Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

29 novembre 2017

29 novembre: 70 anni di solitudine dei Filistei

Un piccolo paese ricco di storia. Chiamiamolo X. Questo paese ha visto in tre millenni tutti gli invasori, tutti gli occupanti, tutti i liberatori possibili. Quasi tutti invocavano un'entità immaginaria con diversi nomi, quello che di solito chiamiamo un dio. L'impero di cui questo paese è stato parte per più tempo nella storia - lo chiamiamo Y - lo ha controllato per quattro secoli e un anno. Un altro impero - Z - gli successe per 30 anni. E non aveva chiesto il parere di nessuno per occupare X, e soprattutto non quello dei suoi abitanti. Z, nemmeno, ma aveva avuto il sostegno dei suoi simili.

TLAXCALA ΤΛΑΞΚΑΛΑ ТЛАКСКАЛА تلاكسكالا 特拉科斯卡拉

Poi è avvenuto un evento straordinario. Un'assemblea di rappresentanti di 53 paesi, tutti estranei a X e che non avevano alcuna legittimità nel decidere il suo destino, ha votato un testo in cui si decise che X sarebbe stato suddiviso in 3 parti: una parte per il popolo di X, una parte per un gruppo di coloni venuti da altrove e qualificati come "popolo" - quello che non erano e che chiameremo J, e una terza parte, considerata come una città santa, sotto la tutela internazionale.

Dopo 70 anni, X è e rimane il paese più strano del pianeta Terra. È diviso in tre pezzi, uno grande, uno medio e uno piccolo. Il primo pezzo è totalmente controllato solo dallo Stato J, il secondo quasi totalmente e indirettamente dallo stesso Stato J, il terzo pezzo è il più grande campo di concentramento a cielo aperto del mondo, amministrato penosamente da un apparente Stato di nativi di X.

Come avrai capito, questo paese X è la Philastia, questa terra dei filistei diventata la Palestina attraverso la lingua degli occupanti romani, il latino. Y, è il defunto Impero Ottomano e Z, l'Impero Britannico, quel mostro su cui il sole non tramonta mai. E J è quello che si chiama Israele, lo stato ebraico o presunto tale. Il 29 novembre 1947, 33 dei 53 paesi allora rappresentati all'ONU votarono a favore della risoluzione n. 181, che decise semplicemente di dividere la Palestina in uno stato ebraico, uno stato arabo e una quasi-capitale, Gerusalemme, sotto la tutela internazionale. 70 anni e una dozzina di guerre più tardi, è entrato in vigore solo un punto di questa risoluzione: la creazione di uno stato ebraico.

Durante questi 70 anni, come durante i trent'anni che li precedettero, i Filistei sperimentarono tutte le forme di oppressione che un gruppo umano minoritario può esercitare su un gruppo umano di maggioranza. Hanno quindi sperimentato tutte le forme di resistenza e di lotta che gli umani possono inventare e provare, dalla più innocente protesta pacifica alla più disperata forma di violenza attraverso la lotta armata clandestina, la rivolta semi-armata di massa, senza dimenticare l'uso della parola, dell'espressione artistica, della diplomazia, degli scioperi e dei boicottaggi. Tutte queste forme sono fallite fino ad oggi.

Eppure, la gente di X esiste ancora, vive, pensa, ama, muore, rivive.
Philastia, specchio del mondo, tu appartieni al patrimonio dell'umanità. Continua a stupirci. Continua a insegnarci a sopravvivere, con e contro tutto, chiunque noi siamo, ovunque siamo, in questo mondo che non smette di restringersi.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)