECA

Immagine di Iker Ayestaran
di Juan Hdez. Vigueras

Lo scorso 28 aprile, Jean-Claude Trichet, presidente della Banca Centrale Europea (BCE) e Dominique Strauss-Kahn, direttore del Fondo Monetario Internazionale (FMI), hanno visitato il cancelliere tedesco Angela Merkel e il suo ministro dell'Economia Wolfgang Schäuble, si sono riuniti in Parlamento con gli altri leader per superare le loro riserve sull'indispensabile aiuto tedesco per salvare le finanze greche e per difendere l'euro. Tra le molte notizie sulla Grecia, questa visita insolita di entrambi i tecnocrati rivela, soprattutto, il cruciale ruolo politico svolto da Trichet.

Per iniziare, ricordiamo che la BCE è la banca centrale più indipendente del mondo, sulla base di un trattato internazionale e praticamente responsabile, caso mai, davanti a Dio e la storia. Per questo è accusata di contribuire a questa preoccupante situazione in Europa, tra le altre cose, la pressione che ha fatto sui governi dell'Eurogruppo affinché riscattassero e avallassero le banche dopo lo scoppio della crisi finanziaria del 2007, come segnalano due importanti analisti  (The New York TimesL'Europa può salvare se stessa?”, 29/04/2010).

Va inoltre rilevato che per i governi che hanno gestito le loro economie con rigore, come nel caso della Spagna, è la mancanza di armonizzazione fiscale europea tra gli stessi partner, che rafforza la necessità di coprire il deficit di bilancio, che si è verificato con crisi. Ed è proprio il funzionamento della banca emittente dell’euro che rende difficile la finanzi azione dei governi, trasformando i buoni del Tesoro Pubblico che le banche dell’eurozona acquistano in un meccanismo perché questi possano ottenere soldi dalla BCE senza compromettersi a facilitare i crediti alle economie.

Questo meccanismo è facile da capire se traduciamo la terminologia. Le banche usano il debito degli stati per ottenere liquidità attraverso le operazioni repo (pronti contro termine, Ndt) della BCE: prestiti di euro con consegna di un pacchetto di valore, come garanzia, che la banca si è impegna a ricomprare quando ha effettuato il prestito. Questo non porta più credito, ma le banche fanno un business chiaro e netto: mentre la BCE paga un 1% per gli euro freschi, possono ottenere un interesse del 5% o più, come si vede dalle quotazioni registrate nelle aste del debito pubblico di Grecia ed altri paesi europei. Questa facilità di accesso al credito, che poteva essere giustificato, all'inizio della crisi finanziaria, quando hanno subito restrinzioni del credito, le banche di solito le usano per la speculazione nei mercati della borsa così rispettati.  E così ci sono banche tedesche e francesi che detengono titoli greci in maggiore quantità e, anche, il sospetto che queste banche sono le prime beneficiarie del salvataggio greco al quale è accompagnato da un duro adeguamento a scapito dei lavoratori.

Secondo alcune fonti anglosassoni, le banche spagnole hanno preso in prestito 63.000 milioni di euro dalla BCE attraverso accordi di pronti contro termine nel dicembre 2007. E, per circa lo stesso tempo, le banche hanno creato in massa titoli che non avevano mercato, al solo scopo di depositarli presso la Banca di Francoforte, dopo che resero pubblici le nuove agevolazioni per concedere liquidità bancaria. Un vero e proprio salvataggio del settore bancario sopagnolo da parte della BCE orchestrato senza l'autorizzazione di nessun governo, in quanto i loro statuti non lo richiedono. E quelle stesse banche che avevano venduto costosi prestiti con molta facilità incolpano ora i clienti ipotecari morosi.

Inoltre, per queste operazioni di repo, la BCE valorizza i buoni o titoli del debito pubblico secondo una classifica che tre aziende di rating statunitensi danno alla solvenza degli stati dell’Eurogruppo. La cosa più grave è che a tale attività privata, che giudica in anticipo la capacità futura di pagamento di un paese dell’euro, la BCE dà un carattere ufficiale. Da un lato, pregiudica il risultato della politica economica e limita i governi, dall'altro, queste qualificazioni alimentano il casinò finanziario e rendono più caro l’indebitamento pubblico per uscire dalla crisi.
Come evidenziato da un esperto del settore, questa dipendenza della BCE dalle agenzie di rating per le obbligazioni sovrane è come mettere nelle mani di un terzo paese il controllo dei suoi ordigni nucleari (Financial Times, 2010/03/24). Ma non la vede così il governatore della Banca della Spagna, membro del Consiglio della BCE e preferisce far pressione per licenziamenti a basso costo.
Pertanto, in considerazione del successo di Strauss-Kahn e Trichet a convincere il Parlamento tedesco, dovremmo prestare più attenzione al malgoverno dell'Eurogruppo e al nuovo ruolo europeo del FMI. E' ovvio che il problema non consiste nel fatto che i governi cerchino di “tranquillizzare i mercati” ma nel controllare per via democratica le istituzioni europee che li potenziano. Per la Grecia, è chiaro che gli speculatori e la ragnatela istituzionale europea alleata al FMI hanno annullato le elezioni democratiche del 2009, cestinando il programma di progresso del Governo eletto.

Ed in questa congiuntura complicata, è chiaro che quel predominio dato ai mercati finanziari impoverirà i greci ed è una minaccia per il futuro della democrazia e dello stato sociale nei paesi dell'Eurogruppo.

Fonte: El papel del BCE en la crisis griega da Dominio Pùblico 

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA

Articoli correlati: 

4 commenti:

  1. >>
    Pertanto, per concludere questo mio post dell’articolo linkato nel titolo sul presente Eascioblog, rispondo con gioia alla domanda del The New York Times “L'Europa può salvare se stessa?”, 29/04/2010».

    Si!, sì!, sì!!!... L’Europa può salvare brillantemente non solo se stessa ma, conseguentemente, tutti i continenti! Proprio in virtù del FATTO verificabilissimo che il vero e unico PADRONE DEL MONDO opera in me dal 25/10/1993. Sono alla dirittura d'arrivo della missione ricevuta e che perseguo con Amore forte come la morte, vale a dire senza limiti di qualsiasi costo.
    <<

    ************

    Ho riportato un solo periodo del post di oggi 17/05/2010, quando ho conosciuto fortuitamente per la prima volta Voci Dalla Strada sul mio

    http://eascioblog.blogspot.com

    Mi attendo non 1 ma 100 domande chiarificatrici.
    Cordiali saluti al titolare e utenti di questo magnifico blog :) <3 :)

    RispondiElimina
  2. Ciao...
    Qualche chiarimento è sicuramente gradito...
    Do un'occhiata al tuo blog...
    Un caro saluto
    Alba

    RispondiElimina
  3. Alla cortese attenzione di
    Alba kan. & Marco Cedolin

    Mi appello a tutti gli utenti che qui leggono. Ma scongiuro accoratamente Alba e Marco di approfondire la mia conoscenza. Abbiate la pazienza di andare a leggere e ascoltare su EASCIOBLOG il mio poderoso post documentato di venerdì 28 maggio 2010 e il successivo di mercoledì 2 giugno 2010, dove il quadro riassuntivo della mia vicenda umana (troppo umana) comincia ad emergere più chiaramente, per salvare l’Italia e tutte le Nazioni, in primis l'agognata pace tra Palestina e Israele.
    Dopo i citati posts, immediatamente ho riscontrato un’avversione mortale, nei miei confronti, da parte di PAOLO ATTIVISSIMO sul suo sito Il Disinformatico.it, da me sùbito linkato nel titolo dell’ultimo post di domenica 6 giugno 2010, come in precedenza feci con un Vs. articolo, quando conobbi per la prima volta Voci Dalla Strada in data 18 maggio 2010.
    Occorre che Voi 2 (e chiunque altro) sia disponibile a seguire il saggio aforisma: "Conviene essere giusti" e abbandonare, come io ho sempre fatto: "È giusto quello che conviene". Ma, sia chiaro, cosa dovreste ritenere GIUSTO? Semplicemente che io non scompaia per sempre anche dalla Rete Internet e resti definitivamente a morire in solitudine assoluta dal 3/03/1994 nel “Manicomio familiare”, condannato di fatto alla “Morte civile”, in seguito a gravissimo reato IMPUNITO di “Falso in atto medico”. Sono considerato da tutti i Familiari “un pazzo che non ragiona”, quando poi non v’è persona più ragionevole di me. È solare!

    Riassumendo, in estrema sintesi, dovreste ammettere onestamente con Voi stessi la VERITÀ che, nei miei confronti, siete Totalmente incapaci d’intendere e liberamente volere in quanto io, applicando non la , bensì la legge civile che sola ci governa, Vi ritengo NON IMPUTABILI di niente, quindi non posso emettere alcuna sentenza di condanna perché siete palesemente irresponsabili, INNOCENTI come BAMBINI.
    Esattamente come io mi ritengo un BAMBINO INNOCENTE al cospetto di DIO.
    Sono pessimo scrittore, immensamente ignorante, ma più chiaro di così non posso esprimermi.
    Questa è la collaborazione che chiedo: necessita salvare dalla morte tale “bambino innocente” (di Dio o del Caso non ha importanza) e si salverà l’Italia e tutte le Nazioni come sopra ho scritto.

    Poiché questo magnifico sito inizia con l’aforisma illuminante del grande scienziato Albert Einstein, non mi resta che terminare con il profetico Suo aforisma: “L’uomo che è tanto folle da dichiarare di cambiare il mondo, vedrete che prima o poi lo cambia davvero”. Per questo mi è preziosa la Vs. collaborazione, per cui scongiuro accoratamente di non negarmela, con buona pace di Paolo Attivissimo.
    La mia Follìa è quella di Erasmo da Rotterdam e va elogiata (non io, la Follìa, appunto).
    Buona lettura!
    Ricambio un caro saluto a Voi tutti :) <3 :)

    I.P.

    RispondiElimina
  4. ERRATA-CORRIGE

    Al 3° rigo del 4° capoverso:

    sono saltate due parole, al posto di:

    «... in quanto io, applicando non la , bensì la legge civile...»

    leggasi:

    «... in quanto io, applicando non la norma morale, bensì la legge civile...»

    Mi scuso e attendo ricevere qualsiasi domanda riterrete opportuno rivolgermi, anche per e-mail in privato.
    A presto!

    I.P.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)