Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

23 giugno 2009

E' LA FINE PER IL CAPITALISMO FINANZIARIO?


"Il capitalismo non scomparirà se non ci organizziamo noi stessi per avere un altro sistema"

di Izaskun Sánchez Aroca

Dopo i tempi dell'offensiva neoliberista in cui il movimento ha preso una "posizione difensiva", Walden Bello suggerisce l'opportunità di andare all'attacco nel momento in cui il sistema è "crollato".

Walden Bello: E 'difficile parlare di fine del capitalismo, perché il capitalismo è molto flessibile. E si può avere il capitalismo con una immagine sociale a livello mondiale e credo che Obama rappresenta questo tipo di capitalismo riformista, un nuovo compromesso di classe con alcune riforme, in cui il Nord e le Corporations trattano commercialmete con il sud. Ma l'idea di base è che i paesi impongano una certa stabilità per permettere la riproduzione del capitalismo, che sostiene i vantaggi delle grandi imprese transnazionali. Quindi, dobbiamo essere consapevoli che la soluzione non dovrebbe essere il regolamento, deve essere una grande trasformazione. Dobbiamo davvero parlare di responsabilizzazione dei cittadini.

Questo è per noi l'occasione di essere in grado di promuovere una più profonda e progressiva trasformazione del contesto economico e di organizzazione per andare al di là della semplice regolamentazione dei mercati della proposta di riforma del capitalismo. Il capitalismo non scomparirà se non ci organizziamo noi stessi per ottenere un sistema post-capitalista.

Che ruolo devono svolgere i movimenti sociali ora?

WB: I movimenti sociali dovrebbero lasciare che il flusso di immaginazione unisca tutte le forze per organizzare il mondo, a livello locale, nazionale e internazionale in un modo nuovo, diverso. In questo momento il grido di guerra deve essere una vera democrazia, la partecipazione democratica.

La rete internazionale e i movimenti anti-globalizzazione dovrebbero adottare e promuovere questa visione di un mondo democratico, che va al di là di una regolamentazione socialdemocratica istituita per i programmi sociali di stabilizzazione avviato dal G-20 e Obama. E 'molto allettante per i movimenti sociali essere d'accordo con gente come Obama, quando dice che la cosa più importante ora è quella di affrontare le emergenze, quando dice: "Non pensate a questo sogno strategico, dobbiamo lavorare insieme per fermare la crisi globale".
Io credo che lasciarsi sedurre da queste idee è sbagliato, perché noi non usciamo da questa crisi con soluzioni a breve termine che stabiliscono di nuovo il capitalismo. L'unico modo per uscire veramente da questa crisi capitalista è spingendo e lottando per ottenere una visione, un processo di trasformazione di una struttura, con i quali organizzare la nostra economia nazionale ed internazionale. E qui veramente l'immaginazione svolge un ruolo molto importante.
Negli anni'80, a causa della terribile brutalità dell' offensiva neoliberista, le persone agivano in modo difensivo pensando, "andiamo proteggere ciò che abbiamo", e ancora oggi molti mantengono questa posizione difensiva. Ma quello che è cambiato è che adesso il sistema è crollato e le persone sono veramente alla ricerca di alternative, per cui dobbiamo fornire loro, perché i cittadini sono stanchi di questa organizzazione del mondo capitalista, sono stanchi e alienati di tante strutture che creano la povertà, delle lacune economiche che separano le persone. La gente è veramente alla ricerca di nuove forme di organizzazione cooperativa, lontano dall'economia e dall'individualismo egoistico che suggerisce il neoliberismo. Se non rispondiamo a queste esigenze delle persone in cerca di collaborazione, per cercare una vera democrazia, altri lo faranno, altri dicono che sono anti-neoliberista, davvero voglionoo cambiare, ma che, in sostanza, intendono proporre programmi molto più pericolosi , lasciando fuori molte persone, che invece di unire le separano. Così la nostra responsabilità è quella di liberare la fantasia ed essere in grado di offrire nuove forme di cooperazione e di organizzazione economica.

Il G-20 ha deciso di triplicare i fondi del Fondo monetario internazionale (FMI). Di fronte al fallimento di istituzioni neoliberali si sta parlando di una nuova Bretton Woods.

WB: Non abbiamo bisogno di una nuova Bretton Woods, in realtà non abbiamo bisogno di una di Bretton Woods. La soluzione migliore sarebbe quella di abolire il FMI, la Banca mondiale e l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), perché sono le istituzioni centrali che promuovono il sistema del Nord e gli interessi delle Corporations e fondamentalmente nellla loro agenda appoggiano in modo sistematico le Corporations .
Da Sud dobbiamo affrontare queste istituzioni che vogliono apparire più socialdemocratiche, ma in realtà cercano solo di stabilizzare il capitalismo globale, piuttosto che trasformare il mondo in funzione degli interessi della popolazione. Los países del Sur necesitan crear sus propias instituciones y dejar de depender de otras que están promovidas y secuestradas por los intereses de las transnacionales. Paesi del Sud del bisogno di creare i propri e smettere di affidarsi ad altri che vengono rapiti e promosso gli interessi delle multinazionali.

Qual è la posizione della Cina in questa crisi?

WB: In termini di economia globale, nel corso degli ultimi anni, la Cina e Stati Uniti sono stati partner nel ballo. I prodotti fabbricati in Cina vengono venduti ai consumatori americani e la Cina presta denaro agli Stati Uniti per mantenere il ritmo di consumo dei cittadini statunitensi. Quindi questa è stata la danza dell'economia mondiale negli ultimi anni. Tuttavia, a causa del crollo di credito al consumo degli Stati Uniti, le industrie cinesi di esportazione stanno soffrendo.
Quindi penso che ci sarà una forte lotta in Cina, tra due diverse correnti di leadership, chi pensa che il paese deve riorganizzare la sua crescita nella domanda interna e quelli che vogliono aspettare che la crisi passa e i consumatori degli Stati Uniti ricomincino ad acquistare le cose. Così la Cina è a questo bivio: o cerca di recuperare e motivare la domanda interna o tuttora svolge il ruolo di esportatore di prodotti a basso prezzo basando la sua economia sulle esportazioni. Penso che questa sarà una battaglia politica importante in Cina perché la trasformazione non si limita a dire che va stimolata la domanda interna, è necessario creare nuove strutture che gli agricoltori abbiano un reddito, si deve cambiare l'intero modello di agricoltura subordinata all'industria.

La Cina può scegliere di percorrere un cammino di uno sviluppo sostenibile basato su una distribuzione del reddito interno o proseguire lo stesso percorso associandosi alle principali potenze economiche, è diventata la più grande fabbrica al mondo e il prestatore di enormi quantità di denaro al Nord.

Fonte: http://www.diagonalperiodico.net/spip.php?article8300

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)