Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

12 gennaio 2017

Messico: Cronaca di una privatizzazione occulta

"Sono solo investitori stranieri, non esagerare"
In Messico inizia un 2017 che molti vogliono già alla fine. Con lo scoccare della mezzanotte del nuovo anno, o forse vecchio, è entrato in vigore il maggior incremento dei prezzi del carburante in quasi due decenni.
Il nuovo 'gasolinazo' che fu in precedenza annunciato un paio di giorni dopo Natale, ha generato un'ondata di indignazione popolare che nella prima settimana di proteste, mobilitazioni, presa di stazioni di servizio, sciopero dei trasporti e saccheggi, lasciando un saldo di almeno sei morti, 15 feriti e più di 1.500 detenuti.
Crismar Lujano
CELAG

Molti economisti concordano sul fatto che questo è un duro colpo per le tasche dei messicani. E l'effetto moltiplicatore della benzina si rifletterà in un aumento previsto dell'inflazione del 3% e che inevitabilmente aumenterà il costo della vita di tutti, che utilizzino i veicoli o meno.

Quali sono i nuovi prezzi per litro di carburante?
  • La benzina Magna è passata da 13,98 a 15,99 pesos (US $ 0.77), con un incremento del 14,2%.
  • La Premium è passata da 14,81 a 17,79 pesos (US $ 0.85). Questo è il tipo di benzina che subisce un aumento maggiore, raggiungendo il 20,1%.
  • Infine, il diesel ha aumentato il suo prezzo passando da 14.45 a 17.05 pesos (US $ 0.82), con un incremento del 16,5%.
Se andiamo indietro nel tempo, vediamo che non è la prima volta che il governo del Messico aumenta il prezzo della benzina.
Nel corso del terzo trimestre del 2016 ci sono stati tre aumenti consecutivi che, insieme con gli altri, da quando Enrique Peña Nieto è salito al potere nel dicembre del 2012, rappresentano un aumento totale del 48%.

Può essere sempre peggio
"Passeremo da un ambiente in cui abbiamo avuto una sola benzina, un solo prezzo e un solo fornitore, a un sistema in cui abbiamo più libertà, più possibilità di scegliere e dove i prezzi reagiscono a seconda di come si regolano i costi, ripeto, come qualsiasi altro prezzo economico "
Jose Antonio Meade, Ministro delle Finanze del Messico.
Il nuovo schema di vendite della benzina non è stato pensato dalla notte alla mattina. In realtà, questo è parte di un piano di liberalizzazione dei prezzi con cui il governo del presidente Enrique Peña Nieto sostiene che per gennaio 2018, i combustibili saranno commercializzati a prezzo di mercato in tutto il paese. Ciò significa che i prezzi finali dei carburanti rifletteranno almeno cinque variabili: i prezzi internazionali del petrolio, i costi di trasporto e stoccaggio, così come il costo per la raffinazione, il margine commerciale di ciascuna compagnia, le tasse (IVA, IEPS) e il tasso di cambio tra il peso e il dollaro USA.

Da questo emergono due conseguenze immediate. Siccome non ci sarà un prezzo unico fissato dal governo, i numeri cambieranno ogni giorno. Né ci saranno stazioni di benzina esclusivamente dell'industria nazionale, così anche nuove società private straniere saranno in grado di fornire l'idrocarburo. Non dimentichiamo che stiamo parlando di un paese in cui le vendite di benzina generano guadagni superiori ai 65.000 milioni di dollari l'anno.

La falsa illusione della Riforma Energetica

Il 4 gennaio 2015, il presidente Enrique Peña Nieto ha assicurato che grazie alla riforma energetica non ci sarebbe più stato "gasolinazo". Oggi sappiamo che quell'annuncio non era altro che una promessa non mantenuta, che può portare uno sfondo ancora più oscuro.
Nel complesso, la politica energetica perseguita per decenni dai diversi governi del Messico ha gettato le basi del vecchio modello di privatizzazione, che passa attraverso il trasferimento di ricchezza all'estero e lo smantellamento dell'economia nazionale. La gestione del settore petrolifero, che per anni è stato al centro del dibattito è l'esempio più chiaro e una delle principali ragioni di questa realtà.

La Riforma energetica promulgata nel 2014 ha cambiato le regole del gioco e ha aperto un business multimilionario. La legislazione ha effettuato modifiche alla Costituzione agli articoli 25, 27 e 28 per consentire la partecipazione di aziende private messicane e straniere nelle attività di esplorazione e sfruttamento del 17% dei giacimenti di petrolio e la cessione dei diritti del 79% dei blocchi in cui ci sono riserve in Messico. Secondo i dati della Commissione Regolatrice di Energia, le potenziali risorse di idrocarburi del paese, nono produttore di petrolio del mondo, sono più di 100.000 milioni di barili. La cifra include i giacimenti di petrolio comprovati e possibili di greggio in acque poco profonde, terra e mare profondo, e comprende anche i manti di gas naturale e di scisto, che viene estratto con il sistema di fratturazione idraulica o fracking.

L'altro pezzo di torta corrisponde al business energia elettrica. Con la riforma energetica al capitale privato sarebbe anche concessa la licenza per la fornitura di grandi consumatori come le industrie e le imprese che rappresentano oltre il 50% delle vendite totali della Commissione Federale dell'Energia Elettrica e che nel 2013 hanno rappresentato per il Messico entrate di 13.000 miliardi di dollari.

Come vediamo, il paese sta emergendo come un fornitore strategico di petrolio e di altre forme di energia ad altre nazioni, ma a scapito della sovranità nazionale.

Privatizzazione occulta

Il calo di produzione di Petroleos Mexicanos, Pemex, è stato utilizzato come il grande promotore della riforma energetica.
La principale compagnia petrolifera e unica statale del paese ha problemi di solvibilità. Fino al 2015, ha avuto perdite fino a 40.000 milioni di dollari e debiti di quasi 100.000 milioni. Nel frattempo, il basso reinvestimento degli utili nel settore domestico ha fatto perdere la possibilità di utilizzare la risorsa fossile come leva per lo sviluppo economico del Messico.

Di questa crisi è evidente che, sotto l'apparenza di sanare dei conti, potenziare la produttività industriale di Pemex e aumentare la competitività del settore, il governo di Enrique Peña Nieto nasconde i suoi piani sempre meno segreti di privatizzare l'industria petrolifera.

Dalla metà del 2015, la compagnia petrolifera di Stato ha indetto una gara di appalto a partire dalla quale compagnie statunitensi e britanniche nel business del petrolio, competono tra loro per sfruttare i vantaggi dei contratti di produzione condivisa per l'esplorazione e l'estrazione di idrocarburi. Secondo le stime del potere esecutivo, il processo di apertura al capitale privato comporterebbe una pioggia gli investimenti stranieri che infine sosterranno lo sviluppo economico del paese. Una strategia che finora non ha riportato alcun successo. il flusso di investimenti è stato inferiore a quanto previsto dal governo.

Bisogna tener presente che Pemex fornisce al governo federale un terzo delle entrate annue, mentre il reddito dal petrolio rappresenta il 6,8% del PIL. In altre parole, la privatizzazione della statale si tradurrà in minori risorse per soddisfare le necessità di investimento pubblico e, secondo la logica del governo attuale, costringerà ad intensificare gli attacchi contro programmi sociali, qualcosa di particolarmente sensibile nel clima di diffusa insoddisfazione popolare con la gestione EPN.

Non dimenticate che tutto questo contesto è parte di uno scenario di profonda frattura sociale. Secondo i dati del Consiglio Nazionale per la Valutazione della Politica di Sviluppo Sociale Mexicano (CONEVAL) dei 127 milioni di abitanti del Messico, oltre 55 milioni vivevano in condizioni di povertà nel 2014. Inoltre, secondo uno studio fatto nello stesso anno la Banca mondiale, un terzo della popolazione di quel paese sopravvive che guadagnano meno di cinque dollari al giorno.

Il costo di questa operazione, tuttavia, non sono riservati al socio-economico; la perdita della sovranità ha anche messo il suo costo politico. Sicuramente una vittoria per gli interessi petroliferi stranieri e dei suoi alleati in Messico, che hanno cercato di smantellare ciò che rimaneva dell'industria e del paese.


Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)