Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

22 luglio 2009

COLPO DI STATO NEL CORTILE U.S.A.

Sapevate che Obama avrebbe preparato un colpo di Stato? La teoria del coinvolgimento degli Stati Uniti, o almeno dei suoi settori più conservatori, aumenta di peso.



di Decio Machado

Nonostante il fatto che l' Honduras può sembrare un piccolo paese con appena 7,5 milioni di abitanti, il 60% di loro in condizioni di povertà e di uno dei più alti tassi di omicidio nel mondo, rimane un settore di importanza geopolitica agli Stati Stati Uniti d'America.

Secondo Cesar Lazo, segretario generale della Unione Scrittori e Artisti dell' Honduras (UAEH), "coloro che credono che il colpo di Stato in Honduras è il risultato di una semplice lotta di potere tra gruppi dell'oligarchia nazionale hanno una visione ridotta della cosa ". E aggiunge: "L'intervento americano in Honduras è parte del piano che cospira contro ALBA al fine di fermare i piani redentori dei nostri popoli."

Anche se ci sono diverse ipotesi circa il colpo di stato, tra i ricercatori e analisti, ha sottolineato che la partecipazione degli Stati Uniti, secondo Manuel Freitas, uno specialista di intelligence strategica, "ci sono due letture che sono il bersaglio del golpe, uno che è stato un manovra interna dei falchi conservatori contro Obama utilizzando l' Honduras come un teatro di operazioni, l'altra, che era una operazione di doppia facciata volta a posizionare la strategia di Obama nella regione, principalmente in relazione con i presidenti di sinistra, che formano l' ALBA ".

Allo stesso modo la pensano i settori mobilitati in Honduras. Juan Barahona, uno dei leader del Blocco Popolare in Honduras, ci dice che "sembra impensabile che il golpe in Honduras è stato alcun sostegno da Stati Uniti, ed è ancora più impensabile che, senza tale sostegno abbiano resistito all' unanime pressione internazionale e la pressione del popolo dell' Honduras, che sta paralizzando il paese."

In contrasto con altri golpe nella regione, la reazione della comunità internazionale è stata immediata. In soli 24 ore hanno risposto presidenti e cancellieri di 34 paesi latino-americani. Immediatamente, sono stati sostenuti da 192 delle Nazioni Unite. In una mossa senza precedenti, tutti i governi del mondo hanno condannato il golpe e hanno chiesto il ritorno del legittimo presidente.

Nelle sale della OSA e la Casa Bianca era facile ascoltare conversazioni che indicavano che se fosse vero che il Presidente Obama non era a conoscenza del colpo di stato, in aggiunta ad un' insubordinazione militare in Honduras, vi era anche una forma di insubordinazione o di un colpo di stato negli Stati Uniti nei confronti del Presidente Obama, con protagonisti i settori ultraconservatori del Pentagono e del Dipartimento di Stato, con l'obiettivo di boicottare, attraverso l'Honduras, le sue politiche di riavvicinamento con Chavez, Cuba e i presidenti dell'ALBA.

E gli interessi degli Stati Uniti d'America?
Sebbene Honduras è stato definito come la Repubblica delle Banane, dato l'assoluto controllo esercitato dalla United Fruit Company nel paese, in questo momento gli interessi economici si basano su a presentare gli interessi economici degli Stati Uniti si basano sulle maquilas e 150 transnazionali dove hanno investimenti per più di 968 milioni di dollari.

In campo militare, mette in evidenza la base militare a José Soto Cano, uno delle tre basi subordinate al Comando Sudamericano USA, dove la task force comune 'BRAVO', è formata da membri delle forze armate, forze aeree, di sicurezza e del 1° Battaglione Reggimento n. 228 di aviazione degli Stati Uniti. La base conta 600 militari effettivi degli Stati Uniti, 18 aerei da combattimento UH-60 Black Hawk e CH-47 Chinook. Il 31 maggio dello scorso anno, il Presidente Zelaya ha annunciato che sarebbe stato utilizzato per i voli commerciali e la costruzione di un terminal civile finanziato con fondi dell'ALBA.

Allo stesso modo, nel contesto della ALBA si parla di riserve di petrolio del Rìo Patuka, stessa zona, in cui il precedente governo dell' Honduras, presieduto da Ricardo Maduro, aveva offerto agli USA per costruire un'altra base militare nella regione di Mosquitia.

Zelaya ha già avuto divergenze con il governo degli Stati Uniti. Nel dicembre 2008, ha inviato una lettera personale a Barack Obama chiedendo alla nuova amministrazione statunitense di rispettare il principio di non-intervento, accusandolo, a sua volta, ad utilizzare i visti d'ingresso negli Stati Uniti come "mezzi di pressione", oltre a respingere le dichiarazioni "inappropriate" dei suoi ambasciatori in America Latina. Zelaya ha dichiarato testualmente in questa lettera: "La legittima lotta contro il narco-traffico o altre nuove minacce, non deve essere usato come una scusa per effettuare interferenze in altri paesi". Zelaya indica anche "l'urgente necessità di rivedere e trasformare la struttura delle Nazioni Unite", pur raccomandando un dialogo per risolvere le differenze con il Venezuela e Bolivia.

Il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs, ha detto che il modo in cui gli Stati Uniti sta lavorando con i suoi partner per ripristinare l'ordine democratico e, poco dopo, Hillary Clinton indivava il presidente della Costa Rica Óscar Arias come mediatore nel conflitto.

Mentre la segretaria di Stato Usa segnala che non ha intenzione di sospendere gli aiuti economici all'Honduras, che comprende l'accantonamento per il finanziamento delle forze armate, di polizia e dei servizi di intelligence in Honduras, Si cerca in tutti i modi che sia un paese alleato, come la Costa Rica che dia la soluzione del conflitto, che porterebbe alla rinuncia delle posizioni radicali sulla sovranità e democrazia partecipativa da parte di Zelaya, ed inoltre eviterebbe che fosse l'ALBA a capitalizzare la vittoria della democrazia in America Latina.

MANUEL ZELAYA, DA FIGLIO DI PROPRIETARI TERRIERI A LEADER POPOLARE
Manuel "Mel" Zelaya, figlio di terrieri, prima di dedicarsi alla politica, fece affari con forestali e l'allevamento di animali. Nel 1987 è stato nominato direttore del Consiglio di imprese private honduregno e presidente della associazione di categoria del legname. Ha aderito nel Partito Liberale Honduregno nel 1970 essendo deputato varie volte e dove svolse cariche pubbliche. Nel 2006, è entrato in carica come presidente dell' Honduras. Durante la campagna è stata presentata come un uomo di campagna, di linguaggio diretto e schietto, disconnesso dalla politica, credente, e con una mano ferma per combattere la corruzione.

Come presidente ha sostenuto il Trattato di Libero Commercio (TLC) tra la Repubblica Dominicana, l' America centrale e gli Stati Uniti (NAFTA), in mezzo alle forti mobilitazioni popolari contrarie. Nonostante questo, si avvicinò al governo Chavez e ha introdotto in Honduras Petrocaribe, alleanza in materia petrolifera marcata da vari paesi dei Caraibi per l'acquisto di carburante da Venezuela di finanziamento a condizioni di finanziamento preferenziali, pagando il 50% entro 90 giorni e il resto in 25 anni, con un interesse dell'1%.

Nel corso del tempo, il suo discorso si è evoluto verso il liberalismo socialista, la critica all'intervenzionismo degli Usa e il sostegno a Cuba e i richiami a Dio.

Di fronte a un paese povero, Mel corona la sua conversione ideologica incorporandosi all'ALBA. Durante i primi 32 mesi di governo, Zelaya ha affrontato 722 conflitti sociali di varia entità, compresi i civili scioperi. Definito dalla oligarchia come "un traditore della sua classe," Zelaya finisce di colmare l'ira dei poteri del suo paese, alzando il salario minimo e istituendo un referendum popolare non vincolante, che aveva la finalità di sapere se la cittadinanza era d'accordo che alle prossime elezioni ci fosse una quarta urna per votare un referendum volto ad introdurre un processo costituzionale.

Fonte: http://www.diagonalperiodico.net/Golpe-de-Estado-en-el-patio.html

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)