Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

11 aprile 2009

I GUARDIANI DELLA MAFIA FINANZIARIA

di Damien Millet e Eric Toussaint

IL DOPPIO DISCORSO DI UN FMI DELEGITTIMATO

Con la crisi scatenata nell' estate del 2008, sono stati demoliti tutti i dogmi neoliberali, lasciando una luce che rappresenta l'invenzione. Impossibile negare i loro fallimenti, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) affermano di aver abbandonato le politiche neoliberiste note come il "consenso di Washington". Sebbene screditato, tanto da attirare la crisi internazionale per tornare a muoversi nella parte anteriore del palco.


(Dominique Strauss-Kahn, attuale direttore generale
del Fondo Monetario Internazionale)


Per decenni, queste istituzioni hanno imposto misure sulla deregolamentazione e programmi di aggiustamento strutturale che hanno sempre guidato l'attuale impasse. Questo è un vero e proprio fiasco per la Banca Mondiale e il FMI che devono ora rispondere dei loro atti davanti all'opinione pubblica mondiale.

Inoltre, le loro previsioni economiche non sono affidabili: nel novembre 2008, il FMI ha previsto la crescita globale al 2,2% per il 2009, poi corretta a 0,5% nel mese di gennaio e, infine, nel mese di marzo, ammette che sarà negativa. In realtà, gli esperti sostengono gli interessi delle grandi creditori prima dei cittadini, i cui diritti fondamentali sono sempre meno garantiti.

Mentre la situazione economica si sta deteriorando rapidamente, i grandi banchieri del mondo stanno cercando di dare al FMI delegittimato e screditato il ruolo di cavaliere bianco |1| che va ad aiutare i poveri a far fronte alla devastazione di questa crisi. Ma ciò che accade è il contrario. I principi sostenuti dal FMI che negli anni Ottanta il CADTM combattuto fin dalla sua creazione sono ancora in vigore. I governi che hanno firmato un accordo con il FMI per il finanziamento dovrebbero sempre applicare le stesse ricette, sofisticate, che degradano ulteriormente le condizioni di vita delle popolazioni.

Sotto le pressioni del'FMI guidato da Dominique Strauss-Kahn, diversi paesi confrontandosi con gli effetti della crisi hanno selezionato come fattori di rettifica il reddito dei lavoratori e dei cittadini che ricevono prestazioni sociali. La Lettonia ha imposto una riduzione del 15% del reddito dei funzionari, l'Ungheria ha abolito la loro 13° mensilità (dopo il pensionamento ridotto come parte di un precedente accordo) e la Romania è anche a testa in giù su questa strada. La pozione è così amara che alcuni governi esitano. Pertanto l'Ucraina recentemente ha giudicato come "inaccettabili" le condizioni imposte dal Fondo Monetario Internazionale, in particolare, il progressivo aumento dell'età pensionabile e l'aumento dei tassi di alloggio.

E 'giunto il momento di denunciare il doppio standard del Fondo Monetario Internazionale e di Dominique Strauss-Kahn, il quale, da un lato, chiede la comunità internazionale di raddoppiare gli sforzi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo del millennio, trasformati in obiettivi poco ambiziosi e, dall'altra parte, forza i governi a ridurre i salari dei suoi funzionari. Si sostiene l'esatto contrario di una vera politica per affrontare la crisi e per difendere gli interessi delle vittime.

Per rispondere alla crisi degli anni Trenta, il Presidente USA Franklin Delano Roosevelt era stato spinto dalla mobilitazione sociale a ridurre l'orario di lavoro aumentando le retribuzioni, le indennità e i diritti sociali dei lavoratori, in particolare, a garantire il diritto di sindacalizzazione. Con il New Deal, Roosevelt aveva stabilito una riforma fiscale che aumentava le imposte sul capitale. El “socialista” Dominique Strauss-Kahn está bien lejos tener la grandeza de Franklin Roosevelt y sigue, cueste lo que cueste, difendendo gli interessi dei grandi creditori che lo hanno nominato per occupare quel posto lucrativo|2|. Il "socialista" Dominique Strauss-Kahn è lontano dalla grandezza di Franklin Roosevelt e continua a tutti i costi, a difendere gli interessi dei grandi creditori che lo hanno chiamato a colmare il lucrativo post.

Ancora una volta, il FMI dimostra che si tratta di un docile strumento al servizio di coloro che hanno causato l'attuale crisi finanziaria. In questo periodo di grande instabilità (come mostrato le enormi variazioni del tasso di cambio tra il dollaro e l'euro nell'anno), il FMI non è in grado di proporre l'applicazione di una tassa (o imposta) del tipo Tobin-Spahn che ridurrebbe i contributi combattendo la speculazione e consentirebbe di raccogliere i fondi necessari per sradicare la povertà e liberare lo sviluppo.

Inoltre, sin dall' inizio nel 1944, l'obbligo di promuovere la piena occupazione figura esplicitamente nella missione del FMI che poi nei fatti viola il proprio statuto.

La crisi finanziaria ed economica globale mette in evidenza il fiasco della deregolamentazione dei mercati finanziari, nonché il fallimento di abbandono di controllo dei movimenti di capitali, entrambi i predicati dal FMI. Questo rende indispensabile la ricerca di una nuova architettura internazionale sulla base del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali (1966) e la Dichiarazione delle Nazioni Unite sul diritto allo sviluppo (1986). Ma questa logica non può essere imposta senza aver invertito le relazioni di forza. Se, sotto l'impulso delle mobilitazioni popolari, un numero sufficientemente elevato di governi non prevede una simile alternativa, la Banca Mondiale e FMI sarà in grado di superare la crisi sfruttando il calo dei prezzi, per portare i paesi deboli verso una dipendenza dei loro crediti, azione che sarà l'obiettivo fondamentale per salvare il sistema in tempo per soddisfare i criteri ecologici e umani.

Per le ragioni sopra menzionate l'unica soluzione accettabile è l'abolizione del FMI e della Banca Mondiale, e la loro sostituzione con istituzioni radicalmente diverse, ponendo l'accento sulla soddisfazione delle necessità umane fondamentali.

Note:
|1| In economia, la società che viene in aiuto di un altro che sta soffrendo per un tentativo di acquisizione ostile (nota del traduttore).
|2| Il salario annuo di Dominique Strauss-Kahn raggiunge $ 500.000 (esentasse)

Fonte: http://www.voltairenet.org/article159477.html

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)