Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

15 maggio 2009

NOAM CHOMSKY: “La politica estera di Obama sarà come la seconda amministrazione di Bush” (1° Parte)

di Miguel Vera

Noam Chomsky , intellettuale, scrittore e accademico, ha rivoluzionato la linguistica moderna attraverso le sue investigazioni e contributi teorici. Insieme alla sua lunga carriera nelle aule, Chomsky ha portato avanti , nel corso degli anni, un' instancabile militanza per la giustizia sociale, dando un impulso al ruolo degli intellettuali come agenti di cambio di fronte alle politiche immorali dei governi.

E’ così che si è trasformato in uno dei critici più acuti della politica estera interventista ed imperialista dei successivi governi statunitensi e di altri governi, o come lui descrive, delle élites che controllano il potere.

Chomsky è nato nel 1928 a Filadelfia, USA, in un famiglia di origine ebraica che proveniva dall’Europa dell’Est. La sua infanzia è stata segnata dalla depressione economica , la discriminazione verso gli ebrei e l’auge del fascismo a livello mondiale.

A giovane età comincia a nutrirsi politicamente con il pensiero della sinistra, che predominava nelle comunità degli ebrei immigranti. Era il periodo della Rivoluzione Spagnola, dove migliaia di volontari di diversi paesi sono partiti per lottare contro il fascismo di Franco e dei suoi alleati Mussolini e Hitler. La caduta della ribelle Barcellona nelle mani di Franco, motivò Chomsky all’età di 10 anni, a scrivere il suo primo articolo sulla politica.

Dalla mano di Orwell e il suo “omaggio a Catalogna” , Chomsky si addentra nello studio del socialismo letterario. Quella società utopica senza privilegi di classe che è stata portata alla pratica verso la fine del 1936, in quella regione della Spagna senza terra tenenti nè padroni, diretta dai consigli di operai, contadini e miliziani, con le terre distribuite tra i comuni agrari e l’industria collettivizzata sotto il controllo dei lavoratori.

Da lì in avanti Chomsky si identifica politicamente con questa corrente del socialismo, vigorosamente opposta a Stalin e comincia allora, il suo percorso lungo la linguistica e la politica, che lo ha portato ad ottenere i più elevati riconoscimento del mondo accademico , così come le simpatie, e rancori di molti.

In questa intervista il Professore Chomsky analizza i vari temi di rilevanza per il Venezuela, come la posizione del Governo bolivariano verso Israele e Palestina, le aspettative della relazione tra l’amministrazione di Obama e il Presidente Chavez, il programma atomico di Iran, il caso del terrorista Posada Carriles, Guantanamo e l’embargo a Cuba, il contesto storico della guerra mediatica contro il Venezuela, il giro a sinistra dell’America Latina, il ruolo ispiratore dei movimenti sociali in Bolivia e la Dottrina Monroe.

Questa intervista è stata realizzata prima del summit dei Capi di Stato della OEA a Trinità, nonostante questo, di fronte al sollecito di qualche ulteriore commento in occasione degli avvenimenti del suddetto summit, il Professore Chomsky ha manifestato la persistenza di tutti i suoi punti di vista.

Venezuela, Palestina e Israele.

MV: Prof. Chomsky, come Lei sa, il governo del Venezuela ha una posizione politica ben definita riguardo al conflitto di Gaza che è stato criticato da alcuni, e dato che, secondo loro, questa posizione è stata la causa di sentimenti antisemiti che hanno portato agli attacchi ad una sinagoga a Caracas. Qual è la sua opinione sulla posizione del Venezuela sul conflitto a Gaza?

Chomsky: Personalmente considero che la posizione presa dal Venezuela è stata la corretta. E’ stata un’aggressione selvaggia e criminale ad una popolazione che si trova basicamente ingabbiata e non può scappare. Con questo attacco di alta tecnologia e altamente distruttivo, non solo hanno ucciso probabilmente circa 1.300 persone, si è anche distrutto il sistema agricolo e la poca produzione manifatturiera che esisteva.

Questa società è stata continuamente sotto assedio. E’ un’occupazione, non si deve chiamare aggressione, dato che è un territorio occupato; non c’è stato nessun momento in cui non lo sia stato, ed è sotto attacco diretto. Inoltre, gli attacchi non hanno a che vedere solo con Gaza, ma con la Palestina nella sua totalità.

Con l’appoggio degli Stati Uniti, Israele costantemente porta avanti azioni criminali in Cisjordania. Ad Israele non importa molto di Gaza, sarebbero felici che si purificasse e affondasse in mare. Se ciò che gli importa è la Cisjordiana , lì c’è terra che ha un valore, terra coltivabile, lì ci sono i piacevoli sobborghi di Gerusalemme e di Tel Aviv. Vogliono impadronirsi di tutto ciò che possono. Lì hanno tutta una serie di interessi culturali e presunti interessi storici.

Così che quelli continuano ad impadronirsi le risorse, le terre e principalmente l’acqua della Cisjordania, per dividerla in cantoni non transitabili nei quali la popolazione si purifichi , ed essenzialmente, alla lunga, ci sia un esodo. Questo è totalmente criminoso, loro lo sanno, è fuori discussione.

Nel 1967, quando sono iniziate le occupazioni, i propri assessori legali avevano comunicato che le loro azioni costituivano una diretta violazione dei principi essenziali della Legge Umanitaria Internazionale e delle Convenzioni di Ginevra, e loro lo sapevano. Da allora questo è stato ratificato dalla corte costituzionale, e in numerose risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, ciò che accade è che non vi è alcuna discussione su questo tema.

Israele si vuole impadronire di queste terre per le sue risorse e per altre ragioni e gli Stati Uniti lo sostengono. Sono riusciti a sopprimere quasi tutta la resistenza in Cisjiordania con la violenza. In parte con le loro solo forze, che sono schiaccianti, ed in parte con la collaborazione.

Gli Stati Uniti e Giordania addestrano le forze militari a favore del partito politico con cui hanno le preferenze. La loro funzione principale è stata quella di sopprimere dimostrazioni, proteste e arrestare simpatizzanti. Questa è una strategia tipica dell’imperialismo. Sviluppano una collaborazione tra le forze coloniali per controllare la popolazione.

Così sono riusciti a sopprimere la protesta in Cisjordania. Tuttavia non hanno potuto dominare completamente la protesta a Gaza, motivo per il quale fanno a pezzi e distruggono la zona. Oltre alla chiara selvaggia codardia, queste azioni sono totalmente criminali. Quindi è chiaro che si deve protestare.

La posizione dell’Europa è vergognosa: dicono che non sono d’accordo ma li appoggiano. La posizione degli Stati Uniti è grottesca. La maggior parte dei paesi temono gli Stati Uniti- e per motivi validi, quindi stanno zitti e si fanno da parte.

La posizione del Venezuela è totalmente onorabile e non ha niente a che vedere con l’antisemitismo. La profanazione della Sinagoga è stato un atto antisemita, ma non è stato azionato dal Governo. La stessa cosa è successa in Francia e a quanto ne so, anche negli Stati Uniti. Fino a dove so, il Governo ha preso una posizione forte ed ha condannato quell’atto, ha arrestato i colpevoli che sono stati portati davanti alla Giustizia. Sono le azioni che qualsiasi paese dovrebbe prendere.

Palestina e il blocco a Cuba

MV: Pensa che se ci fossero più paesi che prendessero una posizione chiara rispetto all’occupazione d’Israele a Gaza, questo potrebbe avere un effetto in questa situazione? Se l' opinione pubblica si mobilizza e più paesi prendessero misure simili a quella del Venezuela, Lei pensa che questo avrebbe qualche effetto?

Chomsky: Innanzitutto, dobbiamo essere chiari, non solo Gaza. Agli Stati Uniti e a Israele piacerebbe che ci concentrassimo solo su Gaza e che sorvolassimo sul fatto che la Palestina è un' unità, Gaza e Cisjordania sono un’unità. Di fatto la sua potrebbe essere una domanda più ampia. Sotto la Legge Internazionale i limiti territoriali di Israele sono stati creati a giugno del 1967, il restante 22% che forma la Palestina è un territorio occupato. Questo include due aree separate non contigue: Gaza e Cisjordania. Ma basicamente sono un’unità.

Se la resistenza agli atti criminali d’Israele è legittima in Cisjordania, allora la stessa resistenza deve essere legittima a Gaza. Io ho detto questo alla stampa d’Israele e lo dico anche a te; anche se gli attacchi a Gaza sono particolarmente feroci, omicidi e distruttivi, ciò che succede giornalmente in Cisjordania è anche quella una forma per distruggere questo popolo.

E’ quello che il defunto sociologo israelita, Baruch Kimmerling , ha chiamao “politicidio” la distruzione di una nazione. Può essere che non sia ucciso ogni cittadino ma distruggi la nazione. Quello che succede ogni giorno in Cisordania è la stessa cosa. Infatti, Israele prende vantaggio dal fatto che l’attenzione è focalizzata su Gaza per espandere e scalare l’infrastruttura dei suoi progetti di assedio e sviluppo in Cisjordania. Tutto questo è disegnato per commettere un “politicidio”.

Quindi dobbiamo tenere a mente questo fattore. Se più paesi prendessero una posizione più decisa, potrebbe avere qualche influenza sui padroni. In realtà gli Stati Uniti dirigono lo show, non è un segreto. Se l’Europa avesse la volontà di prendere una posizione indipendente, avrebbe un effetto, perché l’Europa è potente e importante. I paesi più piccoli del mondo non possono fare molto.

In un' inchiesta internazionale fatta di recente e realizzata da una delle più importanti agenzie d’inchiesta delle organizzazioni mondiali di opinione pubblica, è stato chiesto a persone di tutto il mondo qual’era la loro opinione su vari paesi. Israele era negli ultimi posti; è un paese temuto, detestato e considerato da vari paesi come il più pericoloso al mondo. L’unico paese che forse gli si avvicinava era l’Iran, che si è classificato più o meno allo stesso posto. Ma questo non conta fino a quando il padrone del mondo da a loro il suo sostegno.

Quindi la vera domanda è se l’opinione degli altri paesi ha qualche effetto sulle decisioni del governo statunitense. Non è facile, neanche l’opinione pubblica statunitense ha qualche effetto sulle decisioni del suo Governo riguardo a molti aspetti.

Prendiamo un vecchio caso nell’emisfero occidentale: Cuba. Le sanzioni e il terrore contro Cuba da parte degli Stati Uniti sono attività criminose e tutta la diplomazia mondiale si oppone. L’ultimo voto alle Nazioni Unite, credo che sia stato di 180 voti a 3; gli Stati Uniti, Israele e una isola del Pacifico, credo che Micronesia, che significa che si tratta solo degli Stati Uniti, Israele segue il gioco degli Usa, anche se di fatto violenta le sanzioni, quindi sono solo gli Usa.

L’opinione pubblica statunitense ha favorito con fermezza che fossero tolte le sanzioni per decenni, ma questo non ha avuto alcuna risonanza nella politica estera e questo non è l’unico caso. C’è un divorzio tra l’opinione pubblica e le politiche degli Usa, non è una democrazia che funziona, in contrasto con la propaganda.. A meno che l’opinione pubblica non si organizzi e si faccia attiva, ma non importa quello che la gente pensa. Si è organizzata intorno ad altri argomenti ma non su Cuba, per questo motivo la politica del governo ha continuato per la sua strada.

La stessa cosa è valida per il sostegno alle aggressioni, atrocità ed espansione di Israele. Mentre il governo degli Stati Uniti lo sostenga, ci sarà bisogno di potenti forze esterne perché questa politica sia modificata.

Qualsiasi azione intrapresa è importante, quindi se il Venezuela ha una sua importanza, se la Francia non è più importanza è perché il mondo opera attraverso il potere e non la giustizia. Così stanno le cose anche se non siamo d’accordo.

Politica estera degli Stati Uniti riguardo il Venezuela, la Russia e l’Iran.

MV: Professore, l' ex segretaria di Stato, Condoleeza Rice ha detto una volta che l’amministrazione di Chavez era una figura pericolosa e maligna in America Latina. Il presidente Barack Obama ha parlato del presidente Chavez come di una forza che ha interrotto il progresso della regione. Sembrerebbe che ci fosse poca differenza tra quanto si diceva durante l’amministrazione di Bush e quella che apparentemente sarà la posizione di Obama riguardo il Venezuela. Come vede Lei questo? Pensa che questa può essere mancanza d’informazione della nuova amministrazione o una continuazione delle stesse politiche?

Chomsky: E’ una continuazione delle stesse politiche. Difatti, tornando su C. Rice, raramente sono d’accordo con lei ma in qualche cosa che dice lo sono. Recentemente ha scritto un articolo nel quale ha predetto che la politica estera della Amministrazione di Obama sarà come la seconda Amministrazione di Bush.

Le due amministrazioni di Bush hanno avuto qualche differenza; la prima è stata molto più violenta, aggressiva, arrogante mostrando il suo pugno al mondo, e ci ha condotto a disastri uno dietro l’altro e ad un' opinione in decadenza sugli Stati Uniti. Attualmente gli Stati Uniti sono i più detestati nel mondo, ora più che mai, è questo è negativo per alcuni interessi che sono fondamentali.

Questa società è basicamente diretta da aziende. Formalmente è una democrazia, ma in realtà è una società diretta dalle aziende e i suoi affari, e i loro interessi si vedono toccati da questi avvenimenti. Quindi c’è stata una pressione perché ci fosse un cambio durante la seconda amministrazione di Bush. Infatti alcune delle figure più distruttive, brutali e antidemocratiche sono state rimosse dai loro incarichi: Wolfowitz, Rumsfeld e altri. E’ rimasto Cheney come assistente di Bush e chi, basicamente, era l’amministrazione. Quindi le politiche sono cambiate e si sono mosse verso il centro.

Non c’è nessuna indicazione che mostri che Obama cambierà queste politiche. Difatti in alcune situazioni ha preso una posizione più aggressiva, come in Afghanistan e Pakistan. Obama è una persona intelligente, sono sicuro che quello che lui dice è stato preparato accuratamente da lui e i suoi assessori ed esprime quello che vuole. Ma in tutte le sue dichiarazioni è stato deliberatamente impreciso.

La campagna elettorale di Obama ha vinto un premio dall’industria pubblicitaria per migliore campagna di mercato del 2008. Ha vinto ai pc della Apple. Gli alti esecutivi dell' industria sono stati molto effusivi, letteralmente hanno detto che avevano commercializzato canditati nello stesso modo in cui si commercializza la merce da 30 anni, dai tempi di Reagan , ma questo è stato il più grande risultato che abbiano ottenuto.

Questo avrà un grande effetto sui Direttori Esecutivi, la cultura corporativa adotterà questo modello per commercializzare altre cose. Questa campagna elettorale è stata una campagna di mercato. Loro hanno ben chiaro che devono eludere certe questioni e si concentrano solo in parole vuote che servono per tirare su il morale, quello che la stampa chiama “ sorving rethoric”, come ad esempio: “speranza”, “cambio”, “cambio nel quale puoi credere”. Ma, se la gente questiona quali misure prenderà, dovrà sforzarsi parecchio per poterle capire. Forse incontra qualcosa sulla sua pagina web. Ma questi non erano i temi della campagna, di questa vincente campagna di mercato. Ci sono studi che lo dimostrano e all’industria è piaciuta moltissimo.

Si parla molto del contributo dei cittadini ma in realtà è stato minimo. La maggior parte del sostegno economico è stato dato dalle industrie finanziare, buffet di avvocati che sono lobbisti e le sue politiche (di Obama) rifletteranno certamente questo. Si può già notare la scelta dei suoi funzionari e il gabinetto di assessori. E ‘ una amministrazione di democratici di centro, con i quali la gente è familiarizzata e che non si differenzia tanto dal secondo periodo di Bush. Si differenziano solo in alcune questioni.

Saranno ridotti i numeri di violazioni più estreme alla legge e alla Costituzione, portate avanti dall' amministrazione Cheney-Bush; come le torture a Guantanamo o la vigilanza illegale, ma in pratica qualunque dei candidati, anche Mc Cain, avrebbe fatto lo stesso.

Questa amministrazione si confronterà di meno con il resto del mondo, ma continuerà con la stessa politica di prima. Questo si nota dai recenti attacchi su Gaza. La campagna a Gaza è stato un esempio stupefacente. E’ stata pianificata molto meticolosamente con mesi di anticipo, e la stampa israeliana lo dice senza pudore. E’ stata meticolosa e chiaramente pianificata perché finisse giustamente prima dell’inaugurazione presidenziale, e si è conclusa un giorno prima della presa della Presidenza.

Questo non è per niente dovuto al caso, dato che questo ha fatto in modo di mostrare che Obama non poteva dire nulla sulla questione. Mentre succedevano queste atrocità, Obama ha detto, “C'è solo un Presidente, quindi non posso dire niente al riguardo”. Certamente lui esprimeva la sua opinione su tutti gli argomenti e non gli è stato impedito che parlasse sull' “ideologia dell’odio” dietro agli attacchi a Mumbay. Lui si che poteva dire la sua su questo ma non poteva parlare sull’altro perché :”C’ è solo un Presidente”

La stampa e gli elettori si sono bevuti questa scusa, ma gli attacchi su Gaza dovevano finire prima che salisse al potere. Ma, adesso è lui il Presidente. Cosa dice adesso? Di fatto, la sua prima dichiarazione sulla politica estera è stato in riferimento a Israele e la Palestina, in connessione con George Mitchell come mediatore.

Ha menzionato anche qualcosa sulla pace tra Israele e Palestina, su una sostanziosa proposta, che è stata elaborata con molta attenzione. Ha detto che c’era una proposta importante che lui sostiene, cioè, l’iniziativa della Lega Araba che cerca di normalizzare i rapporti con Israele e questo richiede sforzo da parte degli Stati arabi. Ma lui sa benissimo che non è questo quello che la Lega Araba propone. La Lega Araba propone l’assedio dei due stati (israeliano e palestinese) con le loro frontiere internazionali, in base all’accordo internazionale, posizione che gli Stati Uniti hanno bloccato per più di 30 anni. E’ in questo contesto che si incammineranno verso la stabilizzazione della normalità nelle relazioni con Israele.

Quello che Obama omette non è accidentale ma è la componente essenziale della proposta. Lui sa quello che sta facendo, non è uno sciocco. Quello che vuole dire è che continuerà a fare quello che sia, incluso continuare a bloccare il consenso internazionale rispetto ad una risoluzione politica, ma vogliamo che normalizzino i rapporti con gli stati arabi che sono nostri clienti.

Avrà richiesto una tremenda disciplina perché la stampa e gli intellettuali abbiano finto di non accorgersi di questo. Quello che succede è che questa è una perfetta obbedienza. Semplicemente seguono i passi del loro padrone, come i passi dei ganzi. Lo stesso succede quando lo intervistano, ripetono che lui è molto comunicativo e che è pieno di speranza.

La dichiarazione che è seguita sulla politica estera è stata un discorso del Vicepresidente, Joe Biden, che è stato anche lui elogiato per essere molto comunicativo e per voler estendere la mano in segno di amicizia a Iran e Russia. Biden non è arrogante come lo era John Bolton, che li aveva mandati ad annegare al lago più vicino; anzi è molto amabile e usava parole simpatiche; che dobbiamo essere tutti amici e via dicendo.

Ma guardiamo il contenuto. Riguardo alla Russia ha detto che continueranno a mettere sistemi di missili di difesa vicino alle loro frontiere. Lui sa molto bene che la Russia considera questo come un attacco probabile alle sue capacità nucleari dissuasive. E’ per questo che la Russia si oppone. Non c’entra nulla l’Iran.

Gli Usa dicono che è per impedire che l’Iran spari missili, che Iran non ha, e armi nucleari, che non neanche ha. Ma qualsiasi persona con la testa al suo posto sa che se anche l’Iran avesse missili e armi nucleari non attaccherebbe l’Europa tranne se non vogliano scomparire immediatamente e non c’è alcun motivo per pensare che l’Iran vuole qualcosa del genere.

Allora, credo che questa è una grande truffa. Se veramente fossero preoccupati per la minaccia iraniana, che non esiste, avrebbero collocato il sistema di difesa di missili al sud, in un posto come Azerbaiyàn, così come era stato proposto dalla Russia. Ma a loro non interessa. Ciò che veramente vogliono è minacciare la forza dissuasiva nucleare russa.

Gli analisti strategici nordamericani sono consapevoli di tutto questo. Può essere letto nelle pubblicazioni più importanti. (La base missilistica) in questo momento non induce a reazioni immediate (da parte dei russi) che non funzioneranno, ma può servire come base perché la Russia reagisca, ed è inoltre una provocazione per la Russia.

Biden ha insistito di parlare a bassa voce al posto di essere arrogante per comunque dire che avrebbero continuato con questo tipo di politiche. Continuano fiancheggiando i territori russi in Europa. E sull’Iran? Ha detto che possiamo dialogare se loro abbandonano i programmi nucleari illeciti. Quali sono questi programmi nucleari illeciti? L’Iran è uno dei firmatari del Trattato di Non Proliferazione. E’ un suo diritto portare a termine programmi nucleari e di sviluppare energia nucleare.

La maggior parte dei paesi del mondo è d’accordo su questo ma sono membri dei Paesi non Allineati, quindi non “esistono”. Tutto quello che si legge in occidente è che l’Iran sta sfidando la comunità internazionale. La “comunità internazionale”, significa tutti quelli che hanno armi a sufficienza per colpire in testa gli altri.

Se la maggior parte dei paesi del mondo non è d’accordo con la “comunità internazionale” non importa perché non esistono. E cosa ne pensano gli statunitensi? Una buona parte pensa che l’Iran abbia il diritto di sviluppare energia nucleare. Ma, come i paesi non allineati, i cittadini statunitensi non fanno parte della comunità internazionale. Quindi quando qualcuno legge un articolo sul NewYork Times o sulla stampa britannica sulle sfide alla comunità internazionale, si riferiscono in realtà al Governo degli Stati Uniti.

Quali sono questi programmi illeciti? Sono programmi di armi? Forse ma l’intelligence statunitense non ci crede. Solo un anno fa l’intelligence nazionale ha dichiarato che erano fiduciosi sul fatto che l’Iran non avesse continuato il suo programma di armi da cinque anni. Questo non è andato giù al Governo, quindi i passi del ganzo che la stampa aveva lasciato sono spariti dopo aver investigato su questa questione. Così lo hanno fatto sparire dai media. I commentatori intellettuali non sfiorano l’argomento.

Finora, per ordini del governo, è un dato di fatto che l'Iran sta sviluppando armi nucleari. E se lo sta facendo in verità non mi sorprenderebbe. Ma quello che sarebbe sorprendente è il fatto che non le stiano facendo, anche solo come forza dissuasiva. Sono completamente circondati da paesi che possiedono armi nucleari, ci sono gli Stati Uniti che vincono su tutti i paesi per la spesa militare ed è uno Stato molto violento, ha appena invaso due paesi. Sarebbe sorprendente che non sviluppassero dissuasivi nucleari. Infatti, un paio d’anni fa, uno dei più importanti storici militari di Israele, Martin Van Crevel, ha scritto un articolo sull’International Herald Tribune nel quale diceva che non è che lui vuole che l’Iran abbia delle armi nucleari ma che se non le stanno sviluppando sono dei pazzi, specialmente dopo l’invasione in Iraq.

Quindi può essere che abbiano delle armi, può essere che l’intelligence si sia sbagliata, ma nulla da a Biden il diritto, assolutamente no, di parlare di “programmi nucleari illeciti”, lui non ha le prove che questi programmi esistano, il problema è che gli Stati Uniti non hanno voglia che li sviluppino. Ed è il loro programma nucleare l’argomento in discussione dal punto di vista degli Stati Uniti. Ci sono altre questioni riguardanti l’Iran ma questo (delle armi) è il punto della discussione degli Stati Uniti.

L’Iran ha altri problemi ma non fa parte del mondo, non ha le armi sufficienti per fare parte del mondo. Quindi dal punto di vista statunitense ed europeo l’unica questione che interessa è quella sulle armi nucleari e del “sostegno terroristico”. Sostenere il terrorismo significa sostenere la resistenza agli atti criminali degli Stati Uniti e Israele, questo significa per loro terrorismo.

Questi sono gli argomenti che dovrebbero essere discussi nella negoziazione. Dire che negozieranno solo sotto le loro condizioni, cioè non è nel loro interesse arrivare a negoziare. Questo è stato il contenuto del discorso di Biden. E’ stato detto in un modo amabile, con un tono amichevole, con parole gradevoli, per questo viene descritto come molto comunicativo. Dal punto di vista delle élites statunitensi ed europee, questo passo è abbastanza positivo, dato che amano appoggiare la violenza e le aggressioni. Lo considerano utile. Ma se lo fa qualcuno come Cheney o Boulton, non possono continuare a fare il loro gioco perché hanno un modo di esprimersi molto offensivo ed intollerabile, ma hanno il piacere che qualcuno come Obama lo faccia dato che parla in una forma amabile, ha studiato giurisprudenza, è nero, quindi possono fingere di non essere razzisti anche se sono più razzisti degli statunitensi, quindi per loro è piacevole. Ma stai attento ai contenuti, Condoleezza Rice è, più o meno, corretta nel suo giudizio. Nulla indica il contrario.

Fonte: http://www.visionesalternativas.com/index.php?option=com_content&task=view&id=43922&Itemid=1

Tradotto per Voci Dalla Strada da VANESA

Seconda parte: NOAM CHOMSKY: “La politica estera di Obama sarà come la seconda amministrazione di Bush” (2° Parte)

2 commenti:

  1. The European Campaign to end the siege of Gaza, l'Associazione Palestinese in Italia, Infopal e Per il Bene Comune hanno organizzato un convoglio umanitario,
    "la Carovana della Speranza",
    che porterà a Gaza aiuti sanitari e mezzi per il primo intervento medico.

    Il convoglio, di 40 mezzi tra ambulanze e furgoni carichi di medicinali e strumenti medici, è partito il 2 maggio da Milano ed oggi, 16 maggio, raggiungerà Alessandria d'Egitto per la prosecuzione del difficoltoso viaggio verso i territori occupati.

    Medici, europarlamentari, cittadini attivi in svariate ONG si sono dati appuntamento al Cairo per accompagnare il convoglio e seguire, in qualità di osservatori internazionali, l'esito della consegna che si prospetta alquanto difficoltosa.

    Il diario di viaggio quotidiano con videoreportage dell'iniziativa e interviste sono pubblicati ed aggiornati sul portale di Per il Bene Comune, a questo indirizzo:

    http://www.perilbenecomune.org------------
    Presentazione iniziativa e conferenza stampaDiario di viaggio del 13 maggioDiario di viaggio del 14 maggioDiario di viaggio del 15 maggio

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione Gianluca!

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)