Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

23 novembre 2014

Jin, Jîyan, Azadî

C'è uno slogan, qui, che vuol dire più o meno “che le donne vivano in libertà”: “Jin, Jîyan, Azadî”. Mi è stato chiesto di scrivere qualche cosa sulle donne curde. Avrei voluto scrivere del fatto che è solo nel combattere che la donna si emancipa davvero, che è nella lotta che la donna arriva ad essere completa. Eppure mi sembra banale, mi sembra un'ovvietà. Ciononostante, il fatto che queste donne prendano le armi va al di la delle lotte femministe dei nostri Paesi, è proprio un gesto che si pone su un altro livello.

E non lo fanno per apparire davanti ad una telecamera o macchina fotografica, come modelle esibizioniste. Non lo fanno per essere più belle. Vi basti pensare a questo: in molti, quando dall'occidente guardano le foto di queste orgogliose combattenti, la prima cosa che dicono è: “come sono belle!”. Non importa se per belle intendono belle fisicamente o belle dentro per il loro orgoglio e la loro fierezza, non è questo il punto... il punto è che noi occidentali, quando vediamo delle donne combattere, pensiamo a quanto sono belle (o in alcuni casi addirittura che le donne non dovrebbero combattere, quasi come se combattendo una donna smettesse di essere tale) e non alla ragione per cui combattono. Fossero uomini, faremmo le stesse esclamazioni? Si certo, le donne che combattono sono belle. Sono bellissime. E cantano splendidamente. E permettetemi di dire che anche gli uomini che combattono sono belli, bellissimi, e cantano splendidamente. Ma, ugualmente, non è questo il punto. Qui le donne combattono. Per la libertà.

Una compagna, qualche giorno fa, parlando mi spiegava come le donne combattenti secondo lei non portino avanti davvero una battaglia femminista. Di sicuro non è una battaglia femminista secondo i nostri canoni, perché queste donne, almeno per ora, non mettono in campo azioni esplicitamente volte esclusivamente alla fine delle violenze dell'uomo sulla donna, perché non chiedono cambiamenti sociali nei villaggi e città da cui provengono. Per intenderci, in questo momento non stanno lottando esplicitamente per avere più asili nido a cui lasciare i figli quando vanno a lavorare, o per indennità di maternità, o per matrimoni più elastici, o per poter scopare con chi vogliono senza essere giudicate. Anzi, mi è stato spiegato che per le combattenti sono proibiti i rapporti sessuali, come tra l'altro lo sono per i combattenti (cosa che, in un contesto di guerra, mi sembra abbastanza sensata). Quindi, quello che fanno queste combattenti, credo di poter dire che ha poco a che fare con quello che rappresentano le lotte per l'emancipazione femminile in occidente. Senza nulla togliere alle lotte per gli asili nido o per la libertà sessuale, beninteso. 

Combattono per la libertà del Rojava. Combattono per non essere vendute come merce ai fascisti dalle bandiere nere che inneggiano ad in dio che non ha nulla a che fare con Allah. Combattono perché vogliono essere libere. Le donne del Rojava hanno la loro formazione militare, e sono in mille dentro Kobane. Voci di corridoio dicono che di donna occidentale, con loro, ce ne è una, mentre di uomini occidentali ce ne sono una 50ina. Sorpresa sorpresa! Con tutte le lotte per l'emancipazione femminile, perché e “nostre” donne non combattono? Immagino che chi legge sappia perfettamente che nella società occidentale la donna non è affatto emancipata. Eppure, forse, qualcuno ancora sperava che negli ambienti militanti, tra compagni/e, la donna lo fosse. Non c'è nulla da fare: nell'immaginario del civilizzato occidente, chi imbraccia le armi è uomo.

Qui le donne combattono per la libertà

E non è assente, da questo combattere, dal fatto che le compagne vogliano emanciparsi, l'idea di lottare contro qualsiasi forma di oppressione: quella dell'uomo sulla donna, ma anche quella dell'uomo sulla natura. Il meccanismo per cui ad Asankayef le dighe distruggono terreni e villaggi, per cui le industrie devastano la natura per l'interesse di pochi, è lo stesso che prevede la prevaricazione dell'uomo sulla donna.

Qui le donne combattono per la libertà

Combattono andando controcorrente: in molti luoghi e villaggi questo è visto come una cosa strana, sconsigliata. E, nonostante in molti casi continui ad essere una cosa strana e sconsigliata, la mentalità generale sta cambiando. E non sta cambiando nel senso che in tv si vedono più modelle, non sta cambiando nel senso che c'è la nostra libertà sessuale. Sono gli occhi che guardano le donne che sono cambiati. Soprattutto, gli occhi con cui le donne guardano se stesse. Lottare perché la donna sia libera, significa lottare per la libertà di tutti. “Jin, Jîyan, Azadî”, perché le donne vivano in libertà. E contro tutte le forme di oppressione.

Di Silvia Todeschini

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)