21 febbraio 2019

Colombia: A Medellín, più di 2.000 donne si dicono pronte a governare

Il movimento politico "Estamos listas*" ("Siamo pronte") cerca di fare storia nelle prossime elezioni.
Un giorno, una donna, studentessa all'Università Eafit, a Medellín, è andata a un incontro informativo sul movimento politico delle donne 'Estamos listas'. Il mattino dopo cominciò a raccontare alla domestica di casa sua di questo movimento, la quale rispose: "Sì, sono pronta anch'io". Ne ero già parte.

Questo aneddoto è raccontato da Jenny Giraldo, una delle 2039 donne che sono già registrate come militanti di "Estamos listas" e che si dichiarano disponibili a partecipare al processo decisionale nella capitale di Antioquia.
 Loro, che si identificano con un foulard in cui un gufo saggio e multicolore appare su Medellín con atteggiamento vigile, sperano di segnare una pietra miliare nella politica colombiana nelle elezioni locali e regionali del prossimo 27 ottobre.

21 febbraio 1965

I movimenti vanno e vengono 
I leader parlano, i movimenti cessano 
Quando le loro teste volano 
Meglio che stiate attenti
alla retribuzione con la guerra mentale
20 visioni su 20 e murales con metafore

Sistemi al lavoro, per mantenere calma la gente
lo sai che hanno ammazzato Malcom X
che aveva dato potere ai miserabili

18 febbraio 2019

72 giorni alla No Deal Brexit

Ammuina britannica e altre questioni continentali
Il Parlamento inglese ha inflitto una sonora sconfitta a Theresa May, affossando l’accordo Regno Unito-Unione Europea faticosamente redatto sin dalla primavera del 2017. La bocciatura dell’accordo era una condizione necessaria, ma non sufficiente, per arrivare alla No Deal Brexit, che Londra persegue segretamente sin dall’esito del referendum: tocca ora ai partiti paralizzare il Parlamento inglese sino al 29 marzo. Lo choc della No Deal Brexit infliggerà un durissimo colpo alla già debilitata Unione Europea, sempre più vicina alla recessione. Altri interessanti avvenimenti suggeriscono una politica angloamericana dall’inconfondibile sapore anti-continentale.

Vaccini: Il perché del NO al DDL 770

Il 28 luglio 2017 entrava in vigore la famigerata Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale. Sia il Movimento 5 stelle che la Lega, prima delle elezioni del 4 marzo, promisero che l’avrebbero cambiata a fondo. Invece… Invece, una volta saliti al governo leghisti e penta stellati, hanno fatto una clamorosa marcia indietro, sostenendo il Disegno di legge n. 770.
Il 770 era cofirmato dai capigruppo Stefano Patuanelli (M5S) e Massimiliano Romeo (Lega) e dai membri della Commissione igiene e sanità al Senato Pierpaolo Sileri (M5S), Maria Domenica Castellone (M5S) e Sonia Fregolent (Lega).


Il n.770, recante “Disposizioni in materia di prevenzione vaccinale“, pende a tutt'oggi in Parlamento, che dovrebbe discuterlo e votarlo.
Secondo il blogger IL PEDANTE questo Ddl farebbe addirittura rimpiangere la legge Lorenzin.
Contro il 770, a sostegno della Legge di iniziativa popolare “SOSPENSIONE DELL’OBBLIGO” vennero raccolte, in sole quattro settimane, più di 100mila firme, di cui 75mila regolarmente depositate, il 20 settembre 2018, alla Camera dei deputati.

17 febbraio 2019

VI Commissione Finanze: Lettera aperta ai membri del M5S

Lettera aperta ai membri del Movimento 5 Stelle: Alberti, Fico, Pesco, Pisano, Ruocco, Villarosa
Egregi,
vi informo del fatto che è pendente presso il Tribunale di Genova una causa civile (RG 2035/2018) volta a far riconoscere il ritrovamento di 25 miliardi di euro non contabilizzati da Banca CARIGE che, se opportunamente aggiunti nel bilancio, renderebbero superflue altre azioni del cosiddetto salvataggio.

Il Tribunale sino ad oggi ha rifiutato, nell'ordine: l'Accertamento Tecnico Preventivo (chiesto nel 2017), la nomina di un curatore giudiziario (nel 2018), l'istruttoria, la CTU, l'audizione dei testimoni e quant'altro avrebbe portato alla scoperta di detto patrimonio occultato il cui rinvenimento avrebbe salvato la banca. La causa è ancora in corso e farò il possibile perché il Tribunale si degni di guardare le carte, ovvero disponga apposita perizia contabile forense su tale ritrovamento.

FOIBE: Il negazionismo di Mattarella...

Stabilito nel 2004, si è celebrato il 10 febbraio scorso il "giorno del ricordo", non solo in memoria delle vittime delle foibe, ma anche dell'esodo giuliano-dalmata dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Con un editoriale su LIBERO di domenica scorsa Pietro Senaldi esulta e tesse sperticate lodi a Mattarella perché, in occasione del "giorno del ricordo", avrebbe "finalmente liquidato il comunismo come un crimine al pari del nazismo". Come dire, facciamo come in certi paesi dell'Est Europa: "mettiamo fuori legge chiunque si dichiari comunista".

In verità Mattarella non si è spinto a tanto ma il suo discorso, che aveva al centro la condanna del "negazionismo" è stato effettivamente un discorso "negazionista", ha cioè teso a NEGARE i crimini inenarrabili compiuti dal fascismo italiano, in combutta coi nazisti, dopo l'occupazione della Iugoslavia iniziata il 6 aprile 1941.

Russia e Cina reintroducono il Gold Standard?

(da Russia Today) - Secondo alcuni funzionari russi, i paesi del BRICS stanno prendendo in considerazione una piattaforma interna per lo scambio dell'oro.
Secondo un esperto di metalli preziosi, quando questo accadrà l'economia globale sarà fortemente ristrutturata, e l'Occidente perderà il suo predominio. Secondo Claudio Grass, della Precious Metal Advisory Svizzera, nel 2016 sono state scambiate 24,338 tonnellate di oro fisico, e cioè il 43% in più del 2015. L'oro si sta spostando dall'Occidente all'oriente. 
"Bisogna guardare a questa iniziativa dei BRICS in un contesto più ampio - ha detto Grass a RT - Fa parte di uno slittamento tettonico che è iniziato alcuni decenni fa. Abbiamo osservato un costante flusso di oro fisico dall'Occidente all'oriente. Contemporaneamente, l'Occidente ha perso la sua guerra economica, e come conseguenza ora l'attenzione si è spostata sul sistema finanziario. La Cina domina l'economia mondiale, ed ha rimpiazzato gli Stati Uniti come maggiore potenza economica".

13 febbraio 2019

Venezuela: Tutto ciò che si sa e non si dice...

In questi tempi di dittatura economica, i signori/e "So tutto Io", escono come lumache dopo la pioggia. Molti di loro fallirebbero un semplice test a scelta multipla per testare le loro conoscenze di base sull'argomento della loro "competenza". Con poche eccezioni, tra coloro che scrivono o parlano del Venezuela, nessuno ha idea se Lara sia una città o uno stato, per non parlare di dove "esso" si trovi geograficamente. In altre parole, mancano degli elementi essenziali di base per avventurarsi nel dare lezioni.
Per correggere alcuni errori ricorrenti che condizionano analisi e commenti, potrò menzionare alcuni dati "sconosciuti" per contribuire a una migliore salute del dibattito globale sul Venezuela:

Venezuela: Voto al Senato sul golpe...


"Abbiamo udito perentori richiami all’ordine, che ci esortavano a credere che l’appartenenza all’Occidente sia un legame totalitario dove dobbiamo dire tutti la stessa cosa, nel modo più ultimativo e sanzionatorio, sotto lo slogan della «esportazione di democrazia".

12 febbraio 2019

Inchiesta Sandoz: Lo scandalo degli ormoni prescritti ai bambini


Un vero e proprio tariffario per piazzare ormoni bambini. E’ emerso anche questo dall’inchiesta condotta dai Nas e coordinata dalle Procure di Bologna e Busto Arsizio e che vede indagati 67 medici di ospedali pubblici e privati e 12 informatori scientifici. Gli informatori farmaceutici applicavano puntualmente il tariffario: oltre duemila euro per ogni nuovo paziente, tra cui molti bimbi.

8 febbraio 2019

"Perché crede che gli Stati Uniti vogliano attaccare il Venezuela?"
La straordinaria attualità di questa risposta di Hugo Chavez


Tutto quello che devi sapere sul nuovo golpe in Venezuela sono racchiusi in questa magistrale sintesi di 2 minuti dell'ex Presidente Hugo Chavez, vittima, per le stesse ragioni di un colpo di stato degli Stati Uniti nell'aprile del 2002.

7 febbraio 2019

RAI: Il Signoraggio va in onda ... all'una di notte!




Roger Waters ribadisce il suo sostegno al Venezuela contro il golpe USA

«Regime change per per facilitare l'adozione di politiche neoliberiste»
Il fondatore ed ex membro della band britannica Pink Floyd, Roger Waters, è tornato a far sentire la sua voce a sostegno del Venezuela e del governo del presidente Nicolás Maduro di fronte alle minacce di un intervento militare da parte degli Stati Uniti (USA).

Attraverso i social network, il cantante britannico ha pubblicato una foto e una frase di Simón Bolívar sul ruolo della nazione nordamericana rispetto ai suoi vicini: «Gli Stati Uniti sembrano destinati dalla Provvidenza, a infestare l'America con la miseria nel nome di libertà».

6 febbraio 2019

La fine del Trattato INF: una vittoria della Russia, una Waterloo per l’America

Il 1° marzo 2018 il mondo aveva avuto notizia dei nuovi sistemi d’arma della Russia basati, a quanto si dice, su nuovi principi della fisica. Rivolgendosi all’Assemblea Federale, Putin aveva spiegato come si era arrivati alla loro realizzazione: nel 2002 gli Stati Uniti si erano ritirati dal Trattato Missilistico Anti-Balistico. All’epoca, i Russi avevano dichiarato che sarebbero stati costretti a reagire e, in sostanza, si erano sentiti rispondere: “fate un po’ come vi pare.”
E così hanno fatto, hanno sviluppato armi che nessun sistema anti-missile balistico potrà mai sperare di fermare. Di queste nuove armi russe una è già in servizio operativo (Kinzhal), un’altra è pronta per la produzione di massa (Avangard) e molte sono attualmente in fase di sperimentazione (Poseidon, Burevestnik, Peresvet, Sarmat). Le loro caratteristiche, in breve, sono le seguenti:

4 febbraio 2019

VACCINI: Perché il DDL 770 non dovrebbe obbligare l’Italia a «ubbidire comunque» agli organismi internazionali

Dopo tante chiacchiere, opinioni e aneddoti, finalmente il dibattito sulle strategie vaccinali è stato ricondotto alle questioni scientifiche e in particolare alla valutazione delle prove di efficacia e del rapporto benefici/rischi. 

Il Dottor Alberto Donzelli già Direttore SC Educazione alla Appropriatezza ed Evidence Based Medicine ASL Milano - oggi CdA e Comitato Scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute è stato ascoltato alla Commissione Igiene e Sanità del Senato sul tema delle strategie vaccinali. Egli ha portato una mole notevole di documentazioni scientifiche, che meritano di essere conosciute dai medici, dai politici e dal pubblico.

Ho pensato quindi di riproporre qui i punti salienti presentati da Donzelli, con una mia sintesi.

Il Venezuela e i sinistri “critici-critici”

L’autoproclamazione di Guaidò rappresenta a tutti gli effetti un tentativo di colpo di Stato, ed è davvero difficile, se non impossibile, provare a descrivere diversamente quello che sta avvenendo in questi giorni in Venezuela. Un tentativo che fortunatamente, almeno per ora, non ha avuto gli sviluppi che auspicavano a Washington, ma che però è ben al di la dall’essere stato scongiurato, come dimostra l’esproprio dei conti bancari della PDVSA negli Stati Uniti. Miliardi di dollari pubblici sottratti allo stato venezuelano e messi arbitrariamente a disposizione di un golpista, il tutto in barba ad ogni legge del diritto internazionale.

Ora immaginate solo per un momento cosa sarebbe accaduto se Bernie Sanders si fosse dichiarato unilateralmente Presidente degli Stati Uniti invitando l’esercito alla diserzione, magari contestando l’irregolarità delle presidenziali del 2016 adducendo come prova l’interferenza dei russi nel processo elettorale. Con ogni probabilità il “mondo civilizzato” che oggi plaude al “giovane ribelle” di Caracas lo avrebbe preso per matto, oppure ignorato. Probabilmente sarebbe stato anche arrestato e processato nel giro di qualche ora, visto che l’ordinamento giuridico nordamericano prevede il reato di cospirazione.

2 febbraio 2019

Messaggio di Maduro al popolo USA:
"Trump vuole fare del Venezuela un Vietnam in America Latina"


Sono Nicolás Maduro, Presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, voglio inviare un messaggio al popolo statunitense per allertarlo sulla campagna della guerra mediatica, comunicativa e psicologica che si sta sviluppando sui media internazionali e, soprattutto, sui media USA contro il Venezuela. È stata preparata una campagna per giustificare un colpo di Stato in Venezuela, preparato, finanziato e sostenuto attivamente dall’amministrazione Trump, proprio come già noto a tutta l’opinione pubblica.

Africa: Mortalità più alta tra bambini vaccinati, gli scienziati sono preoccupati

Cari amici,
Nel marzo di quest'anno, uno studio pubblicato da un gruppo scientifico danese ha mostrato che il tasso di mortalità era due volte più alto tra i gruppi di bambini vaccinati e ben nutriti che tra i gruppi di bambini non vaccinati e malnutriti ... (1)
La notizia è passata quasi inosservata al grande pubblico.

Ma ha causato disagio nella comunità scientifica.
L'ho scoperto io stesso leggendo l'ultimo libro del dott. Michel de Lorgeril Introduction générale à la médecine des vaccins (Introduzione generale alla medicina dei vaccini) (2), lavoro di cui vi raccomando la lettura.

L'affare Battisti o l'evaporazione della sinistra sul pianeta Terra

Riassunto del capitolo precedente:
"Ricordiamo che all'inizio del secolo, è in nome della legalità e del rispetto della cosa giudicata che si sono accaniti su di lui [Battisti] tutti i rappresentanti della post-sinistra italiana. Va detto che essa non ha mai digerito che un movimento sociale abbia rimesso in discussione, negli anni '60 e '70, l'egemonia sulla cultura e il lavoro di cui godeva allora, quando non era ancora abbastanza "post", ma stava preparando il suo passaggio dallo stalinismo al centro-destra. Come per mostrare l'unificazione internazionale del legalismo e del fascismo, Salvini ha salutato la vittoria di Bolsonaro chiedendo immediatamente il ritorno di Battisti nelle carceri italiane. Il destino personale del nostro amico può essere considerato emblematico degli abusi che milioni di proletari e persone oppresse possono subire. Emblematico nel senso che il loro omicidio, diretto o lento, sarà, per loro come per lui, commesso la maggior parte del tempo nel nome della legge.

1 febbraio 2019

Vaccinegate: Lettera al Ministro della Salute Giulia Grillo

Egregio Ministro Giulia Grillo
Da agosto 2018 la nostra associazione ha iniziato a pubblicare i risultati di diverse analisi commissionate a laboratori indipendenti ed accreditati su alcuni lotti di vaccino. Questi stessi risultati sono sempre stati inoltrati anche al Suo Ministero, nonché all’ISS, all’AIFA, all’Ema e alle case produttrici.
Duole constatare che, nonostante i risultati contengano dati preoccupanti e ravvisino diversi profili di rischio, nessuna risposta sia arrivata da parte Sua né di alcun funzionario del ministero da Lei presieduto.
Eppure, fu proprio Lei, come componente della Commissione Parlamentare di Inchiesta “Uranio Impoverito”, a firmare insieme agli altri membri le seguenti considerazioni: