Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

13 aprile 2017

Kissinger è il lato oscuro di Trump in Siria

"Io credo davvero che avremmo dovuto sopprimere i loro aeroporti, e impedire loro di usarli per bombardare persone innocenti e lanciare su di esse gas sarin"Queste sono state le parole pronunciate da Hillary Clinton poche ore prima che il suo nemico, il presidente Donald Trump, ordinasse attacchi aerei e il lancio di 59 missili da crociera Tomahawk contro il campo d'aviazione di Shayrat nel sud-est di Homs, in Siria.
Escalation
Il governo di Trump ha descritto gli attacchi come "unici" e ha insistito sul fatto che non ci sono piani di intensificazione. Ma l'escalation è in corso. La Russia, anche se è stata avvertita da parte degli Stati Uniti prima del bombardamento, ha sospeso un accordo con gli Stati Uniti per evitare collisioni a mezz'aria nello spazio aereo siriano.

Gli obiettivi del governo degli Stati Uniti di attaccare la Siria possono essere dedotti dalla storia di uno dei più potenti diplomatici nella storia degli Stati Uniti: Henry Kissinger.
Gli obiettivi del governo degli Stati Uniti di attaccare la Siria possono essere dedotti dalla storia di uno dei più potenti diplomatici nella storia degli Stati Uniti: Henry Kissinger. L'ex Segretario di Stato, accusato dal defunto Christopher Hitchens di complicità nei "crimini di guerra" degli Stati Uniti in America Latina e nel Sud-Est asiatico, è stato un consulente chiave per Trump nella negoziazione delle relazioni degli Stati Uniti con la Russia e la Cina.

Kissinger è stato consulente segreto per la sicurezza nazionale del presidente George W. Bush, e sotto l'amministrazione Obama è stato direttamente coinvolto nella catena di comando del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti. Inoltre ha consigliato spesso Hillary Clinton durante il suo mandato come segretaria di stato.


La sua influenza sul governo Trump è visibile anche attraverso la sua ex accolita, KT McFarland, che ora è consigliere per la sicurezza nazionale di Trump e che nel 1970 servì, guidata da Kissinger, nel suo Consiglio di Sicurezza Nazionale.

Caos come strategia?

Gli attacchi aerei improvvisi contro la Siria si inseriscono nella filosofia dell'"imprevedibilità", o teoria del pazzo che Kissinger ha difeso da tempo come un segno distintivo dei più grandi statisti. L'approccio di Kissinger è che le amministrazioni usamericane evitino la prudenza raccomandata dagli esperti e optino per "la costante ridefinizione degli obiettivi" e "la forza di contemplare il caos".

Comportandosi in modo irregolare e anche apparentemente "irrazionale" i leader degli Stati Uniti possono superare i loro avversari e rivali, e in modo permanente metterli sulla difensiva per paura della pericolosa volatilità del potere degli Stati Uniti.

È per questo che il Segretario di Stato di Trump, Rex Tillerson, è passato dal dichiarare che "sono state adottate misure" per eliminare Bashar al Assad dal potere, all'insistere che  gli Stati Uniti non stanno progettando ulteriori azioni. "In nessun caso si cerchi di estrapolare che c'è stato un cambiamento nella nostra politica o la nostra posizione relativa alle nostre attività militari in Siria oggi"ha dichiarato.


La conclusione sembra essere che sia stato un singolo attacco progettato per inviare un chiaro messaggio ai rivali degli Stati Uniti, nel senso che gli Stati Uniti sono in grado e disposti a dispiegare il potere militare, senza paura delle conseguenze. E che gli impegni passati con Assad non sono più una garanzia.

Infiammare la regione del Medio Oriente

L'obiettivo più ampio è quello di spianare la strada per l'Amministrazione Trump affinché prosegua con le sue ambizioni strategiche in Siria. Tali ambizioni possono essere dedotte dagli scopi dei suoi consiglieri più importanti. Prima di dimettersi per le accuse di disonestà per quanto riguarda il suo contatto con l'ambasciatore russo, il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn, aveva co-scritto il libro The Field of Fight [Il campo di battaglia] con il consulente della difesa e neoconservatore Michael Ledeen.

Questo è importante perché Ledeen era direttamente coinvolto nella falsificazione sullo Yellowcake (ossido di uranio concentrato) con cui si cercò di fabbricare una minaccia di armi di distruzione di massa per giustificare la guerra in Iraq nel 2003; egli ha da tempo promosso campagne di intervento militare in Siria, Iran e altrove, ed ha articolato una visione di politica estera che ha avuto una profonda influenza nel governo di George W. Bush.

La visione di Ledeen per la regione può essere riassunta con il suo avallo alla "calderonizzazione" del Medio Oriente, come ha scritto nel 2002 per sostenere l'invasione dell'Iraq: "possiamo solo sperare di trasformare la regione in un calderone, e subito, per favore. Se mai ci fosse una regione che merita di essere calderonizzata, è il Medio Oriente di oggi ".
Questo tipo di visione è correlata con la preferenza dell'amministrazione Trump per il caos, la marcia indietro e il continuo cambio di priorità. A dire il vero, molto di questo può essere attribuito anche alla confusione reale e a una travolgente incompetenza. Nessuno dovrebbe sottovalutare questo. Ma allo stesso tempo stiamo assistendo a un'amministrazione che prende decisioni sulla base di ideologie concorrenti, una delle quali crede ingenuamente che l'escalation del caos in paesi come la Siria è un'opportunità strategica.

Assad non sarà rimosso

Non sembra, tuttavia, che lo scopo strategico degli attacchi sia, in ultima analisi, eliminare Assad. I ribelli siriani - quelli che hanno combattuto al fianco di al Qaeda, coloro che si oppongono con veemenza a ISIS e al Qaeda, e molti dei quali vogliono sostituire il regime di Assad con il proprio tipo di stato islamico, hanno accolto con favore gli attacchi. Ma hanno anche giustamente sottolineano che attaccando solo una base aerea si ottiene poco, considerando che Assad lancia attacchi aerei provenienti da almeno 26 basi aeree.

Un indizio di ciò che è veramente in gioco viene da conversazioni che hanno avuto luogo tra il governo Netanyahu e Trump nelle ultime settimane prima degli attacchi. Per Israele, la vera "linea rossa" in Siria non sono le armi chimiche, ma la potenziale invasione dell'Iran ed Hezbollah attraverso il regime di Assad al confine siro-israeliano delle alture del Golan o al confine sirio-giordano.

Fonti vicine alle trattative hanno riferito ad Ha'aretz che Netanyahu vuole "zone cuscinetto" stabilite sul lato siriano del confine. Il piano implicherebbe anche che le Alture del Golan siriano si separino de facto dalla Siria in favore di Israele.


Si da il caso che una filiale israeliana di una compagnia energetica usamericana, Genie Oil & Gas sta attualmente trivellando in cerca di petrolio sulle alture del Golan con licenza da parte del governo di Netanyahu. Tra i membri del consiglio di Genie appare Rupert Murdoch, che ha incredibilmente stretti legami con la famiglia Trump, il suo impero economico e la sua amministrazione.

Giocando con il fuoco

Questa visione non contempla la rimozione di Assad come la risposta, ma semplicemente vuole limitare il suo potere territoriale ad una piccola enclave concentrata a Damasco, e inoltre rompere la portata del sostegno russo e iraniano al suo regime. Allo stesso tempo, il regime Trump vuole usare gli attacchi contro la Siria come un primo passo di una strategia per imporre un cuneo tra la Russia e l'Iran.

Da un lato, offrendo la Crimea alla Russia, il governo Trump vuole convincere tra l'altro la Russia a ritirarsi dalla sua alleanza con l'Iran in Siria, e consenta agli Stati Uniti un terreno di gioco più ampio per imporre un accordo diplomatico che si adatti ai suoi dubbiosi obiettivi geopolitici nella regione.

Il risultato finale, tuttavia, è il mantenimento di uno stato di instabilità permanente in Siria, dove non vince nessuna fazione particolare: gli Stati Uniti tollerano Assad, minacciando un cambiamento di regime in modo selettivo puntando il suo regime, ma senza effettuare azioni che realmente lo eliminino; permettendo agli alleati del Golfo di continuare a sostenere i ribelli siriani di loro scelta, da gruppi laici a militanti islamici, alcuni con legami con l'ISIS e al Qaeda, conducendo attacchi aerei sull'ISIS.

Le azioni degli Stati Uniti finora non sconfiggeranno né ISIS, né Assad. Invece prolungheranno la guerra fingendo di contenerla: un impostazione destinata a sconfiggere se stessa.


Il problema è che la tattica di Kissinger di "giocare con il fuoco" per ottenere ciò che si vuole non funziona. Al contrario, tende ad creare una spirale di eventi fuori controllo.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)