Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

14 aprile 2009

NELL'AGENDA ROCKEFELLER IL CONTROLLO DEGLI ALIMENTI

Di Mario R. Fernandez

"Se controlli il petrolio controlli le nazioni, se controlli gli alimenti controlli i popoli"
Henry Kissinger

Nella complessa dominazione dell'Imperialismo nordamericano ci sono attività produttive nelle quali le corporazioni multinazionali che lo rappresentano hanno prodotto dei veri disastri umani e ambientali, non soltanto in molti paesi del mondo ma anche negli stessi Stati Uniti.
Dopo la seconda guerra mondiale, l'Imperialismo Nordamericano è rimasto in una posizione di vantaggio per aumentare lo sfruttamento del resto del mondo. Le sue corporazioni minerarie, petroliere, manufatturiere, finanziarie e delle banane, sono uscite alla ricerca di fortuna con tutto quello che avevano a disposizione, includendo la scienza, la tecnologia, la propaganda ideologica, l'estorsione e la forza militare. Si è consolidata così una denominazione economica controllata da una piccola elite che proclamava a tutta voce il "secolo americano". Una delle industrie più rentabili, che si è presentata come soluzione al problema della fame nel mondo, è stata l'industria di agroalimentari. Nella sua presentazione come "benefattrice dell'umanità" e contribuendo allo "sviluppo", gli agroalimentari nascondono le attività più sinistre e più pericolose per tutta l'umanità.

Semi di distruzione
Nel suo libro, "Seeds of destruction The Hidden Agenda of Genetic Manipulation" (Semi della distruzione. L'agenda nascosta della manipolazione genetica, pubblicato dalla Global Research, Center for Research on Globalization, di Montreal, Canada), E.William Engdahl puntualizza lo sviluppo di quello che inizierà negli anni 30 del XX secolo come la strategia di una elite corporativa per controllare la sicurezza alimentare nel mondo, il presente ed il futuro della vita sul pianeta, in una dimensione mai immaginata prima.
Engdahl mostra le importanti connessioni che esistono nell'industria della produzione di alimenti, industria che è diventata un monopolio mondiale, ed è la seconda industria più redditizia degli Stati Uniti- dopo l'industria farmaceutica. Questo grande affare americano comincia, con un'iniziativa per un maggior arricchimento e potere, nella Fondazione Rockfeller di New York. Questa iniziativa ha incluso vari centri scientifici di importanti università nordamericane, compreso la Princeton, Standford, Harvard e ha contato sul sostegno del governo americano di turno e di alcune delle sue istituzioni più importanti.
Le corporazioni che producono e commercializzano i semi, il grano e i prodotti chimici usati per stabilire una fondazione con il loro nome, fanno parte di un circolo che include non soltanto i managers della terra e le autorità del governo americano ma anche a vari presidenti dei paesi del terzo mondo.
Il fondatore della Stanford Oli, John Rockefeller, nel 1913 ha ricevuto la raccomandazione per creare una fondazione a suo nome, come una forma per evadere le tasse. Fondò allora la Rockfeller Foundation, stabilita, in teoria, con la missione di "promuovere il benessere dell'umanità in tutto il mondo."
Ma uno dei principali scopi della fondazione è stato quello di trovare forme per diminuire nel mondo quelle che loro qualificano come "razze inferiori". E' stato con questo scopo che la fondazione Rockfeller fa donazioni finanziarie alla Social Science Reserch Council nel 1923, finanziando investigazioni destinate a sviluppare tecniche di controllo della natalità per essere applicate dopo in modo da controllare le gestazioni di "non desiderati". Nel 1936, la fondazione crea e finanzia la prima officina di investigazione della popolazione, a Princeton University, con scopi simili di controllo della popolazione.
Tra i primi progetti filantropici della Fondazione Rockfeller appare la finanziazione della American Eugenic Society. "Eugenics" è stata una pseudo scienza; la parola è stata inventata in Inghilterra nel 1883 dal cugino di Charles Darwin, Francis Galton che applicò la teoria di Malthus al regno vegetale e animale unendolo al lavoro di Darwin, L'Origine della Specie. Negli anni 20 questi studi fatti da Galton sono serviti come argomentazione ideologica affinchè Rockfeller, Carnegie e altri ricconi americani usassero il concetto di "darwinismo sociale" per giustificare le loro fortune: erano una prova che loro rappresentavano un sottogruppo "superiore" della specie umana, e che per questa ragione dominavano ad altri umani meno fortunati.
Vale la pena di segnalare che il preside della prestigiosa Stanford University (California), David Starr Jordan, affermava nel 1902 nel suo libro "Blood of Nation" che la povertà era il risultato della eredità genetica, tanto come il talento-l'educazione (o le opportunità) non avevano una grande influenza.

La Razza Superiore e La Rivoluzione Verde....
Molti oggi ignorano che l'idea di una razza superiore del nord, questa fantasia da incubo della Germania nazista, ha avuto le sue radici negli Stati Uniti. Tra il 1922 e 1926, la Fondazione Rockfeller ha donato denaro attraverso il suo ufficio a Parigi per lo studio di "eugenics" e aiutò a creare il Kaiser Wilhelm Institute per la Psichiatria a Berlino (KWG) istituto base dell'idea nazista della razza superiore. In anni posteriori, Ernst Rudin, l'architetto del programma di "eugenics" di Adolf Hitler, avrebbe creato la legge nazista di sterilizzazione spiegata come un "modello americano" e adottato in Germania nel 1933. E' stata questa legge che ha obbligato 400.000 tedeschi colpiti dalla sindrome maniaco-depressiva e la schizofrenia alla sterelizzazione. E per questa legge migliaia di bambini tedeschi con varie difficoltà sono stati semplicemente "eliminati". La Fondazione Rockefeller ha finanziato l'istituto KWG anche durante il terzo Reich e fino al 1939.
Nelson Rockfeller fonda la IBEC (International Basic Economic Corporation) che dopo si unirà con la Cargill, un altro gigante del campo- per sviluppare ibridi con alcune varietà di semi di mais. Questi semi di mais inizialmente furono coltivati in Brasile, che è diventato il terzo produttore di mais del mondo- dopo gli Stati Uniti e la Cina. In Brasile si comincia a mischiare il mais con la soia negli alimenti per animali, e questo aiuta la proliferazione della soia geneticamente modificata, che comincia ad essere normale sul mercato a fine degli anni 90.
Questa denominata "rivoluzione verde" è stata un progetto di Rockfeller che iniziò in Messico e si espande in quasi tutta l'america latina e dopo in Asia, specialmente in India, come strategia per controllare la produzione di alimenti fondamentali in paesi centrali del terzo mondo- sempre in nome dell'efficacia del supposto "mercato di libera impresa" e contro la anche supposta "innefficacia comunista".
Nel 1960 la Fondazione Rockfeller e la Fondazione Ford creano insieme l'International Rice Research Institute a Los Baños, Filippine, con il fine, adesso, di controllare la produzione di riso. Nel 1972 queste stesse fondazioni creano dei centri di investigazioni dell'agricultura tropicale in Nigeria aventi simili scopi di controllo.
Attraverso la Rivoluzione Verde le fondazioni Rockefeller e Ford lavorano fianco a fianco con la USAID e la CIA avendo specifichi obiettivi nel mondo. Includono anche la Banca Mondiale che da crediti a progetti di dighe e sistemi di irrigazione che vogliono loro, per facilitare ed espandere i loro affari.

I Rockfeller
La famiglia Rockefeller ha esteso i suoi affari con il petrolio e l' agricoltura nei paesi del Terzo Mondo grazie alla sua Rivoluzione Verde. Hanno finanziato anche vari progetti poco menzionati nell'Università di Harvard- progetti che formeranno infrastrutture della produzione di alimenti sotto il controllo centrale di una delle poche corporazioni private. I suoi creatori hanno battezato quest'area intera come "agroalimentare" per differenzarsi dalla coltivazione tradizionale millenaria sostenuta dai contadini, il nuovo nome era necessario. Nessuno sano di mente avrebbe accettato che una corporazione si dichiarasse proprietaria, o patentasse, l'agricoltura o la mistificazione di piante che sono con noi da millenni.
Nel 1985 la Fondazione Rockfeller inizia uno studio, su larga scala, sull' ingegneria genetica delle piante per uso commerciale, sborsando milioni di dollari a centri scientifici e "creando" quelle che saranno le piante geneticamente modificate attraverso l' applicazione di nuove tecniche di biologia molecolare a piante alimentari del pianeta. Il riso è stata la prima pianta modificata- con dubbioso vantaggio per il riso e uno svantaggio crescente per il consumatore.
A fine degli anni 80 esisteva tutta una rete di scienziati specializzati in piante geneticamente modificate (Genetic Modified Organisms, OGM o transgenici). Il progetto aveva bisogno di un luogo sicuro dove stabilirsi. Questo luogo è stato l'Argentina sotto la presidenza di Carlos Menem. Menem aveva forti rapporti con Rockfeller e la sua banca, il Chase Manhattan. Le terre agricole argentine sono servite da "cavie" della denominata seconda Rivoluzione Verde che include la soja e l'agente chimico glisofato. L'Argentina è stato il luogo di sperimentizzazione di un' agricoltura totalmente dipendente dai semi transgenici e chimici dati dalla stessa compagnia: la Monsanto.
In un tempo di 8 anni, per il 2004, erano state piantate più di 65 milioni di ettari nel mondo con semi geneticamente modificati, il 25% della terra coltivabile del mondo. La maggior parte del grano è stato piantato negli Stati Uniti in modo da aumentare la fiducia del resto del mondo sui trasgeneci, ma anche perchè i governi nordamericani di turno erano completamente favorevoli agli agroalimentari. L'Argentina era il secondo paese produttore di grano transgenico, con più di 17 milioni di ettari coltivati. Nel 2005 viene tolto il divieto ai transgenici in Brasile, Canada, Honduras, SudAfrica e Cina. Tutti questi paesi hanno un importante programma di coltivazioni transgeniche.
L'Europa ha resistito di più ma la pressione che è stata fatta nell' Europa dell'Est da parte delle corporazioni ha dato il suo risultato e suoli ricchi come quelli della Romania, Bulgaria, Polonia, che avevano piani di regolamentazione scarsi, sono stati terreni fertili per i trasgenici. L'Indonesia, Filippine, India, Colombia, Honduras e Spagna hanno anch'essi, attualmente, coltivazioni transgeniche.
Il caso dell'Argentina è da sottolineare perchè è stato unico, nessun paese autosufficiente in alimenti come l'Argentina avrebbe accettato di convertirsi in un paese monocoltivatore di soja per l'export nel nome del progresso. L'Argentina è stata una pedina dei Rockfeller, Monsanto e Cargill Inc. E nel 1991 è servita da laboratorio segreto di esperimenti di coltivazioni transgeniche al punto che l'amministrazione di Menem aveva creato una Commissione di Consiglio sulla Biotecnologia, completamente pseudoscientifica, che si riuniva in segreto ed era formata da membri che arrivavano direttamente dalla Monsanto, Syngenta, Dow AgroSciences e altre corporazioni dell'agroalimentare.

Monsanto e Cargill
La Monsanto funziona come un nuovo conquistatore, vende sia il seme della soja resistente al glisofato che il glisofato, e richiede non solo un prezzo per la licenza, ma che il seme comprato non sia usato nuovamente l'anno seguente senza pagare i diritti del brevetto. Si tratta di una nuova servitù nell' agricoltura. Quando l'Argentina nega il pagamento dei diritti di brevetto, Monsanto spande il suo seme illegalmente verso altri paesi (Brasile Paraguay, Bolivia e Uruguay) inquinandoli e dopo li accusa di usare il loro seme senza pagare il brevetto.
Finalmente, l'Argentina nel 2004 accetta di pagare un 1% delle vendite di grano agli esportatori, Cargill- un altro agressivo conquistatore alleato di Monsanto. E' un ricatto.
Engdahl spiega anche come l'imperialismo nordamericano ha imposto all'Iraq (oltre ad averlo distrutto con le bombe), una terapia di "shock" economico che include l'imposizione di un sistema agricolo dominato dagli agroalimentari di trasngenici. Essendo l'Iraq una parte della Mesopotamia, dove si sono mistificati i grani e dove la coltivazione esisteva da più di 8000 anni con una vasta varietà di semi di grano che oggi il mondo intero usa senza pagare, l'ironia è immensa. Molti semi naturali dell'Iraq venivano conservati in un banco di semi in Abu Ghraib, la città delle torture. Questa banca è stata totalmente distrutta dai bombardamenti americani forse con l'intenzione. E' stata solo una fortuna che il governo irakeno precedente avesse inviato i suoi semi in Siria, dove oggi sono immagazzinati e a salvi dalla distruzione americana.
L'agroalimentare statunitense ha escogitato una strategia di dominazione mondiale, usando il suo potere di oltre 3 decenni per distruggere qualsiasi barriera che ostacolasse lo sviluppo dei suoi monopoli- finendo poi con regolamentazioni sanitarie e di sicurezza dell'agricoltura o usando l' Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) per controllare l'agricoltura mondiale.
Le coltivazioni sono state usate generalmente per il mercato locale e come base dell'esistenza umana. Monsanto, DuPont, Dow, Chemical e altre gigantesche corporazioni della chimica e dell'agricoltura hanno usato il potere politico e militare degli Usa per, controllando i brevetti dei semi, controllare le coltivazioni di alimenti del mondo. Il progetto va oltre i semi e include molti altri alimenti, latte, maiali e altri.
Endgahl ha creato un documento che aiuta a capire meglio quest'area di dominio imperiale- che si unisce ad altre come il controllo delle terre ricche e delle riserva di acqua con una strategia ben pianificata dai più ricchi del mondo. Questa crisi può creare uno spazio che dia la possibilità ai popoli di alzare la loro voce richiedendo il loro diritto inalienabile di coltivare e distribuire i loro alimenti affrontando questi polipi che vogliono schiavizzare l'umanità.

Fonte: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=83502&titular=el-control-de-los-alimentos-

Tradotto per Voci Dalla Strada da VANESA

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)