Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

6 luglio 2009

FONDAMENTALMENTE POCA DIFFERENZA TRA OBAMA E BUSH

BEIRUT 24 giugno 2009 - Linguista di fama mondiale, studioso e analista politico il professore Noam Chomsky ha scritto ampiamente sul conflitto israelo-palestinese, e sulla politica estera degli Stati Uniti. Chomsky espone il suo punto di vista sui recenti sviluppi in Medio Oriente al The Daily Star (ndt quotidiano libanese).
Noam Chomsky è stato intervistato da Richard Hall
Domanda: Vede delle differenze fra le politiche dell'Ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ed il suo successore Barack Obama per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese?

Chomsky: Fondamentalmente, c’è poca differenza. Obama ha ripetuto le posizioni di Bush, virtualmente nelle stesse parole. Come Bush, ha richiesto “uno stato palestinese” e come Bush, lascia interamente vago che cosa significhi. Può essere interpretata facilmente per essere la stessa posizione di Netanyahu nel 1996, quando è diventato il primo primo ministro israeliano a tollerare l'istituzione di uno stato palestinese, un fatto che sembra essere dimenticato. Shimon Peres aveva appena lasciato l’ufficio dichiarando che non ci sarebbe mai stato uno stato palestinese. Il Ministro delle informazioni di Netanyahu, una volta gli è stato chiesto se adotterebbe la stessa politica, rispose che se i palestinesi volevano denominare i frammenti lasciati a loro “uno stato”, allora benissimo. Oppure potrebbero denominarlo “pezzetti di pollo fritto”.
Non sappiamo se Obama intenda “il pollo fritto”. Sappiamo che ha eluso con molta attenzione il cuore dell'iniziativa di pace araba che approvò.


Ha invitato gli stati arabi a continuare la normalizzazione dei rapporti con Israele. Ma ha omesso scrupolosamente il fatto, che certamente conosceva, che questo passo era la condizione sull'accettazione del consenso internazionale di vecchia data sulla creazione dei due stati che gli Stati Uniti e Israele hanno ostruito per 35 anni, con deviazioni rare e provvisorie da questo rifiutismo severo -- non soltanto a parole, ma più importante nei documenti legali. Sugli insediamenti, Obama ha evitato qualsiasi accenno a quelli attuali ed ha ripetuto le parole della “road map” sugli insediamenti in espansione. Inoltre lo ha indicato chiaramente che non seguirebbe il precedente di George Bush senior, ad applicare una leggera sanzione all’espansione israeliana degli insediamenti. Piuttosto, egli disse, i suoi passi sarebbero soltanto “simbolici”.

Domanda: Le recenti ouverture di Obama al mondo musulmano indicano un approccio differente degli Stati Uniti verso il Medio Oriente?

Chomsky: La retorica è differente. Sulla sostanza, c’è poco che sia nuovo. Obama ha coltivato lo stile di presentarsi come attraente ed amichevole, e come una lavagna bianca, su cui il suo pubblico può scrivere le sue speranze e desideri, credendo, se scelgono, che è “dalla nostra parte”. Lo stesso è vero sulla scena domestica.

Domanda: Il rifiuto di Israele di arrestare gli insediamenti rischia di danneggiare i rapporti con gli Stati Uniti?

Chomsky: C’è sempre un rischio e come ho detto, per un breve periodo sotto Bush senior, Washington ha applicato una leggera sanzione. Che cosa accadrà ora, non possiamo esserne sicuri. Israele ha appena sfruttato il focalizzare l'attenzione sull'Iran per annunciare una notevole espansione degli insediamenti, non suscitando finora risposta da Washington. E può essere notato che Obama sta realizzando un aumento senza precedenti nell'aiuto militare ad Israele per i futuri 10 anni. E' importante anche la veloce espansione dell'investimento in alta tecnologia degli Stati Uniti in Israele, in particolare un enorme impianto Intel progettato per effettuare una rivoluzione nella produzione di microcircuiti. C’è, tipicamente, un rapporto stretto fra il governo e la politica corporativa, per gli ovvi motivi e ci sono altri legami vicini, specialmente militari e di intelligence, che sono ben noti e stabili.

Domanda: La decisione presa dal presidente palestinese Mahmoud Abbas per formare un governo senza Hamas come può interessare il processo di pace?

Chomsky: Che piaccia o no, Hamas ha vinto un'elezione libera nel gennaio 2006. Israele e gli Stati Uniti (con l’ UE gentilmente accodata dietro) hanno reagito immediatamente tramite la punizione dura della popolazione per questa trasgressione. Le persone familiari con la storia moderna dovrebbero essere informate che non c’è niente di sorprendente per questa reazione, o sulla riluttanza della classe intellettuale ad affrontare che cosa indica il concetto alla moda “promozione di democrazia”. Successivamente Israele incarcerò gran parte del governo scelto. Israele e gli Stati Uniti allora hanno istigato un colpo militare di Fatah per capovolgere il governo. Quando questo fallì, la punizione della popolazione diventò più severa. Nel frattempo i programmi israeliani sostenuti dagli Stati Uniti stanno schiacciando i cittadini di Gaza ed espandendo il controllo israeliano sulla Cisgiordania (West Bank). Gli Stati Uniti e Israele, nel frattempo, continuano a rifiutare il consenso di vecchia data sulla soluzione dell’insediamento dei due stati. Che cosa s' intende esattamente dalla frase “processo di pace” in queste circostanze?

Domanda:Il diritto al ritorno per i rifugiati palestinesi è stata una barriera alle trattative precedenti di pace. Lei pensa che lo sia ancora?

Chomsky: Non realmente. È utile considerare una rottura nel rifiutismo Israelo-americano: Gennaio 2001, mese finale di Bill Clinton alla casa bianca. Dal tardo 2000, Clinton capì che le sue proposte alla fallita conferenza di Camp David non avrebbero potuto essere accettate da alcun Palestinese. In dicembre, ha proposto i suoi “parametri”: impreciso, ma più prossimo. Allora ha annunciato che entrambe le parti avevano accettato i parametri ed entrambi hanno avevano avuto restrizioni. I negoziatori israeliani e palestinesi si sono incontrati a Taba per occuparsi delle loro differenze e sono arrivati molto vicini ad un accordo finale, più o meno in conformità con il consenso internazionale. Nella loro conferenza stampa finale, hanno segnalato che con alcuni giorni in più, potevano raggiungere un accordo completo, ma Israele interruppe prematuramente le trattative che non sono mai formalmente continuate -- i colloqui informali hanno condotto all'accordo di Ginevra del dicembre 2003. Ci sono vaste prove disponibili nelle fonti ebraiche ed inglesi. Le trattative di Taba e l'accordo di Ginevra hanno raggiunto essenzialmente la stessa formula: Israele dovrebbe riconoscere il diritto di ritorno, ma i Palestinesi dovrebbero riconoscere che non sarà realizzato in Israele a meno che nei piccoli numeri i rifugiati dovrebbero essere assorbiti nello stato palestinese o altrove. Si può sostenere che quel risultato è ingiusto, ma nel mondo reale, è il massimo che può essere raggiunto. Far penzolare vane speranze davanti agli occhi di miseri rifugiati non è proprio una posizione morale, a mio parere.

Domanda: Un attacco di Israele all'Iran è un piano d'azione probabile?

Chomsky: Nessuno lo sa. L' amministrazione Bush ha dichiarato abbastanza chiaramente che si opponeva ad un attacco. Durante la campagna presidenziale 2008 -- il periodo più sensibile nella politica interna – la lobby Israeliana ha fatto pressione sul congresso per passare una risoluzione che prevedeva ad un blocco contro l'Iran, un atto di guerra. Avevano allineato molti sostenitori, ma lo sforzo si è concluso improvvisamente, presumibilmente perché la Casa Bianca di Bush si è opposta. Presumo che Obama stia continuando questa politica. È, suppongo, tecnicamente possibile che Israele attachi l'Iran, possibilmente per mezzo dei sommergibili muniti con i missili nucleari. Le conseguenze potrebbero essere molto serie, in molti dominii. Potremmo anche ricordare che l'attacco di Israele al reattore di Osirak in Irak nel 1981 iniziò il programma delle armi nucleari di Saddam Hussein. Questo fu ragionevolmente subito chiaro dall’ispezione fisica, successivamente è stato confermato dai disertori e recentemente dai servizi segreti degli Stati Uniti ad alto livello.

Tradotto e segnalato per Voci Dalla Strada da andreaatparma

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)