Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

13 marzo 2009

NOAM CHOMSKY: "NON SONO UN DON CHISCIOTTE, PERCHE' I MIEI MULINI A VENTO SONO REALI"

Linguista rivoluzionario, attivista e perenne tenace idealista. Noam Chomsky (Philadelphia, 1928) è uno dei più famosi americani intellettuali e meglio apprezzati all'estero. Ma solo negli Stati Uniti, dove sono legati a circoli politici di sinistra, non conoscono il suo nome.

Non è sorprendente: perchè non a caso è l'autore di libri come "I guardiani della libertà". E ', insieme a Edward Herman, sbriciola negli anni Ottanta il modello di propaganda che prevale nei principali media americani, analizzando come e perché un certo numero di informazioni e opinioni come le vostre sono sistematicamente messe a tacere. Ora, quando ha appena compiuto 80 anni, nelle librerie spagnole escono suoi libri, "Sobre el anarquismo" (Laetoli) e "Entrevista a Noam Chomsky", de Vicenç Navarro (Anagrama).

Anarchico dichiarato e ottimista nel continuare a scommettere per un futuro in cui il socialismo libertario di nuovo può diventare realtà, come è accaduto durante la guerra civile spagnola, occupa ancora un ufficio al MIT (Massachusetts Institute of Technology), dove è stato professore di lingua dagli anni Cinquanta. Ufficialmente in pensione nei primi mesi del XXI secolo, ma continua a recarsi giornalmente nell'edificio dalle forme sinuose e colori stridenti disegnato da Frank Gehry dove risiede il dipartimento di filosofia e linguistica del MIT a Cambridge (Massachusetts). Si direbbe che la sua luminosa "abitazione", piena di libri e capeggiata da una enorme foto di Bertran Russell, sia la sua seconda casa.

L'altra parte della sua vita, l'attivista politico, non punta verso il pensionamento. Dopo aver pubblicato decine di libri, soprattutto per criticare la politica estera degli Stati Uniti, continua a scrivere viaggiando per il mondo dando conferenze. La risposta nulla di Obama all' invasione israeliana di Gaza, la pioggia di milioni per salvare le banche del suo paese o il risultato delle recenti elezioni americane sono questioni che continuano a far pensare, questo sereno presidente che non dimostra la sua età, e riceve EL PAIS in jeans e scarpe da ginnastica.

Domanda. Il modello economico della stampa tradizionale sta attraversando il suo momento peggiore. Lei pensa che i cambiamenti che stanno avvenendo, motivati in parte dal peso che internet ha preso, favoriscono l'emergere di gruppi sociali con minore potenza nel settore della comunicazione?

Risposta. Le fonti d'informazione sono ancora la stampa tradizionale. Internet offre una maggiore varietà di opinioni, ma se volete veramente conoscere i fatti, ciò che sta accadendo nei siti, le opzioni rimangono le stesse. Ci sono molte fonti di informazione come sembra. Credo che i media tradizionali sopravviveranno. Troveranno un modo per capire e usare la rete a proprio vantaggio.Tuttavia, la qualità continua a diminuire. L'informazione è più omogenea che mai.

Domanda. Non pensa che la porta che hanno aperto alla rete costituisce una minaccia per il sistema di potere di cui lei ha parlato ne "I guardini della libertà"?

Risposta. Internet è un grande valore, ma è anche minacciato. La prossima battaglia sarà la lotta per la neutralità della rete. L'accesso a Internet è limitato, perché si deve pagare per questo, ma ora le imprese vogliono rendere più agevole raggiungere alcuni siti rispetto ad altri, a scapito di coloro che non possono permettersi di avere l'accesso veloce. Dobbiamo evitare che ciò accada.

Domanda. Lei è uno dei più critici della politica estera del suo paese, ma, stranamente, il suo punto di vista raramente appare sulla stampa americana.

Risposta. Gli Stati Uniti sono probabilmente il paese con il più alto grado di libertà di espressione nel mondo, la capacità dello Stato è molto limitata perchè nel 1964 ha abolito il cosiddetto atto di sedizione. Ma la libertà ha molte dimensioni e altre forme di controllo, per esempio attraverso l'impatto della raccolta di capitali. Quindi vedete i miei articoli a Johannesburg, ma non sul The New York Times.

Domanda. L'Europa ha seguito la ultime elezioni presidenziali, con attenzione. Perché pensi che gli Stati Uniti continuano ad affascinare gli Europei?

Risposta. Il mondo delle relazioni internazionali è molto simile alla mafia. E se avete un piccolo negozio, siete preoccupati per ciò che pensa il padrino, perché è pericoloso. L'Europa è preoccupata per quello che pensa il padrino, ma non credo davvero che continueranno la campagna. Segue tutto ciò che è superficiale, senza entrare nei programmi.

Domanda. Lei pensa che la crisi economica potrebbe causare una crisi di valori che porteranno ad un cambiamento nella forma di organizzazione sociale e politica?

Risposta. Sta già succedendo, penso che sia sotto la superficie, e la maggior parte delle persone stanno iniziando a sentirlo istintivamente. Nella letteratura popolare del XIX secolo, uno dei principali problemi è che coloro che lavorano il mulino dovrebbero possederlo. Molti scritti della rivoluzione industriale di contadini dicono: 'Il sistema industriale ha portato via la nostra cultura, la nostra individualità, siamo diventati strumenti nelle mani di altri. Quelle cose le ha scritte gente che non aveva mai sentito parlare di anarchismo e marxismo, ma lo hanno pensato istintivamente.Questa crisi torna a dare forza a queste idee.

Domanda. Secondo i politici, la più grande minaccia per la sicurezza del mondo non è il terrorismo, ma l'instabilità causata dalla crisi. Come interpretare questo messaggio?

Risposta. L'instabilità ha un significato tecnico: subordinazione agli Stati Uniti. Obama cosa farà per far fronte alla minaccia? Circondarsi di persone che hanno contribuito a creare questa crisi, come Timothy Geithner, Laurence Summers, banchieri, e trovare una formula per il salvataggio del sistema di controllo del dominio. Tutto l'Occidente è volta a salvare le istituzioni finanziarie ma non sono di alcuna utilità nei confronti di una crisi molto più grande: ci sono un miliardo di persone sull'orlo della morte per fame. Si tratta di una grave crisi, e il denaro non fa nulla per loro. È interessante notare, che non ho letto un giornale americano, ma uno del Bangladesh. Ciò che mi colpisce di più, inoltre, è che i giornalisti non ricordano che tutte le misure adottate da Obama sono esattamente il contrario di quello che la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) hanno raccomandato ai paesi poveri in momenti di crisi .

Domanda. Hai appena compiuto 80 anni, che cosa ti fa continuare a lottare?

Risposta.[Chomsky mostra una immagine nel suo ufficio dove l'angelo sterminatore col Cardinale Romero e sei gesuiti e intellettuali uccisi in El Salvador negli anni Ottanta dagli squadroni della morte]. Uno dei miei fallimenti è che nessun statunitense sappia cosa questo significhi.

Domanda. C'è sempre un senso di Don Chisciotte?

Risposta. No, perché i mulini sono reali e alcuni li abbiamo anche abbattuti. "La stampa dovrà trovare il modo tradizionale di utilizzare la rete a proprio vantaggio" "La qualità delle informazioni continua a decadere: è sempre più omogenea"


Fonte: http://www.cgtandalucia.org/spip.php?article1611

1 commento:

  1. Chiedo scusa all'utente "smarttechsave" per aver cancellato il suo commento invece di pubblicarlo. Nel commento segnalava un'errore di traduzione, lo ringrazio della segnalazione e colgo l'occasione per ringraziare anche l'utente che ci ha inviato questo articolo.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)