Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

9 novembre 2015

Legami che uccidono: la cooperazione militare internazionale con Israele

Decine di migliaia di palestinesi in gran parte giovani hanno partecipato dall'inizio di ottobre a proteste contro la crescente repressione di Israele, il trasferimento forzato di comunità, in particolare a Gerusalemme, nella Valle del Giordano e nel Naqab (Negev), e tentativi in corso di colonizzare Gerusalemme est occupata, in particolare la Città Vecchia. Gli strumenti di repressione, come droni, veicoli, sistemi di sorveglianza, gas lacrimogeni, sistemi informatici, pallottole, getti di "acqua putrida" o altre strumenti sono tutti prodotti o importati da altri paesi da un vasto complesso militare-industriale israeliano che è al centro del regime di occupazione, colonialismo e apartheid di Israele.

Il funzionamento di questo sistema dipende dalla volontà dei governi e delle aziende di tutto il mondo di collaborare con l'apparato militare, l'industria delle armi e le istituzioni di ricerca militare di Israele.

Le campagne volte a far cessare tutti i legami militari con Israele sono di vitale importanza per porre fine alla violenza e sono una componente chiave del movimento internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) a guida palestinese. Un embargo militare di Israele, simile a quello imposto al Sudafrica dell'apartheid, non è solo una forma vitale di solidarietà con la resistenza popolare palestinese; si tratta di un obbligo di legge.

Tutti gli Stati e le Nazioni Unite sono obbligati a chiedere conto a Israele del suo comportamento, adottande misure che pongano termine alle sue gravi violazioni del diritto internazionale e contrastando gli effetti di tali violazioni.


La campagna di embargo militare sta gradualmente iniziando a decollare. Aziende militari leader israeliane hanno recentemente lamentato un peggioramento dei dati relativi alle esportazioni in quello che un addetto del settore ha chiamato "un minore desiderio di prodotti israeliani ".


COMMERCIO MILITARE AL CUORE DEL SISTEMA ISRAELIANO DI OPPRESSIONE

Le compagnie militari di Israele, le strutture di ricerca militari e le multinazionali complici, come G4S e HP, sono gli strumenti chiave e i beneficiari del militarismo, della violenza e dell'oppressione del popolo palestinese da parte di Israele.

La politica israeliana di fare uso di una "forza sproporzionata"

Le forze militari israeliane hanno adottato ufficialmente una dottrina di forza sproporzionata, altrimenti nota come "dottrina Dahiya", che consiste nel mirare deliberatamente ai civili e alle infrastrutture civili come il mezzo più "efficace" per dissuadere ogni resistenza. Le organizzazioni delle Nazioni Unite e per i diritti umani hanno documentato come Israele abbia compiuto crimini di guerra, compreso durante l'attacco a Gaza nel 2014, condannato come un "massacro" dal presidente del Brasile e dal ministro degli Esteri francese. Più di 2.168 palestinesi, tra cui oltre 500 bambini, sono stati uccisi; intere famiglie annientate nelle loro case, e tutto ciò che resta di loro sono i documenti ufficiali che documentano che sono esistite.

La forza militare di Israele è stata accusata dalle principali organizzazioni per i diritti umani di usare una "forza eccessiva" e "arbitraria" per reprimere la resistenza e le manifestazioni popolari di massa. Israele ha recentemente adottato nuove "regole d'ingaggio" che permettono alle sue forze di occupazione di "sparare per uccidere" ai bambini e ai giovani manifestanti palestinesi.

Le seguenti forme di tecnologia militare sono particolarmente importanti per la repressione in corso delle attuali proteste di massa palestinesi da parte di polizia e militari israeliani:

- Fucili da cecchino: Da metà settembre 2015, Israele ha reintrodotto metodi e fucili da cecchino per ferire gravemente o uccidere i giovani manifestanti palestinesi, anche nella Gerusalemme Est occupata.

- Gas lacrimogeno: usato per attaccare e disperdere le proteste, può anche essere letale. Il 21 ottobre, Hashem al Azzah è morto dopo aver inalato gas lacrimogeno israeliano.

- UAV – Unmanned Aerial Vehicle ("drone"): utilizzato sulla Città Vecchia e altri quartieri palestinesi di Gerusalemme Est occupata per monitorare ogni aspetto della vita palestinese.

L'infrastruttura dell'apartheid

Israele usa una serie di infrastrutture materiali e tecnologie militari al fine di mantenere il proprio sistema di occupazione e apartheid. Ciò comprende:

- Muri, torri di guardia e posti di blocco per far rispettare la segregazione razziale e negare ai palestinesi nel Territorio Palestinese Occupato (TPO) l'accesso alle loro terre più fertili e alle risorse idriche a vantaggio di Israele e dei suoi insediamenti  colonici illegali e come parte di una politica di pulizia etnica. Esempi includono il muro israeliano illegale nella Cisgiordania occupata, il muro "di confine" che impone il blocco illegale di Gaza, i checkpoint recentemente creati intorno a Gerusalemme, (foto) e le pareti temporanee di recente costruzione a Jabal al Mukaber, un quartiere di Gerusalemme. Questi muri e checkpoint utilizzano sensori high-tech, telecamere tecnologiche e sistemi software specializzati.

- Un database centralizzato di popolazione e un complesso sistema di documenti d'identità che impongono la segregazione razziale tra ebrei-israeliani e cittadini palestinesi di Israele, così come tra i coloni israeliani e palestinesi nei TPO. Questo sistema di segregazione, che ricorda le leggi sui "lasciapassare" emanate nel Sudafrica dell'apartheid, mira a frammentare le comunità palestinesi e consentire l'assegnazione di diritti diversi a diverse categorie di persone, identificate dalla loro razza, religione e luogo di residenza.

- La tecnologia di sorveglianza lungo il percorso del muro di Israele, e circostanti insediamenti illegali, e nella Città Vecchia di Gerusalemme est occupata.

- Prigioni per carcerazione di massa ad alta tecnologia, in cui migliaia di palestinesi sono detenuti, spesso senza processo, e spesso sottoposti a tortura, come ammesso anche dal Dipartimento di Stato americano. Dall'inizio di ottobre, 942 palestinesi sono stati arrestati, spesso semplicemente per aver partecipato a manifestazioni contro l'occupazione.

- Tecnologia di raccolta di informazioni virtuali utilizzata per monitorare le comunicazioni da parte dei palestinesi.

Principali compagnie militari israeliane

Le più grandi aziende militari di Israele sono attori chiave nella manutenzione delle infrastrutture del regime israeliano di oppressione contro il popolo palestinese.

Elbit Systems

- Fornisce e mantiene sistemi di sorveglianza per il muro e gli insediamenti illegali di Israele.


- I droni Elbit sono stati ampiamente utilizzati e testati sul campo durante ciascuna dei tre assalti recenti di Israele a Gaza.

- Produce munizioni a fosforo bianco per mortai. L'uso illegale da parte di Israele di questo agente in aree civili densamente popolate è stato condannato da Amnesty International come crimine di guerra.

- Ha un contratto di 20 anni per la fornitura di elicotteri per la polizia israeliana.

- Fornisce e mantiene sistemi informatici per il sistema israeliano di controllo di frontiera.


Israeli Aerospace Industries

- Fornisce tecnologie di sorveglianza per il muro illegale di Israele.

- Produce l'armatura per il bulldozer Caterpillar D9, in gran parte utilizzato per demolire case e fattorie palestinesi.

- Produce la tecnologia per i jet da combattimento e la Heron TP, il più grande drone israeliano che include la capacità di sparare ed è stato utilizzato più volte negli attacchi su Gaza.


Industrie militari israeliane (IMI)

- Società di proprietà dello Stato, importante fornitore di armi terra, aria, e navali e sistemi di combattimento per l'esercito israeliano e altre forze militari in tutto il mondo.

- Fornitore leader di armi leggere per l'esercito di occupazione israeliano e produttore di munizioni a grappolo.


Rafael

- Un'altra società israeliana statale di armamenti che offre una gamma di armi per l'esercito israeliano e per l'esportazione. Produce ed esporta il sistema missilistico Spike, tra numerose altre armi e tecnologie.


International Security and Defense Systems (ISDS)

- Attualmente utilizza un contratto con il Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici del 2016 per mettere in mostra la sua tecnologia e rifarsi l'immagine.

- Diffusamente accusati di aver addestrato squadre della morte in Guatemala, El Salvador, Honduras e Nicaragua e presumibilmente coinvolti nei colpi di stato e tentativi di colpi di stato in Honduras e Venezuela.

- Fondata da ex agenti del Mossad e profondamente connessa con interessi internazionali del Ministero della Difesa israeliano e le operazioni non ufficiali.

- Fornisce formazione per le forze militari e di polizia di tutto il mondo che comprende "sparare in faccia" e "dietro il collo", sostenendo apertamente le uccisioni extragiudiziali, specialmente nelle favelas brasiliane. [Guarda il video.]

Alcune delle più grandi multinazionali del mondo fungono da subappaltatori per il sistema israeliano di oppressione, raccogliendo enormi profitti con la fornitura di tecnologie "testate sul campo", essenziali per la continua negazione dei diritti dei palestinesi.


G4S

- Fornisce e mantiene telecamere, sistemi di controllo degli accessi e sale di controllo di prigioni israeliane in cui i prigionieri politici palestinesi sono detenuti, spesso senza processo, e sottoposti a tortura e maltrattamenti.

- Fornisce scanner e altre attrezzature di sicurezza e servizi di manutenzione ai checkpoint israeliani, insediamenti illegali e il checkpoint di Erez a Gaza.

- Fornisce varie attrezzature e servizi militari e di polizia, compresa la costruzione, gestione e manutenzione di un nuovo centro di formazione per la polizia israeliana, che sono al cuore della oppressione israeliana dei cittadini palestinesi di Israele e nella Gerusalemme occupata.


Hewlett Packard (HP)

- Fornisce e mantiene un sistema di controllo biometrico agli accessi installato in molti posti di blocco militari israeliani nei Territori palestinesi occupati e produce carte di identità che fanno parte del database centralizzato della popolazione di Israele e un complesso sistema di documenti d'identità che nega la libertà di movimento ai palestinesi e impone la segregazione razziale tra loro e gli israeliani .

- Opera varie parti dell'infrastruttura IT dei militari israeliani e amministra l'infrastruttura IT della marina israeliana, che mantiene l'assedio illegale di Gaza.

- Fornisce e mantiene software e hardware per le carceri israeliane in cui i prigionieri politici palestinesi sono detenuti senza processo e sottoposti a tortura.

- Fornisce attrezzature e servizi computer per gli insediamenti colonici israeliani nei territori occupati.


IL SOSTEGNO INTERNAZIONALE PER IL SISTEMA MILITARE DI ISRAELE

Il commercio e la ricerca congiunta con l'establishment militare di Israele, compresa la vasta industria militare e la ricerca militare presso istituzioni accademiche, forniscono a Israele il sostegno materiale e politico alle sue violazioni del diritto internazionale.


Aiuti militari a Israele

Nel periodo 2009-2018, gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire aiuti militari a Israele del valore di $ 30 miliardi. Nel 2011, il contribuente medio degli Stati Uniti ha dato a Israele 21 $ in aiuti militari. Questo aiuto militare viene poi utilizzato per l'acquisto di attrezzature militari in prevalenza da società statunitensi. Dal 2000, gli Stati Uniti hanno autorizzato l'esportazione di circa 825 milioni di armi per un valore di quasi $ 10,5 miliardi.


Le esportazioni internazionali di armi e di servizi militari di sicurezza a Israele.

Le esportazioni di armi e attrezzature militari a Israele sono utilizzate per promuovere la sua oppressione dei Palestinesi e consentirgli di compiere crimini di guerra e altre violazioni del diritto internazionale.
Nel periodo 2012-13 i Paesi dell'UE hanno concesso licenze per l'esportazione di armi per complessivi € 983m (vedi qui e qui). Nel sud del mondo, la società sudafricana del Cape Gate fornisce materiale usato per il muro e gli insediamenti illegali di Israele, particolarmente in e intorno a Gerusalemme est.
Altre aziende internazionali come HP e G4S (vedi sopra) agiscono come imprenditori privati, assumendo ruoli chiave di supporto per aiutare Israele a mantenere la propria infrastruttura di militarismo e oppressione razziale.


La esportazioni di Israele di tecnologia "testata sul campo"

Le esportazioni militari da Israele sono state pari a $ 7,5 miliardi nel 2012, ma sono attualmente in calo e potrebbero scendere fino a $ 4 miliardi nel 2015. Israele era l'ottavo maggiore esportatore di armi nel 2014, fatto particolarmente notevole se si considera la sua dimensione relativamente piccola. Gli acquisti di armi e tecnologia militare israeliana aiutano il complesso militare-industriale israeliano e forniscono un importante flusso di entrate per lo Stato di Israele, compensando i costi dell'oppressione sistematica e i continui attacchi militari contro i palestinesi.
Fino all'85% della produzione dell'industria militare israeliana viene esportata, in particolare in India, Regno Unito, Corea del Sud, Brasile e Colombia.

Ogni attacco militare israeliano contro i palestinesi è visto come un'opportunità per testare nuove tecnologie e per pubblicizzarle. Durante il massacro di Gaza del 2014, decisioni operative sono state effettuate allo scopo di permettere di testare nuove armi, secondo la testimonianza data al  Tribunale Russell del 2014.

Le Aziende militari israeliane commercializzano i loro prodotti come "testati sul campo" e " testati in battaglia ", con cui si intende che sono testati sui corpi dei palestinesi. Le aziende di armi israeliane si sono pubblicamente vantate dell'efficacia delle nuove tecnologie messe alla prova per la prima volta durante il massacro di Gaza 2014.

Questo uso delle aggressioni e delle operazioni militari israeliane per testare e promuovere sul mercato le esportazioni militari crea un forte incentivo finanziario alla continua oppressione e violenza. Una famiglia israeliana su dieci è dipendente finanziariamente dal settore militare israeliano.


I droni mortali di Israele

Dal 1985 Israele ha fornito il 60,7 per cento di veicoli aerei senza equipaggio (UAV) del mondo, altrimenti noti come droni. Israele usa regolarmente droni armati nei suoi attacchi contro i palestinesi a Gaza e sono stati utilizzati per attaccare deliberatamente i civili. Secondo il Centro Al Mezan, un'organizzazione per i diritti umani con sede a Gaza, più di 1000 palestinesi di Gaza sono stati uccisi dai droni armati nel periodo 2000-2010.

Israele sta sempre più usando droni per la sorveglianza in Cisgiordania, compresa Gerusalemme. Droni sono stati avvistati sempre più frequentemente durante l'attuale ondata di resistenza popolare, secondo testimoni oculari palestinesi.

I paesi che hanno acquistato UAV da Elbit Systems sono l'Australia, Canada, Croazia, Francia, Georgia, Messico, Singapore, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Brasile, Russia e Stati Uniti d'America.


Collaborazione di ricerca con Israele

Aziende di armi israeliane partecipano a programmi comuni di ricerca con aziende e istituzioni in tutto il mondo che forniscono una preziosa fonte di reddito e permettono loro di commercializzare e sviluppare ulteriormente le tecnologie utilizzate per opprimere i palestinesi.

Per esempio:

- Nel periodo 2007-14, Elbit Systems e Israeli Aerospace Industries (IAI) hanno partecipato a progetti di ricerca finanziati dall'UE per un valore 244 milioni di €.

- Il Brasile finanzia la cooperazione congiunta nella ricerca militare con aziende israeliane.

- Il 30 per cento di tutta la ricerca e sviluppo in Israele è concentrato sul militare, coinvolgendo tutte le principali università israeliane.


Come Israele globalizza la sua repressione militarizzata.

Israele non soltanto opprime i palestinesi, ma sta anche esportando il suo modello spietato di sicurezza e repressione militarizzata nel mondo. Per esempio:

- Israele è profondamente coinvolto nella formazione e armamento degli squadroni della morte in America Latina.

- Società di polizia e di sicurezza israeliani hanno addestrato le forze di polizia a Fergusson (USA) che ha ucciso Michael Brown, le tristemente famose forze speciali di polizia BOPE di Rio che svolgono esecuzioni extragiudiziali, e le forze di polizia in tutto il mondo, tra cui Los Angeles e

- Società di sicurezza e militari israeliane vendono consulenza militare alle dittature in Asia e in Africa, spesso a entrambi le parti di una guerra civile.

- L'agenzia per la gestione delle frontiere dell'UE ha avuto colloqui con IAI e Elbit Systems sull'utilizzo di droni israeliani per mettere ulteriormente "in sicurezza" i confini europei.

- Elbit Systems esporta tecnologia originariamente sviluppata sul muro di Israele per uso sul muro della morte degli Stati Uniti contro i migranti messicani.


CAMPAGNA INTERNAZIONALE PER L'EMBARGO MILITARE CONTRO ISRAELE

Le campagne per un embargo militare globale su Israele stanno crescendo in termini di impatto, e necessitano del vostro sostegno.


Appello per l'embargo militare

Nel corso del 2011, il Comitato Nazionale Palestinese BDS ha pubblicato un appello per un embargo militare globale su Israele.

L'appello ha chiesto (a) la fine degli aiuti militari e delle esportazioni di armi verso Israele, ponendo termine al trasferimento di armi e tecnologia militare per e da Israele, e (b) la fine di tutte le forme di aiuti e cooperazione nella ricerca militare.

I sostenitori di questo invito a un embargo militare comprendono Naomi Klein, l'arcivescovo Desmond Tutu e altri 5 premi Nobel, e una varietà di partiti politici e movimenti contro la guerra in tutto il mondo.

I successi della campagna per l'embargo militare finora includono:

- Le quattro maggiori compagnie militari israeliane hanno parlato di una 'grave crisi' con vendite in calo, scatenato in parte dal "minore desiderio di prodotti [militari] israeliani".

- Più di una dozzina di banche hanno disinvestito da Elbit Systems per il suo ruolo nella violenza militare di Israele. Fabbriche Elbit di tutto il mondo sono state ripetutamente bloccate dagli attivisti.

- Nel 2014, il governo regionale di Rio Grande do Sul ha chiuso un progetto di collaborazione di ricerca su vasta scala con Elbit Systems.

- G4S ha perso milioni di dollari in contratti e ha dovuto far fronte al disinvestimento della Fondazione Bill Gates, della United Methodist Church e di altri investitori chiave come risultato della campagna globale contro di essa.

- La partecipazione di Israele a fiere di armamenti deve subire proteste, gli affari militari con Israele sono presi di mira in tutto il mondo, e governi hanno temporaneamente disdetto contratti di armi a causa della pressione dell'opinione pubblica.

- Gran Bretagna, Francia e altri paesi europei hanno rifiutato di partecipare a una fiera militare a Tel Aviv nel 2015.

- I governi di Norvegia e Turchia hanno annunciato forme di embargo militare a Israele.


Idee per l'azione

- Partecipa e condividi la nostra richiesta di azione #SolidarityWaveBDS

- Fai pressione sul tuo governo: una campagna mettere fine alla cooperazione militare con Israele.

- Fai pressione sul governo per escludere le aziende militari israeliane dai contratti.

- Porta l'embargo militare nei tuoi quartieri: organizza finti posti di blocco, sensibilizza l'opinione pubblica circa la repressione israeliana chiedendo un embargo militare immediato.

- Per saperne di più: presenta richieste per la libertà di informazioni, chiedi a consiglieri o rappresentanti di mettere in discussione governi locali o federali.

- Indaga su banche e fondi pensione per sapere se hanno collaborazioni con aziende militari israeliane o società complici, come G4S e HP.

- Scopri se le università della tua regione conducono ricerca militare congiunta con Israele o con le aziende che forniscono armi all'esercito israeliano.

- Prendi di mira le fabbriche di armi che sono di proprietà di società israeliane o armi di esportazione verso Israele e le fiere di armi con cui Israele commercializza la sua tecnologia militare.

- Organizzare dibattiti e porta la questione ai media: cooperazione militare e sicurezza sono generalmente fuori dal radar del dibattito pubblico. Solleva la questione!

- Fa' campagna affinché i governi locali si impegnino a non collaborare o investire in società militari israeliane o aziende internazionali come G4S o HP e fa' pressioni sul governo centrale.

- Lavora con i movimenti, i sindacati e gli altri partner che possono esercitare pressioni su fondi di investimento, imprese o governi per interrompere i legami militari con Israele. Mozioni che chiedano una campagna popolare di massa!

- Non dimenticare di tenerci informati sulle tue azioni! Vorremmo condividere le tue esperienze con altri partner in tutto il mondo e rafforzare le iniziative. 

Contattaci su info@bdsmovement.net


Comitato nazionale palestinese per il BDS | bdsmovement.net
Traduzione di Angelo Stefanini - contropiano.org

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)