Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

8 agosto 2015

Colombia: il prof. Miguel Ángel Beltrán Villegas arrestato di nuovo

In Colombia continuano gli arresti di leader e militanti dei movimenti sociali. Questa volta è stato il turno dell'insegnante Miguel Ángel Beltrán Villegas di essere arrestato dalle autorità colombiane mentre faceva la spesa.
Il professor Miguel Ángel Beltrán Villegas è stato arrestato dalla polizia nazionale a Bogotà il 31 luglio alle ore 11:30.
Beltrán ha ribadito a più riprese che è stato perseguitato dalle autorità giudiziarie per le sue idee, il suo atteggiamento critico e le sue ricerche sul conflitto colombiano.

Secondo i parenti del Professor Beltrán, è stato trattato bene da parte delle autorità e può contare sull'assistenza dei suoi avvocati Uldaricio Flores Peña e Jorge Salcedo. E' stato portato al commissariato di polizia nel quartiere di San Fernando dove dovrebbe essere messo a disposizione dell'Alta Corte di Bogotá.
Nel 2009, il sociologo e storico è stato espulso dalle autorità del Messico, dove frequentava studi post-dottorato presso l'UNAM e consegnato alla giustizia colombiana che lo ha accusato di far parte della guerriglia delle FARC-EP.


Anche se nel 2011, il giudice specializzato di Bogotà lo ha assolto dalle accuse di ribellione, associazione a delinquere aggravata e finanziamento di gruppi terroristici, il procuratore è stato destituito nel 2014 ed è stato interdetto da qualsiasi ufficio pubblico per 13 anni. Lo stesso anno, una sentenza di appello lo condanna per ribellione, che lo porta a presentare il suo caso alla Corte Suprema. Attualmente il caso è in cassazione a tale istanza. Nel frattempo, è stato rilasciato.

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)