Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

9 marzo 2009

CRISI ECONOMICA?...AIUTI MILITARI AD ISRAELE!

di katleen e Bill Christison

In questi giorni di crisi economica, di eccesso della spesa di bilancio, di stanziamenti, svariati milioni di dollari di riscatto, quando gli americani sono costretti a tirare la cinghia, uno degli stanziamenti più automatici - un salvataggio che si nota subito - va a un governo straniero, ma è poco conosciuto dalla maggior parte degli americani. L' aiuto militare degli Stati Uniti a Israele è stimato in incrementi annui di miliardi di dollari, ma praticamente non sono in discussione, mentre altri esborsi fiscali sono drasticamente tagliati.

Stati Uniti e Israele firmarono nel mese di agosto 2007 un "Memorandum of Understanding" (Memorandum d'intesa), impegnandosi a dare ad Israele 30 miliardi di dollari in aiuti militari nel corso del prossimo decennio. Si tratta di un assegno versato in contanti all'inizio di ogni anno fiscale. L'unica clausola sull'uso di tale dono in denaro a Israele è che spenda il 74% per l'acquisto di beni e servizi militari statunitensi.

 
La prima concessione ai sensi del presente accordo è stato effettuato nel mese di ottobre 2008 per l'anno fiscale 2009, pari a 2.550 milioni di dollari. Per portare l'importo complessivo di 10 anni a 30.000 milioni di dollari, l' importo per i prossimi anni aumenterà gradualmente fino a raggiungere un livello annuale di 3.100 milioni di dollari all'anno per l'esercizio finanziario 2013. Questo continuerà fino all'anno fiscale 2018.

Israele è di gran lunga il maggiore beneficiario di aiuti esteri degli Stati Uniti. Dal 1949, gli Stati Uniti d'America hanno fornito ad Israele 101.000 milioni di dollari in totale, di cui 53.000 milioni di dollari sono stati dati per l'assistenza militare. Negli ultimi 20 anni e più, Israele ha ricevuto una media di 3.000 milioni di dollari all'anno in sovvenzioni, finora è stata una miscela di aiuti economici e militari.

Israele riceve aiuti in un quadro molto più favorevole rispetto a qualsiasi altro paese. L'Egitto, ad esempio, ha ricevuto 2.000 milioni di dollari all'anno in aiuti economici, ma è un prestito e deve essere rimborsato. L' Arabia Saudita ha anche attrezzature militari statunitensi nel suo arsenale, ma compra e paga per questo, non sono un dono, come nel caso di Israele.

Si può dire che degli aiuti a Israele beneficino gli Stati Uniti perché hanno speso per l'acquisto di attrezzature prodotte in quel paese. Ma la tassa di riciclaggio di denaro per l'industria delle armi non è il modo più saggio per stimolare la ripresa economica globale. In realtà, con una crisi finanziaria come questa, l'assunzione di un'obbligo di tale portata a lungo termine, è estremamente irresponsabile.

Quando Israele attacca i palestinesi, come ha fatto nel corso del recente attacco su Gaza, i suoi strumenti di distruzione sono jet, elicotteri d'attacco, missili, fosforo bianco made in USA bulldozer Caterpillar tutto fatto negli Stati Uniti. Tutta questa distruzione made in USA è chiaramente identificabile per l'audience televisiva in tutto il mondo arabo e musulmano, dove gli spettatori ricevono una dieta di notizie continua in cui i civili palestinesi vengono uccisi da armi made in USA. I terroristi come Osama bin Laden riescono a trovare reclute in questa vasta popolazione, che si sente in affinità con i palestinesi e si sente attaccata dagli Stati Uniti.

La Foreign Assistance Usa (legge di Assistenza Esteri), afferma che non può fornire un aiuto ad un paese che si impegna in un modello di violazioni del diritto internazionale dei diritti umani. Israele è stato accusato di violazioni, da organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International e Human Rights Watch, durante l'attacco a Gaza e i passati attacchi. Israele viola anche la legge sul controllo delle esportazioni di armi, la quale stabilisce che le armi degli Stati Uniti devono essere utilizzate solo per la "sicurezza interna".

Questo pacchetto di armi, indebolisce seriamente anche il ruolo di mediatore di pace negli Stati Uniti come l'ex senatore George Mitchell, di recente nominato dal Presidente Obama come un inviato per il Medio Oriente. Mentre Israele può sentirsi sicuro con un pacchetto annuale di armi per miliardi di dollari, non avrà nessun incentivo a prestare attenzione agli sforzi di mediazione di Mitchell, a fare concessioni territoriali necessarie per raggiungere un accordo di pace, per fermare la costruzione di altre infrastrutture e insediamenti nei territori palestinesi occupati, o per fermare gli attacchi contro i palestinesi.

Impegnandosi con questo "pacchetto" di armi, gli USA, con la stessa mano rendono debole l'accordo di pace che cercano di promuovere con l'altra.

Queste deformazioni degli interessi nazionali degli Stati Uniti devono finire.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)