Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

9 febbraio 2016

Tunisia: “Abbiamo perso le nostre illusioni, i nostri sogni sono realistiˮ

Rym Ben Fraj, 31 anni, è tunisina, blogger, traduttrice, editrice, diplomata precaria, membro della rete di traduttori Tlaxcala. Lavora come giornalista freelance. La ringrazio per aver risposto alle nostre domande.

Milena Rampoldi: Quali sono i problemi principali della nuova generazione in Tunisia?

Rym Ben Fraj: La marginalizzazione economica, sociale e dunque politica e culturale.
La gioventù che ha fatto la rivoluzione non ha alcuna rappresentanza in parlamento o al governo. Ci sono almeno 250.000 diplomati disoccupati.
In certe regioni la disoccupazione raggiunge l’80% dei giovani.
La sola alternativa possibile – l’immigrazione clandestina – viene resa impossibile dal muro elettronico di Frontex nel Mediterraneo.
I giovani che si rifiutano di farsi reclutare dallo Stato Islamico non hanno più altro obiettivo che la rivolta.
Ma anche se organizzano una rivolta, lo stato non è in grado di soddisfare le loro rivendicazioni: una delle condizioni poste dalla Banca mondiale per i crediti concessi alla Tunisia consiste nel blocco delle nuove assunzioni nel settore pubblico.

Inoltre il livello di molti diplomati disoccupati è abbastanza basso, a causa della politica di Ben Ali che facilitava il passaggio dal liceo all’università per migliorare le statistiche della Tunisia nell’indice dello sviluppo umano. La privatizzazione passo per passo dell’insegnamento e la corruzione generalizzata non fanno che aggravare la situazione.
Sono due i settori che approfittano di questa situazione: le multinazionali, soprattutto europee, e le fondazioni occidentali, in particolare tedesche ed US-americane.

Le prime trovano mano d’opera qualificata a buon mercato che lavora nelle fabbriche vicine al mercato europeo, e le seconde reclutano degli agenti tunisini per realizzare i loro programmi di influenza (nel nome dei diritti umani, della cittadinanza, dell’emancipazione femminile, dei media cittadini, ecc.).
Questo in pratica significa che se hai 25 anni, un livello di baccalaureato +3 e cerchi un lavoro, puoi scegliere tra lavorare in un call center 6 giorni su 7 per 300 euro al mese o di lavorare per un’associazione sovvenzionata, senza contratto e senza contributi, per 400 o 500 euro al mese. Lo Stato Islamico paga più o meno gli stessi salari. I nostri deputati hanno appena votato un aumento dei loro salari e dunque loro guadagneranno 2 000 euro al mese.

La gioventù marginalizzata è continuamente molestata dalla polizia. Infatti i metodi polizieschi dell’era Ben Ali sono rimasti invariati: violenze, detenzioni arbitrarie, torture e maltrattamenti, per farla breve HOGRA (disprezzo per i disereditati).

Un esempio: un giovane di Kasserine o di Gafsa o di Jendouba (città della Tunisia profonda) si trova sull’Avenue Bourguiba nel centro di Tunisi. Viene interpellato dalla polizia, e non appena sulla sua carta di identità si vede da dove viene e che non è della capitale, nel migliore dei casi ci si accontenta di insultarlo, dicendogli di tornarsene "a casa sua", ma spesso passa una notte in cella. Come dice mio padre, “Praticamente per spostarsi all’interno di questo paese si ha bisogno di un visto”.

Secondo esempio: una donna di 30 anni torna a casa in taxi, da sola o accompagnata verso mezzanotte: viene fermata dagli sbirri che le chiedono: “Per quale motivo a quest’ora non sei ancora a casa?” e la molestano, se torna da un bar, come se fossero della buoncostume. Ed ecco come inizia l’interrogatorio: “I tuoi genitori sanno che bevi alcol? Chi è il ragazzo insieme a te? Torni a casa con lui? Dammi il numero di telefono di tuo padre che gli racconto che sei ubriaca. Lo sai che si potrebbe accusarti di prostituzione?” Uno di loro fa finta finta di scrivere per impressionare la vittima. La donna, se ha un biglietto da venti dinari, lo passa agli sbirri che se ne vanno contenti. Se non ha soldi, li deve supplicare per un’ora di lasciarla andare.



Manifestazione del 21 gennaio del 2016 a Kasserine

 MR: Quale sarebbe una vera rivoluzione per la Tunisia? Come cambiare questo paese?

RBF: Ecco la domanda da 100.000 euro!
Prima di svolgersi nella strada, la rivoluzione avviene negli animi. Essa passa per la liberazione del corpo. Si tratta di un lavoro di lungo respiro. La scuola ci ha formattati per diventare degli “idioti specializzati”, dei consumatori indebitati e degli individui compartimentati. La società ci chiude in gabbie.  
Il progetto di Bourguiba - “trasformerò questa nebulosa di individui in una nazione moderna” - è fallito. E un popolo intelligente si ritrova oppresso da una casta di bastardi ignoranti.
Ogni volta che questo popolo ha fatto una rivolta, è stato schiacciato dall’alto e tradito da coloro che pretendevano di rappresentarlo. Dobbiamo risolvere una contraddizione: in noi coesistono un sentimento libertario e un grande conservatorismo. Dunque dobbiamo educarci, rieducarci, ancora e sempre.  

MR: Quali sono le strategie migliori per far sentire la voce degli oppressi nel paese?

RBF: Lo sviluppo di progetti cooperativi ed orizzontali che permettono di creare delle alternative economiche valide che permettano alla gente di vivere in autonomia. La comunicazione ampia sui progetti riusciti e sui mezzi necessari per avere successo.
Molti giovani giornalisti cittadini della nuova generazione sembrano più preoccupati della loro sopravvivenza materiale che della diffusione di informazioni a coloro che ne hanno veramente bisogno.
Si devono sviluppare dei media autonomi e alternativi in “lingua tunisina” visto che la maggioranza in Tunisia non padroneggia bene la lingua francese e inglese. E non si deve rimanere chiusi in facebook, ma si devono ritrovare i modi di comunicazione diretta.

MR: Come si può ricollegare la propria lotta all’egalitarismo islamico?

RBF: La maggior parte dei partiti che si dicono islamisti, dalla Turchia al Marocco, passando per la Tunisia, non sono che dei raggruppamenti eterogenei, diretti da una borghesia affarista che vuole sostituire le borghesie burocratiche e poliziesche attualmente al potere. I loro riferimenti all’Islam non sono che delle maschere per celare i loro interessi di classe. L’Islam vissuto in modo naturale dalle classi popolari, senza blabla ideologico, è piuttosto egalitario. Fa parte dei riflessi naturali di cui non è necessario parlare per che agiscano.

MR: Come possiamo ricollegare la lotta marxista per la giustizia sociale alla lotta islamica per la giustizia sociale?

RBF: Le ideologie in questo modo hanno fatto abbastanza morti cosi.
La lotta per la giustizia sociale non deve fermarsi dinnanzi a delle frontiere artificiali, ma deve costruirsi a partire dai bisogni comuni di tutte e di tutti, per la difesa dei beni comuni.  

MR: Quali sono i tre punti forti della gioventù tunisina che ti danno la forza di continuare a lottare per la giustizia, la solidarietà, la libertà e il lavoro?

RBF: L’ottimismo nonostante tutto, la perdita di illusioni, sostituita dai sogni realisti, e “soumoud” (tenacia). 




Per concessione di ProMosaik
Fonte: http://promosaik.blogspot.com/2016/02/nous-avons-perdus-nos-illusions-nos.html
Data dell'articolo originale: 04/02/2016

URL dell'articolo: http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=17185 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)