Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

10 febbraio 2010

LA DOTTRINA DELLO SHOCK APPLICATA ALLA SPAGNA

L'ascesa e il dominio del neoliberismo

Di Jesús Sánchez Rodríguez

Alcune delle peggiori ipotesi che certe analisi di esperti hanno elaborato sullo sviluppo della crisi si stanno dimostrando con successo alla luce dei recenti dati che stiamo vedendo sull'evoluzione economica in Spagna.  Per questi analisti, e i lettori che hanno seguito da vicino le loro riflessioni, i fuochi d'artificio del governo Zapatero peccano di credibilità, ma la stragrande maggioranza dei cittadini spagnoli hanno diffidato di un governo che è venuto mascherando e decorando la crisi e le sue conseguenze anche prima del suo inizio. Gli archivi dei giornali sono pieni di dichiarazioni sempre meno credibili, tra cui il famoso "germogli verdi" hanno fatto fortuna.

L'atteggiamento è simile al classico approccio paternalistico, in cui il genitore ha cercato di alleviare l'ansia del bambino di fronte ad un pericolo, assicurandolo che non succederà nulla e che risolverà il problema. Mala politica quella di un governante, e meno se presentato come progressiva, mettendo tutte le speranze per risolvere i problemi in questo atteggiamento paternalistico e populista. E' semplicemente una scommessa suicida, se fosse una scommessa conterebbe, almeno, con il 50% delle possibilità, ma nel caso in questione tutti gli indizi puntavano alla situazione attuale.
In un articolo scritto a fine agosto 2009 1 è stato osservato come:
"L'atteggiamento del governo socialista di fronte alla crisi non era molto diverso da quello di altri governi dei paesi europei, venendo in aiuto dei settori economici vitali, cominciando dal finanziario per frenare il peggioramento della crisi, e sperando che, in un tempo non molto lungo inizi una ripresa economica che riporti in pieno rendimento il funzionamento del capitalismo. Questo significa dare la priorità al recupero del tasso di utili societari, sacrificando la spesa sociale e scartando un ruolo più importante nel settore pubblico".
Questa speranza di ripresa economica sembra aver funzionato, almeno per ora, in alcuni paesi europei ma non in altri, fra cui la Spagna. La scommessa del governo socialista ha portato ad un fallimento.
Allo stesso modo, in questo articolo si denunciava l'offensiva dei datori di lavoro e la destra di cambiare il modello dei rapporti di lavoro con un più favorevole ai loro interessi, e far retrocedere i salari e le prestazioni sociali. Questa offensiva non ha smesso un attimo, ma ora ha un alleato potente, il settore finanziario internazionale speculativo.
Cinque mesi fa abbiamo parlato del muro eretto dal governo nei confronti di rivendicazioni più aggressive dei datori di lavoro, e dell'atteggiamento dei sindacati di mantenere il loro sostegno al governo temendo che la destra al potere avesse meno contemplazioni e la loro posizione è diventata ancora più debole in queste condizioni.
 
L'articolo finiva con varie note di pessimismo, una delle quali sta diventando una realtà in questi momenti, "Il risultato è prevedibile, si rafforza la parte difesiva dei settori sociali più esposti alla crisi, con l'attore che serve a questa difesa, l'attuale governo socialista, a condizione che tale difesa non fallisca o venga abbandonata, e un peggioramento della situazione socio-economica porta ad un maggiore successo della demagogia di destra".
Dal mese di agosto il numero dei disoccupati non ha smesso di aumentare, come ha fatto nei mesi precedenti, raggiungendo quasi il 20%, e il governo avverte che questa tendenza continuerà nei prossimi mesi. Allo stesso modo abbiamo anche visto un aumento della xenofobia spronata dalla destra, come dimostrato chiaramente dagli esempi di alcuni comuni, cercando di emarginare gli immigrati dalle prestazioni sociali di base.
 
La situazione economica è peggiorata in Spagna, i dati della disoccupazione sarebbero definitivi per questa valutazione, ma gli speculatori internazionali guardano anche altre cifre, come il fatto che la recessione non ha superato il quarto trimestre (-0,1%) -cosa che soprattutto se paragonata ad altri paesi europei che, hanno cominciato a crescere, almeno temporaneamente, o che il disavanzo pubblico ha raggiunto il 11%.
L'offensiva lanciata da speculatori internazionali ha avuto un effetto fulminante sulla posizione del governo socialista (non ci interessa oggi circa il possibile impatto a livello europeo, con l'attacco contemporaneo a diversi paesi dell'UE) e ha causato un rapido e disordinato invio di segnali, che dimostrano un attacco di panico da parte del governo Zapatero, a destra.
Il suo impegno verbale a riportare il deficit dall'attuale 11% al 3% in un paio di anni è stato seguito da annunci di misure che garantiscono agli speculatori internazionali che il loro impegno è serio. E fin'ora lo sbarramento del governo contro le classi popolari è stato triplo, un piano di austerità di 50.000 milioni di euro, un attacco contro la riforma delle pensioni e del lavoro. La profondità di attacco sarà realizzato nelle prossime settimanein modo quando si realizzeranno più dettagliatamente questi tre obiettivi.
 
Il passaggio aumenta la confusione tra le classi. In primo luogo il governo ha mentito circa la gravità della crisi, poi sulla facilità di uscire da essa, più tardi sulla sua promessa di non passare il conto della crisi ai settori più deboli, infine, sulla base del fatto che era necessario riformare le pensioni per garantire il loro futuro. La sensazione è che al governo importava solo di guadagnare tempo prima di una situazione per la quale non aveva risposta.
Ma la verità è emersa in superficie in maniera cruda, il governo offre in sacrificio le classi popolari per placare l'aggressività degli speculatori internazionali. Il recinto si è rotto.
Nonostante il poco tempo trascorso, restano lontane tutte quelle promesse che i leader mondiali nei summit dei G-20, nel senso che si sarebbe rifondato il capitalismo, si sarebbe messi alle strette gli speculatori internazionali per evitare nuove crisi e nuovi sacrifici, o si sarebbe ridotto il potere di Wall Street. Le maschere stanno cadendo per i lavoratori e le classi popolari d'Europa e altri paesi sviluppati. Ma non è necessario tornare alla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso per vedere cosa sarebbe successo, bisogna solo ricordare le recenti esperienze dei paesi asiatici dell'est Europa o dell' America Latina. Uno scenario del genere che sembrava lontano, e anche esotico, è stato installato in Europa.
 
Le grandi potenze finanziarie che operano a livello internazionale, che poco più di un anno fa chiedevano l'aiuto di tutti gli Stati per impedire loro di affondare e trascinare con loro una grave crisi nel sistema capitalistico, sono tornati a mostrarsi insolenti ed arroganti nel perseguimento dei loro obiettivi, come sempre, l'ottenimento di guadagni speculativi rapidi e facili.
Gli obiettivi possono essere più ambiziosi; smantellare le conquiste dello stato sociale costruito nel momento in cui il capitalismo è stato costretto a fare delle concessioni, l'indebolimento dell'euro; castigare tutti coloro che hanno osato, anche moderatamente, per cercare di regolamentare la finanza internazionale; o sconfiggere i governi socialdemocratici (tre dei paesi europei oggetto di duri attacchi speculativi attualmente sono stati quelli che meglio hanno resistito al declino sociale alle ultime elezioni in Europa: Grecia, Portogallo e Spagna).
Nel caso analizzato, in Spagna, date le condizioni descritte da Naomi Klein per applicare la dottrina dello shock 2. Lo stato di shock, nel caso della Spagna, è rappresentato soprattutto dall'elevato tasso di disoccupazione, la velocità con cui essa è nata e la mancanza di un chiaro progetto per invertire la situazione. Nel suo eccellente libro, l'autrice descrive l'applicazione di questa dottrina nel corso dei decenni nei quali ha avuto luogo l'ascesa e la posizione dominante del neoliberismo.
La resistenza in America Latina ha rallentato questa offensiva neoliberista, che è stata ulteriormente indebolita con l'inizio dell'ultima fase della crisi causata dal naufragio della Lehrman Brothers. Ma dopo un breve periodo di confusione sembra che la forza neoliberista è tornata all'offensiva. In alcuni articoli precedenti ho affrontato l'offensiva scatenata reazionaria in America Latina 3 Ora questa offensiva si estende principalmente all'Europa meridionale.
Ciò che succede in Spagna, è ciò che si verifica in Europa meridionale, ciò che accade in America Latina, fa parte della stessa offensiva neoliberista di riprendere un percorso che è stato tagliato soprattutto per la tenace resistenza dei popoli latinoamericani.
 
Note:
1 Jesus Sanchez Rodriguez, Crisi, offensiva dei datori di lavoro e le difficoltà della sinistra in Spagna, Rebellion, Espaimarx
2 Naomi Klein, The Shock Doctrine, Ed. Paidos Ibérica, 2007
3 Jesús Sánchez Rodríguez, Las dificultades de las experiencias de reformismo radical en América Latina, Chile: ¿elecciones de consecuencias históricas?, Rebelión, Espaimarx, CEME

Fonte: http://miradacrtica.blogspot.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)