Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

29 maggio 2015

TTIP, spalancata la porta alle multinazionali

Approvata ieri l’ISDS, ovvero la norma di arbitrato che consente alle imprese di fare causa agli Stati che vogliono mantenere una normativa a difesa dei diritti dei cittadini. Il testo sarà votato il 10 giugno al Parlamento Europeo in seduta plenaria. In caso di approvazione, i governi avrebbero gravi difficoltà a tutelare settori come quello della chimica, dell’agroalimentare, del lavoro, dei servizi pubblici e della finanza.
La Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo (INTA) ha approvato ieri, con 29 voti favorevoli, 10 contrari e 2 astenuti, il pieno sostegno all’ISDS nel TTIPil Trattato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti in via di negoziazione tra Stati Uniti ed Europa. Dove per ISDS si intende l’Investor State Dispute Settlement, cioè il meccanismo di risoluzione di controversie, che consente il ricorso a corti di arbitrato internazionale da parte di gruppi privati, qualora vedessero i propri investimenti messi a rischio da provvedimenti cautelativi varati dai governi negli USA e nell’UE. Il testo, così approvato, andrà al Parlamento Europeo, dove sarà votato in data 10 giugno in seduta plenaria. Parlamento che, lo ricordiamo, ha solo parere consultivo. Ciò significa che la Commissione potrà continuare sulla propria linea politica a prescindere dall’esito favorevole o meno del Parlamento.
La votazione di ieri è stata però un abile giochetto politico.

A spiegarlo è  Eleonora Forenza dell’ALTRA EUROPA - GUE/NGL: «La maggioranza formata soprattutto dalla grande coalizione tra socialisti e popolari ha votato di fatto a favore dell'inserimento della clausola ISDS sotto altro nome, la clausola cioè che permetterebbe alle multinazionali di fare causa agli Stati che volessero tentare di mantenere una normativa a difesa dei diritti dei cittadini. Non solo, hanno votato anche un emendamento contro le politiche per contrastare i cambiamenti climatici: la grande coalizione ancora una volta si schiera contro i cittadini e la democrazia».

Ma riassumiamo in breve. Nel 2014 la Commissione Europea lanciò una consultazione pubblica sull’ISDS per conoscere l’opinione dei cittadini. Il risultato fu unanime: 150 mila persone, ovvero il 97% dei partecipanti votò contro. Alla luce di questo risultato, secondo alcune indiscrezioni pubblicate anche dal Fatto Quotidiano, alcuni gruppi politici avevano chiesto la rimozione del meccanismo di arbitrato privato. Norma che invece non è stata tolta, ma solo emendata (e votata ieri), secondo la bozza di riforma elaborata dalla Commissaria al Commercio, Cecilia Malmström:  essa propone l’obbligo per gli investitori di scegliere tra le corti nazionali e l’arbitrato, di istituire un secondo grado per eventuali ricorsi, una lista fissa di arbitri e qualche tutela in più sul diritto a legiferare (right to regulate). Quindi, in sintesi una vittoria schiacciante delle multinazionali sulla maggioranza politica.

«Il patto scellerato tra social democratici e popolari – ha affermato Monica Di Sisto, tra i portavoce della Campagna Italiana STOP TTIP - ha portato a violare la volontà dei cittadini che con forza si erano espressi contro l’ ISDS e il Trattato in generale. Questo pessimo lavoro fatto oggi dalla Commissione INTA non ci ferma, anzi, chiediamo un impegno maggiore per far sentire la nostra contrarietà nel voto decisivo che ci sarà il 10 giugno in plenaria». In definitiva, il voto odierno dei deputati europei rappresenta un lasciapassare che regala margini d’azione inesplorati alle lobby industriali, con conseguenze potenzialmente catastrofiche per la vita quotidiana dei cittadini dell’Unione: se passasse questa linea, i governi avrebbero gravi difficoltà a tutelare settori come quello della chimica, dell’agroalimentare, del lavoro, dei servizi pubblici e della finanza.

«Il mio voto su questi punti è stato ovviamente negativo –continua Eleonora Forenza – e mi sono espressa anche contro il meccanismo della cooperazione regolatoria, che darebbe un potere enorme alle multinazionali. Ho votato inoltre perchè non vi siano i servizi pubblici all'interno di questo accordo e più precisamente abbiamo chiesto che i cittadini possano sapere cosa sarà incluso nel trattato e cosa no. Conseguentemente mi sono espressa con voto contrario sull'intero parere della Commissione. Continua in ogni caso la nostra battaglia contro un trattato che rischia di mettere in pericolo la nostra democrazia, la nostra produzione agroalimentare e i nostri diritti: il prossimo 10 giugno in plenaria voteremo nuovamente e serve la massima mobilitazione dei cittadini, delle associazioni, di tutte e tutti. Ora e sempre ‪#‎stopTTIP‬».

Le campagne Stop TTIP hanno più volte espresso timori per la sicurezza alimentare, la qualità dell’ambiente, la svendita dei servizi pubblici agli investitori privati. Diverse personalità autorevoli (da Rodotà a Stiglitz) hanno sottolineato il rischio di svuotamento delle istituzioni democratiche tramite la creazione di organismi tecnici e sovranazionali in grado di rallentare o bloccare la legislazione degli Stati.

Di Massimo Nardi 


Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)