Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

3 dicembre 2009

LULA MENTE: IL DISBOSCAMENTO DELL'AMAZZONIA NON SI FERMA

Le immagini del satellite confermano che Lula mente, il disboscamento dell’ Amazzonia non si ferma e l’ UE è diretta responsabile

L’importanza di questa ricerca sta nel fatto che è la prima che realizza una stima diretta della percentuale di selva disboscata irregolarmente. Fino ad ora, le stime date, che oscillavano tra il 10 %, secondo le autorità parensi, al 70-80 % secondo Greenpeace. L' UE, che importa la metà del legno, è carente di
una legislazione per prevenire illeciti.

L’ 89% del legno che si taglia in Parà, lo Stato brasiliano dal quale si estrae il 45 % del totale del legno dell’ Amazzonia, è sprovvista di autorizzazione legale per il suo sfruttamento. Così è la sorprendente conclusione di un recente documento presentato dall’
Istituto do Homen e Mejo Ambiente da Amazonia (Imazon), un' ONG brasiliana che lotta per il controllo della deforestazione nella selva amazzonica.

Imazon
utilizza immagini satellitari per creare mappe sullo stato della foresta e trae le conclusioni dai danni dello strato superiore, che si può vedere dalle immagini aeree.

In Amazzonia, il disboscamento è il primo passo per la deforestazione. In molti casi, quest' aerea è stata sottratta alla selva finendo per essere utilizzata come via per la colonizzazione e la trasformazione del suolo in erba da pascolo per il bestiame o per la coltivazione della soia.


Teoricamente, il disboscamento a Parà segue un regolamento approvato dal
SEMA (Secretaría de Estado de Medio Ambiente paraense) che garantisce che il legno sia estratto ad un ritmo moderato, scegliendo esemplari maturi e minimizzando il danno a quelle piante delle quali non se ne farà uso commerciale.

Ma i conti non tornano: l’ 89 % (quasi 375.000 ettari) dell' area sfruttata non corrisponde ai luoghi in cui l’attività del legno è stata approvata dallo Stato. Ed inoltre, anche in quell’ altro 11 % dell’area dove lo sfruttamento è stato autorizzato
si sono verificate delle irregolarità, come la concessione di licenze in proprietà dove si stava già disboscando precedentemente o in zone completamente deforestate.

Sembra essere servito a poco lo speranzoso accordo per il controllo della selva al quale sono giunti a luglio del 2008, lo Stato di Parà, il
Ministero dell'Ambiente brasiliano e i rappresentanti dell’industria del legno di questo paese. Per Imazon, questo studio evidenzia che i sistemi di controllo non stanno funzionando. “Abbiamo seguito questo argomento solo per le denuncie che ci sono giunte; inoltre, sappiamo che stanno registrando i dati in modo erroneo, molte volte di proposito”, ha affermato Andrè Monteiro, uno degli autori del documento, al giornale Folha di San Paolo.

Si calcola che i paesi europei esportano la metà del legno amazzonico, quindi
l’ UE ha una responsabilità particolare in questa situazione. La Spagna è, dietro alla Francia ed insieme all’ Italia, tra i tre maggiori importatori di legno amazzonico dei paesi dell’ UE, secondo i dati forniti dalla ONG.

Fonte:
http://www.insurgente.org/modules.php?name=News&file=article&sid=18499

Tradotto e segnalato per Voci dalla Strada da
VANESA

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Genstile "anonimo", in questo blog non sono consentiti commenti con linguaggio offensivo, puoi esprimere la tua idea con termini più adeguati, senza offendere i "muratori"....che sicuramente hanno costruito anche la casa in cui vivi...
    Buona giornata

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)