Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

25 luglio 2015

"Cancelliamo il nome dell'€uropa dalle nostre menti e dai nostri cuori"

Una settimana amara
Domenica 5 luglio, la vittoria di OXI ci ha dato l'illusione che la rottura della catena finanziaria fosse possibile. Una settimana dopo, si scopre che la catena è più draconiana che mai. La settimana di umiliazione per i greci è stata una settimana di umiliazione della decenza e della democrazia in tutta Europa.
Per la terza volta nel giro di un secolo, la Germania ha distrutto l'Europa.
Ma dobbiamo imparare dall'esperienza di questa settimana amara. La prima lezione è questa: coloro che credono nell'unità dell'Europa sono perdenti. Coloro che disprezzano l'idea di Europa sono vincitori. I greci hanno accettato la miseria e l'umiliazione perché credono nell'Europa. I tedeschi non hanno mai accettato la solidarietà europea; sono sempre stati convinti che la gentaglia pigra del sud viene dopo i loro soldi. Il loro rifiuto di accettare la responsabilità per i migranti che provengono dal Mediterraneo, il loro rifiuto di pagare un risarcimento di guerra alla Grecia, e la violenza contro il governo Tsipras sono la prova del loro rifiuto assoluto della solidarietà europea. È per questo che sono vincenti.

Noi dobbiamo imparare una lezione: cancellare il nome dell'Europa dalle nostre menti e dai nostri cuori.


Jup, Roumanie
La seconda lezione che dobbiamo trarre è che la sinistra politica è morta. La sconfitta di Syriza è l'ennesima prova dell'impossibilità di lottare contro il capitalismo finanziario in modo democratico. Il percorso di elezioni democratiche è stato bloccato da atti di terrorismo tedesco. Gli spagnoli, italiani e portoghesi ora sanno che il voto a sinistra è pericoloso perché li espone alle rappresaglie violente dei Finazisti.

In Italia e in Francia, l'unica alternativa a questa forma di oppressione coloniale è il nazionalismo finanziario: la Lega Nord, il Fronte Nazionale e UKIP sono le uniche forze che hanno una certa credibilità contro i Finazisti.
Ora possiamo vedere in modo chiaro che l'Unione europea comporta allo stesso tempo la marginalizzazione del movimento sindacale e operaio e l'imposizione coloniale della predazione finanziaria.

So molto bene che l'odio dei colonialisti favorisce il nazionalismo nei paesi colonizzati. Questo è sempre stato il limite dei movimenti anti-coloniali: il pericolo di essere intrappolati in una identità nazionale, e l'incapacità di vedere che il capitalismo è la vera fonte di oppressione coloniale. Tuttavia, non possiamo rifiutare di vedere che il nazionalismo economico tedesco è la forza oppressiva che impoverisce i paesi colonizzati d'Europa.

Il nazionalismo tedesco non è come altri nazionalismi. Si basa sulla insensibilità verso la sofferenza degli altri, e sul primato assoluto di esercizio automatico del potere. Lo sterminio di tutto ciò che è disfunzionale è la caratteristica essenziale della sua storia culturale.

Cerchiamo di non vedere la semplice evidenza, e diciamo a noi stessi: Schäuble e Merkel non stanno uccidendo la gente. Questo è vero, ma non abbiamo visto l'ultimo atto della tragedia e comunque, non dimenticate che i suicidi in Grecia sono alle stelle e che il massacro iugoslavo degli anni '90 è stato prima di tutto l'effetto di una provocazione tedesca. Non mandano più le SS. Mandano soldi e alcuni Ustascia locali (Alba Dorata?) faranno il lavoro.

Il futuro dell'Europa è buio. Cosa possiamo fare?

Come commentare la sconfitta di Syriza, ho visto in un magnifico web-magazine chiamato Euronomade, il titolo: "Continueremo a combattere". Purtroppo, queste parole suonano patetiche. Che cosa significa amici euronomadi? Qual è il senso della parola: "continuare"? Siamo stati incapaci di combattere.

Cosa abbiamo fatto durante il martirio greco? Abbiamo occupato l'ambasciata tedesca? Abbiamo distrutto i negozi BMW? Abbiamo organizzato scioperi di massa?

Non ho visto nessun combattimento per le strade di Italia e Francia. La cosa più triste per l'amara settimana dell'umiliazione è stato il silenzio nelle città d'Europa: impotenza e depressione. Perché dovremmo negare questa semplice verità? Credo che faremmo meglio ad accettare la lezione di umiliazione; dovremmo cominciare da questa lezione e costruire su di essa.

In primo luogo, il movimento sociale deve considerarsi un ospedale militare (come Francesco disse della Chiesa): la creazione di spazi per la guarigione, la cura e la solidarietà con gli umiliati.
In secondo luogo, dobbiamo lanciare la potente offensiva dei diseredati: insolvenza, ritiro, abbandono della scena politica, e il disfattismo sulla scia della guerra che sta già emergendo in ogni nicchia del mondo.

E durante il ritiro, durante la devastazione che la guerra sta portando su, dobbiamo preparare le condizioni per l'indomani comunista.
Uscire dall'Europa è impossibile, come abbiamo visto, perché l'Europa è una prigione ben custodita. L'unica via d'uscita dalla trappola europea è uscire dal capitalismo.


Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)