Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

6 febbraio 2010

VERSO IL FALLIMENTO DEGLI STATI

La crisi fiscale dell' Europa fa crollare i mercati mondiali

I segnali sono chiari: i fondi pubblici miliardari utilizzati per salvare il settore bancario ed industriale hanno generato un debito impagabile e un rosso cronico nei conti di bilancio delle nazioni dell'euro (soprattutto in Grecia, Spagna e Portogallo). L'ombra del mancato pagamento del debito europeo, si è aggiunto ai dati negativi sulla disoccupazione negli Stati Uniti, terminando giovedi con il crollo dei mercati di Wall Street fino al resto dei mercati azionari mondiali.

Le principali piazze borsistiche sono cadute giovedi al ribasso, nel mezzo dei timori per il massiccio debito nazionale di varie nazioni europee e l'aggravamento della crisi del mercato del lavoro statunitense. La tendenza è continuata questo venerdì.

In Europa, l'euro è sceso oltre l'1% contro il dollaro e ha raggiunto il suo livello più basso in otto mesi. I principali indicatori di Madrid e le borse di Lisbona sono scese del 5,9% e 5% rispettivamente, mentre un indice che copre le 600 più grandi imprese europee ha perso il 2,7%.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso 268 punti, il suo maggior declino in punti a partire dal 20 aprile 2009, e stava per chiudere al di sotto della barriera psicologica dei 10.000.

Le perdite sono state ancor più devastanti tra le materie prime. I Futures del petrolio greggio per consegna in marzo è sceso del 4,9% a 73,23 $ al barile, mentre quelli dell'oro per aprile - il contratto più scambiato - è sceso del 4,4% a 1,062 $ l'oncia.

Anche i mercati azionari dell' America Latina mercati hanno reagito al ribasso. In Cile la Borsa di Santiago ha registrato un calo del 2%, mentre in Brasile l'indice Ibovespa della Borsa di Sao Paulo ha chiuso con un forte calo del 4,73%.

In Argentina, l'indice Merval della Borsa di Buenos Aires ha chiuso con un calo del 3,81%.

Questo venerdì, le principali piazze europee ed asiatiche, hanno aperto al ribasso.

La Borsa di Madrid - che il giovedi, è scesa di quasi il 6% il suo peggiore dato da novembre 2008 - venerdì ha aperto con un calo del 2,5% del suo indice selettivo, l' Ibex 35.

In questa stessa ottica, anche se con perdite più moderate intorno allo 0,5%, sono iniziate le sessioni dei mercati a Londra, Parigi, Milano e Francoforte.

Secondo i media e gli analisti specializzati, la crisi fiscale della Grecia e la delicata situazione in Spagna e in Portogallo, piloteranno in gran parte l'instabilità che subiranno i mercati finanziari mondiali.

Le cascate del mercato azionario e le agitazioni finanziarie che si sono moltiplicate come le infezioni sono anche dovute a dati deludenti sulla creazione di occupazione rilasciati dal governo degli Stati Uniti.

Il numero settimanale di domande di sussidio di disoccupazione degli Stati Uniti è aumentato di 8.000 la settimana scorsa ed è pari a 480.000, il livello più alto da metà dicembre.

Gli Stati in rosso

Il processo di indebitamento (aggiunto al calo dei ricavi mentre l'economia è rallentata) non solo rischia la stabilità economica e di "governabilità" nella zona euro, ma anche (come è successo con le banche e le società private) possono far collassare a catena gli stessi Stati europei, sia centrali, che sottosviluppati o emergenti.

In generale, l'ombra di una diffusa insolvenza (prodotta dal deficit e la bassa riscossione delle imposte) fa temere agli gli analisti una recrudescenza della crisi del sistema, non solo presso le banche e gli enti privati, ma anche degli stessi Stati capitalisti dell'Europa.

In questo scenario, Spagna, Portogallo e Grecia, si profilano come l'anello più debole nella stringa in rosso delle finanze pubbliche in Europa.

"Le borse europee e i mercati obbligazionari sono diminuiti a causa di crescenti preoccupazioni che lo scenario della Grecia si estenderà ad altri luoghi, in particolare il Portogallo, o la Spagna e molti paesi dell'Europa orientale," ha detto il direttore di valuta estera al BMO Capital Markets, Jon Gench, citato dall'agenzia AFP.

"La preoccupazione di Bruxelles non è solo per il fatto che la Grecia può aver bisogno di un salvataggio, ma perché il nervosismo si può diffondere in altri paesi con problemi", dice l'esperto economico per la BBC Jonny Dymond.

Anche se questa è una delle economie più piccole dell' UE, la crisi greca -la peggiore nel paese poiché ha aderito all'euro nel 2001 - è stata al centro degli sguardi e dei timori che facesse crollare i mercati finanziari giovedi.

Il direttore del Fondo monetario internazionale (FMI), Dominique Strauss-Kahn, ha detto alla radio francese che la situazione finanziaria della Grecia è "molto grave" e sarebbe disposto a prestarle denaro, se fosse necessario.

La Spagna, nel frattempo, venerdì è diventata il centro del collasso borsistico internazionale a causa di una situazione di panico che ha portato l'indice Ibex ad un calo record del 5,94%. Questo declino non si vedeva dal novembre 2004, e riflette uno dei peggiori momenti della crisi devastante per l'economia spagnola.

Il crollo del mercato azionario è arrivato dopo una serie di dati negativi del Fondo Monetario Internazionale sulla disoccupazione spagnola, che raddoppia la media europea, e disegna la Spagna, come l'economia con più complicazioni nella zona dell'euro, e l'ultima a lasciare recessione.

I dati ufficiali sulla disoccupazione spagnola, hanno coinciso con un severo ammonimento, giovedi, il direttore generale dell'Fmi, Dominique Strauss-Kahn, che ha notato che "la crisi in Spagna è molto forte, con una situazione immobiliare non dissimile da quello che è successo in Stati Uniti" Egli ha affermato che "gli spagnoli hanno bisogno di fare uno sforzo considerevole".

Come la Spagna, il Portogallo attraversa gravi problemi in rosso, con un debito e un deficit pubblico in forte aumento. Molti analisti confrontano la loro situazione a quella della Grecia, la cui incapacità di pagare il debito ha fatto  rabbrividire la zona euro questa settimana.

Con la disoccupazione che tocca il 10% e un livello di povertà del 18%, il Portogallo è uno dei paesi più deboli della geografia economica dell'UE. La sua economia è orientata verso i servizi, ma la sua manodopera a basso costo (più di altri paesi dell'Europa occidentale) è stata negativamente influenzata dalla concorrenza di questi anni con nuovi partner del blocco orientale.

Quasi un quarto del commercio estero portoghese si intreccia con la Spagna (suo principale vicino terrestre e strada di comunicazione), mentre il governo portoghese accusa i gruppi finanziari internazionali di aver trasformato il Paese in una "diga" di sue speculazioni.

Il disavanzo pubblico del Portogallo ha raggiunto il 9,3% del PIL nel 2009 e oggi è sotto pressione da parte dell'Unione europea e del Fondo Monetario Internazionale (che ha chiesto salari più bassi, come la Spagna e la Grecia). Il livello di indebitamento dello stato è molto alta (circa il 75% del PIL) ai limiti stabiliti dalla zona euro, che comprende il Portogallo.

L'effetto contagio

I problemi delle economie più deboli in Europa innescano domande e speculazioni circa l'impatto a catena che avrà sulla zona euro, i cui membri condividono una moneta comune, ma non le loro politiche nè le strategie finanziarie.

"Un anno fa, si è ipotizzato che tutti questi paesi erano gli stessi", ha dichiarato Brian Yelvington, stratega dell'intermediazione del reddito fisso di Knight Libertas citato dal Wall Street Journal: "Ora, gli investitori stanno cercando di determinare la differenza che deve esistere tra il debito della Grecia e del Portogallo.

La crisi fiscale in Grecia e in altri paesi dell'area dell'euro ha portato molti esperti a mettere in discussione la sostenibilità a lungo termine dell' euro. Si ricorda che il presidente della Banca europea, in precedenti occasioni descrisse come "assurde" le speculazioni circa l'effetto "contagio", ma i dubbi generalizzati sui mercati terminarono definitivamente collassando i mercati internazionali

Negli ultimi mesi stava guadagnando visibilmente un nuovo giocatore emergente nell'economia globale: la "crisi fiscale" (prodotto di deficit astronomici che affliggono gli Stati delle economie centrali) che succede alla "crisi finanziaria" nella disfatta dell'economia mondiale capitalista.

E c'è un paradosso: la "crisi statale" non è nata come un prodotto dell'indebitamento privato, senza sostegno (l'economia di carta di grandi conglomerati bancari imperiali), ma come emergenti dei programmi statali di salvataggio finanziario che hanno preso in prestito  (senza supporto fiscale) agli stati centrali, con gli Stati Uniti e l'Unione Europea per primi.

Questo venerdì, con il nuovo crollo dei mercati finanziari internazionali, c'è il primo segno evidente che la crisi fiscale, con crediti inesigibili per il pagamento dei debiti, può portare (come è accaduto ieri con le banche e le imprese) ad un crollo generale degli Stati capitalisti, a partire dai paesi più deboli e raggiungendo gli Imperi centrali.

3 commenti:

  1. C'era un articolo di qualche mese fa dove già si preannunciava questa crisi, cominciata in Grecia, a cui avrebbe fatto seguito la Spagna e l'Italia.

    Ti ricordi qual era?

    La mia memoria per i titoli degli articoli.........!!

    Lia.

    RispondiElimina
  2. Credo fosse questo:
    http://www.vocidallastrada.com/2009/03/bce-mezza-europa-oltre-il-3-di-deficit.html

    O questo:
    http://www.vocidallastrada.com/2009/12/il-biglietto-verde-rinasce-dalle-sue.html

    Non fa niente se non ricordi i titoli, l'importante è che non dimentichi E.G. a proposito come siamo messi?
    :D

    RispondiElimina
  3. Il secondo articolo del 21 dicembre.

    E.G? Bene, grazie.......è sempre lì. :-)))))

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)