Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

9 aprile 2017

Non è Che Per Caso, Trump e Putin hanno Scherzato?

Non so voi ma a me comincia a sorgere il leggerissimo sospetto che si sia trattato di un macabro teatro, purtroppo con morti veri.
Vi propongo una versione alternativa dei fatti:

  • A Ibdil e Hana c’è una sacca di “ribelli moderati” ovvero mercenari ed esaltati finanziati da Arabia Saudita, Quatar forse Turchia e Stati Uniti (almeno fino a poco tempo fa). Stanno perdendo sono circondati e bombardati anche dall’aviazione Siriana oltre che da quella Russa.
  • L’attacco coi gas è una orrenda messa in scena da parte dei ribelli stessi che per certo hanno gas letale nelle loro mani, ma non gas nervino. Ci ammazzano circa 80 civili tra cui 30 bambini e danno la colpa al regime mettendo i corpi proprio dove le armi convenzionali di Assad e dei Russi hanno colpito. Sul luogo le “solite” infallibili ONG e fonti “imparzali” danno per certo l’attacco col gas nervino. La versione comincia oggi, Sabato 8 Aprile, a non stare più in piedi, intanto i soccorritori si sono fatti fotografare in abiti inadatti per un micidiale gas nervino e poi una testata al gas nervino è di almeno 500kg, avrebbe ammazzato migliaia di persone, non la chiamano arma di distruzione di massa per scherzo
  • Israele, Turchia e l’Unione Europea, quasi tutte condannano e invocano l’intervento militare.
E Trump gli accontenta, con l’accordo di Vladimir Putin.

Gli Stati Uniti “dicono” di avere lanciaro 59 potentissimi, costosissimi e precisissimi (roba di mezzo metro più o meno a centinaia di chilometri dal lancio) missili Raytheon Tomahawk BGM-109 , vanto della tecnologia bellica USA dal costo che va da 500.000$ a 800.000$ l’uno a seconda della configurazione. Un Tomahawk BGM-109 porta una testata convenzionale di esplosivo ad alto potenziale di 450Kg e arriva sul bersaglio a 800km/h con un impatto devastante. Credetemi, a detta di esperti con 59 di questi zuccherini ci avrebbero raso al suolo un paio di quartieri di una città, non “danneggiato” una parte di una base aerea.

E qui viene il bello: la base aerea colpita, a detta dei Russi ha ricevuto “solo” 23 missili. Per certo sappiamo che in parte (l’altra parte, quella colpita in riparazione) è ancora operativa e sempre per certo sappiamo che il personale Russo e Siriano della base è stato pre avvisato dell’attacco mezz’ora prima del bombardamento in modo da mettere al sicuro gli aerei migliori e non avere vittime militari. Pare siano stati distrutti un paio di Mig vetusti e non utilizzati, propaganda e contro-propaganda? Chissà non lo sapremo mai.
Quindi il grande intervento USA sembrerebbe stato un atto dimostrativo.

Per chi?

Per Trump e per Putin, non c’è niente come un bel clima da guerra fredda (quasi calda) per cementare Americani e Russi, temo per Trump più per i Russi che gli americani che se la bevono molto meno rispetto al  passato specie grazie ad internet e a questa foto qui:

La fialetta di vernice per pittori che Colin Powell ha mostrato come prova schiacciante delle armi di distriuzione di massa in mano a Saddam e che hanno giustificato un genocidio da parte dell’occidente.

In più l’attacco a svelato le intezioni di Israele e Turchia oltre ogni dubbio. Israele si è resa ridicola con le affermazioni del suo Ministro degli Esteri (100% sicuro: Assad ha gasato civili con gas Sarin) , Erdogan invece a dimostrsto a Putin la propria affidabilità (poi come si fa a fidarsi di un turco? boh follia). Se lo ricorderanno per qualche decennio.

Magari sbaglio eh, magari sono il solito gobloddista.

p.s. e BTW li per li ci ero pure caduto. Sono stati bravi stavolta.
p.p.s. e in tutto questo però ci sono oltre 80 persone fra cui bambini gasati o uccisi in altro modo a Ibdil, ma da quelle parti è normale.

Di FunnyKing - Rischiocalcolato.it

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)