Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

4 novembre 2016

Elettrificare l'occupazione: Quello che Marocco e Enel nascondono alla COP22 a Marrakech

Sii consapevole di quello che ti viene detto sugli sforzi marocchini nel settore dell’energia rinnovabile. Una parte considerevole dei programmi che il Marocco sta proponendo nel settore, infatti, anche nel sito ufficiale della COP22, non sono situati in Marocco, ma nel Sahara Occidentale, un territorio che il Marocco occupa illegalmente e brutalmente da oltre 40 anni. Dal 7 al 18 Novembre 2016, a Marrakesh, durante i negoziati sul clima per la COP22, sia il governo marocchino che un buon numero di aziende impegnate nel settore, commercializzeranno i loro sforzi per lo sviluppo di soluzioni per l’energia pulita.
Due aziende hanno vinto il bando con la compagnia del Re del Marocco nei territori occupati: l’italiana Enel e la tedesca Siemens. Il palazzo reale del Marocco, che regola il mercato energetico, accoglie contratti energetici di notevole portata nel territorio, e a farne le spese è il processo di pace guidato dalle Nazioni Unite nel Sahara Occidentale.

Il 27 settembre 2016, centinaia di rifugiati saharawi protestano contro il partner tedesco di Enel, Siemens, per la costruzione di infrastrutture energetiche nel Sahara Occidentale occupato

Esportando l’energia nei confini riconosciuti del Marocco, il paese e la famiglia reale chiudono le loro connessioni con il territorio occupato in una morsa di ferro. Come potrebbe essere Sua Maestà interessato ad un processo di autodeterminazione e decolonizzazione nel Sahara Occidentale quando lui stesso trae beneficio dalla presenza illegale dell’esercito in quei territori?
La popolazione saharawi, ossia il legittimo proprietario della terra in questione, non ha mai espresso il suo consenso ai progetti marocchini. Oltre la metà della popolazione ha abbandonato il paese da quando il Marocco l’ha occupato nel 1975. Gli oppositori di questa marginalizzazione socio-economica perpetuata dal Marocco, sono prigionieri a vita nelle prigioni del Regno marocchino.
Lo scopo di questo report è mostrare come il Marocco progetta la costruzione di impianti di energia rinnovabile nel Sahara Occidentale per un potenziale di oltre 1000MW. Ad oggi, la controversa produzione di energia solare ed eolica nel Sahara Occidentale costituisce al massimo il 7% della totale produzione di energia rinnovabile in Marocco, ma nel 2020, la percentuale potrebbe raggiungere un preoccupante 26,4%. Western Sahara Resource Watch chiede alle aziende coinvolte in questi progetti, insieme al governo marocchino, di porre fine al loro coinvolgimento, in quanto ostacolo al processo di pace delle Nazioni Unite.




Per concessione di WSRW
Fonte: http://www.wsrw.org/a105x3614
Data dell'articolo originale: 02/11/2016

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)